Home > Libri > Maria Mazzali presenta il romanzo “A più tardi”

Maria Mazzali presenta il romanzo “A più tardi”

scritto da: DiffondiLibro | segnala un abuso

Maria Mazzali presenta il romanzo “A più tardi”

In questo romanzo si parla di una donna che decide di fare i conti con sé stessa, intraprendendo un coraggioso viaggio interiore nel presente e nei ricordi del passato; nell’opera si riflette inoltre sulle difficoltà dell’amore romantico, sul sentimento dell’invidia - «una peste emozionale indistruttibile», sulla natura a volte annientatrice del desiderio, sulla violenza di genere e sul decadimento morale della società.


Maria Mazzali

“A più tardi”


Casa Editrice: Silva Editore Genere: Narrativa contemporanea Pagine: 236 Prezzo: 18,00 €

 

«Constatò amaramente che nella propria vita aveva imparato a fare bene una cosa sola: andarsene. Andarsene come espressione di una scelta, di una presa di posizione politica, di una dichiarazione di guerra, di una capacità di cogliere il senso di una mossa, al di là delle apparenze formali. Riconosceva ormai le trappole mortali per la propria vitalità».

 

“A più tardi” della psichiatra e psicanalista Maria Mazzali è definito un romanzo eretico, perché parla di una donna che ha il coraggio di essere sé stessa e di non piegarsi alle convenzioni e ai compromessi. Si può ravvisare però anche un significato più profondo: l’autrice, attraverso la protagonista Valentina, suo alter ego, riesce a parlare di tematiche importanti mediante una mescolanza di vissuti reali - tratti dalla narrazione di vita dei pazienti in analisi - immaginari e autobiografici, discostandosi quindi dai trattati psichiatrici tradizionali. Maria Mazzali presenta un’opera passionale, audace e introspettiva, connotata da un’attuale e sana componente femminista; a tal proposito è significativo ciò che afferma lo psicanalista Giampaolo Lai nelle note finali del romanzo, in merito alla protagonista: «Valentina nel suo emblema di donna attuale ha perso la passività e la sottomissione al destino e agli eventi». Valentina è infatti una donna lucida, consapevole ed estremamente indipendente, che decide di concedersi una tregua da tutto e da tutti trascorrendo sei giorni a Parigi, in cui potrà finalmente trovarsi in intimità con sé stessa. Fragile e allo stesso tempo indomabile, la donna è arrivata alla soglia dei quarant’anni collezionando successi professionali in campo psicanalitico ma diversi fallimenti amorosi, a causa della sua tendenza a scappare alla prima avvisaglia di limitazione della sua libertà. Decide quindi di prendersi una parentesi di solitudine per fare un doveroso bilancio della sua esistenza, segnata dalla recente perdita di suo padre e stravolta della sua relazione con un uomo, Tancredi, di cui è perdutamente innamorata - «Si sarebbe fatta sommergere dalle proprie emozioni, le avrebbe riconosciute, ascoltate, amplificate, le avrebbe lasciate parlare a lungo tra di loro e infine avrebbe accettato il loro verdetto. Era il suo modo di cambiare, di sfuggire a qualsiasi logica imposta». In questo romanzo si parla di una donna che decide di fare i conti con sé stessa, intraprendendo un coraggioso viaggio interiore nel presente e nei ricordi del passato; nell’opera si riflette inoltre sulle difficoltà dell’amore romantico, sul sentimento dell’invidia - «una peste emozionale indistruttibile», sulla natura a volte annientatrice del desiderio, sulla violenza di genere e sul decadimento morale della società. “A più tardi” è un sensibile tentativo di comprensione dell’essere umano, in cui si racconta di un amore travolgente ma anche di una necessaria e terapeutica solitudine.

 

SINOSSI DELL’OPERA

Valentina si prende sei giorni di vacanza a Parigi, tagliando con i suoi impegni professionali; desidera stare da sola per fare un bilancio su sé stessa e sul particolare momento che sta attraversando. Ha quarant’anni, un’età cruciale per una donna. Deve prendere delle decisioni importanti, e per questo motivo ha accettato la sfida che le ha lanciato il suo inconscio. Per sondarsi ricorre all’associazione libera e a quella che lei chiama la scatola nera dei ricordi. Riaffiorano memorie, analizza tracce emotive, elabora il lutto per la morte del padre e riconsidera le sue relazioni con gli uomini. Oggi è innamoratissima di Tancredi, un amore arrivato apparentemente troppo tardi. Teme inconsciamente di cedervi, e lo comprende proprio durante l’evasione parigina, durante la quale diventerà finalmente l’analista di sé stessa.  

