Home > News > La città eterea delle stelle: l’evoluzione Alienoumana

La città eterea delle stelle: l’evoluzione Alienoumana

La città eterea delle stelle: l’evoluzione Alienoumana

 Premetto subito ( a scanso di rotture di palle di alcuni pseudo scienziati che si ritengono ufologi ma che sono come CICAPpiani e che in realtà non conoscono nulla di nulla dell’ufologia se non quello che i loro capi gli dicono di fare e cioè screditarla per non rivelare la verità e tenere addormentate le menti!) che quanto scrivo sotto sono ipotesi , teorie , idee frutto di curiosità sulla nostra esistenza , provenienza e sunto di svariati racconti di persone contattate con esperienze uniche nel loro genere con entità evolute! Teorie e ipotesi confrontate con teorie e ipotesi scientifiche ( se considerate che anche la scienza fino a poco tempo fa non sapeva e anzi affermava che i neutrini non avevano massa per poi dover fare un passo indietro e ammettere che si sbagliavano…. Non solo vorrei riproporre , a proposito di argomentazione complessa sugli alieni un sunto di un grande ricercatore Viola Gianni ….Questo per dire davvero quante ipotesi, seppur considerate fantascientifiche o folli, possono spiegare o raccontare l’evoluzione universale . Ad oggi come scala evolutiva dell’uomo conosciamo quella di Darwin ma che sappiamo essere lacunosa e piena di incongruenze e non spiega molte cose , dall’altra abbiamo la scienza che ipotizza(ma non spiega ancora concretamente l’evoluzione) come si è sviluppata la vita dal brodo primordiale a LUCA , last universal common ancestor   o anche last universal ancestor (LUA) ultimo antenato comune 

è una teoria riguardante l’ultimo ipotetico organismo vivente dal quale tutti gli organismi attuali discenderebbero vissuto almeno 4 mld di anni 
sebbene non si può scartare teoricamente il fatto che si possano identificare resti di altri esseri viventi della sua stessa o maggiore arcaicità 
È possibile che tutti i contemporanei dei LUCA si siano estinti e che sia sopravvissuta attualmente solamente la loro eredità genetica. Questa ipotesi ignora però la possibilità del trasferimento genico orizzontale. Carl Woese sostenne che in realtà non esistette alcun organismo individuale che possa essere considerato un LUCA, ma piuttosto l’eredità genetica di tutti i moderni organismi deriverebbe da una comunità di organismi antenati.

LUCA non significa:

  1. Il primo organismo vivente esistito.
  2. L’organismo attuale più prossimo per le sue caratteristiche all’antenato comune.
  3. Che in principio esisteva soltanto questo organismo.

Si comprende che la scienza ipotizza che LUCA abbia avuto un ruolo importante nello sviluppo della vita ma non necessariamente l’unico!(qui poi possiamo ipotizzare la nascita di cellule aliene) 
 in un’atmosfera povera di ossigeno e per azione della luce solare, si sarebbero prodotte molecole organiche, le quali, accumulate nei mari primitivi, avrebbero formato un “brodo primordiale”. Queste prime sostanze organiche si sarebbero combinate formando molecole sempre più complesse, fino ad arrivare ai coacervati. Queste goccioline, simili nell’aspetto alle attuali cellule, si sarebbero accresciute per fusione con altre gocce e riprodotte attraverso la divisione in gocce figlie, ottenendo così un metabolismo primordiale in cui quei fattori che promuovevano l’integrità cellulare si mantenevano, al contrario degli altri che si estinguevano.

Stromatoliti risalenti al Precambriano nella Formazione di Siyeh Formation, Glacier National Park. Nel 2002, William Schopf della UCLA pubblicò un controverso articolo sul giornale scientifico Natureaffermando che formazioni geologiche come quelle appartenessero ad alghe microbiche fossilizzate di 3,5 miliardi di anni fa.Se fosse vero, si tratterebbe della prima forma di vita conosciuta sulla Terra.

La domanda “Come semplici molecole organiche possono formare una protocellula?” è tuttora senza risposta, ma vi sono molte ipotesi.

Confronto tra le basi di RNA e DNA

Come possiamo notare anche scientificamente ancora non è chiaro come si è sviluppata la vita e in che modo , tante teorie e ipotesi poche le certezze. ancora oggi la stessa scienza fatica a spiegare ad esempio l’esplosione Cambriano , cioè il momento in cui sono comparse migliaia di specie viventi , si ipotizza che una delle cause sia stata l’aumento dell’ossigeno ma in realtà la scienza non riesce ancora oggi a spiegare concretamente quale fu la vera causa.

