Home > Altro > Scoprirsi e progettarsi con la scuola triennale di Arezzo Psicosintesi

Scoprirsi e progettarsi con la scuola triennale di Arezzo Psicosintesi

articolo pubblicato da: marcocavini | segnala un abuso

Scoprirsi e progettarsi con la scuola triennale di Arezzo Psicosintesi

Trentasei incontri scanditi in tre anni per conoscere sé stessi e per esprimere le proprie potenzialità. L’associazione Arezzo Psicosintesi, attiva in città da oltre venticinque anni, si appresta a rinnovare il proprio corso di formazione che accompagnerà uomini e donne di ogni età nell’esplorazione della complessità del loro mondo interiore e delle loro funzioni psichiche, portandoli così a delineare un progetto di vita coerente con la loro identità e la loro volontà. L’intero percorso sarà triennale e sarà condotto attraverso il metodo della psicosintesi che, ideata da Roberto Assagioli, fornirà gli strumenti e le mappe alla base di ogni incontro per capire come siamo fatti e come funzioniamo. La prima lezione sarà lunedì 28 gennaio, dalle 19.00 alle 21.00, in via Cavour 115, ma un approccio introduttivo alla psicosintesi sarà fornito anche dal laboratorio “Considero valore: cosa guida la mia vita?” in programma alle 15.00 di sabato 19 gennaio all’Urban Creativity Lab in via Leone Leoni. Questa iniziativa, tenuta dal filosofo Marco Montanari, proporrà un’occasione di crescita personale con un approfondimento dedicato alla consapevolezza di sé stessi attraverso l’analisi dei valori e degli obiettivi che muovono le azioni quotidiane.

La formazione sarà scandita nel primo anno da dodici appuntamenti dal tema “Imparare a conoscersi” che permetteranno di avviare un’esplorazione di sé stessi tra conscio e inconscio, ruoli e identità sociali, corpo e mente, ponendo le basi per affrontare il secondo anno dal titolo “Le nostre funzioni psichiche” che si focalizzerà su aspetti specifici dell’Io quali impulsi e desideri, emozioni e sentimenti, immaginazione e pensiero, intuizione e percezioni sensoriali. A chiudere il percorso sarà la terza e ultima fase dedicata a “Il progetto di sé” per approfondire potenzialità, talenti, volontà ed energie necessari per diventare registi attivi e consapevoli della propria vita.

I vari incontri saranno curati da psicologi, psicoterapeuti, counselor e professionisti di Arezzo Psicosintesi che garantiranno un taglio creativo e attivo, fornendo esercizi e tecniche per osservarsi nella vita quotidiana e per testare concretamente i benefici apportati dal percorso. In tutte le lezioni, inoltre, sarà portato avanti un parallelo lavoro individuale e collettivo: gli allievi dovranno mettersi in gioco in prima persona e avviare una profonda analisi di sé stessi, ma allo stesso tempo saranno arricchiti dalla condivisione, dal confronto e dallo scambio di esperienze con il resto del gruppo. Ognuno dei tre anni è strutturato come un percorso completo e compiuto, dunque i singoli partecipanti potranno scegliere se vivere l’intero triennio o limitarsi ad uno specifico ciclo di incontri. «Il corso di formazione triennale - commenta Francesca Barbagli, presidente di Arezzo Psicosintesi, - vuole fornire gli strumenti per individuare la propria strada verso l’armonia, il benessere e la serenità, arrivando a valorizzare il proprio “io” con libertà e creatività».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

LUCA BERTI E LA SOCIETA' STORICA ARETINA INTERVENGONO SULLA QUESTIONE INDUSTRIALE AD AREZZO


MARCO BOTTI LANCIA DA AREZZO L'ULTIMO LIBRO DI GIORGIO FERI SUI 7 COLLI DELLA CONCA ARETINA


MARCO BOTTI E GIORGIO FERI PRESENTANO IL LORO LIBRO SUI 7 COLLI DI AREZZO, ALLA BIBLIOCOOP DI VIA VITTORIO VENETO NEL POMERIGGIO DI SABATO 18 MARZO 2017.


LUCA BERTI LANCIA, DA AREZZO, CON GIORGIO SACCHETTI, IL TEMA DEL DESTINO DEI SINDACATI ITALIANI.


SOS Arezzo Cabaret


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

La Libera Accademia del Teatro torna sul palco con due spettacoli

La Libera Accademia del Teatro torna sul palco con due spettacoli
La Libera Accademia del Teatro inaugura la stagione dei saggi. La storica scuola cittadina romperà il ghiaccio alle 18.00 di domenica 28 aprile, al teatro “Mario Spina” di Castiglion Fiorentino, con uno spettacolo dal titolo “Storie del paese di oirartnoc” che vedrà salire sul palco nove giovani allievi tra i sei e i dodici anni, coordinati dalla regia di Samu (continua)

Il casentinese Andrea Cherubini nella nazionale giovanile di karate

Il casentinese Andrea Cherubini nella nazionale giovanile di karate
Un atleta dell’Accademia Karate Casentino approda in nazionale. La prestigiosa convocazione in azzurro è arrivata per Andrea Cherubini che, nato nel 2002 a Capolona, è stato recentemente protagonista di una serie di ottimi risultati nei -68kg della categoria Juniores che sono valsi l’inserimento tra le giovani promesse del karate tricolore che saranno seguite e monitorate (continua)

“Si sonno… No stress!”, consulenze in farmacia per dormire meglio

“Si sonno… No stress!”, consulenze in farmacia per dormire meglio
Una settimana di consigli e approfondimenti per migliorare la qualità del riposo e, di conseguenza, della vita. L’iniziativa è promossa dalle Farmacie Comunali di Arezzo che, da sabato 27 aprile a sabato 4 maggio, ospiteranno una campagna dal titolo “Si sonno… No stress!” in cui verranno affrontate le varie tematiche legate alla stanchezza per individuare eve (continua)

Un concerto di gregoriano per scoprire la storia del Pionta

Un concerto di gregoriano per scoprire la storia del Pionta
Un concerto di gregoriano come occasione per scoprire la storia del colle del Pionta. Due cori aretini, quello femminile Vocinsieme e quello maschile Cantantibus Organis, tornano ad unire le rispettive voci in un pomeriggio dal titolo “Sicut Erat - Quando la musica suona il silenzio” che sarà dedicato alle suggestioni tipiche del canto liturgico sviluppatosi agli albori del cris (continua)

La mototerapia in piazza a Castiglion Fiorentino

La mototerapia in piazza a Castiglion Fiorentino
Le acrobazie, l’adrenalina e le emozioni del motocross freestyle vissute da ragazzi con disabilità. I piloti toscani della Daboot, il più importante team italiano impegnato in questa spettacolare disciplina, fanno tappa a Castiglion Fiorentino per una mattinata di mototerapia che proporrà il mondo delle due-ruote come strumento di integrazione e di divertimento per tutti (continua)