BIOGRAFIA DELL’AUTRICE

Maria Mazzali è una psichiatra e psicanalista; vive e lavora nel suo studio a Parma da libera professionista. Il suo maestro e mentore è il Prof. Giampaolo Lai, fondatore dell’Accademia delle Tecniche Conversazionali, di cui è socia. Collabora con lo Studio S di architettura al progetto “La casa mentale inconscia”, coniugando, dall’integrazione delle due discipline, il paradigma classico del bello, buono e vero con il concetto di salute dell’abitare. È Presidente culturale del Cineclub “Armando e Maria Grazia Caroli”, dove organizza incontri mensili di cinema e psicanalisi. Tiene corsi sulla psicologia dell’aggressività per aziende e studi professionali, e scrive articoli per riviste scientifiche, quotidiani e libri. La sua lunga esperienza psicanalitica è diventata la fonte ispiratrice dei suoi due romanzi, “A più tardi” (Silva Editore, 2018) e “Tancredi” (Silva Editore, 2019).

 

 

Contatti

https://www.instagram.com/maria_mazzali/?hl=en https://www.silvaeditore.com/

Link di vendita online

https://www.amazon.it/pi%C3%B9-tardi-Maria-Mazzali/dp/8877652063 https://www.ibs.it/a-piu-tardi-libro-maria-mazzali/e/9788877652065

 

 

 

Ufficio Stampa Diffondi Libro

https://www.diffondilibro.it/ Mail: info@diffondilibro.it Cell. Lisa Di Giovanni 3497565981

 

A più tardi | Maria Mazzali | romanzo d’amore | romanzo eretico | Silva Editore | Giampaolo Lai | scrittrice | libri | amore | scelte | coppia | indipendenza | psicanalisi | relazioni | fiducia | viaggio | femminismo | parità | invidia | violenza di genere | Parigi | con |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Legacoop Abruzzo e il nuovo piano di azione territoriale


Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”


La “Creatività appassionata” di Vanessa Mazzali in mostra online


Darcy Ribeiro e il romanzo utopico: la prefazione di Giancorrado Barozzi del romanzo Utopia selvaggia


Intervista di Alessia Mocci a Marco Incardona ed al suo Domande al silenzio


Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo “Utopia Selvaggia”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giuseppe Manfridi presenta il romanzo “Anja, la segretaria di Dostoevskij” alla rassegna La Collina delle Meraviglie

Giuseppe Manfridi presenta il romanzo “Anja, la segretaria di Dostoevskij” alla rassegna La Collina delle Meraviglie
Pietroburgo 1866. Lo scrittore, quasi cinquantenne, Fëdor Michajlovich Dostoevskij è afflitto dall’epilessia e reduce dall’aver firmato un contratto capestro col suo mefistofelico editore: si è impegnato a consegnare un nuovo romanzo nell’arco di un mese. In caso contrario perderà i diritti su tutte le sue opere passate e future. Consigliato dagli amici, si rivolge a una scuola di stenografia che gli mette a disposizione la migliore delle sue allieve: Anja Grigor’evna, una graziosa adolescente curiosa del mondo, che ha ereditato dal padre la passione per la letteratura. Fra i due, in ventisei giorni, nascerà un amore estremo a dispetto dello scandaloso divario di età. A Bologna la presentazione del romanzo “Anja, la segretaria di Dostoevskij” del pluripremiato scrittore e autore teatrale Giuseppe Manfridi. Rassegna: La Collina delle MeraviglieIndirizzo: Via di Sabbiuno, 6 - BolognaData: 25 giugno 2021Orario: 21:00 Evento a ingresso libero fino ad esaurimento posti - Info e prenotazioni 3491717883 Venerdì 25 giugno, a partire dalle ore 21:00, G (continua)

Aldo Lado presenta il romanzo giallo “Il rider”

