Home > Altro > DA UN BATTITO D'ALI NASCE IL "FREE SPRINKLING": MASSIMO PARACCHINI SCEGLIE LIBERAMENTE COSA RACCONTARE E COME, TRA SGUARDO E PENSIERO, PERCEZIONE E PROIEZIONE, ALLA SCOPERTA DI SEMPRE NUOVI ORIZZONTI.

DA UN BATTITO D'ALI NASCE IL "FREE SPRINKLING": MASSIMO PARACCHINI SCEGLIE LIBERAMENTE COSA RACCONTARE E COME, TRA SGUARDO E PENSIERO, PERCEZIONE E PROIEZIONE, ALLA SCOPERTA DI SEMPRE NUOVI ORIZZONTI.

articolo pubblicato da: MIKATA | segnala un abuso

DA UN BATTITO D'ALI NASCE IL
L’ispirazione artistica di Massimo Paracchini parte da molto lontano, dalla consapevolezza di una essenza primordiale e trascendentale, dalla ricerca spasmodica di una verità assoluta, dal continuo interagire della dimensione cosmica con quella interiore. Il suo bagaglio culturale e la sua profonda capacità speculativa lo portano ad esprimersi artisticamente in termini “eidetici”, cioè con una forma di linguaggio che approfondisce quello che in psicologia rappresenta la capacità, propria soprattutto della fanciullezza, di ritenere e tradurre in immagini nitide e particolareggiate le impressioni visive, acustiche e sensoriali percepite. Ma quali sono gli strumenti che l’artista utilizza per raccontare il suo orizzonte interiore e tendere verso gli ultimi confini della realtà mirando a rappresentare quel “qualcosa di oltre” che pare essere al centro della sua ricerca artistica?. L’artista vuole “valicare i limiti del dato e del noto ”, e lo fa traendo spunto e ispirazione dalla natura con le sue luci affascinanti e sempre diverse, dai paesaggi suggestivi dell’amata Liguria, cogliendo nella loro essenza più intima eteree figure femminili, trasmettendo il dinamismo della volata dei ciclisti in vista del traguardo o dei cavalli al galoppo sfrenato, analizzando le atmosfere misteriose del carnevale veneziano, percorrendo assorto le vie e le piazze della sua città. Massimo Paracchini esprime in questo modo opere ricche di suggestione, descrizioni evocative, composizioni visionarie dalle cromie a tinte forti, animate da “flussi di energia cromatica” di spiccata impronta espressionista: pennellate larghe, prospettive irreali, circonvoluzioni cosmiche, spirali che si espandono e si ripiegano su se stesse danno vita ad una pittura in grado di “trasmutare ogni semplice immagine in pura visione metafisica e cosmica” sconvolgendo ogni ordine e regola. L’Artista, colpito e affascinato dal fremito d’ali di un cigno che spruzza tutt’intorno minute goccioline liquide, intuisce il vigore espressivo dello sprinkling, cioè dell’aspersione del colore che agisce liberamente sulla superficie dell’opera già autonomamente compiuta, in modo “immediato, deciso, graffiante, a volte distruttivo”, in una interpretazione libera e liberatoria di action painting che coinvolge l’artista in una gestualità intensa che genera energia nuova e trova nei colori brillanti e nei riflessi metallici dello sparkling (luccicante, spumeggiante), il definitivo compimento della rappresentazione. Un processo creativo che si spinge, a volte, fino al parossismo dell’Overflowing, in un processo di profonda rielaborazione dell’opera in cui l’azione ha il sopravvento sulla rappresentazione, e che diviene la cifra caratterizzante dell’opera di Massimo Paracchini riconducendo il soggetto ad un ruolo comprimario, quasi marginale, e lasciando campo libero alla libertà creatività dell’Artista che riesce a reinventare tutto "con i colori della libertà, della poesia e dell’amore". Nelle opere più recenti, frutto di una ricerca esasperata, il colore si espande all’infinito, da un punto centrale con movimento rotatorio, come generato da una sorta di Big Bang artistico, in una "Kromoexplosion" – come è stata battezzata dall'artista - che travolge e stravolge tutto per dare origine ad uno dei tanti Universi artistici possibili, spalancando all’improvviso nuovi orizzonti, per andare oltre l’infinito. In ultima analisi, si può dire che Massimo Paracchini esprima tutte le proprie emozioni interiori e psicologiche, non solo quelle sensoriali ottiche, celebrando il trionfo del pensiero sullo sguardo, persuaso, come egli stesso afferma, che “Dipingere è conoscere il mondo e interpretarlo, non solo per rappresentarlo così com’è, ma per trasfigurarlo, per analizzarlo in tutte le sue componenti. Andare sempre alla ricerca dell’essenza delle cose e scoprire in ogni oggetto la forza del colore e di tutte le sue infinite variazioni… Creare immagini senza che abbiano necessariamente un rapporto diretto con la natura, ma far emergere, a volte, dal profondo, i moti convulsi dell’anima e della propria immaginazione ed esprimerli con un’esplosione di colore, con l’energia del tratto e della linea come segno di liberazione…" Ispirazione geniale, quella di Massimo Paracchini, una grande intuizione che rivoluziona la forma, ma non la sostanza, una visione originale del cosmo dove tutto è poesia e bellezza, una ricerca cromatica che approda alla riscoperta del bianco, sintesi di tutti i colori possibili, metafora di purezza ed eleganza, che esalta e dialoga perfettamente con i colori intensi che caratterizzano la sua cifra espressiva. "solo con la ricerca e il lavoro costante si possono scoprire nuove strade da percorrere o nuovi orizzonti da svelare: l’arte è un fiore dai mille petali di inestimabile valore”. Michele Catalano – novembre 2018

