Home > News > LA DROGA NON E' LA SOLUZIONE AI PROBLEMI DEI GIOVANI

LA DROGA NON E' LA SOLUZIONE AI PROBLEMI DEI GIOVANI

LA DROGA NON E' LA SOLUZIONE AI PROBLEMI DEI GIOVANI

 

 

 

Sono tanti i motivi per cui i giovani entrano nel mondo della droga. Quasi sempre sono motivi banali come: farsi accettare dal gruppo, imitare il "capo" del gruppo, per sembrare più grandi, per alleviare la noia o per provare nuove sensazioni, spesso per ribellarsi alle regole dei "grandi". Molte volte si usano stupefacenti per "risolvere" i problemi quotidiani che normalmente la vita presenta. Un momento di sconforto o una delusione possono essere la causa per cercare di "dimenticare" il problema, per accorgersi che la droga è diventato il problema e che tutti i problemi che c'erano prima sono ancora lì insoluti, anzi ingigantiti.

Per quanto siano difficili da affrontare, quei problemi non saranno mai tanto gravi quanto lo saranno quelli che la droga si porterà con sè. La vera risposta è ottenere la verità e non assumere droghe in primo luogo. I libretti "la verità sulla droga" hanno questo scopo primario e aiutano i giovani a vivere una vita liberi dalla droga.

"La droga è l'elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale e priva la vita delle gioie e delle sensazioni che sono comunque l'unica ragione di vivere" così scriveva il filosofo fondatore della religione di Scientology, che invitava i suoi seguaci a darsi da fare per debellare questa piaga sociale.

Così i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology seguendo le indicazioni del proprio fondatore, anche nella prossima settimana di ferragosto saranno nelle strade di Cagliari, Sassari, Olbia, Quartu Sant'Elena, Uta, Arzachena e in altre località balneari della Gallura.

Info: www.noalladroga.it

 

 

 

 



Commenta l'articolo

 
 

Ieri...

Stesso autore

IL MONDO DELLA DROGA NON CI APPARTIENE, I SARDI SOTTO SHOCK

 IL MONDO DELLA DROGA NON CI APPARTIENE, I SARDI SOTTO SHOCK
      I fatti legati al mondo della droga, successi recentemente nella provincia di Oristano, hanno riportato l'attenzione dell'opinione pubblica sarda e nazionale, su un mondo, quello legato allo spaccio e al consumo di droga appunto, che di "umano" ormai non ha più niente. Ancora una volta il mondo della droga ha mostrato il suo volto e presenta per intero (continua)

LA DROGA SEMPRE PIÙ DIFFUSA TRA GLI ADOLESCENTI

LA DROGA SEMPRE PIÙ DIFFUSA TRA GLI ADOLESCENTI
  Per i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology, fare prevenzione alla droga oggi significa, in primo luogo, attivarsi perchè le mani degli spacciatori non arrivino sulle vite degli adolescenti. Il fattore tempo è determinante affinchè il ragazzo riceva informazioni corrette prima che le riceva in strada dagli spacciat (continua)

CIO' CHE NON CONOSCI DELLA DROGA PUO' UCCIDERTI.

CIO' CHE NON CONOSCI DELLA DROGA PUO' UCCIDERTI.
      "Ciò che non conosci della droga può ucciderti" è lo slogan scritto sullo striscione che i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology usano per comunicare ai giovani i pericoli causati dalla droga. La droga ogni giorno miete migliaia di vite umane, e la maggior parte di loro sono giovanissimi. C (continua)

DIRITTI UMANI: CONTINUA L'INFORMAZIONE A OLBIA

DIRITTI UMANI: CONTINUA L'INFORMAZIONE A OLBIA
      Non passa giorno in cui non si parli di diritti: dai lavoratori che necessitano di più spazi, a datori di lavoro che vedono calpestati i loro diritti per via delle tasse, a episodi di inaudita violenza o al razzismo più vile. Tutto questo sarebbe risolto in un istante se i singoli cittadini conoscessero ed applicassero la Dichiarazione Universale dei Diritti (continua)

CONTINUA A CAGLIARI LA VIA DELLA FELICITA'

CONTINUA A CAGLIARI LA VIA DELLA FELICITA'
      La curiosità dei Cagliaritani per il libro La Via della Felicità di L. Ron Hubbard, spinge i volontari della fondazione locale a continuare con le iniziative di distribuzione della versione tascabile di questo libro.   Ciò che è stato notato è una sempre crescente voglia, da parte dei cittadini, di guardare al futuro nella speranz (continua)