Home > Altro > Regione Lazio, quando per alcuni le elezioni sono un optional

Regione Lazio, quando per alcuni le elezioni sono un optional

scritto da: Carlospinelli | segnala un abuso

Regione Lazio, quando per alcuni le elezioni sono un optional

Carlo Spinelli responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti commenta la decisione del governatore del Lazio di allargare la maggioranza al movimento Cinque Stelle considerandola contro il volere popolare espresso nelle ultime consultazioni elettorali e apre le porte a tutti coloro che non si sentono più rappresentati dai pentastellati.


Roma 15 marzo: E’ ufficiale, il movimento Cinque Stelle entra nella giunta regionale di Nicola Zingaretti. Questo matrimonio era nell’aria da tempo ormai ed alla fine è andato in porto. Il movimento Italia dei Diritti attraverso il responsabile alla politica interna Carlo Spinelli critica la decisione presa dal Governatore laziale reo, a suo dire, di aver disatteso la scelta degli elettori che in sede di consultazioni aveva votato Zingaretti contro i Cinque stelle e viceversa: “ Mi viene da dire ma che ci andiamo a fare a votare se poi quanto esce dall’urna viene disatteso? Quando gli elettori della regione Lazio si sono recati nella cabina elettorale esprimendo le proprie preferenze quelli del PD non immaginavano che un giorno con quei voti avrebbero mandato i pentastellati al governo della regione così come quei voti espressi in favore dei Cinque stelle non sarebbero mai dovuti andare a favorire una giunta di centrosinistra che si contrapponeva al loro movimento. Se centrosinistra e Cinque Stelle – si domanda Spinelli – avessero concorso insieme siamo sicuri che avrebbero preso i voti utili per governare la regione? C’è qualcosa che non quadra e questo modo di comportarsi andrebbe rivisto, se i Cinque Stelle o comunque altri partiti o movimenti che si trovano all’opposizione per volere del popolo intendono appoggiare la giunta che governa in provvedimenti che ritengono validi, sono liberi di farlo anche perché opposizione non significa dire sempre no ed anche chi si trova contrario alla coalizione che governa deve lavorare per il bene dei cittadini quindi punti in comune si possono trovare, ma da questo ad entrare in una coalizione di governo ce ne passa. Secondo il mio parere e quello del movimento che rappresento – continua spinelli – nel momento in cui una maggioranza viene meno si dovrebbe tornare alle urne e una nuova maggioranza, in questo caso PD e Cinque Stelle, doveva essere ratificata dagli elettori. E’ vero che stiamo vivendo un momento particolare è votare adesso sarebbe assurdo ma crediamo, anche se non ci fossimo trovati in piena pandemia, che questa nuova maggioranza si sarebbe comunque creata alla faccia di chi, pur votando PD, LeU,  +Europa e Cinque Stelle, non la voleva. Sembra che ormai il PD non possa più fare a meno dei Cinque Stelle e viceversa, un amore reciproco nato sotto il segno di Giuseppe Conte ( che ha comunque sempre tutta la nostra stima per come ha condotto il Paese in piena emergenza pandemica ) e che lega ormai i due gruppi in un legame che al momento sembra indissolubile ma che deve essere ancora avallato dall’elettorato. Il nostro movimento comunque tiene le porte aperte per tutti coloro che non si riconoscono più nei Cinque Stelle e che cercano una nuova casa e nuove opportunità per portare avanti una politica che riporti la legalità e faccia rispettare i nostri diritti compreso quello di decidere chi ci deve governare cosa che viene sempre più disattesa da inciuci post elettorali; sono inoltre in compilazione le liste per le prossime amministrative che si svolgeranno in autunno e valutiamo . conclude Spinelli – candidature per tutti coloro che non vogliono più delegare ma essere delegati e rappresentare i cittadini nei consigli comunali”.

Ufficio stampa Italia dei Diritti politica interna

E mail idd.polinterna@gmail.com  

Zingaretti | Spinelli | Italia dei Diritti | Cinque Stelle | PD | regione Lazio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Condizionatore, servosterzo e airbag: ecco gli optional cui non potremmo più rinunciare


Spinelli ( IDD ) interviene sul mancato pagamento dei salari da parte di Lazio ambiente ai propri dipendenti ed attacca duramente i comuni inadempienti.


