Home > Eventi e Fiere > Bella Ciao Il più grande spettacolo del folk revival italiano riallestito cinquanta anni dopo con un cast formidabile

Bella Ciao Il più grande spettacolo del folk revival italiano riallestito cinquanta anni dopo con un cast formidabile

Bella Ciao Il più grande spettacolo del folk revival italiano riallestito cinquanta anni dopo con un cast formidabile

 Domenica 16 dicembre 2018, alle 20:00, nell’ambito della rassegna Sacro Sud - Anime Salve per la direzione artistica di Enzo Avitabile, il concerto “Bella Ciao” alla chiesa di S. Giovanni Battista (San Giovanni a Teduccio) alle 20:00.

Il concerto è ad ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti.

Dopo l’intimo concerto dello Heart and Soul of Gospel, la rassegna “Sacro Sud - Anime Salve” per la direzione artistica di Enzo Avitabile propone domenica 16 dicembre “Bella Ciao”, il più grande spettacolo del folk revival italiano, realizzato da un’idea di Franco Fabbri sotto la direzione musicale di Riccardo Tesi, tornariallestito cinquanta anni dopo con un cast formidabile: Lucilla Galeazzi (voce), Elena Ledda (voce), Luisa Cottifogli (voce), Alessio Lega (voce, chitarra), Maurizio Geri(chitarra e voce), Gigi Biolcati (percussioni, voce) Riccardo Tesi (organetto).

“Bella Ciao” è storicamente lo spettacolo che ha segnato l’inizio del folk revival italiano. Dalla sua prima rappresentazione nel 1964 al Festival dei Due Mondi di Spoleto, accompagnata da furiose polemiche, deriva il lavoro di tutti i musicisti che con grande successo lavorano oggi portando la musica popolare italiana nelle piazze di tutto il mondo.

Riallestirlo a distanza di 50 anni dalla prima (21 giugno 1964) vuol dire proporre uno spettacolo la cui eco originaria non s’è mai spenta, anche per le migliaia di appassionati venuti dopo, ma significa anche, pur mantenendo inalterate le intenzioni e la scaletta originarie, aggiornarlo sulla base delle evoluzioni e degli sviluppi che il folk revival ha avuto in questo lungo arco di tempo. Le canzoni di “Bella Ciao” oggi non solo conservano tutta la loro potenza espressiva, ma hanno acquisito una nuova urgenza nel mondo globalizzato per i loro valori libertari, pacifisti e civili.

“Bella Ciao” è una lezione di democrazia che nasce dal basso. Un romanzo storico costruito attraverso la musica, i suoni e le parole.

L’innovazione di questo riallestimento sta nel trattamento musicale affidato a un ensemble diretto e concertato dall’organettista Riccardo Tesi, uno dei più brillanti e attenti protagonisti della musica popolare mondiale. Non più dunque l’accompagnamento della sola chitarra, ma un lavoro di arrangiamento che instaura un dialogo più sofisticato fra suoni e significati, per una sinfonia popolare ricca con l’aiuto del chitarrista Andrea Salvadori e del percussionista Gigi Biolcati.

“Bella Ciao” però era e rimane uno spettacolo di canzoni popolari e la centralità del canto viene confermata dalla presenza di alcune delle voci più importanti della musica popolare e del canto sociale italiani negli ultimi trent’anni, che di Bella ciao sono i figli diretti: Lucilla Galeazzi, Elena Ledda, Luisa Cottifogli e Alessio Lega. 

La rassegna “Sacro Sud – Anime Salve” rientra nel più ampio progetto “Musica del Sud: identità e rivoluzione”, ideato e curato dall'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e finanziato dalla Regione Campania a valere sul Programma operativo complementare (POC) 2014-2020 – piano strategico regionale per la cultura e i beni culturali- programmazione 2018.

Realizzata grazie anche al prezioso lavoro di “Black Tarantella”, ed affidata alla collaudata efficienza della “xeventi&Communications” per la comunicazione, “Sacro Sud - Anime Salve” tornerà per il prossimo appuntamento giovedì 20 dicembre 2018, alla chiesa di Santa Maria Donnaregina Nuova, con il concerto di Alice intitolato “Ciao Italia”.
L’evento musicale è ad ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti.


I musicisti:

Riccardo Tesi: musicista, concertatore e autore degli arrangiamenti. Organettista di fama internazionale è un assiduo travalicatore di frontiere geografiche e stilistiche, nel corso della sua trentennale carriera ha collaborato con nomi prestigiosi della world music italiana e straniera (C.Bueno, E.Ledda, D.Sepe, P.Vaillant, J.Kirkpatrick, J.Vali, M.Perrone, K.Junkera), del jazz (G.Mirabassi, G.Trovesi, M.P.De Vito), del rock (P. Pelù, G. Di Marco, F. Magnelli, Skiantos) fino alla grande canzone d'autore (F.De Andrè, I. Fossati, G.M.Testa, G.Gaber, C.Donà ecc). È il leader fondatore diBanditaliana, uno dei gruppi italiani di world music più acclamati a livello internazionale

Luisa Cottifogli: Invitata speciale dello spettacolo la formidabile Luisa Cottifogli, considerata una delle interpreti vocali più sorprendenti e originali della scena italiana.

Amante della ricerca, si è dedicata alla musica antica, all'opera contemporanea, al jazz , alle vocalità indiane ed arabe, alla tradizione del centro Italia, sviluppando nel tempo un personalissimouso della voce   di cui sperimenta  ogni più remota possibilità , ogni più piccola sfumatura.

