Home > Libri > Novità: Dittologie Congelate e Café Letterario Online di Federico Li Calzi

Novità: Dittologie Congelate e Café Letterario Online di Federico Li Calzi

Novità: Dittologie Congelate e Café Letterario Online di Federico Li Calzi

 Il poeta siculo Federico Li Calzi (1981, Agrigento), dopo il successo della raccolta “Poetica Coazione”, continua l’ascesa nel mondo della poesia con la sua nuova silloge “Dittologie Congelate” e con un’idea innovativa: un Café Letterario Online.

 

Federico vive e lavora a Canicattì (AG) nella quale svolge la professione d’imprenditore. Dopo i primi anni di Università, Federico preferisce dedicarsi e dunque proseguire l’attività di famiglia. L’interesse per la letteratura nell’autore germoglia sin dall’infanzia, infatti come dichiara l’autore in un’intervista:

“La passione per la scrittura nasce con lo stesso scrittore. Sembra retorico ma passione e scrittore convergono sullo stesso piano. Da bambino trascrivevo sulla carta emozioni, ricordi, (attingevo allora dalla musica, che insieme alle parole esercitavano nella mente uno stato evocativo di serenità) certo erano pensieri riferiti e non vissuti di persona.”

 

“Dittologie congelate”, edito da Edizioni Cerrito, sarà disponibile a partire dal mese di gennaio 2012 in due formati: cartaceo ed ebook acquistabili direttamente sul suo sito web al costo, rispettivamente, di €15.90 ed €6.90.

La raccolta consta di 128 pagine e presenta un’imponente rottura di stile rispetto a “Poetica Coazione” con stimolanti giochi di parole e controsensi in una forma ellittica, asciutta, priva di aggettivi.

 

La prefazione è a cura del critico Nuccio Mula, incontrato nella prima silloge, mentre, la postfazione è del genovese Enrico Testa, Professore Ordinario Facoltà di Lettere e Filosofia nell’Università degli Studi di Genova. La foto di copertina è dell’artista Mark Kostabi (1960, Los Angeles) pittore e compositore statunitense.

 

La tematica base de “Dittologie Congelate” è l’incomunicabilità tra due soggetti, una situazione che ognuno di noi conosce ma che, nelle liriche di Li Calzi, viene estremizzata, ricalcata, reinventata per schiudere altri fondamentali temi quali il ricordo, il rimpianto, la nostalgia per un amore, la solitudine dell’io. La musicalità del verso è altamente ricercata, giochi di parole e figure retoriche sono parte sostanziale dell’opera che si presenta in modo del tutto omogeneo e coerente con la sua struttura.

 

Altra novità del poeta siculo è la creazione di un vero e proprio Café Letterario Online, ubicato attualmente nella sezione “blog” del sito dell’autore ma, da gennaio avrà autonomia e nomenclatura; uno spazio nel quale ogni utente potrà liberamente discutere delle poesie, articoli, recensioni, comunicati stampa, interviste. Uno spazio comune nel quale condividere le emozioni poetiche in un’ottica innovativa ed al passo con i tempi.

 

Vi lascio al sito di Federico Li Calzi nel quale potrete scaricare gratuitamente la silloge “Poetica Coazione”:

http://www.federicolicalzi.it/

 

Per leggere l’ultima intervista di Federico Li Calzi:

http://oubliettemagazine.com/2011/11/14/intervista-di-alessia-mocci-a-federico-li-calzi-ed-alla-sua-nuova-raccolta-poetica-dittologie-congelate/

 

 

Alessia Mocci

Responsabile dell’Ufficio Stampa di Federico Li Calzi

 

federico li calzi | poetica coazione | dittologie congelate | nuccio mula | poeti siculi | cafe letterario |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Finalmente in libreria “Dittologie Congelate”, nuova raccolta poetica di Federico Li Calzi


Dittologie Congelate, la nuova raccolta poetica di Federico Li Calzi


Intervista di Alessia Mocci a Federico Li Calzi, autore del romanzo Nove periodico


Poetica Coazione di Federico Li Calzi, recensione di Diego Romeo


Parli come di Federico Li Calzi tratta da Poetica Coazione, recensione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

Intervista di Alessia Mocci ad Andrea Parravicini: vi presentiamo “La mente di Darwin”

Intervista di Alessia Mocci ad Andrea Parravicini: vi presentiamo “La mente di Darwin”
    “[…] ritengo che un dialogo serio e produttivo tra scienza e filosofia sia oggi quanto mai prezioso. Perché da un lato la filosofia non può fare a meno di confrontarsi con la scienza, altrimenti rischia di divenire una pratica autoreferenziale che non ha più alcun contatto con le problematiche concrete degli esseri umani.” ‒ Andrea Parr (continua)

Darcy Ribeiro e la Saudade

Darcy Ribeiro e la Saudade
“Se nossos governantes não fizerem escolas, em 20 anos faltará dinheiro para construírem presídios.” (“Se i nostri governatori non faranno scuole, in 20 anni saranno necessari soldi per costruire le prigioni.”) ‒ Darcy Ribeiro   Figlio del farmacista Reginaldo Ribeiro dos Santos e dell’insegnante Josefina Augusta da Silveira (continua)

Darcy Ribeiro e il romanzo utopico: la prefazione di Giancorrado Barozzi del romanzo Utopia selvaggia

Darcy Ribeiro e il romanzo utopico: la prefazione di Giancorrado Barozzi del romanzo Utopia selvaggia
  Terzo dei quattro romanzi pubblicati in vita da Darcy Ribeiro, poliedrico autore (per un 30% antropologo evoluzionista, per un altro 30% politico riformatore, per un 20% intellettuale cosmopolita e per il restante 20% boccaccesco affabulatore), Utopia selvagem, che si presenta qui in una nuova traduzione, fonde assieme, come in una tropicale sarabanda di Carnevale, elementi tra loro eterog (continua)

Intervista di Alessia Mocci a Luc Vancheri: la pubblicazione italiana del saggio francese “Cinema e Pittura”

Intervista di Alessia Mocci a Luc Vancheri: la pubblicazione italiana del saggio francese “Cinema e Pittura”
 “Come ogni evoluzione tecnologica, la computer graphics ha sconvolto l’economia delle immagini sostituendo un medium a un altro. Il passaggio dall’analogico al digitale ha profondamente turbato il modello ontologico dell’immagine fotografica – alcuni vi hanno visto una morte del cinema, prima che i cineasti stessi si siano messi a pensare i loro film a partire d (continua)

In libreria Memorie di trasformazione. Storie da Manicomio di Cinzia Migani, Negretto Editore

In libreria Memorie di trasformazione. Storie da Manicomio di Cinzia Migani, Negretto Editore
 “Se uno si soffermasse ad osservare le statistiche manicomiali redatte nel corso dell’Ottocento non potrebbe fare a meno di porsi un interrogativo: la malattia mentale è contagiosa? Quale virus contagiò la popolazione italiana in quegli anni, visto che mano a mano che passavano i giorni le persone sembravano essere sempre più insane di mente? Che si trattasse (continua)