L’ipotesi aliena secondo l’ufologo e ricercatore Angelo Maggioni , l’alternativa a Darwin

Tenendo come base di partenza alcuni aspetti che vengono ipotizzati dalla stessa scienza non posso far altro che cercare , nel grande marasma dell’universo, come e quando siamo entrati in contatto con entità Aliene e quali furono le prime . Non è facile , quando anche la stessa scienza ( che critica l’ufologia) non è in grado di dare certezze e dunque anche l’ufologia non può far altro che dire FACCIAMO FINTA CHE…

1 Etereo 2 Dei 3 Semidei 4 Umanità

Questa è la mia ipotetica scala che si intreccia con le entità Aliene, questo perchè Darwin ha tenuto solo in considerazione l’evoluzione Terrestre senza considerare che la stessa terra appartiene ad un sistema solare e a una galassia delle miliardi esistenti alla deriva di un universo in espansione , galassie che al loro interno hanno migliaia di pianeti più o meno abitabili , o pianeti un tempo abitati . che l’universo è composta dai mattoni della vita comune a tutti le forme , di cui un elemento presente sempre e ovunque …l’ACQUA. anche se oggi quando si parla di presenza di acqua sui pianeti o asteroidi e sacche nell’universo sembra di dire qualcosa di esclusivo , ma così non è in quanto appunto l’acqua è un elemento comunissimo e sempre presente nell’intero universo , tanto da spingermi a dire che il primo vero elemento alieno sia proprio lei! Innanzitutto debbo dire che non concordo con le varie datazioni sia riferite alla formazione dell’universo , sia alla nascita della Terra(4,6 mld ) che alle varie datazioni di monumenti più o meno importanti, dalla Sfinge alle Piramidi ma anche a siti archeologici come Göbeklitepe

Sono pienamente convinto che la Terra sia nata molto prima dei 4,6 mld menzionati tra i 10 mld e i 14 mld almeno e questo porterebbe appunto ad una datazione di quanto conosciamo oggi diversa .Infatti se consideriamo che secondo la scienza LUCA si è sviluppato in un ambiente con la presenza di acqua liquida questo mi porta a pensare che allora probabilmente la Terra non era come ce l’avevano descritta una palla incandescente!!! Doveva a questo punto essere diversa e non solo roccia fusa , fiamme a calore infernale. Nel video vi spiego brevemente dunque il mio pensiero e la mia scala evolutiva che prende appunto in considerazione anche la presenza Aliena !!!

ufo | contatto | alieni | avvistamento | C R E A | ufologia | Maggioni Angelo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Scientology la nuova religione


Marigliano-Pomigliano d'Arco. L’omaggio camminante alla XIV Giornata Nazionale del Trekking Urbano. (Scritto da Antonio Castaldo)


Centro Sportivo Portici: sport e cultura acquatica per l’inserimento dei disabili nella vita quotidiana


“IL MIGLIO D'ORO” IV° edizione: Federico Bocchia vince la competizione


I predecessori degli Anunnaki


Astimusica 2012


 

Ieri...

Stesso autore

I predecessori degli Anunnaki

 Non importa se per loro la vita è basata sul carbonio o sul silicio, se l’informazione genetica è trasportata dal DNA o dall’XNA. Gli alieni, se esistono, sono stati come noi plasmati dalla selezione naturale e questo ci dà una regola universale sulla vita: col tempo, diventa sempre più complessa INFINITI SCENARI Molte speculazioni sulla vi (continua)

Napoli ancora strani avvistamenti

Napoli ancora strani avvistamenti
  Aumentano i misteriosi oggetti non identificati nei pressi di Napoli, test militari nato o UFO? 31 Ottobre 2018 un testimone ( che desidera rimanere anonimo ) abitante a Napoli avvista e filma uno strano oggetto in cielo. Il testimone riferiva di essersi accorto di questa presenza strana per via della sua luminosità e strana forma , sembrava metallico lucente , non emetteva suono e (continua)

Oggetto non identificato su MAPEI Stadium

 Oggetto non identificato su MAPEI Stadium
  Mapei Stadium  oggetti misteriosi sorvolano lo stadio del Sassuolo oggi ho visto nel cielo un oggetto che non stato in grado di identificare (quindi U.F.O.). Oggi alle dalle ore 15.15 alle ore 15.21 ho fotografato un oggetto, dall'apparente forma di due tronchi di piramide adiacenti sulla base (ho allegato le immagini non modificate). Inizialmente credevo fosse un drone, poi mi son (continua)