Home > Cibo e Alimentazione > La cena della Legalità a Firenze

La cena della Legalità a Firenze

La cena della Legalità a Firenze
CENA DELLA LEGALITA’ Lions Club Firenze Sesto Fiorentino E Filippo Cogliandro chef Firenze, lunedì 22 ottobre 2018 Educandato Statale della SS Annunziata A Firenze la Legalità si serve in tavola….. Il Lions Club Firenze Sesto Fiorentino, su iniziativa del Presidente Roberto Casamonti, ha invitato il 22 ottobre lo chef calabro Filippo Cogliandro per “La Cena della Legalità” un appuntamento per celebrare i servizi umanitari del concetto Lions - i Lions di tutto il mondo che hanno cambiato le vite delle persone tramite servizi umanitari - ponendo come obiettivo quello di ribadire la volontà di uno straordinario impegno civile da parte del mondo dell’associazionismo Lions al fianco di quanti si spendono quotidianamente per l’affermazione della cultura della legalità e della giustizia sociale. Saranno presenti il Dr. Francesco Creazzo, Procuratore Capo del Tribunale di Firenze, magistrati, amministratori, giornalisti, forze dell’ordine ed esponenti del mondo del volontariato, tanti gli ospiti illustri per quello che sarà più di un momento conviviale ma l’occasione per fare un’importante riflessione. Con questa iniziativa – afferma il Presidente Casamonti – vogliamo sottolineare l’impegno del mondo dell'impresa a favore della Legalità e in difesa della Legge, nella chiara consapevolezza che il mondo dell'associazionismo rappresenta uno dei più forti baluardi a protezione del sistema di regole che danno affidabilità al tessuto economico, contribuendo a far crescere le nostre attività e l’intero territorio. L’evento si colloca in un più ampio programma di iniziative, promosse dal Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’Educandato “SS. Annunziata” il Dr. Giorgio Fiorenza, che vede lo storico istituto fiorentino impegnato da anni nel sensibilizzare gli studenti su tematiche legate alla lotta alle mafie, al senso civico, alla cittadinanza attiva e consapevole. Filippo Cogliandro chef, sperimentatore di uno stile culinario che mescola sapori e colori della sua terra, e cultore di una cucina creativa e tradizionale allo stesso tempo. Tutto questo è Filippo Cogliandro, chef/imprenditore calabrese e patron del ristorante reggino “L’A Gourmet – L’Accademia”. Una cucina basata su piatti locali abbinati all’arte pittorica che “gustosamente” ti accompagnano alla scoperta del territorio della città metropolitana di Reggio e della provincia. I suoi non sono semplici prodotti, ma personaggi reali che “parlano” della Calabria portandosi dietro un bagaglio culturale che conferisce una specifica identità al territorio di provenienza, favorendo la conoscenza delle tradizioni culturali e promuovendone, di conseguenza, le attività turistiche. Grazie a Filippo, ad esempio, il caciocavallo di Ciminà (Rc) ha accresciuto la notorietà di questo paese del versante ionico dell’Aspromonte, così come lo zafferano di Motta San Giovanni (Rc) ha consentito l’aumento di gite e visite guidate nel piccolo centro pedemontano affacciato sullo Stretto di Messina. Un amore per la propria terra ma che passa attraverso una fede incrollabile nella legalità: ribellatosi allo strapotere della ndrangheta, Filippo Cogliandro ha messo in campo il suo talento culinario per dire no alla criminalità, da qui è poi nato il progetto delle “Cene della Legalità”, portato in Italia e all’estero a titolo completamente gratuito, concepito da Filippo nel 2012 a Firenze a seguito di una intervista, momenti di riflessione in cui vengono invitati gli studenti più meritevoli degli istituti alberghieri e professionali allo scopo di informare e di parlare di legalità e territorio attraverso la cucina e i prodotti locali, genuini e catalogati come “slow food”, componenti alimentari apparentemente di nicchia, aziende che fanno capo a Goel Bio, cooperativa sociale agricola che raccoglie i produttori calabresi che si oppongono alla ndrangheta. Ma la sua cucina parla anche di integrazione dei migranti: a L’A Gourmet lavorano due cuochi africani (Abdou Dibbasey, gambiano, e Salhiu Barrow, senegalese) che Filippo ha adottato e formato che con il primo denaro guadagnato all’Accademia hanno acquistato un terreno in Gambia allo scopo di aprire una scuola di formazione per insegnare ai loro giovani connazionali i concetti base di un percorso professionale da mettere in pratica nel loro territorio.