Massimo Paracchini | Free Sprinkling |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

"DA GIANNA A BOCCA DI ROSA" IL NUOVO LIBRO DI GIANLUIGI CARON: UN CARNET DI EMOZIONI, UN ALBUM DI ISTANTANTANEE, TRA RICORDI, RIFLESSIONI FILOSOFICHE, RIMANDI AL PASSATO E L'UTOPIA DI UN FUTURO (FORSE) MIGLIORE.


"Un intenso affresco di ricordi, pensieri, riflessioni sull'esistenza, sull'etica sui valori ricevuti dalla famiglia e dalla scuola unito alle suggestioni dei brani musicali che hanno segnato la sua vita, dall'infanzia all'adolescenza alla maturità, sempre teso alla ricerca dei valori universali e, nel contempo, immerso con realismo e eonestà intellettuale nella realtà concreta della quotidianità (continua)

TEATRO “AMOR VINCIT OMNIA” – CARAVAGGIO: LA SPADA ED IL PENNELLO – ATTO UNICO DI E CON CLAUDIO POLITANO. ALLA SCOPERTA DELL’ANIMA PIU’ PROFONDA DEL CONTROVERSO ARTISTA.

TEATRO “AMOR VINCIT OMNIA” – CARAVAGGIO: LA SPADA ED IL PENNELLO – ATTO UNICO DI E CON CLAUDIO POLITANO. ALLA SCOPERTA DELL’ANIMA PIU’ PROFONDA DEL CONTROVERSO ARTISTA.
Michelangelo Merisi, conosciuto come Caravaggio, nasce a Milano il 23 settembre del 1571 e muore il 18 luglio 1610 vicino a Porto Ercole (in Toscana). È stato un pittore rivoluzionario, voleva rappresentare la realtà, la "verità", e quindi cercava i modelli intorno a sé, nella strada e nella vita di tutti i giorni suscitando scandalo e contrapponendosi alla moda del tempo che esaltava la bellezza (continua)

FRANCO FERRAGATTA – OSSERVA IL MONDO CON SGUARDO DISINCANTATO E LO RAPPRESENTA CON SPIRITO FANTASTICO E VISIONARIO.

FRANCO FERRAGATTA – OSSERVA IL MONDO CON SGUARDO DISINCANTATO E LO  RAPPRESENTA CON SPIRITO FANTASTICO E VISIONARIO.
Franco Ferragatta nasce, il 13 agosto 1969, a Vercelli, ove risiede quando non è in giro per il mondo per il suo lavoro di consulente aziendale e formatore free lance. Il suo retroterra culturale è scientifico, ma fin da giovanissimo si appassiona all’arte, all’archeologia, al giornalismo e alla musica. Insieme ad un gruppo di entusiasti nel 2016 fonda “Futur’Arte”, Associazione Culturale che - c (continua)

“E ALLA FINE C'E' LA VITA” : LE VICENDE DI QUATTRO GIOVANI TRA DISILLUSIONI ED ECCESSI RACCONTATI DA DAVIDE ROSSI NEL SUO ROMANZO D'ESORDIO

“E ALLA FINE C'E' LA VITA” : LE VICENDE DI QUATTRO GIOVANI TRA DISILLUSIONI  ED ECCESSI RACCONTATI DA DAVIDE ROSSI NEL SUO ROMANZO D'ESORDIO
L'associazione artistica Futur'Arte di Vercelli, con il suo instancabile presidente Franco Ferragatta amplia i suoi orizzonti: insieme alla pittura è nata infatti una sezione dedicata alla letteratura come punto di riferimento per scrittori e poeti emergenti del territorio e più in generale per gli appassionati di scrittura e lettura che desiderano confrontarsi e far conoscere il proprio lavoro c (continua)

A VERCELLI LA MOSTRA DEL PITTORE HENRY BECKERT : UNA REALTA’ TRASFIGURATA E SIMBOLICA TRA LABIRINTI E FIGURE DISUMANIZZATE.

A VERCELLI LA MOSTRA DEL PITTORE HENRY BECKERT : UNA REALTA’ TRASFIGURATA E SIMBOLICA TRA LABIRINTI E FIGURE DISUMANIZZATE.
Henry Beckert è Nato nel 1950, medico dentista, studioso di letteratura tedesca, ha da sempre coltivato la passione per la fotografia, rielaborando in camera oscura suggestive immagini in bianco e nero, dedicandosi poi anche al disegno e alla pittura, partecipando a numerose mostre e sviluppando negli anni una sua originale cifra tecnica ed espressiva. Artista di talento, in questa mostra, at (continua)