Home > News > Nessun compromesso con i pusher. I volontari sardi dichiarano guerra totale alle droghe.

Nessun compromesso con i pusher. I volontari sardi dichiarano guerra totale alle droghe.

Nessun compromesso con i pusher.  I volontari sardi dichiarano guerra totale alle droghe.

 

 

 

Si continua a fare distinzioni tra droghe “leggere” e “pesanti”, pur denominandole entrambe: DROGHE. Una palese contraddizione visto che in entrambi i casi di droghe si tratta! Sarebbe allora il caso di andare a vedere la definizione del termine: “droga è qualsiasi sostanza che non sia cibo che, quando immessa nel corpo, cambia il modo in cui esso funziona o il modo in cui la persona pensa o si sente”. Come si può vedere non fa distinzione tra droghe più o meno leggere o pesanti.

Assidui consumatori di marijuana e hashish dichiarano che non si metterebbero mai “alla guida di un veicolo dopo aver fumato una canna, perché per un po di tempo i riflessi e le reazioni sono molto più lente”. Eppure gli spacciatori, e non solo loro, insistono che la canna è solo un rilassante ed è innocua. Per poi leggere sui media di qualche giorno fa che un bambino è stato massacrato di botte fino alla morte, dal compagno della mamma che per tutta la giornata, come al solito, si era fumato un numero imprecisato di canne. Se questi possono essere gli effetti perché rischiare? Dove mettiamo il limite massimo per cui si è ancora nelle condizioni di essere in grado di auto controllarsi e non essere un pericolo per se e per gli altri?

No! Il dibattito non è su liberalizzare o meno le droghe leggere a scopo ludico, il dibattito è se si vuole creare una società libera dalla droga o prigioniera di pericolose ideologie il cui scopo nascosto è quello di creare una società dipendente e più facilmente controllabile. Un pericolo tutt’altro che remoto vista la deriva che stanno imboccando moltissimi giovani e adolescenti, facili prede delle sirene degli spacciatori.

“Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono comunque l’unica ragione di vivere” così scriveva il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard negli anni ‘70, parole ancora oggi drammaticamente attuali e che spingono i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology a non scendere a compromessi con pusher e ideologie apparentemente “moderne”, mobilitandosi in tutti i punti cardinali della Sardegna per creare un’isola di sanità libera dalla droga. Nei prossimi giorni i volontari saranno nelle strade di Cagliari, Olbia, Nuoro, Sassari, Cabras, Quartu Sant’Elena, Assemini e Monserrato dove distribuiranno migliaia di opuscoli “la verità sulla droga”.

Info: www.noalladroga.it

 

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Tour Divide: Dal Canada al Messico in mountain bike tandem per 30 giorni


LA SFIDA DEI VOLONTARI AI PUSHER, NELL'ISTITUTO PROFESSIONALE IPIA DI OLBIA


ARMUNGIA E BALLAO I NUOVI COMUNI LIBERI DALLA DROGA.


A SANT'ANDREA FRIUS SI PARLA DELLA "VERITA' SULLA COCAINA".


CONTINUA L'IMPEGNO DEI VOLONTARI DI FONDAZIONE PER UN MONDO LIBERO DALLA DROGA IN TUTTA LA SARDEGNA


SALVARE I RAGAZZI DALLA DROGA, UN DOVERE PER I VOLONTARI DI FONDAZIONE PER UN MONDO LIBERO DALLA DROGA


 

Ieri...

Stesso autore

UNITI PER I DIRITTI UMANI nei negozi del centro di Olbia

UNITI PER I DIRITTI UMANI nei negozi del centro di Olbia
    Il futuro di questo mondo non verrà deciso solo sulla scena internazionale. Ogni piccolo contesto in cui noi operiamo è un momento in cui i Diritti Umani devono essere messi in atto. I Diritti Umani verranno attuati con il loro impiego da parte di tutti noi, ciascuno nella sua sfera di influenza. Se molti lo faranno, le radici del terrorismo e della violenza verr (continua)

Nel quartiere Europeo a Cagliari diffusa “la verità sulla droga” dai volontari di Scientology

 Nel quartiere Europeo a Cagliari diffusa “la verità sulla droga” dai volontari di Scientology
      Continua l’ondata di prevenzione alle droghe a Cagliari dove, i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology, lunedì 11 febbraio, hanno distribuito centinaia di opuscoli “la verità sulla droga” nelle palazzine del quartiere Europeo.  Convinti che solo le menzogne di chi dice che “una dose (continua)

C’è bisogno di DIRITTI UMANI, i volontari li diffondono in tutta la Sardegna

 C’è bisogno di DIRITTI UMANI, i volontari li diffondono in tutta la Sardegna
      Viviamo in un periodo storico in cui i Diritti sembrerebbero qualcosa di astratto e confuso. Ognuno pensa che i propri siano calpestati da qualcuno che ne reclama a sua volta il rispetto nei suoi confronti. I trenta articoli contenuti nella Dichiarazione Universale promulgata dalla Nazioni Unite nel lontano 1948, sono rimaste parole scritte solo su una carta. Uno sguard (continua)

Continua ad Olbia l’impegno dei volontari di Scientology contro la droga

  Continua ad Olbia l’impegno dei volontari di Scientology contro la droga
    Gli esperti di comunicazione dicono che prima che un messaggio arrivi alle persone ed venga fatto proprio è necessario ripeterlo tante volte finchè rimane impresso nella mente e duplicato dalle persone cui è indirizzato. Ne abbiamo la prova dai messaggi pubblicitari di noti marchi che ci martellano quotidianamente su tutti i media per raggiungere i loro obietti (continua)

I volontari divulgano i Diritti Umani al Liceo Linguistico De Sanctis-Deledda a Cagliari,

I volontari divulgano i Diritti Umani al Liceo Linguistico  De Sanctis-Deledda a Cagliari,
    Proseguendo l’iniziativa intrapresa la scorsa settimana di promuovere il messaggio dei Diritti Umani nelle scuole di Cagliari, cento tra studenti e docenti dell’Istituto Tecnologico Linguistico di Cagliari, De Sanctis-Deledda, nella mattinata di mercoledì 13 febbraio, prima delle lezioni, hanno ricevuto i libretti “Che cosa sono i Diritti Umani?” dis (continua)