Home > Altro > Frédéric Bruly Bouabrè. Arte Alfabeto Universale

Frédéric Bruly Bouabrè. Arte Alfabeto Universale

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Frédéric Bruly Bouabrè. Arte Alfabeto Universale

Al Palazzo delle Esposizioni, una mostra antologica dedicata al grande artista ivoriano, scomparso nel 2014, a cura di Alessandro Romanini.


Il Palazzo delle Esposizioni di Lucca ospita, dal 9 aprile al 9 maggio 2021, “Frédéric Bruly Bouabrè. Arte Alfabeto Universale”, mostra antologica dedicata all’artista ivoriano scomparso nel 2014. Curata da Alessandro Romanini, l’esposizione è promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Fondazione Lucca Sviluppo, con il patrocinio della Regione Toscana e dell’Ambasciata della Costa d’Avorio in Italia e la collaborazione della Fondazione Alighiero e Boetti.

Il percorso della mostra presenta oltre 350 opere provenienti da collezioni private e dalla famiglia dell’artista, mettendo in evidenza le varie fasi della sua ultra cinquantennale carriera ed illustrandone i vari aspetti tematici, poetici e biografici grazie ad un ricco corredo di documenti e testimonianze storiche.

Frédéric Bruly Bouabrè ha esposto in prestigiosi spazi pubblici e privati internazionali, a partire dalla celebre mostra “Magiciens de la terre”, allestita nel 1989 al Centre George Pompidou di Parigi, che ha portato alla luce per la prima volta l’arte africana contemporanea, e la successiva “Africa Remix”, passando per il Guggenheim Museum di Bilbao, la Tate Modern di Londra e il Portikus di Francoforte. È stato inoltre protagonista di importanti manifestazioni come la Biennale di Venezia, Documenta di Kassel e la Biennale di San Paolo.

«L’iniziativa – spiega il curatore, Alessandro Romanini – trova un ideale habitat a Lucca, dove in tempi pionieristici, in anticipo sull’onda d’interesse post-coloniale e stimolata dalle grandi Esposizioni Universali internazionali, l’arte e la cultura africana sono state al centro dell’attenzione. Carlo Piaggia dapprima, con le sue spedizioni esplorative della metà del 1800 nel continente africano, seguito poi dall’interesse suscitato dagli studi al riguardo dello storico dell’arte e critico Carlo Ludovico Ragghianti, che attirò a sua volta a Lucca uno dei più grandi africanisti internazionali, Ezio Bassani, che pubblicherà proprio nella cittadina toscana il suo libro “Nella terra dei Niam Niam”, dedicato all’esploratore lucchese».

L’esposizione vede la collaborazione della Fondazione Alighiero e Boetti, che presta importanti documenti d’archivio e opere, testimonianza del legame elettivo fra i due artisti. Boaubrè infatti ha intrattenuto con Boetti un rapporto di amicizia e di scambio, approfondito in mostra attraverso una sezione apposita, con dipinti che i due artisti si sono reciprocamente dedicati, foto e testi.

Le opere in esposizione, cartoni di piccole dimensioni, su cui l'artista annotava le accurate osservazioni sull'esistente, nascoste sotto la superficie, documentano le varie fasi tematiche dell’artista, da quella dedicata all’alfabeto visuale Bété a quella de “La gioia della nascita” e “L’umanità”, che celebra la parentela, passando per quella de “L’albero della vita” e “La leggenda Zakolo” e le “Pietre di Bekora”, fino ad arrivare a “L’Africa presenta la sua cultura”, “Visione del sole” e quella celebre de “La conoscenza del mondo”.

In mostra sono presenti anche alcune opere inedite, tra cui due rari dipinti a olio su tela dell'artista ivoriano.

Nutrita la mole di documenti autografi e delle foto storiche, moltissime delle quali inedite e prestate per la prima volta dalla famiglia. Tra i documenti in mostra, numerosi testi poetici e saggi scritti dall’artista, epistole e curiosità, come il bozzetto originale dell’orologio progettato da Bouabrè per Swatch.

Per documentare la vasta e complessa opera del maestro ivoriano, la mostra viene accompagnata da un compendioso catalogo, che oltre alla riproduzione delle opere esposte sarà corredato da documenti d’archivio e interventi di studiosi e personaggi del mondo accademico e della cultura. Sarà inoltre disponibile un documentario prodotto dal Centre George Pompidou di Parigi in collaborazione con Agnes B, diretto da Ivana Massetti.