Elena Ledda: cantante di formazione classica e sperimentatrice delle potenzialità della voce, è l’ambasciatrice nel mondo della musica popolare sarda. Nella sua esperienza musicale il rigore si fonde alla ricerca di un linguaggio universale attraverso la collaborazione con artisti come Fabrizio De AndréLester BowieDon CherryAndreas VollenweiderSavina YannatouMaria del Mar BonetPaolo FresuNoa e Andrea ParodiRita MarcotulliAntonello SalisGavino MurgiaRiccardo Tesi.

 

Lucilla Galeazzi: formatasi nel quartetto di Giovanna Marini e col maestro Roberto de Simone è attualmente considerata la più versatile interprete di repertori di musica popolare del nord e sud Italia. Vincitrice di una targa Tenco, vanta una notevole carriera internazionale ed ha collaborato con importanti artisti di varia estrazione dal jazz (G.Trovesi, E.Colombo, C.Barthelemy ) alla musica antica (Ensemble Arpeggiata con cui ha vinto un Grammy Awards nel 2003) fino alla world music (B’net Houarijat, Faraualla, J.J.Mosalini, A.Sparagna, C.Rizzo, R.Tesi). 

Alessio Lega: cantante e autore di sei dischi e centinaia di spettacoli, vincitore di una Targa Tenco, è considerato oggi il rappresentante più coerente del canto sociale, in bilico fra canzone d’autore e riproposizione di musica popolare.

Maurizio Geri: Chitarrista, cantante, compositore. Le sue prime esperienze, legate al recupero del repertorio tradizionale della montagna pistoiese lo porteranno a conoscere, nei primi anni '80, la cantante ricercatrice Caterina Bueno con la quale suona per una quindicina d'anni.

Fondamentale è l’incontro con il concittadino organettista Riccardo Tesi che nel ’92  da vita al quartetto BANDITALIANA, con questa formazione incide cinque dischi e quattro relativi a produzioni originali sulla tradizione toscana e emiliana, la chiusura ideale di un cerchio dove il rigore antropologico si congiunge con la composizione e l'arrangiamento.

Gigi Biolcati: Percussionista eclettico e creativo da quattro anni fa parte del gruppo toscano Banditaliana con un originale set percussivo in cui convivono strumenti etnici ed altri autocostruiti. Vanta numerose collaborazioni in ambito jazzistico (Alboran Trio), cantautoriale (Cristiano De Andrè) e world (gli inglesi Scarp, Maurizio Martinotti, Jean Blanchard, eccetera).

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Bella Ciao, boom alla Chiesa di San Giovanni Battista per il più grande spettacolo del folk revival italiano


Peperoncino Jazz Festival 2007


IVAN CATTANEO OSPITE AL GIANNINA LA NUOVA DOMENICA BRESCIANA


Indiscusso successo per l'evento ospitato da IEG


"INCONTRIAMOCI", ad Anzio la III edizione il 29 giugno


"Domenica In " - Mara Venier e Gianni Boncompagni i più amati della fortunata trasmissione. Lo dice il Web!


 

Ieri...

Stesso autore

Appello per la scuola “Figlie della carità di San Vincenzo De Paoli” di Cardito

Appello per la scuola “Figlie della carità di San Vincenzo De Paoli” di Cardito
 Chiacchio: “Salviamo un altro pezzo del cuore di Cardito!”  “Cardito sta morendo, il centro storico è in ginocchio. Un’altra brutta notizia: la scuola delle suore, l’istituto di scuola materna ed elementare di via Belvedere con ingresso anche in corso Cesare Battisti chiude i battenti a causa delle difficoltà economiche relative alla gestione (continua)

Grande successo per lo spettacolo "SE CHIURE’ NA PORTA E S’ARAPE NU CUNVENTO"

Grande successo per lo spettacolo
 “SE CHIURE’ NA PORTA E S’ARAPE NU CUNVENTO” questo il tiolo della commedia interpretata dalla compagnia teatrale “TIEMPE BELLE ‘E ‘NA VOTA” di Ida Russomanno. Due atti di Antonello Aprea, con adattamento a cura di Enzo Cicala, che sono andati in scena presso la Sala Consiliare del Comune di Melito di Napoli, domenica 6 Gennaio. Il titolo della (continua)

NAPOLI CITTÀ DELLA CONVERSAZIONE

NAPOLI CITTÀ DELLA CONVERSAZIONE
 Con i “Fuochi per la legalità e la filosofia”  tra le luci e i lampi dei pensieri e il calore delle parole si apre il mese della conversazione  Napoli, 17 gennaio – 17 febbraio 2019  Poco meno di un anno fa l'Assessorato alla Cultura e al Turismo propose alla Città una “Giornata della disconnessione”, con l’'invito (continua)

Durante natale Festival 2018, ultimo atto all’Epifania

Durante natale Festival 2018, ultimo atto all’Epifania
Domenica 6 gennaio il Teatro De Rosa di Frattamaggiore -con il concerto della band “Il Battito”- ha ospitato l’ultimo atto della rassegna “Durante Natale Festival” per la direzione artistica del M.° Giuseppe Monetti.   Il concerto, ad ingresso gratuito, ha vissuto anche una imprevista sorpresa: l’accenno da parte (continua)

Un doppio Enzo Avitabile chiude le feste regalando un imprevisto concerto

Un doppio Enzo Avitabile chiude le feste regalando un imprevisto concerto
Si è svolto ieri Domenica 6 gennaio 2019, l’attesissimo concerto di Enzo Avitabile dal titolo “Sacro Sud”, presso la chiesa di S. Maria di Costantinopoli  a Cappella Cangiani. Atteso al punto tale, che l’artista ha deciso di anticipare l’orario del concerto per riproporne un altro a seguire, in modo da accontentare la mole di pubblico accorso, che altrimen (continua)