Home > Arte e restauro > Le meraviglie della città lagunare con Rina Del Bono a Spoleto Arte incontra Venezia

Le meraviglie della città lagunare con Rina Del Bono a Spoleto Arte incontra Venezia

articolo pubblicato da: ufficio_stampa | segnala un abuso

Le meraviglie della città lagunare con Rina Del Bono a Spoleto Arte incontra Venezia

Tra gli artisti che meglio si inseriscono nel panorama culturale della città sull’acqua brilla il nome di Rina Del Bono. Con la prossima mostra curata dal prof. Sgarbi e organizzata dal manager della cultura Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte, che avrà inizio venerdì 28 settembre, la talentuosa pittrice diverrà una delle protagoniste assolute. In questo giorno infatti l’artista inaugurerà la sua personale alla Scuola Grande di San Teodoro,  principale sede dell’esposizione Spoleto Arte incontra Venezia. A partire dalle 16 si potranno quindi ammirare le sue splendide creazioni, tutte incentrate su un soggetto caro all’atmosfera lagunare: la maschera.

La pittrice romana, nata nel 1957, dimostra una spiccata dote artistica fin dall’infanzia. La sua formazione tuttavia non comprende studi approfonditi nel campo delle arti, tant’è che si diploma come segretaria di amministrazione e si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza. Svariate scelte personali la portano dapprima a dedicarsi totalmente alla famiglia e, successivamente, a seguire dei corsi alla scuola CER di Roma. Qui apprende particolari tecniche per la decorazione della porcellana, alcune di stampo medievale.

La sua sete di conoscenza nei confronti di questo settore determina la decisione di iscriversi alla scuola Artes della capitale, dove dipinge con colori a olio su tela. Ormai sicura del proprio stile, partecipa a diverse mostre in Italia e all’estero. Tra le ultime ci sono appunto Spoleto Arte incontra Venezia, In mostra con Schifano, Spoleto Arte, Mondiali dell’Arte a Mosca e a San Pietroburgo e Pro Biennale.

Presenti al grande appuntamento di venerdì diversi personaggi noti. Romperà il ghiaccio l’artista José Dalí, figlio di Salvador Dalí. Seguiranno poi gli interventi del fotografo di fama internazionale Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e di Dario Fo, del direttore dell’orchestra del Teatro La Fenice Silvia Casarin Rizzolo, dell’ex vicepresidente della Fondazione Canova Renato Manera e del Trio Concentus Venetiani. La psicopedagogista, psicoterapeuta e scrittrice Maria Rita Parsi e Carlo Motta di Editoriale Giorgio Mondadori riprenderanno il giorno successivo uno dei temi affrontati al vernissage e lo approfondiranno maggiormente: l’arteterapia.

Con due sedi, la Scuola Grande di San Teodoro (San Marco 4810) e lo Spoleto Pavilion (Calle dei Cerchieri 1270), e con queste premesse Spoleto Arte incontra Venezia si preannuncia essere un evento grandioso, in cui Rina Del Bono si iscrive perfettamente.

Dice di lei il presidente Salvo Nugnes: «I dipinti di Rina Del Bono catturano il fascino delle maschere veneziane, offrendoci un assaggio di quanto possa essere intenso uno sguardo. I colori sgargianti rapiscono in un mondo di finzione, dove la maschera nasconde, incanta e, infine, rivela l’anima del soggetto. L’arte figurativa dell’artista eccelle nella rappresentazione dei tessuti e, ovviamente, degli occhi, lasciando libero sfogo alla fantasia in combinazioni che diano risalto al carattere del personaggio».

Rina Del Bono | Salvo Nugnes | Spoleto Arte incontra Venezia | Vittorio Sgarbi | personale | mostre d’arte | maschere | Venezia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

TERMINAL ISONZO 2: INAUGURATA OGGI, MERCOLEDI' 13 LUGLIO 2011, LA NUOVA STAZIONE CROCIERE DI VENEZIA


Il RINA acquisisce la maggioranza del Centro Sviluppo Materiali


Menotti Art Festival


L'Occhio dell'Arte e lo Spoleto Art Festival 2018


Spoleto incontra Venezia:acclamazioni per la mostra inaugurata da Vittorio Sgarbi


Sgarbi a Venezia: sorprendente inaugurazione con tanti vip e artisti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Bienal de Canarias, la grande mostra internazionale: svelati i nomi dei premiati

Bienal de Canarias,  la grande mostra internazionale: svelati i nomi dei premiati
Una meraviglia di location per un evento sorprendente: lo scorso sabato 13 aprile Spoleto Arte ha inaugurato il Premio Bienal de Canarias all’Hotel Reina Isabel a Las Palmas, nelle Canarie. Nella città in cui ha soggiornato Colombo, il presidente di Spoleto Arte Salvo Nugnes ha presentato a un pubblico internazionale e attento le opere degli artisti a cui è stato conferito l&rs (continua)

Milano Art Gallery proroga la personale della fotografa Elisa Fossati visto il successo

Milano Art Gallery proroga la personale della fotografa Elisa Fossati visto il successo
È un periodo fortunato per la Milano Art Gallery che, nel pieno di una primavera capricciosa, trova forza e colore negli scatti di Elisa Fossati. Al colmo del successo di pubblico e stampa, la fotografa milanese proroga la sua personale We Are The World, che posticipa la chiusura al 17 aprile 2019. Elogiata dalla critica, Elisa Fossati è stata presentata al suo primo vernissage da g (continua)

Spoleto Arte: il Premio Biennale Sgarbi 2019 conferito all’architetto Daniele Digiuni

Spoleto Arte: il Premio Biennale Sgarbi 2019 conferito all’architetto Daniele Digiuni
L’artista milanese Daniele Digiuni continua a far parlare di sé. Architetto con un amore spassionato per l’action painting, Digiuni si avvicina alla pittura con l’intenzione di dedicare alla sua innata passione il tempo richiesto solo negli ultimi anni. Il suo incontro con Spoleto Arte ha fatto il resto, lanciandolo con grande successo a livello nazionale e internazionale. (continua)

Un’imperiese tra le artiste più influenti del panorama fotografico giovanile di Spoleto Arte

Un’imperiese tra le artiste più influenti del panorama fotografico giovanile di Spoleto Arte
È una delle artiste più giovani e attive del panorama italiano e della scuderia di Spoleto Arte. Il nome? Giulia Quaranta Provenzano. La fotografa imperiese, che solo dal 2017 ha deciso di trasporre i suoi scatti artistici su tela, in poco tempo è emersa dall’anonimato, facendo parlare di sé, delle sue opere e del suo pensiero. La Natura e la ciclicità che (continua)

Grazie ad Agenzia Promoter i ragazzini dell’autobus incendiato incontrano il loro mito

Grazie ad Agenzia Promoter i ragazzini dell’autobus incendiato incontrano il loro mito
Ore 21 di lunedì 8 aprile, Mediolanum Forum di Assago (MI): il sogno di 51 ragazzi viene realizzato, e non di 51 ragazzi qualunque. Si tratta infatti degli studenti della scuola media di Vailati di Crema sequestrati lo scorso 20 marzo a bordo di un autobus. Quaranta minuti di terrore passati alla storia e una strage sventata grazie alla loro coraggiosa collaborazione con i carabinieri. Prop (continua)