#cenadellalegalita | #educandatoddannunziata | #robertocasamonti | #giorgiofiorenza | #filippocogliandro |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Giovane Italia Terzigno, report sul primo semestre di attività. Serafino Ambrosio: “Settembre sarà il mese della Legalità".


Giro d’Italia 2013: Polymed presenta Bag4Fit, la palestra più piccola del Mondo


ATLETICANOTIZIE:Domenica 25 maggio al Parco delle Cascine a Firenze si terraʼ la terza edizione della Maratonina a 6 zampe


Dedicata al grande pittore barocco: CARAVAGGIO MMX – MOSTRA DI FOTOGRAFIA CONTEMPORANEA AL PALAZZO MEDICI RICCARDI (02 – 31 maggio 2014)


A Castelfalfi si imparano i segreti della cucina toscana con i corsi Rosso Toscano Cooking School


 

Ieri...

Stesso autore

Dai Box di Pitti Immagine......Duccio Venturi Bottier

Dai Box di Pitti Immagine......Duccio Venturi Bottier
A FIRENZE PITTI IMMAGINE ’95 THE PITTI BOX A Firenze la moda sta nelle scatole.......in una città che diventa contenitore di idee, colori, stravaganze, personaggi arriva a Firenze Pitti Immagine edizione ‘95 e per tema The Pitti Box, contenitori infiniti per idee e momenti di condivisione, stimoli e relax, svelati sul piazzale della Fortezza da Basso a Firenze e per ogni dove della 95esima edi (continua)

Fashion e Food per Firenze....è tempo di Pitti Immagine Uomo '95a edizione

Fashion e Food per Firenze....è tempo di Pitti Immagine Uomo '95a edizione
Al Munaciello è tempo di Pitti...... Pitti Uomo ‘95 è una vetrina sulla moda internazionale ma anche sul food con feste e cene esclusive Ogni edizione di Pitti Uomo è sempre un grande film sulla moda: marchi, aziende, giornalisti, buyers, influencer e ospiti provenienti da tutto il mondo si riuniscono per celebrare la moda maschile. Come sempre, padrona indiscussa è la sartoria italiana: (continua)

Dalla Puglia a Pitti Immagine...SaviniJewels

PITTI IMMAGINE UOMO 95° edizione Salon of Excellence OUT OF THE BOX ......DALLA PUGLIA MARIA ELENA SAVINI PER SAVINIJEWELS Scatoloni, immagini, sguardi sulla natura, il fil rouge della 95 esima edizione di Pitti Immagine con dieci enormi immagini fotografiche posizionate in dieci punti prospettici della Fortezza da Basso. Dieci sguardi sulla natura, la ricerca all’urban culture, racconti di (continua)

Salon of Excellence a Pitti Immagine 95a edizione

Salon of Excellence a Pitti Immagine 95a edizione
A FIRENZE PITTI IMMAGINE ’95 THE PITTI BOX Una città che diventa contenitore di idee, colori, stravaganze, personaggi......arriva a Firenze Pitti Immagine edizione 95 e per tema The Pitti Box, a Firenze la moda sta tutta nelle scatole, contenitori infiniti per idee e momenti di condivisione, stimoli e relax, svelati sul piazzale della Fortezza da Basso a Firenze e per ogni dove della 95esima e (continua)

Angela Bellomo veste Irene Pivetti alla Prima de La Scala

Angela Bellomo veste Irene Pivetti alla Prima de La Scala
Prima della Scala, gara di eleganza nel foyer Parterre d'eccezione per la Prima della Scala. Oltre al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che partecipa per la prima volta all'inaugurazione della stagione del Piermarini, al ministro delle Finanze Giovanni Tria e al ministro per i Beni Culturali Alberto Bonisoli, prendono parte alla serata di gala i protagonisti del mondo della finan (continua)