Home > News > La Lapi Chimici festeggia settant’anni di attività

La Lapi Chimici festeggia settant’anni di attività

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

La Lapi Chimici festeggia settant’anni di attività


Settanta anni di attività per la Lapi Chimici. L’azienda di Montagnano, nata nel 1951, è oggi tra i leader a livello nazionale per la ricerca e la produzione di prodotti chimici e raggiunge l’importante traguardo in un momento particolarmente positivo caratterizzato da crescita di fatturati, nuove assunzioni e investimenti.

La prima ricevuta della Lapi Chimici era datata 16 marzo 1951, dunque proprio martedì 16 marzo 2021 è il giorno in cui ricade l’anniversario di un’azienda che nel corso dei decenni è stata caratterizzata dalla capacità di rinnovarsi e di adattare la produzione ai diversi momenti storici. I primi decenni di attività sono stati infatti legati alla commercializzazione di varichina e di prodotti per la pulizia, poi negli anni ’80 è stata registrata la svolta verso lo studio di detergenti e prodotti chimici per l’industria rivolti soprattutto all’oreficeria, e più recentemente è arrivata la specializzazione nei prodotti chimici per piscine di cui oggi è tra i massimi riferimenti nel panorama italiano. Questi sviluppi hanno permesso alla Lapi Chimici di vivere una costante crescita che ha trovato la sua miglior espressione nell’ultimo triennio con un incremento totale dei fatturati del 58%, una produzione fino a sei milioni di chili e un aumento dei dipendenti dai diciannove del 2018 ai trentacinque attuali (per un totale di cinquantacinque addetti, comprensivo anche di collaboratori e di agenti commerciali). Ad emergere è anche la giovane età dei collaboratori, con una media sotto i quarant’anni. Nel 2021, inoltre, sono già state effettuate due assunzioni e ne sono previste altrettante nei prossimi mesi in ruoli diversificati che spaziano dal magazzino al laboratorio di ricerca. «Il nostro punto di forza - commenta Lucia De Lapi, una dei titolari della Lapi Chimici insieme ai fratelli Roberto, Paola e Chiara, - è stato la capacità di reagire ai cambiamenti e di interpretare la società, garantendo professionalità e innovazione attraverso il nostro laboratorio di ricerca. Festeggiamo i settant’anni in un periodo di forte crescita, testimoniato anche dalle quattro assunzioni registrate solo nell’ultimo anno nonostante le incertezze e le difficoltà collegate all’emergenza sanitaria».

La spinta all’innovazione e gli investimenti nella ricerca sono stati affiancati da una particolare attenzione rivolta verso l’aggiornamento continuo del personale, con la Lapi Chimici che ha previsto circa novecento ore di formazione per i propri dipendenti impegnati nelle diverse mansioni. Un particolare percorso formativo è stato previsto gratuitamente nel 2021 anche per i clienti attraverso l’organizzazione di un ciclo di incontri in videoconferenza dedicati alla disinfezione delle piscine per procedere sempre più verso l’ottenimento di acqua potabile e per la gestione di eventuali problematiche nella cura delle stesse piscine, promuovendo un ciclo di lezioni che ha già registrato l’adesione di oltre duecento partecipanti da tutta Italia. Nel corso dell’anno, inoltre, l’azienda proseguirà i propri investimenti in tecnologia e immobili, muovendo i primi passi anche per un raddoppiamento dello stabilimento di Montagnano dagli attuali 20.000 metri quadrati fino ad una prospettiva futura di 40.000 metri quadrati. «Il nostro maggiore motivo di orgoglio - conclude De Lapi, - è oggi rappresentato dall’area di ricerca e sviluppo, attraverso un laboratorio dove studiamo soluzioni innovative nell’ambito della chimica orientata alla pulizia e alla detersione. La più recente sfida è rappresentata dalla ricerca di prodotti ecosostenibili con un sempre minor impatto ambientale e per la tutela della salute delle persone, con un ruolo di riferimento in Toscana e in Italia».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La Lapi Chimici vince il bando per ricerca e sviluppo della Regione Toscana


Il Lions Club Arezzo Mecenate festeggia i venticinque anni di attività


La protezione dagli agenti chimici nei luoghi di lavoro


Diversi tipi di disinfestazione


Le "Carte" di Paolo Grigò e Paolo Lapi alla galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio


Il Lions Club Arezzo Mecenate ricorda i caduti di Nassiriya


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una nuova sinergia artistica collega street art e teatro

Una nuova sinergia artistica collega street art e teatro
Una sinergia per collegare arte urbana e teatro. L’associazione Noidellescarpediverse e il produttore culturale Matteo Bidini hanno avviato una collaborazione volta a promuovere progetti congiunti per un’educazione e una formazione all’arte nelle sue diverse forme, prevedendo iniziative che spaziano dai laboratori nelle scuole allo sviluppo della street art. Questi due soggetti aretini hanno (continua)

Il Tennis Giotto è la terza miglior scuola tennis toscana

Il Tennis Giotto è la terza miglior scuola tennis toscana
Il Tennis Giotto è la terza miglior scuola tennis della Toscana. Il riconoscimento è arrivato direttamente dalla Federazione Italiana Tennis che ha pubblicato le classifiche del “Grand Prix - Trofeo delle Scuole Tennis 2021” in cui ha proposto un confronto tra i circoli di tutta la penisola attraverso una valutazione dell’attività sportiva Under20 e dell’insegnamento giovanile della disciplin (continua)

Due nuovi progetti di servizio civile per le Acli di Arezzo

Due nuovi progetti di servizio civile per le Acli di Arezzo
Due nuovi progetti di servizio civile per le Acli di Arezzo. L’associazione ha pubblicato il bando che permetterà a quattro giovani tra i diciotto e i ventinove anni di vivere un’esperienza professionale e umana di un anno in cui mettersi alla prova tra diversi ambiti operativi collegati al sociale. L’accoglienza e l’inserimento dei nuovi civilisti sono previsti nel mese di maggio, ma per pre (continua)

Le ospiti della Casa Pia lavorano ai ferri per il Calcit

Le ospiti della Casa Pia lavorano ai ferri per il Calcit
Le ospiti della Casa di Riposo “Fossombroni” lavorano ai ferri per il Calcit. L’istituto cittadino, conosciuto come Casa Pia, ha aderito al progetto “Mani&Cuore per il Calcit” e ha coinvolto le proprie residenti con l’obiettivo di portare un contributo alla realizzazione di mille coperte di lana che, nei prossimi mesi, saranno stese in una manifestazione in cui verrà tappezzata e colorata (continua)

Un’antologia di poesie per raccontare l’identità di Raggiolo

Un’antologia di poesie per raccontare l’identità di Raggiolo
Una raccolta di poesie per esprimere e raccontare l’identità di Raggiolo. L’iniziativa, dal titolo “Una poesia per Raggiolo”, è stata promossa dalla Brigata di Raggiolo con la volontà di coinvolgere chi vive o ha vissuto il borgo casentinese in un percorso letterario volto a instaurare un collegamento tra il luogo e le parole dei grandi poeti. L’invito era infatti ad individuare una poesia o (continua)