Home > Lavoro e Formazione > Attrezzature a pressione: dalla Commissione CE norme aggiornate

Attrezzature a pressione: dalla Commissione CE norme aggiornate

articolo pubblicato da: Webmasterdeslab | segnala un abuso

Attrezzature a pressione: dalla Commissione CE norme aggiornate

 

Nuove indicazioni arrivano dalla Commissione CE nell’ambito delle verifiche periodiche attrezzature di lavoro in particolare per le attrezzature a pressione. In Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea 2018/C 326/3 del 14 settembre 2018 è infatti pubblicata la nuova comunicazione della Commissione concernente l’applicazione della direttiva 2014/68/UE sulle attrezzature a pressione, che armonizza le legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato di questi impianti.

Sono definite “attrezzature a pressione” recipienti, tubazioni, accessori di sicurezza ed accessori a pressione, compresi, se del caso, elementi annessi a parti pressurizzate quali flange, raccordi, manicotti, supporti, alette mobili sottoposti ad una pressione massima ammissibile PS superiore a 0,5 bar.

In Gazzetta è presente un elenco contenente i riferimenti alle norme armonizzate utili alla marcatura CE delle attrezzature a pressione e alle norme armonizzate correlate per i materiali utilizzati nella fabbricazione delle attrezzature a pressione. Tra le prime pubblicazioni ricordiamo quella relativa alle valvole industriali – valvole metalliche a farfalla per impieghi generali (EN 593:2017), flange e loro giunzioni, flange circolari per tubazioni, valvole, raccordi e accessori designate mediante PN — parte 1: Flange di acciaio (EN 1092-1:2018), caldaie e tubi da fumo parte 4: Lavorazione e costruzione delle parti in pressione della caldaia (EN 12953-4:2018).

In sostanza, la nuova comunicazione invita gli Stati membri di non vietare, limitare od ostacolare per rischi dovuti alla pressione, la messa a disposizione sul mercato o la messa in servizio, alle condizioni fissate dal fabbricante, di attrezzature a pressione o di insiemi conformi alle disposizioni della presente direttiva e quindi conformi ai criteri per l'apposizione della marcatura CE.

L’art. 14 della direttiva 2014/68/UE prevede che per le procedure di valutazione della conformità da applicare ad un’attrezzatura a pressione si rimanda all’art.13 della stessa, il quale suddivide in due categorie sostanze e miscele (fluidi) a seconda delle classi di pericolo fisico o per la salute.

Un altro aspetto importante sul quale ci si è voluti soffermare sempre in riferimento alle verifiche periodiche impianti a pressione è quello dell’insieme delle attrezzature a pressione: non è necessario apporre la marcatura CE su ciascuna delle attrezzature che lo compongono, in quanto le singole attrezzature a pressione recanti già la marcatura CE all’atto della loro incorporazione nell’insieme conservano di fatto tale marcatura.

verifiche periodiche attrezzature di lavoro | verifica impianto messa a terra | verifica impianti elettrici |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Verifiche attrezzature a pressione: norma UNI 11325-12:2018


UNI/TS 11325-10: la nuova norma sulle attrezzature a pressione


Attrezzature di lavoro: la formazione per le “grandi escluse”


L’evoluzione e le prospettive delle norme volontarie per le aziende


Corsi per la sicurezza di carrelli e piattaforme di lavoro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Trasporto su strada: il Parlamento Ue approva il Pacchetto Mobilità

Trasporto su strada: il Parlamento Ue approva il Pacchetto Mobilità
  Con l’approvazione del primo “Pacchetto Mobilità” il Parlamento europeo riscrive integralmente le norme sul trasporto merci su strada in Europa, accogliendo gran parte delle istanze di associazioni e sindacati di autotrasporto occidentali. Il provvedimento contiene norme finalizzate a combattere l’illegalità e a migliorare le condizioni di lavoro dei c (continua)

Immobiliare Puglia, la crescita del mercato incoraggia l’edilizia

Immobiliare Puglia, la crescita del mercato incoraggia l’edilizia
  Continua la crescita del mercato immobiliare in Puglia e con essa crescono le aspettative di ripresa anche per il settore edilizio. La conferma arriva dai dati dell’Agenzia delle Entrate rielaborati da Senaf (specializzata nell’organizzazione di fiere e convegni) in vista di SAIE Bari – la fiera biennale delle tecnologie per l’edilizia e l’ambiente costruito 4 (continua)

Infissi esterni: il futuro si chiama legno trasparente

Infissi esterni: il futuro si chiama legno trasparente
  Oltre a registrare altissimi livelli di fatturato in tutto il mondo (specialmente in Italia), quello della produzione di serramenti e infissi esterni è un comparto alla continua ricerca di soluzioni innovative in grado di dare risposte alle sfide del futuro. Lo sviluppo della bioedilizia negli ultimi anni è l’esempio concreto di come il concetto di sostenibilità (continua)

Trattori agricoli, slittano le scadenze delle revisioni. Scongiurate le sanzioni

Trattori agricoli, slittano le scadenze delle revisioni. Scongiurate le sanzioni
  Finalmente la questione scadenze revisione delle macchine agricole è destinata a trovare una soluzione definitiva. Con Decreto Interministeriale del 28/02/2019 n. 80, adottato dal Ministero delle Politiche Agricole e dal Ministero dei Trasporti ma non ancora registrato, il Governo posticipa la prima scadenza al 2021, ma soprattutto corregge una grave lacuna normativa che perdurava g (continua)

Legge Legittima Difesa: meglio un’arma o uno spray peperoncino?

Legge Legittima Difesa: meglio un’arma o uno spray peperoncino?
  Con 201 voti favorevoli, 38 contrari e 6 astenuti il Senato ha approvato in terza lettura il disegno di legge sulla legittima difesa in Italia. Un provvedimento voluto fortemente dalla Lega, contestato da parte delle opposizioni e dalla stessa ANM - Associazione Nazionale Magistrati – che la taccia di incostituzionalità. Ma cosa cambia in realtà e come si inserisce in q (continua)