Home > Cibo e Alimentazione > Degustì fa tappa da “Itticheria”a Pozzuoli per una cena a base di mare e sapori autentici

Degustì fa tappa da “Itticheria”a Pozzuoli per una cena a base di mare e sapori autentici

Degustì  fa tappa da “Itticheria”a Pozzuoli per una cena a base di mare e sapori autentici

Degustì, il tour degustativo enogastronomico promosso dalla Luigi Castaldi Group S.r.l., celebrerà la sua seconda tappa il 13 dicembre 2018 alle ore 20.30, nei pressi del locale “Itticheria” a Pozzuoli.

Una location originale, un “fishpoint” tra osteria di mare e crudo bar, fast food marinaro e boutique del pesce, cucina tradizionale e degustazioni a miglio zero, dal momento che in tavola viene servito solo il pescato che arriva direttamente dai pescatori, dalle loro barche, dai loro pescherecci nel golfo.

Continua il viaggio di Degustì, dedicato agli amanti del buon cibo e dei prodotti di qualità, da scoprire, assaporare, promuovere e valorizzare sul territorio.

Degustì dà agli ospiti la possibilità di votare poi con un “like” il prodotto proposto dalla Luigi Castaldi Group durante la serata, in quanto il  locale fornirà ai partecipanti un cavalierino da tavolo dotato di codice QR con rimando diretto alla pagina social su cui votare.

In questa tappa la Luigi Castaldi Group abbinerà, insieme alle portate realizzate dallo chef Domenico Tromiro di Itticheria, tre vini della cantina “Colli della Murgia”, un’azienda vitivinicola che sorge in un territorio dalle caratteristiche uniche, all’interno di una riserva naturale, il Bosco Difesa Grande, nel territorio di Gravina in Puglia. Inoltre il terreno calcareo e le importanti escursioni termiche caratterizzano in maniera determinante i vini Colli della Murgia.

 

Le tre etichette in degustazione saranno raccontate dal produttore stesso, nelle loro peculiarità:

1.     Erbaceo Bianco Igp Puglia vino biologico certificato da blenddi uve Fiano Minutolo e Greco annata 2017

2.     Tufjano Bianco Igp Puglia, vino biologico, certificato da uve Fiano Minutolo annata 2017

3.     Sellaia Rosato Igp Puglia, vino biologico certificato da uve Primitivo annata 2017

La cena inizierà con il cocktail di benvenuto “Itticheria”, ideato e realizzato per l’occasione dal bar tender Ciko Migliaro, Brand Ambassador del Gin Puerto de Indias ,servito in abbinamento a:

-Ostriche con spumaal Gin

A seguire:

-Carpaccio di Baccalà

In abbinamento:Erbaceo-Colli della Murgia.

-Mafalde, cicerchie e vongole

In abbinamento:Tufjano-Colli della Murgia.

-Turbante spigola in salsa di Gin

In abbinamento:Sellaia-Colli della Murgia

-Dolce Baccalò

In abbinamento:Limoncello d’Amalfi Distilleria Russo

Costo della cena: Euro 35( Vini Inclusi)

 

INFO E PRENOTAZIONI:

Itticheria

Corso della Repubblica 61
Pozzuoli NA

Tel.081 876 4966

www.itticheria.it

food | mare | pesce | degustì | tour | eccellenze | eccellenza | gastronomia | pozzuoli | napoli | itticheria | piatti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ASSAPORITO E GUGLIELMO VUOLO APRONO INSIEME A VERONA


Agugiaro&Figna Molini al Bufala Fest con Mora, il gusto integrale del molino più antico d’Italia. Lungomare di Napoli dal 7 al 15 luglio.


Parte il tour enogastronomico della Sicilia


Masilicò: i sapori del Cilento finalmente online


Le prime quattro tappe di Degustì nel segno della buona tavola e del bere bene in Campania


 

Ieri...

Stesso autore

Babà Re, il dolce napoletano per eccellenza si trasforma in cremoso liquore, novità delicata e morbida al rhum

Babà Re, il dolce napoletano per eccellenza si trasforma in cremoso liquore, novità delicata e morbida al rhum
Il babà, uno dei dolci più amati in Campania e probabilmente in Italia, adesso è anche un cremoso liquore. Babà Re, questo il nome della stuzzicante novità, è una “variazione sul tema” che rende omaggio al celebre dolce, nato – secondo la leggenda – in Polonia tra il XVII e il XVIII secolo ad opera del re Stanislao I, ma da tempo &l (continua)

BeCheffy”, progetto di social show cooking and Lessons per conoscere i segreti e le cucine dei grandi chef

BeCheffy”, progetto di social show cooking and Lessons per conoscere i segreti e le cucine dei grandi chef
 S’inaugura martedì 18 dicembre alle ore 18,00 a Pozzuoli (NA), presso gli spazi di Villa Taurinus, l’attività di BeCheffy, il nuovo progetto che mette insieme lezioni di cucina, socialità reale e cene negli spazi eccellenti della Campania e dell’intera Penisola. BeCheffy è la grande community dei “cuochi per passione”, di coloro ch (continua)

La raccolta fondi di "Cenando sotto un Cielo Diverso" ha consentito di acquistare l'ecografo per l'ospedale Santobono Pausilpon di Napoli

La raccolta fondi di
 “Ringrazio lo chef Michele De Leo e tutti gli altri chef, pasticcieri, panificatori, pizzaioli, produttori (oltre 100) che hanno animato sia la cena di gala svoltasi a Tenuta San Domenico a Capua che l’evento tenutosi al Tiberius di Pompei – dichiara Alfonsina Longobardi, organizzatrice della kermesse “Cenando sotto un Cielo Diverso” -. Ringrazio (continua)

L’ultima invenzione della giovane pizzaiola De Cham alla Sanità, la Millefoglie Fritta al gusto di pastiera

L’ultima invenzione della giovane pizzaiola De Cham alla Sanità, la Millefoglie Fritta al gusto di pastiera
 Da oggi nel cuore del centro storico di Napoli sarà possibile gustare la Millefritta, una millefoglie fritta al gusto di pastiera. Si tratta dell’ultima invenzione di Isabella De Cham, pizzaiola classe 1993 della Sanità, che ha pensato di friggere dei dischi di pasta e sovrapporli a mo’ di millefoglie condendoli con rivisitazione di pastiera e servito con nocciole e (continua)

Dal 14 al 16 dicembre a Sala Ichòs il Teatro delle Bambole è in scena con "Il fiore del mio Genet" a Napoli

Dal 14 al 16 dicembre a Sala Ichòs il Teatro delle Bambole è in scena con
Teatro delle Bambole torna a Napoli con un approfondimento interamente dedicato alla sua ricerca artistica. Sala Ichòs accoglie due importanti lavori del percorso artistico del gruppo. Dopo PSICOSI DELLE 4 E 48 di Sarah Kane, la compagnia presenta l’ultima produzione in ordine di tempo che è all’interno del Programma di Ricerca quinquennale “LA LINGUA DEGLI INSETTI (continua)