Home > Economia e Finanza > Papa Francesco e l’Ecologia integrale

Papa Francesco e l’Ecologia integrale

scritto da: Epd | segnala un abuso

Papa Francesco e l’Ecologia integrale

Papa Francesco e l’Ecologia integrale - L’enciclica che nega la retorica anti liberale e anti mercato così in voga di Flavio Felice


Riproponiamo integralmente il recente articolo del Prof. Flavio Felice, docente di Storia delle Dottrine politiche all’Università del Molise, apparso sul Il Foglio del 27 febbraio, sottolineando due passaggi:

il primo: “è sempre il retroterra culturale a rappresentare il presupposto e il limite dei nostri sistemi economicicioè, come ogni teoria demo-etnica-antropologica suggerisce, è il modello sociale che modella quello economico e non il contrario. (rimandiamo ad altro momento un approfondimento in tal senso).

Il secondo: “chrony capitalism o rentier capitalism”. Qui vogliamo dare una breve spiegazione di questi termini: “crony capitalism” è stato coniato nel 1980 da Jiame Ongpin, Ministro delle finanze filippino per descrivere la crisi dei regimi asiatici, in particolare della dittatura di Marcos. Indica una collusione tra gli operatori del mercato (le grandi imprese) e gli esponenti del governo. “Cronies” indica gli amici da lungo tempo.  Non si tratta di corruzione in senso stretto, ma della tendenza a favorire gli “amici” attraverso un’attività legislativa ad hoc, quindi eludendo le regole di domanda e offerta del mercato più o meno libero.

“rentier capitalism” indica, in senso lato, i guadagni da rendita di posizione. Nasce dalla creazione di ricchezza derivante dall’affitto (rent) di beni naturali, come i terreni o, all’epoca, le colonie o da privilegi artificiali quali i brevetti.

Sottende quindi ad una forma di economia che non investe in fattori della produzione e che preclude i regimi di perfetta competizione.

Buona lettura.

Economia Prima e dopo


Fonte notizia: https://www.economiaprimaedopo.it/papa-francesco-ecologia-integrale/


economia prima e dopo | crony capitalism | ecologia integrale | papa francesco | alberto di martino | giuseppe fischetti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Arriva Don Papa Rum, il primo Rum delle Filippine.


Laudato si’ e l’Economy of Francesco


Tarcisio Bertone intervista al Cittadino di Genova 2°parte


Francesco Tulone: il ricercatore di Palermo che ha risolto un problema matematico aperto da oltre 20 anni


Nicola Costanti “Il Sogno di Francesco”


Giubileo Papa. Francesco: Presentazione del Libro di Antonio Preziosi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Misurare le prestazioni del lavoro da casa: strategie per la gestione dei gruppi misti e ibridi

Misurare le prestazioni del lavoro da casa: strategie per la gestione dei gruppi misti e ibridi
L’emergenza sanitaria ha gioco forza aumentato vertiginosamente questa tendenza, spesso cogliendo lavoratori e aziende completamente impreparati. Ma non si tratta solo della dotazione informatica; il grosso problema è stato ed è la modalità di gestione dei processi in modalità a distanza o mista, ed in particolare la gestione delle relazioni tra lavoratori e tra lavoratore e manager. Il telelavoro non è una novità. Lo avevano sperimentato, e poi abbandonato, nella Silicon Valley già sul finire degli anni ’90. Anche prima del Covid, molte aziende, in particolare di servizio, lasciavano a casa almeno un giorno alla settimana parte del proprio personale.L’emergenza sanitaria ha gioco forza aumentato vertiginosamente questa tendenza, spesso cogliendo lavoratori e aziende completam (continua)

Economia prima e dopo - La valorizzazione del Capitale Umano

Economia prima e dopo - La valorizzazione del Capitale Umano
Le competenze interne all'azienda e il suo Know How sono patrimonio unico e distintivo. Alberto di Martino e Giuseppe Fischetti nel portale di Economia prima e dopo affrontano la valorizzazione del capitale umano come patrimonio da inserire in attivo nel bilancio aziendale. “Bisogna impedire che le imprese falliscano perché con esse, si perde spesso Capitale Umano” (Mario Draghi)Il valore di un’impresa oggi non è più solo strutturale, tecnologico, produttivo infatti esso sempre di più viene identificato nelle competenze individuali e aziendali che con il tempo abbiamo formato. Le conoscenze e competenze interne all'azienda, il suo know how sono anch'esse patrimonio. (continua)