Home > Spettacoli e TV > La Campania ha le sue rappresentanti a Miss Italia

La Campania ha le sue rappresentanti a Miss Italia

La Campania ha le sue rappresentanti a Miss Italia
Fiorenza D'antonio e Benedetta Santoro verso successi più ampi Solo due delle nove bellezze campane giunte a Jesolo, siano riuscite a raggiungere la finale per contendersi il titolo della 79a edizione di Miss Italia, ma la commissione tecnica delle Prefinali, composta dai tre autori televisivi, Fabiana Cutrano per Infront, Giulia Arena e il regista Cristian Marazziti, che ha operato la scelta portando da 182 a 60, e successivamente a 30, il numero delle miss che sono rimaste in gara per la finale nazionale, ha così deciso. Comunque, con una così ampia cernita alla quale la qualificata giuria è stata impegnata, dobbiamo, anche se avremmo desiderato maggiore presenza campana alla fase finale del concorso Miss Italia, costatare che nella fase finale del concorso, che dalle prefinali di Jesolo ora si sposta a Milano per le due serate su La7, il 16 alle ore 20:30 ed il 17 in diretta alle ore 21:10, dobbiamo essere soddisfatti perché tra le 30 super finaliste figurano 2 Miss della Campania. Occorre dunque ora, impegnarsi e puntare tutto su queste due bellezze campane, cosa molto importante anche perché convogliare il televoto e le aspirazioni su solo due ragazze ansichè su una maggiore rappresentanza, significa poter ottenere una più facile spinta al successo per una di loro al fine di aspirare alla conquista di fascia e corona di Miss Italia 2018. La Campania dunque sarà rappresentata da: Fiorenza D'antonio _ Miss Rocchetta Bellezza Campania, 21enne, napoletana, alta 1,74 cm., occhi verdi e capelli rossi, che indossa la taglia 40. Fiorenza, figlia di un imprenditore e di una commercialista, è laureata in Fashion Design, ed aspira a lavorare nel cinema e nella pubblicità, inoltre pratica come sport il contorsionismo aereo. Nel tempo libero le piace dipingere, leggere e fotografare. In merito al problema della violenza sulle donne, si esprime dicendo: “Tempi difficili i nostri! Eroe e chiunque non tace, denuncia e coraggiosamente dà fiato a ciò che pensa”. In merito al perchè partecipa a Miss Italia, ci dice: “Perché sognare non costa nulla e chi dorme non piglia pesci”. C’è poi Benedetta Santoro Miss Equilibra Campania, 19enne, di Napoli, è alta 1,74 cm., occhi verdi e capelli castani, che indossa la taglia 42. Benedetta, conseguita la maturità classica si è iscritta e frequenta la “IE University” di Madrid ed intende studiare Business Administration. I genitori unitamente al fratello, sono imprenditori di moda con una propria azienda, ma la miss Equilibra Campania 2018, aspira a rendersi indipendente ed aspira a divenire una Fashion Manager con una conoscenza di cinque lingue. Altra passione di Benedetta è il viaggiare. Alla domanda sul perché partecipa a Miss Italia, Benedetta risponde: “Sono una persona determinata e con la testa sulle spalle, sarei onorata di rappresentare la bellezza femminile italiana, e voglio mettermi alla prova, dimostrando a tutti che Miss Italia non è solo un concorso di bellezza, ma di donne con carattere”. La Santoro, è fra l’altro una ragazza che questo concorso lo vive da anni, perché è nipote di Ermelinda Formisano, che nel corso della sessantasettesima edizione di Miss Italia, che si svolse a Salsomaggiore Terme il 18, 19, 21 e 22 settembre 2006, condotta da Carlo Conti., e che vide vincitrice la diciannovenne Claudia Andreatti di Pergine Valsugana (Trento), incoronata dal presidente di giuria Silvester Stallone, riuscì a giungere al quarto posto seguita al quinto dall’atra campana Eleonora Arganese. La Formisano, all’epoca 18enne, vinse il titolo di Miss Wella Campania 2006 nella prima finale regionale dell’anno organizzata nella piazza Duomo di Nola, da Franco Amodeo referente dell’agente esclusivo per la Campania del concorso Antonio Contaldo. Proseguendo il percorso, Ermelinda, confermata nel titolo anche nella finalissima regionale, organizzata sempre da Amodeo, nello spettacolare e fantasmagorico scenario del Vulcano Buono di Nola, sede per quattro anni consecutivi della finalissima, grazie alle capacità organizzative espresse da Amodeo in queste come tante altre finali e finalissime di Miss Italia in Campania, ebbe poi la possibilità di partecipare alle prefinali di Miss Italia. Quelle prefinali che, per la prima volta, ebbero come sede Jesolo e dove, fattore indimenticabile e mai ripetuto fino ad oggi nella storia del Concorso di bellezza femminile più noto al mondo, tutte le 11 concorrenti della squadra campana inviate passarono il turno sulle 194 Miss giunte da tutta Italia, accedendo alla finale nazionale che si svolse a Salsomaggiore Terme dove Ermelinda Formisano oltre al 4° posto, si aggiudicò anche il titolo nazionale Miss Televoto Lea Foscati. A Benedetta Santoro, quindi non resta altro che augurare che riesca a superare gli insegnamenti e successi della parente, e giungere vincitrice assoluta di questa 79° edizione di Miss Italia. Giuseppe De Girolamo

