Home > News > Tribunale di Palermo nega assegno divorzile

Tribunale di Palermo nega assegno divorzile

Tribunale di Palermo nega assegno divorzile
Il Tribunale di Palermo, in una causa patrocinata dall’Avv Gelsomina CIMINO ha confermato l’orientamento della Cassazione, opportunamente richiamato dalla parte ricorrente, per cui è stato ritenuto insussistente il diritto all’attribuzione dell’assegno divorzile. Il Tribunale infatti, dopo aver dato atto delle opposte reazioni succedutesi alla rivoluzionaria sentenza n. 11504/2017 della I sez. civ della Corte di Cassazione (nota come sentenza Grilli): di plauso per un verdetto che cancellava una visione del matrimonio come “rendita di posizione” e la preoccupazione per una sottovalutazione dell’apporto del coniuge economicamente più debole alla vita familiare, ha fatto propri gli insegnamenti delle Sezioni Unite, laddove con la sentenza n. 18287 del 11.07.2018, è stato sottolineato come all’assegno di divorzio deve essere attribuita una funzione assistenziale e, nello stesso tempo, compensativa e perequativa. Una funzione che discende direttamente dalla declinazione costituzionale del principio di solidarietà e che trova concretezza in un confronto delle condizioni economico-patrimoniali dei due coniugi. Il riconoscimento dell’apporto deve tenere conto non solo del raggiungimento di un grado di autonomia economica tale da permettere l’autosufficienza, sulla base di un parametro astratto, ma deve in concreto permettere un livello di reddito adeguato. Adeguatezza che non è più però al tenore di vita antecedente la rottura del legame matrimoniale, ma al contributo fornito nella realizzazione della vita familiare, tenendo conto poi delle aspettative economiche e professionali eventualmente sacrificate, in ragione dell’età del richiedente e della durata del matrimonio. Lo squilibrio che viene a crearsi per effetto del divorzio e che l’assegno deve in qualche modo contribuire a eliminare, o almeno a ridurre, non va cioè considerato in astratto e senza attenzione alle ragioni che l’hanno prodotto. In conclusione, il Tribunale palermitano ha escluso il diritto all’assegno divorzile, in considerazione del fatto che pur sussistendo astrattamente una (rilevante) sproporzione tra le posizioni economico-patrimoniali delle parti, l'ex coniuge richiedente sembra avere i mezzi per condurre una vita autonoma e non abbia contribuito in maniera significativa alla formazione del patrimonio familiare o dell’altro coniuge. La disparità dunque non dipende dalle scelte di vita fatte dai coniugi durante il matrimonio, bensì da una scelta personale del coniuge richiedente. @Produzione Riservata Studio Legale Cimino www.studiolegalecimino.eu

assegno divorzile | mantenimento | separazione | gelsomina cimino | avvocato cimino | avvocatog elsomina cimino | tribunale | tribunale di palermo | avvocato a roma | avvocato roma | studio legale cimino | separazione | studio legale roma | studio legale a roma | diritto di |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Mafia City H5: borders set by the mafia bosses that controlled the territory


40 DOMANDE A PROPOSITO DI ARBITRAX ISTITUTO ARBITRALE IMMOBILIARE & GENERALE DI MILANO E DELLE PROVINCIE LOMBARDE


GIUDIZIO DI OTTEMPERANZA MINISTERO DELLA DIFESA


Assegno di mantenimento: una fotografia italiana


MICHELANGELO GIORDANO: “LE STRADE POPOLARI” è il disco d'esordio dell’artista escluso da Sanremo per i “troppi voti”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

Malasanità: Ospedale condannato dal Tribunale di Monza

Malasanità: Ospedale condannato dal Tribunale di Monza
Il Tribunale di Monza, PER PRIMO in una causa patrocinata dall’avv. Gelsomina CIMINO ha riconosciuto – discostandosi profondamente dagli ordinari criteri di liquidazione generalmente adottati – la responsabilità del danno da invalidità temporanea per la durata di ben otto anni. Il caso traeva origine da un intervento chirurgico cui si era sottoposto l’attore e a seguito del quale, aveva riportat (continua)

festa delle donne

festa delle donne
Vite Dimenticate è l’Associazione no-profit costituita da professioniste che aiutano le vittime di violenza e maltrattamenti a ritrovare serenità e autostima per far si che possano tornare a sorridere e ad essere felici grazie alla realizzazione di un nuovo progetto di vita. Vite Dimenticate svolge la propria attività sociale e di volontariato a titolo gratuito a tutela dei diritti civili dei s (continua)

MISURE DI PREVENZIONE: LA CORTE COSTITUZIONALE NE DICHIARA – IN PARTE -L’ILLEGITTIMITA’

MISURE DI PREVENZIONE: LA CORTE COSTITUZIONALE NE DICHIARA – IN PARTE -L’ILLEGITTIMITA’
MISURE DI PREVENZIONE: LA CORTE COSTITUZIONALE NE DICHIARA – IN PARTE -L’ILLEGITTIMITA’ Prendendo le mosse dalla oramai ben nota Sentenza De Tommaso della Corte EDU (23.02.2017 nel procedimento n. 43395/09) la quale condannava l’Italia per la violazione dell’art. 2 prot. 4 CEDU, per il ritenuto deficit di prevedibilità e tassatività della disciplina delle misure di prevenzione nella descrizione (continua)

VIOLENZA DOMESTICA: ALLONTAMENTO DA CASA ANCHE PER IPOTESI LIEVISSIME

VIOLENZA DOMESTICA: ALLONTAMENTO DA CASA ANCHE PER IPOTESI LIEVISSIME
La Corte Costituzionale con la sentenza n. 236 del 14 dicembre 2018 ha dichiarato illegittima la norma che attribuisce al Giudice di Pace la competenza sul reato, tentato o consumato, di lesioni volontarie lievissime in danno del #figlio naturale, in tal modo introducendo nel nostro sistema, la possibilità che il Tribunale possa ordinare l’allontanamento dalla casa familiare anche di chi è indagat (continua)

SOS AVVOCATO

SOS AVVOCATO
SCRIVICI PER UNA CONSULENZA ONLINE ti risponderemo via email Hai bisogno di un Avvocato online gratis? Lo Studio Legale Cimino attraverso un Gruppo dedicato di professionisti, è in grado di assicurare una consulenza legale online gratuita finalizzata a conoscere sin da subito se una determinata questione sia meritevole di tutela legale. Ricorrere alla consulenza legale on line gratuita, sign (continua)