Home > Libri > Intervista di Alessia Mocci ad Enrico Nascimbeni ed al suo Il Non-Amore ai tempi di Facebook, Rupe Mutevole Edizioni

Intervista di Alessia Mocci ad Enrico Nascimbeni ed al suo Il Non-Amore ai tempi di Facebook, Rupe Mutevole Edizioni

Intervista di Alessia Mocci ad Enrico Nascimbeni ed al suo Il Non-Amore ai tempi di Facebook, Rupe Mutevole Edizioni

 “[…] scrivere un racconto e una poesia lo possono fare in tantissimi. Ma di scrittori veri e poeti ce ne sono pochi. Ed è giusto che sia così.”

 

Enrico Nascimbeni(Verona, 1959) è un cantautore, poeta, scrittore e giornalista italiano. Ha lavorato per giornali quali Il Giorno, L’Arena, L’indipendente, Studio Aperto;  moltissime le collaborazioni musicali (Roberto Vecchioni, Syria, Paola Turci, Leonard Cohen, Francesco Baccini, Suzanne Vega) ma non solo, infatti, sono svariati gli album che dal 1977 sono stati prodotti.

Tre anni fa pubblica “Non-Poesie – L’amore ai tempi di Myspace” riscuotendo un notevole successo, ed nel 2012 “Il Non-Amore ai tempi di Facebook”, edito dalla casa editrice Rupe Mutevole Edizioni nella collana editoriale “La Quiete e l’Inquietudine”, con prefazione dell’amico Roberto Vecchioni.

Componimenti di poesia e riflessione allo stesso tempo, un autore che da vita alle sue emozioni in modo sentimentale, affermandosi autore poliedrico ed umile nei confronti dell’amata Poesia.

 

Enrico Nascimbeni è stato molto disponibile nel rispondere ad alcune domande sulla sua nuova pubblicazione e sulla sua presentazione venerdì 17 febbraio 2012 a Sanremo. Buona lettura!

 

 

 

A.M.: Chi è Enrico Nascimbeni?

 

Enrico Nascimbeni: Me lo chiedo spesso anch’io. E non trovo la risposta. Sono un cantautore- autore -giornalista professionista-scrittore. Ma soprattutto sono un sognatore, un ricercatore meticoloso di utopie ed un uomo fortemente fragile. E ho visto che la mia fragilità è così marcata che spesso i sogni e le utopie nelle mia vita e nel mio lavoro sono diventate realtà. 


A.M.: Che cosa significa scrivere?

 

Enrico Nascimbeni: Condividere con gli altri la propria realtà, in un reciproco scambio di piccole emozioni quotidiane. Dallo svuotare un vaso di nutella al guardare fuori dalla finestra, sperando in un ritorno.


A.M.: Sei uno scrittore da carta e penna oppure da tastiera del pc?

 

Enrico Nascimbeni: Tutte e due le cose. Anche se io scrivo frasi anche su liste della spesa o locandine pubblicitarie.


A.M.: "Il Non-Amore ai tempi di Facebook". Ci può illustrare le tematiche della tua pubblicazione?

 

Enrico Nascimbeni: Un viaggio nelle piccole cose della vita che per un attimo possono diventare immense. Uno sguardo nel ricordo. Un infinito amore per l’amore.


A.M.: La prefazione è firmata da Roberto Vecchioni. E' stata una tua scelta?

 

Enrico Nascimbeni: Ho fortemente voluto io che Roberto scrivesse la prefazione. Con lui ho diviso il mestiere del cantautore, la vita, gli amori. È il padre-maestro. Chi meglio di lui avrebbe potuto descrivermi?

 

A.M.:  17 febbraio 2011 alle ore 18:30 a Sanremo ci sarà la presentazione de "Il Non-Amore ai tempi di Facebook". Cosa ti aspetti dall'evento?

 

Enrico Nascimbeni: Di coinvolgere il pubblico. E, magari, anche per un solo minuto, condividere con il pubblico un’emozione.



A.M.: Che cosa ne pensi della casa editrice Rupe Mutevole? La consiglierebbe?

 

Enrico Nascimbeni: Una casa editrice che ha il profumo di casa. Gestita da persone di grande sensibilità. Certo che la consiglio. Con una affermazione presuntuosa ma onesta: scrivere un racconto e una poesia lo possono fare in tantissimi. Ma di scrittori veri e poeti ce ne sono pochi. Ed è giusto che sia così.



A.M.: Altre novità per il 2012? Ci puoi anticipare qualcosa?

 

Enrico Nascimbeni: Sto ultimando un libro-biografia su mio padre, Giulio Nascimbeni. Un nuovo album all’orizzonte. Ed un tour musicale che mi porterà dalla Russia a Cuba fino al Venezuela.