MissItalia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A Saint Vincent, l’elezione della Miss 365


La Campania vince e stravince a Miss Italia


I momenti finali del concorso Miss Italia


Miss Italia e la sua prima volta a Napoli


Fiorenza D'antonio, unica speranza della Campania a Miss Italia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

A Cancello ed Arnone: Gli avvocati penalisti tra gli studenti

A Cancello ed Arnone: Gli avvocati penalisti tra gli studenti
Si è svolto, presso il Liceo Scientifico “Galileo Galilei”, il “PERCORSO SULLA LEGALITÀ ATTRAVERSO I PRINCIPI COSTITUZIONALI”, il progetto-percorso sui temi della legalità e del rispetto delle regole attraverso un percorso di conoscenza e di informazione sui principi della Costituzione con particolare attenzione al giusto processo, al principio di non colpevolezza, alla funzione del difensore e al (continua)

Ancora un più grande successo per “Il Sognatore”

Ancora un più grande successo per “Il Sognatore”
Il premio de “Lo Strillo” a Villa Domi entusiasma tutti Questa IV edizione del premio “Il Sognatore”, dedicato dal noto ed apprezzato magazine di attualità, informazione, turismo e spettacolo “Lo Strillo”, (sia cartaceo che online), nato nel 1996 su idea del fondatore, il giornalista Mimì De Simone, scomparso nel 2016, e diretto da Annamaria Ghedina, con vice direttore Antonio D’Addio, ha ottenut (continua)

Aibes ed Amira abbracciano conquiste di professionalità giovanili

Aibes ed Amira abbracciano conquiste di professionalità giovanili
Si è svolta, ospitata dall’IPSEOA “Ippolito Cavalcanti” di Napoli, la quarta ed ultima tappa prima della finalissima, della seconda edizione del “Gran Premio Barman Domani” Trofeo Fabbri, gara istituita dalla sezione Campania dell’Associazione Italiana Barman e Sostenitori e riservata agli studenti degli Istituti Professionali Alberghieri della Campania. Veramente numerosi gli Istituti Professiona (continua)

Le donne “Fiori d’Acciaio” protagoniste dell’evento a Cancello ed Arnone per la festa dell’8 marzo

Le donne “Fiori d’Acciaio” protagoniste dell’evento a Cancello ed Arnone per la festa dell’8 marzo
Un riuscitissimo evento si è svolto presso il Liceo "G.Galilei" di Cancello ed Arnone. Significativo il ringraziamento che l’assessore alla cultura, del comune del casertano, Annamaria Di Puorto, ha espresso con queste parole: “Grazie infinite alla docente Marinella Viola, alla dirigente scolastica Antonietta Pellegrino, al sindaco Raffaele Ambrosca, alla giornalista Matilde Maisto, ma soprattut (continua)

Grande successo per la presentazione del libro di Adriana Caprio

 Grande successo per la presentazione del libro di Adriana Caprio
La sua musica insieme a Gabriele Luberto ha magnetizzato la platea A cura di Elisa Cacciapuoti Cancello ed Arnone – L’evento culturale realizzato dall’Assessorato alla cultura, dott.ssa Annamaria Di Puorto, in collaborazione con il gruppo culturale “Letteratitudini”, ha riscosso un grandissimo successo. La sala dell’Oratorio della Parrocchia Maria SS. Assunta in cielo si è riempita di perso (continua)