Home > Altro > Operazione LITTLE PLAYERS, una nuova vittoria contro la pedopornografia

Operazione LITTLE PLAYERS, una nuova vittoria contro la pedopornografia

articolo pubblicato da: Elygiuliano | segnala un abuso

Operazione LITTLE PLAYERS, una nuova vittoria contro la pedopornografia

ESET Italia da sempre vicina alla sicurezza dei minori online è davvero orgogliosa di poter condividere sul proprio blog un importante successo delle forze dell’ordine, riportando integralmente i dettagli dell’operazione “LITTLE PLAYERS“.
Un soggetto arrestato, 33 persone indagate, 82 dispositivi elettronici e migliaia di file contenenti materiale pedopornografico sequestrati.

Questi i risultati dell’operazione di contrasto alla pedopornografia on line ed allo sfruttamento sessuale minorile portata a termine dal Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Friuli Venezia Giulia, a seguito di una complessa attività di indagine coordinata dalla Procura Distrettuale di Trieste e culminata nella giornata di martedì 19 marzo con l’esecuzione, in collaborazione con i Compartimenti della Lombardia, Piemonte, Veneto, Toscana, Liguria, Marche, Lazio, Campania, Calabria, Puglia, Sardegna, Sicilia, Trentino e Emilia Romagna di 37 decreti di perquisizione a carico di altrettanti soggetti residenti in varie regioni d’Italia.
L’attività, coordinata dal Centro Nazionale di Contrasto alla Pedopornografia on line del Servizio Polizia delle Comunicazioni (CNCPO) di Roma, ha avuto avvio nell’aprile dello scorso anno quando, nel corso dell’attività istituzionale di monitoraggio della rete internet, gli operatori della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Udine hanno rintracciato sulla piattaforma Instagram un profilo nel quale venivano pubblicizzate piattaforme social e di messaggistica istantanea attraverso le quali, con modalità di ingaggio e permanenza particolarmente stringenti, si sarebbero potuti visualizzare e scambiare contenuti di natura pedopornografica.
E’ quindi iniziata un’attività cd. “sottocopertura” attraverso la quale, con un profilo fittizio gli operatori della Polizia Postale hanno ottenuto di essere accreditati nella ristretta cerchia di amicizie.
Attraverso questa procedura è stato possibile individuare una stretta correlazione fra tanti account pedopornografici, le cui analisi hanno consentito di ricostruire le modalità criminose messe in atto.

Nel corso delle attività di perquisizione sono stati sequestrati 47 smartphone, 4 tablet, 2 computer portatili, 27 hard disk e 2 play station contenenti migliaia di video e immagini di abuso nei confronti di minori.
ESET Italia oltre a complimentarsi con le forze dell’ordine per il successo ottenuto, invita tutti i genitori a un controllo costante sulle attività online dei propri figli, magari adottando un valido strumento parental control sui loro dispositivi.
 
 
 

ESET |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

AAA cercasi mercerie 2.0: A little Craft cerca nuovi venditori italiani


Clash of Ninja's various ninja buildings


The Hot Game Glorious Saga Exposure Summary of New Content!!!


The game Dragon Ball Z Online features skill-based combat


Matteo Ragni firma “Her little car”, oggetto di design dall’anima green dedicato alle donne: disponibile dall’8 marzo su www.just99.com


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Sicurezza Apple: scoperta app spia

Sicurezza Apple: scoperta app spia
Apple da sempre vanta un grande livello di sicurezza per i propri dispositivi, grazie anche a uno store blindato, ma uno studio effettuato da una azienda di sicurezza afferma che la strada per infettare i dispositivi della mela c’è ed è stata sfruttata più volte per diffondere applicazioni spia in grado di raccogliere dati. Una in particolare, emersa dallo studio, sfru (continua)

Allarme sextortion: ESET registra una nuova ondata di email truffa

Allarme sextortion: ESET registra una nuova ondata di email truffa
ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, avvisa gli utenti di una nuova ondata di messaggi fraudolenti di posta elettronica che cercano di estorcere denaro: il criminale informatico nella mail dichiara di aver violato il dispositivo della vittima designata filmando la persona mentre guardava contenuti pornografici. L'e-mail afferma an (continua)

Virus Bulletin premia nuovamente ESET con la certificazione VBSpam +

Virus Bulletin premia nuovamente ESET con la certificazione VBSpam +
ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, ha ricevuto la certificazione VBSpam + nella VBSpam Email Security Comparative Review di marzo 2019.   La review ha analizzato 11 soluzioni di sicurezza e-mail complete e sette blacklist, per misurare le loro prestazioni rispetto a vari flussi di e-mail indesiderate. VBSpam è una (continua)

Uomo arrestato per aver distrutto i dati dell’ex datore di lavoro

Uomo arrestato per aver distrutto i dati dell’ex datore di lavoro
Dopo essere stato licenziato, l’ex dipendente è tornato per vendicarsi Secondo un rapporto della Thames Valley Police del Regno Unito, un uomo britannico dovrà scontare due anni di prigione per aver cancellato dal sistema di storage in Cloud di un’azienda i dati critici del suo ex-datore di lavoro. All’inizio del 2016 Steffan Needham, di Bury, Greater Manch (continua)

La maggior parte delle pen drive USB di seconda mano contiene dati dei precedenti proprietari

La maggior parte delle pen drive USB di seconda mano contiene dati dei precedenti proprietari
Come dimostra un recente studio, molti utenti non si preoccupano adeguatamente quando cedono le proprie chiavette USB, lasciando spesso documenti o informazioni riservate che possono essere facilmente recuperate dai nuovi proprietari dei dischi. I ricercatori dell’Università di Hertfordshire hanno acquistato 200 memorie USB – 100 negli Stati Uniti, 100 nel Regno Unito – (continua)