Spinelli IDD si schiera al fianco dei lavoratori Lazio ambiente contro l'azienda e la regione Lazio


Samuel Piazza:


Convegno "COOP NO SPRECO"


Progetto SCA. Gestione clinica della Sindrome Coronarica Acuta in Regione Lazio - 11 Febbraio 2021, ORE 11-13:30


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Vicovaro, la pulizia c’è (?) ma non si vede

Vicovaro, la pulizia c’è (?) ma non si vede
Il movimento Italia dei Diritti attraverso il responsabile per Vicovaro Giovanni Ziantoni critica il Sindaco De Simone che sui social annunciò la pulizia del Paese attraverso le persone che percepivano il reddito di cittadinanza, ma questa pulizia purtroppo non si vede Roma 04 Maggio: Qualche tempo fa il Sindaco di Vicovaro Fiorenzo De Simone annunciava in un post sulla propria pagina facebook la pulizia del Paese grazie all’utilizzo di quei residenti che percepivano il reddito di cittadinanza, iniziativa lodevole e più che giustificata per dare nuovo decoro alla cittadina laziale senza gravare sulle casse comunali; peccato però che i risultati non si vedono. Al (continua)

Priorità vaccini, Italia dei Diritti chiede l'immediata vaccinazione dei commessi dei supermercati

Priorità vaccini, Italia dei Diritti chiede l'immediata vaccinazione dei commessi dei supermercati
Carlo Spinelli responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti invita il governo italiano a prendere in considerazione l'eventualità di inserire in via prioritaria nel programma vaccinale commesse e commessi dei supermercati per tutelarne la salute e rompere una possibile catena veicolare del virus. Roma 11 Aprile 2021: In questi giorni si sta discutendo molto su chi debba avere priorità sui vaccini e le categorie a rischio che necessitano di un'accelerazione nel piano vaccinale e dal governo le linee guida sono le stesse ovvero over 80 per poi passare ai settantenni e così via comprendendo le persone più fragili senza limite di età; la regione Lazio ha poi indicato, con l'arrivo del nuo (continua)

Crisi di governo, Italia dei Diritti accoglie con ottimismo la fiducia a Conte

Crisi di governo, Italia dei Diritti accoglie con ottimismo la fiducia a Conte
Carlo Spinelli responsabile per la politica interna del movimento fondato e presieduto da Antonello De Pierro si dice soddisfatto per la fiducia accordata al governo Conte seppure ottenuta al Senato con una maggioranza relativa e spera che l'esecutivo duri almeno fino alla fine dell'emergenza da Covid-19 Roma: Come si prevedeva anche al Senato Giuseppe Conte ottiene la fiducia, seppur  senza ottenere la maggioranza assoluta, e va avanti con il suo governo intraprendendo comunque una strada difficile e irta di difficoltà come ci dice Carlo Spinelli responsabile per la politica interna del movimento Italia dei Diritti:” Non sarà certo facile per Giuseppe Conte gestire questa fase di govern (continua)

Crisi di governo Italia dei Diritti si schiera con Conte critica Renzi e chiede l'adesione al movimento dei parlamentari pro Conte liberi da vincoli di partito

Crisi di governo Italia dei Diritti si schiera con Conte critica Renzi e chiede l'adesione al movimento dei parlamentari pro Conte liberi da vincoli di partito
Il responsabile per la politica interna di Italia dei Diritti Carlo Spinelli prende le difese del Premier Conte definendo positiva la sua esperienza di governo, critica aspramente la decisione di Renzi di aprire la crisi e si appella ai parlamentari in questo momento liberi da vincoli di partito chiedendo loro di aderire al movimento per creare un gruppo sia alla Camera che al Senato a sostegno del Premier Roma 14 gennaio: Tanto tuonò che piovve; e così dopo averlo più volte gridato ai quattro venti Renzi toglie i due ministri di Italia Viva dal governo e apre ufficialmente la crisi. Una crisi che si sarebbe dovuta evitare visto il periodo che stiamo vivendo, un comportamento da molti giudicato irresponsabile e criticato aspramente anche dalla stampa estera. Da molte parti campeggiano gli sloga (continua)

Raccolta differenziata a Lanuvio, tarip vera o presunta?

Raccolta differenziata a Lanuvio,  tarip vera o presunta?
Carlo Spinelli responsabile nazionale per la politica interna e segretario provinciale romano del movimento Italia dei Diritti denuncia gravi disservizi relativi alla Tarip nel comune di Lanuvio e chiede all'assessore all'ambiente delucidazioni sull'applicazione della stessa. Roma 28 dicembre 2020: Ormai un po’ tutti i comuni si stanno adeguando alla raccolta differenziata porta a porta unica via, in questa parte d'Italia, per raggiungere una percentuale accettabile di rifiuti differenziati, tutelare l'ambiente e far risparmiare qualche soldo ai contribuenti. In questo senso molti comuni stanno passando alla Tarip ( tariffa puntuale ) che permette di quantificare (continua)