 

 

A.A.: Quante novità interessanti Enrico! Grazie per la tua disponibilità e ti auguro un anno pieno del dovuto successo! Inoltre ricordo che venerdì 17 febbraio 2012 alle ore 18:30 Enrico Nascimbeni presenterà “Il Non-Amore ai tempi di Facebook” nel cuore della città dei fiori  a Portosole, Media Music Village, durante le giornate del Festival di Sanremo:

http://oubliettemagazine.com/2012/02/11/novita-rupe-mutevole-edizioni-presentera-alcuni-suoi-autori-durante-le-giornate-del-festival-di-sanremo/

 

Lascio link utili per visitare il sito della casa editrice e per ordinare il libro.

http://www.rupemutevoleedizioni.com/

http://www.reteimprese.it/rupemutevoleedizioni

http://www.facebook.com/pages/Ufficio-Stampa-Rupe-Mutevole/126491397396993

 

Alessia Mocci

Responsabile Ufficio Stampa Rupe Mutevole Edizioni

 

Fonte:

http://oubliettemagazine.com/2012/02/14/intervista-di-alessia-mocci-ad-enrico-nascimbeni-ed-al-suo-il-non-amore-ai-tempi-di-facebook-rupe-mutevole-edizioni/

enrico nascimebeni | rupe mutevole | il non amore ai tempi di facebook |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Le novità editoriali primaverili della casa editrice Rupe Mutevole Edizioni


Intervista di Alessia Mocci a Massimo Bianco ed al suo Capelli, Rupe Mutevole Edizioni


Intervista di Alessia Mocci ad Alima Meli ed al suo Lettera a Tommaso, Rupe Mutevole


Intervista di Alessia Mocci a Carla Zancanaro ed al suo Metropoli Tana


Intervista di Alessia Mocci a Gigliola Biagini ed al suo Nessuno dei vostri baci è caduto per terra


Intervista di Alessia Mocci a Mario Raso ed al suo Morgete fragranze incise d’agave


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

Intervista di Alessia Mocci ad Andrea Parravicini: vi presentiamo “La mente di Darwin”

Intervista di Alessia Mocci ad Andrea Parravicini: vi presentiamo “La mente di Darwin”
    “[…] ritengo che un dialogo serio e produttivo tra scienza e filosofia sia oggi quanto mai prezioso. Perché da un lato la filosofia non può fare a meno di confrontarsi con la scienza, altrimenti rischia di divenire una pratica autoreferenziale che non ha più alcun contatto con le problematiche concrete degli esseri umani.” ‒ Andrea Parr (continua)

Darcy Ribeiro e la Saudade

Darcy Ribeiro e la Saudade
“Se nossos governantes não fizerem escolas, em 20 anos faltará dinheiro para construírem presídios.” (“Se i nostri governatori non faranno scuole, in 20 anni saranno necessari soldi per costruire le prigioni.”) ‒ Darcy Ribeiro   Figlio del farmacista Reginaldo Ribeiro dos Santos e dell’insegnante Josefina Augusta da Silveira (continua)

Darcy Ribeiro e il romanzo utopico: la prefazione di Giancorrado Barozzi del romanzo Utopia selvaggia

Darcy Ribeiro e il romanzo utopico: la prefazione di Giancorrado Barozzi del romanzo Utopia selvaggia
  Terzo dei quattro romanzi pubblicati in vita da Darcy Ribeiro, poliedrico autore (per un 30% antropologo evoluzionista, per un altro 30% politico riformatore, per un 20% intellettuale cosmopolita e per il restante 20% boccaccesco affabulatore), Utopia selvagem, che si presenta qui in una nuova traduzione, fonde assieme, come in una tropicale sarabanda di Carnevale, elementi tra loro eterog (continua)

Intervista di Alessia Mocci a Luc Vancheri: la pubblicazione italiana del saggio francese “Cinema e Pittura”

Intervista di Alessia Mocci a Luc Vancheri: la pubblicazione italiana del saggio francese “Cinema e Pittura”
 “Come ogni evoluzione tecnologica, la computer graphics ha sconvolto l’economia delle immagini sostituendo un medium a un altro. Il passaggio dall’analogico al digitale ha profondamente turbato il modello ontologico dell’immagine fotografica – alcuni vi hanno visto una morte del cinema, prima che i cineasti stessi si siano messi a pensare i loro film a partire d (continua)

In libreria Memorie di trasformazione. Storie da Manicomio di Cinzia Migani, Negretto Editore

In libreria Memorie di trasformazione. Storie da Manicomio di Cinzia Migani, Negretto Editore
 “Se uno si soffermasse ad osservare le statistiche manicomiali redatte nel corso dell’Ottocento non potrebbe fare a meno di porsi un interrogativo: la malattia mentale è contagiosa? Quale virus contagiò la popolazione italiana in quegli anni, visto che mano a mano che passavano i giorni le persone sembravano essere sempre più insane di mente? Che si trattasse (continua)