Aldo Lado presenta il romanzo giallo “Il rider”
“Il rider” del regista e scrittore Aldo Lado è un romanzo giallo di stampo classico che ha però un occhio puntato su temi sociali e d’attualità: lo sfruttamento degli immigrati che vengono impiegati in lavori privi di tutela e sottopagati, come ad esempio il mestiere del rider, il razzismo e in generale i pregiudizi e le discriminazioni verso diverse categorie, non solo quella degli extracomunitari ma anche quella delle persone con disabilità. Aldo Lado “Il rider” Casa Editrice: Edizioni AngeraFilmGenere: GialloPagine: 240Prezzo: 18,00 € «A volte le persone che si incontrano sono davvero inaspettate, e diverse da come si immagina che siano».  “Il rider” del regista e scrittore Aldo Lado è un romanzo giallo di stampo classico che ha però un occhio puntato su temi sociali e d’attualità: lo sfruttamento degli immigr (continua)

Pier Francesco Liguori e Francesco Bucci presentano “Ultime voci dai fondali profondi. La maledizione del Travancore”

Pier Francesco Liguori e Francesco Bucci presentano “Ultime voci dai fondali profondi. La maledizione del Travancore”
Gli autori Liguori e Bucci presentano una storia enigmatica che lascerà col fiato sospeso, in cui tra sedute spiritiche e litanie incomprensibili si narra di manufatti egizi trafugati, di divinità furiose e di colpe da espiare; un romanzo attraversato da numerosi e ben caratterizzati personaggi - interessante è il cameo del celebre scrittore Arthur Conan Doyle - portatori di visioni differenti della vita e della morte ma accomunati da uno stesso, ineluttabile dolore. Pier Francesco Liguori e Francesco Bucci  “Ultime voci dai fondali profondi. La maledizione del Travancore” Casa Editrice: Les Flâneurs EdizioniCollana: LumièreGenere: Narrativa contemporaneaPagine: 204Prezzo: 16,00 € «I naufragi sono bestie che ti si attaccano addosso e non ti mollano più. Diventano parte di te, ti seguono come un’ombra… Ovunque tu vada quell’ombra ti seguir (continua)

Laura Mercuri presenta il romanzo “Tra le righe”

Laura Mercuri presenta il romanzo “Tra le righe”
L’autrice ci conduce in un viaggio all’interno della complessità delle relazioni di coppia: nel legame prima professionale e poi sempre più intimo che si instaura tra Tea e Damiano sono racchiusi tutti gli interrogativi che non fanno dormire la notte, le paure, i sogni e anche le disillusioni di chi è innamorato. In questo romanzo struggente e appassionato si riflette su cosa sia davvero l’amore e che rischi comporti, e ci si domanda se valga davvero la pena porsi dei limiti quando si prova un sentimento tanto spontaneo e irrazionale, che andrebbe vissuto senza timori. Laura Mercuri “Tra le righe” Casa Editrice: Les Flâneurs EdizioniCollana: Bohémien Genere: Narrativa contemporaneaPagine: 462Prezzo: 19,00 € «Avrei voluto saperlo prima, che i tuoi occhi mi guardavano dentro, che mi trasformavano in quella che forse sono senza saperlo, una donna che potrei riuscire ad amare anch’io».  “Tra le righe” di Laura Mercuri è il delicato racconto (continua)

Cosimo Mazzini presenta il thriller psicologico “Il filo teso”

Cosimo Mazzini presenta il thriller psicologico “Il filo teso”
Tra fotografie sfocate e disegni infantili - che sembrano anticipare con la loro banale quanto disturbante normalità il dramma consumato in una tragica notte di sessant’anni prima - e la discesa in un vortice di paranoia che lega a doppio filo il destino di Paolo con quello di un uomo perso nel tempo, Cosimo Mazzini presenta una storia perturbante e maledetta, che narra di menzogne, ossessioni e segreti che sarebbero dovuti rimanere celati. Cosimo Mazzini “Il filo teso” Casa Editrice: BookabookGenere: Thriller psicologicoPagine: 391Prezzo: 18,00 € «Il tempo non guarisce le ferite. Non ha forbici per tagliare i fili che legano ai propri fantasmi».  “Il filo teso” di Cosimo Mazzini è un romanzo psicologico che fa immergere il lettore in un clima di tensione e di angoscia da cui non può più uscire; attraverso un (continua)