Home > Keyword : stufa a pellet cliccata 498 volte

Quando scegliere una stufa a pellet come riscaldamento di casa

Le stufe a pellet funzionano in modo simile alle stufe a legna e vengonoutilizzate per il riscaldamento di qualsiasi tipo di locale. Il combustibile necessario per il funzionamento delle stufe è il pellet, un elemento naturale realizzato dagli scarti della lavorazione del legno. Per cui non occorre abbetere alberi per la realizzazione di pellet. Le stufe a pellet sono simili alle stufe a legna; il serbatoio dove viene conservato il pellet da utilizzare in genere può contenere dai 15 ai 61 Kg di combustibile, dipende dal tipo di stufa scelto. Dentro al serbatoio si trova ...

stufa a pellet | stufe a pellet | riscaldamento a pellet | riscaldare casa | riscaldamento casa | tipi di riscaldamento |



 

[1]

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Ultime notizie

Fermo: Insistere sulla conoscenza dei DIRITTI UMANI per una società pacifica e rispettosa del prossimo.

 Fermo: Insistere sulla conoscenza dei DIRITTI UMANI per una società pacifica e rispettosa del prossimo.
Si è svolta sabato scorso, l'iniziativa dei volontari di "UNITI PER I DIRITTI UMANI" che hanno raggiunto il centro storico della cittadina Fermana per distribuire direttamente decine e decione di copie del libretto informativo, Conoscere per rispettare Si è svolta sabato scorso, l'iniziativa dei volontari di "UNITI PER I DIRITTI UMANI" che hanno raggiunto il centro storico della cittadina Fermana per distribuire direttamente decine e decione di copie del libretto informativo, dedicato a far conoscere la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, redatta sin dal 1948, per tutelare i diritti umani in tutto il mondo. (continua)

Tra le diverse possibilità di migliorare i rapporti con gli altri eccovene alcune

I rapporti interpersonali, a volte, possono sembrarci difficili da gestire e, soprattutto per quelli che ci stanno più a cuore, vorremmo poterli migliorare. Ci possono essere diversi modi per farlo, quello che vi offriamo qui è la possibilità di conoscere un modo che ha dato un gran numero di comprovati risultati.Nel vasto panorama dei dati che stanno alla base della filosofia religiosa di Sciento (continua)


"Le cose a metà" è il nuovo sinigolo di Antonello D'Angeli


Il 21 Gennaio 2022 è uscito su tutti i digital stores “Le cose a metà” il nuovo singolo del cantautore romano Antonello D’Angeli; la produzione musicale è stata curata dallo stesso artista, mentre il brano è distribuito e promosso da Free Club Factory. L’uscita del singolo è accompagnata da un videoclip prodotto da Free Club Factory, per la regia e post-produzione di Leonardo Angelucci e Matteo Troiani. Il 21 Gennaio 2022 è uscito su tutti i digital stores “Le cose a metà” il nuovo singolo del cantautore romano Antonello D’Angeli; la produzione musicale è stata curata dallo stesso artista, mentre il brano è distribuito e promosso da Free Club Factory. L’uscita del singolo è accompagnata da un videoclip prodotto da Free Club Factory, per la regia e post-produzione di Leonardo Angelucci  e &nb (continua)

"C'è Costa per te". – Il nuovo spettacolo di Antonello Costa


"C'è Costa per te".  – Il nuovo spettacolo di Antonello CostaE’ in scena al Teatro Manzoni di Roma dal 27 Gennaio al 20 Febbraio òo spettacolo “C’è Costa per te” interpretato dal bravo e talentuoso Antonello Costa.Una sorta di omaggio alla regina della tv Maria de Filippi che, con il suo format dedicato al valore dei sentimenti, fa sorridere i cuori registrando da anni record di ascolti. (continua)

CISCO “Bocche inutili” è il toccante brano nella colonna sonora dell’omonimo film che racconta la vita drammatica di alcune donne ebraiche in un campo di concentramento

CISCO “Bocche inutili” è il toccante brano nella colonna sonora dell’omonimo film che racconta la vita drammatica di alcune donne ebraiche in un campo di concentramento
Un ricordo profondo di uno dei periodi più bui della storia mondiale Sulle piattaforme digitali dal 26 gennaio “Bocche inutili" è il nuovo brano che Cisco ha scritto e firmato per la colonna sonora dell’omonimo film diretto da Claudio Uberti. La pellicola racconta delle condizioni di vita drammatiche di alcune donne ebraiche all’interno di un campo di concentramento, durante la seconda g (continua)