Home > Primo Piano > Malasanità: Ospedale condannato dal Tribunale di Monza

Malasanità: Ospedale condannato dal Tribunale di Monza

articolo pubblicato da: ciminogelsomina | segnala un abuso

Malasanità: Ospedale condannato dal Tribunale di Monza
Il Tribunale di Monza, PER PRIMO in una causa patrocinata dall’avv. Gelsomina CIMINO ha riconosciuto – discostandosi profondamente dagli ordinari criteri di liquidazione generalmente adottati – la responsabilità del danno da invalidità temporanea per la durata di ben otto anni. Il caso traeva origine da un intervento chirurgico cui si era sottoposto l’attore e a seguito del quale, aveva riportato danni per la presenza di clip metalliche che, sebbene normalmente utilizzate per quel tipo di intervento (rimozione di ernia iatale), si erano però spostate dal luogo dove erano state collocate e, già aperte, gli avevano procurato dolori in tutta la zona addominale e al fianco sinistro, fino alla loro completa rimozione che è avvenuta dopo ben otto anni all’intervento. La soluzione adottata dal Tribunale (risarcimento di danno da invalidità temporanea) è risultata il frutto di una valutazione di tipo soggettivo (“Non appare giustificato non riconoscergli l’esistenza di una sofferenza fisica perdurante per otto anni, in nome di una prassi liquidatoria non codificata. Sarebbe paradossale addebitare al sig. (omissis) il fatto che il danno di natura temporanea si sia protratto per una durata abnorme, quando ha fatto il possibile per limitarla. In altri termini, se la struttura convenuta avesse riscontrato la presenza delle Clips entro pochi mesi dalla loro presenza e le avesse rimosse, è verosimile che il sig. (omissis) ormai sarebbe pienamente guarito ed avrebbe dimenticato tutta la vicenda”) Produzione Riservata Studio Legale Cimino www.studiolegalecimino.eu

ospedale | tribunale | monza | avvocato | avvocato cimino | avvocato gelsomina cimino | gelsomina cimino | avvocato a roma | avvocato roma | studio legale cimino | risarcimento del danno | danno permanente | diritto penale | diritto civile |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

19/10: CONFERENZA La Casa della Poesia di Monza - Noble Restaurant


Facile.it: ecco quanto spendono le famiglie a Monza


Traslochi Monza: come scegliere il low cost di qualità


40 DOMANDE A PROPOSITO DI ARBITRAX ISTITUTO ARBITRALE IMMOBILIARE & GENERALE DI MILANO E DELLE PROVINCIE LOMBARDE


Roma, morire di malasanità


Malagiustizia ; In Italia processi mediatici e sentenze senza indizi. Dal Caso Tortora ad oggi.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

Tribunale di Palermo nega assegno divorzile

Tribunale di Palermo nega assegno divorzile
Il Tribunale di Palermo, in una causa patrocinata dall’Avv Gelsomina CIMINO ha confermato l’orientamento della Cassazione, opportunamente richiamato dalla parte ricorrente, per cui è stato ritenuto insussistente il diritto all’attribuzione dell’assegno divorzile. Il Tribunale infatti, dopo aver dato atto delle opposte reazioni succedutesi alla rivoluzionaria sentenza n. 11504/2017 della I sez. ci (continua)

festa delle donne

festa delle donne
Vite Dimenticate è l’Associazione no-profit costituita da professioniste che aiutano le vittime di violenza e maltrattamenti a ritrovare serenità e autostima per far si che possano tornare a sorridere e ad essere felici grazie alla realizzazione di un nuovo progetto di vita. Vite Dimenticate svolge la propria attività sociale e di volontariato a titolo gratuito a tutela dei diritti civili dei s (continua)

MISURE DI PREVENZIONE: LA CORTE COSTITUZIONALE NE DICHIARA – IN PARTE -L’ILLEGITTIMITA’

MISURE DI PREVENZIONE: LA CORTE COSTITUZIONALE NE DICHIARA – IN PARTE -L’ILLEGITTIMITA’
MISURE DI PREVENZIONE: LA CORTE COSTITUZIONALE NE DICHIARA – IN PARTE -L’ILLEGITTIMITA’ Prendendo le mosse dalla oramai ben nota Sentenza De Tommaso della Corte EDU (23.02.2017 nel procedimento n. 43395/09) la quale condannava l’Italia per la violazione dell’art. 2 prot. 4 CEDU, per il ritenuto deficit di prevedibilità e tassatività della disciplina delle misure di prevenzione nella descrizione (continua)

VIOLENZA DOMESTICA: ALLONTAMENTO DA CASA ANCHE PER IPOTESI LIEVISSIME

VIOLENZA DOMESTICA: ALLONTAMENTO DA CASA ANCHE PER IPOTESI LIEVISSIME
La Corte Costituzionale con la sentenza n. 236 del 14 dicembre 2018 ha dichiarato illegittima la norma che attribuisce al Giudice di Pace la competenza sul reato, tentato o consumato, di lesioni volontarie lievissime in danno del #figlio naturale, in tal modo introducendo nel nostro sistema, la possibilità che il Tribunale possa ordinare l’allontanamento dalla casa familiare anche di chi è indagat (continua)

SOS AVVOCATO

SOS AVVOCATO
SCRIVICI PER UNA CONSULENZA ONLINE ti risponderemo via email Hai bisogno di un Avvocato online gratis? Lo Studio Legale Cimino attraverso un Gruppo dedicato di professionisti, è in grado di assicurare una consulenza legale online gratuita finalizzata a conoscere sin da subito se una determinata questione sia meritevole di tutela legale. Ricorrere alla consulenza legale on line gratuita, sign (continua)