Home > Cultura > SplendOri – La prima mostra ad Ercolano

SplendOri – La prima mostra ad Ercolano

 SplendOri – La prima mostra ad Ercolano

 SplendOri – La prima mostra ad Ercolano 

SplendOri – Ad Ercolano la prima mostra allestita nel parco archeologico 

 

Dal 20 dicembre 2018 al parco archeologico di Ercolano è in essere la mostra “SplendOri – il lusso negli ornamenti ad Ercolano” che raccoglie monili ed oggetti di uso quotidiano rinvenuti nel luogo degli scavi. Gli oggetti erano appartenuti agli antichi ercolanesi che, durante quei momenti tragici, cercarono di portare in salvo i loro averi, come sappiamo, senza successo. Paradossalmente hanno avuto più fortuna questi ori rispetto ai loro proprietari. 

 

Tali oggetti ci raccontano molto della provenienza sociale di chi li possedeva, anche se la declinazione al lusso accomuna un po’ tutti questi oggetti, tra cui gioielli, monete, gemme, arredi e strumenti preziosi per imbandire tavole e banchetti. I ritrovamenti provengono dalle Domus, dalle botteghe e dagli edifici pubblici di Ercolano, e ci raccontano di una comunità gioiosa e operosa, molto dedita all’artigianato e alle piccole botteghe. Alcuni di questi oggetti sono stati ritrovati sulla spiaggia, dove evidentemente alcuni abitanti hanno cercato di salvarsi, inutilmente. 

La mostra cerca di coinvolgere il più possibile lo spettatore, fino all’ultima sala dove in uno spazio dedicato sarà possibile indossare idealmente gioielli e monili antichi scattandosi selfie e postandoli sui social, cosicché lo spettatore diventa anche ambasciatore del parco archeologico. 

 

Secondo la leggenda Ercolano fu fondata da Ercole nel 1243 a.C. Come tutto il sud Italia, subì molteplici invasioni da parte di popoli diversi: prima fu infatti conquistata dai greci, poi dai sanniti e infine dai romani, che ne resero un luogo residenziale per l’aristocrazia romana. Sotto il tribuno Marco Nonio Balbo la città visse il suo massimo splendore, infatti vennero restaurati moltissimi edifici e molti altri costruiti. Prima dell’eruzione del Vesuvio ci fu un altro accadimento che danneggiò la città: il terremoto di Pompei del 62. Nel 79 poi, come sappiamo, l’eruzione del Vesuvio sotterrò la città e i suoi abitanti sotto venticinque metri di fango e materiali piroclastici che col passare degli anni si sono solidificati e hanno protetto tutto ciò che hanno sommerso e ucciso, per ridarcelo intatto, come monito per la forza distruttrice della natura. 

Ercolano | scavi di Ercolano | archeologia Napoli | biglietti Ercolano | Pompei | mostra Ercolano |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

“CERA UNA VOLTA”


Tiziana Rocca tra i coach de “La Fabbrica dei Leader”, presenta al Cocoricò di Riccione il suo nuovo corso di comunicazione “La Fabbrica degli Eventi”


Napoli, presentazione del libro "Il Pio Monte della Misericordia di Napoli quattro secoli di pietas" di Maria Grazia Leonetti Rodinò


Programma Villa Serena dal 7 al 9 Giugno 2012


Iphone 5


Jabra diventa Gold Sponsor della World Partner Conference annuale di Microsoft


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

Easy Rider, il mito della motocicletta – Motociclette alla Reggia di Venaria

 Easy Rider, il mito della motocicletta – Motociclette alla Reggia di Venaria
 Easy Rider, il mito della motocicletta – Motociclette alla Reggia di Venaria  Alla Venaria Reale il mito della motocicletta   Per gli appassionati della motocicletta un appuntamento imperdibile: alla Reggia di Venaria, nelle sale della Citroniera delle Scuderie saranno esposte motociclette delle più famose marche italiane ed internazionali. Il visitatore ha tempo (continua)

Steve McCurry al Mudec –inaugurato il nuovo spazio espositivo del Mudec

Steve McCurry al Mudec –inaugurato il nuovo spazio espositivo del Mudec
Steve McCurry al Mudec – Photo Steve McCurry al Mudec –inaugurato il nuovo spazio espositivo del Mudec   Il museo Mudec di Milano ha inaugurato un nuovo spazio espositivo dove verranno collocate le fotografie d’autore. Per battezzare un tale spazio la direzione del museo poteva scegliere un fotografo migliore: Steve McCurry.    Inaugurata il 16 Dicembre e in e (continua)

Giacomo Balla a Villa Borghese

Giacomo Balla a Villa Borghese
 Giacomo Balla a Villa Borghese Balla a Villa Borghese: una nuova occasione per visitare il parco e il relativo museo   Dal 29 Novembre al 17 Febbraio 2019 è organizzata al museo Carlo Bilotti, Aranciera di Villa Borghese, una mostra dedicata al pittore Giacomo Balla. Le opere in mostra sono opere che precedono il periodo futurista del pittore torinese, che sarà poi co (continua)