Home > Altro > Uomo arrestato per aver distrutto i dati dell’ex datore di lavoro

Uomo arrestato per aver distrutto i dati dell’ex datore di lavoro

articolo pubblicato da: Elygiuliano | segnala un abuso

Uomo arrestato per aver distrutto i dati dell’ex datore di lavoro

Dopo essere stato licenziato, l’ex dipendente è tornato per vendicarsi

Secondo un rapporto della Thames Valley Police del Regno Unito, un uomo britannico dovrà scontare due anni di prigione per aver cancellato dal sistema di storage in Cloud di un’azienda i dati critici del suo ex-datore di lavoro.

All’inizio del 2016 Steffan Needham, di Bury, Greater Manchester, per quattro settimane ha lavorato come consulente IT presso un’agenzia di marketing e software digitale chiamata Voova. Dopo essere stato licenziato per scarso rendimento, ha utilizzato l’account Amazon Web Services (AWS) di un ex collaboratore per accedere a 23 server AWS, dove ha cancellato i dati relativi ai clienti Voova.

La vendetta costò alla società 500.000 sterline (650.000 dollari USA) in contratti persi, provocando inoltre il licenziamento di un certo numero di dipendenti. Purtroppo i dati non sono mai stati recuperati.

Needham era riuscito a cavarsela per oltre 10 mesi, dopo aver commesso il reato a lui imputato tra il 17 e il 18 maggio 2016. All’inizio di questo mese, Needham è stato accusato di aver violato il Computer Misuse Act vigente nel Regno Unito, e dopo un processo di nove giorni è arrivata la sentenza della Reading Crown Court che l’ha giudicato colpevole di tutti i capi d’imputazione. L’uomo è stato immediatamente trasferito in carcere dove dovrà scontare due anni di detenzione.

“Le sue azioni, anche se erano solo una questione di clic su un computer, hanno causato importanti perdite finanziarie alla società interessata, e diverse persone hanno perso il lavoro per colpa sua”, ha detto Giles Murphy del team Cyber ​​Crime della polizia di Loddon Valley.

Secondo un precedente rapporto del tribunale, la società non era riuscita a implementare l’autenticazione a più fattori, che molto probabilmente sarebbe stata sufficiente per tenere a bada Needham, come anche dei controlli interni più rigorosi avrebbero limitato la portata del danno impedendo la cancellazione totale dei dati conservati dall’azienda.

“Vorremmo ricordare alle aziende di assicurarsi che gli ex dipendenti non possano più accedere all’infrastruttura della società una volta lasciato il posto di lavoro”, ha consigliato Murphy alle imprese, ricordando quanto il personale insoddisfatto possa minare la sicurezza dei loro dati.

ESET Italia coglie l’occasione per ricordare quanto siano importanti le procedure per la sicurezza dei dati, tra cui non deve assolutamente mancare un sistema di backup affidabile a cui affiancare magari un valido strumento per l’autenticazione a due fattori in grado di impedire accessi indesiderati alle informazioni dell’azienda.
 
Per ulteriori informazioni su ESET visitare il sito https://www.eset.com/it/



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Recupero SMS Cancellati e Chat da Cellulare, Smartphone e Tablet a Roma


Come aggiornare e formare con efficacia un datore di lavoro RSPP


Formazione RSPP e responsabilità penale


RSPP e la responsabilità civile


Recupero Foto Cancellate da Cellulari e Smartphone a Roma


Recupero Dati a Roma ? Scegli il servizio di Newtechsystem Recupero Dati


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Sicurezza Apple: scoperta app spia

Sicurezza Apple: scoperta app spia
Apple da sempre vanta un grande livello di sicurezza per i propri dispositivi, grazie anche a uno store blindato, ma uno studio effettuato da una azienda di sicurezza afferma che la strada per infettare i dispositivi della mela c’è ed è stata sfruttata più volte per diffondere applicazioni spia in grado di raccogliere dati. Una in particolare, emersa dallo studio, sfru (continua)

Allarme sextortion: ESET registra una nuova ondata di email truffa

Allarme sextortion: ESET registra una nuova ondata di email truffa
ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, avvisa gli utenti di una nuova ondata di messaggi fraudolenti di posta elettronica che cercano di estorcere denaro: il criminale informatico nella mail dichiara di aver violato il dispositivo della vittima designata filmando la persona mentre guardava contenuti pornografici. L'e-mail afferma an (continua)

Virus Bulletin premia nuovamente ESET con la certificazione VBSpam +

Virus Bulletin premia nuovamente ESET con la certificazione VBSpam +
ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, ha ricevuto la certificazione VBSpam + nella VBSpam Email Security Comparative Review di marzo 2019.   La review ha analizzato 11 soluzioni di sicurezza e-mail complete e sette blacklist, per misurare le loro prestazioni rispetto a vari flussi di e-mail indesiderate. VBSpam è una (continua)

Operazione LITTLE PLAYERS, una nuova vittoria contro la pedopornografia

Operazione LITTLE PLAYERS, una nuova vittoria contro la pedopornografia
ESET Italia da sempre vicina alla sicurezza dei minori online è davvero orgogliosa di poter condividere sul proprio blog un importante successo delle forze dell’ordine, riportando integralmente i dettagli dell’operazione “LITTLE PLAYERS“. Un soggetto arrestato, 33 persone indagate, 82 dispositivi elettronici e migliaia di file contenenti materiale pedopornografi (continua)

La maggior parte delle pen drive USB di seconda mano contiene dati dei precedenti proprietari

La maggior parte delle pen drive USB di seconda mano contiene dati dei precedenti proprietari
Come dimostra un recente studio, molti utenti non si preoccupano adeguatamente quando cedono le proprie chiavette USB, lasciando spesso documenti o informazioni riservate che possono essere facilmente recuperate dai nuovi proprietari dei dischi. I ricercatori dell’Università di Hertfordshire hanno acquistato 200 memorie USB – 100 negli Stati Uniti, 100 nel Regno Unito – (continua)