Boaubrè, oltre che artista, è stato un instancabile ricercatore della storia del suo popolo e dell’Africa, narratore, poeta, archivista, filosofo, insegnante e scrittore. Autodidatta, a partire dagli anni ’50 ha saputo dare vita a partire ad un vero e proprio alfabeto visuale e grafico, con lo scopo di tenere in vita la memoria e la cultura della sua terra e, sempre attraverso le immagini, creare un linguaggio comprensibile a livello universale per favorire il dialogo fra i popoli.

Una vera e propria missione che l’artista ha portato avanti per oltre sessant’anni, fedele al motto pronunciato dello scrittore africano Hampathe Ba, all’assemblea dell’Unesco nel 1962: «In Africa ogni volta che un anziano muore, è come se bruciasse una biblioteca».

L’esposizione è prevista dal 9 aprile al 9 maggio 2021. Gli orari e le modalità di visita al Palazzo delle Esposizioni, in accordo con le normative in vigore, saranno comunicati sul sito www.fondazionebmluccaeventi.it e sui canali social della Fondazione Banca del Monte di Lucca e del Palazzo delle Esposizioni (www.facebook.com/FondazioneBML - www.facebook.com/palazzoesposizionilucca - www.instagram.com/palazzoesposizionilucca). Per informazioni e prenotazioni: T. +39 0583 464062, mostre@fondazionebmluccaeventi.it.


Fonte notizia: http://www.fondazionebmluccaeventi.it/


Frédéric Bruly Bouabrè | Alessandro Romanini | Palazzo delle Esposizioni | Lucca | Fondazione Banca del Monte di Lucca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

FANTASTICA LETTERA


Dattilologia e altri sistemi di comunicazione gestuali


Tappeto puzzle: per arredare con praticità e per far imparare divertendosi il bambino


Agite con costanza fino all’obiettivo che vi siete prefissati


La musica americana contemporanea con Emanuele Arciuli


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

A riveder le stelle

A riveder le stelle
Mostra d'arte contemporanea a cura di Barbara Codogno, organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova in collaborazione con “The Bank Contemporary Art Collection” di Antonio Menon. A riveder le stelle è una mostra d’arte contemporanea che l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova organizza dal 30 ottobre 2021 al 30 gennaio 2022 al Museo Eremitani, in collaborazione con “The Bank Contemporary Art Collection” di Antonio Menon. Realizzata in occasione del 700esimo anniversario della morte di Dante Alighieri e curata da Barbara Codogno, l’esposizione dialogherà ideal (continua)

Mauro Staccioli. [re]action

Mauro Staccioli. [re]action
La grande scultura contemporanea a Soliera La grande scultura contemporanea torna a Soliera (Mo) con Mauro Staccioli (Volterra, 1937 – Milano 2018), considerato uno dei principali scultori italiani del secolo scorso, le cui opere sono collocate in spazi aperti e raccolte pubbliche di tutto il mondo. Curato da Lorenzo Respi, il progetto prevede l’allestimento della mostra Mauro Staccioli. [re]action, dal 30 ottobre 2021 al 30 gennaio 2 (continua)

JACQUES TOUSSAINT. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987

JACQUES TOUSSAINT. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987
Arte e design al CAMeC della Spezia con la mostra monografica "Jacques Toussaint. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987", a cura di Giosuè Allegrini e Marzia Ratti. In esposizione, circa sessanta opere dell'artista-designer francese, residente in Italia ormai da più di cinquant'anni. Arte e design al CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia che, dal 28 ottobre 2021 al 27 febbraio 2021, ospiterà la mostra monografica Jacques Toussaint. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987, a cura di Giosuè Allegrini e Marzia Ratti, con circa sessanta opere dell’artista-designer francese, residente in Italia ormai da più di cinquant’anni. L’esposizione, che sarà aper (continua)

Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono

Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono
I temi cari del Movimento romantico indagati da una cinquantina di artisti contemporanei che propongono nuovi percorsi di ricerca attraverso "Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono", collettiva in sei atti alla scoperta di luoghi storici e sedi museali in provincia di Modena. Nella provincia “romantica” di Modena, che tra la fine del ‘700 e per tutto l’800 ha vissuto un periodo di forte sviluppo culturale attraverso le arti e l’archeologia, andrà in scena, dal 17 ottobre 2021 al 16 gennaio 2022, “Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono”, esposizione collettiva in sei atti che condurrà lo spettatore alla scoperta delle sedi museali e dei teso (continua)

Dante e Giotto. Dialogo e suggestione

Dante e Giotto. Dialogo e suggestione
Un confronto tra la produzione letteraria di Dante, a fondamento dello sviluppo della lingua e della cultura italiane, e i testi figurativi contemporanei, dove Giotto è il campione di una rivoluzione lenta ma dirompente che porta l’immagine a dire parole universali. Il Museo “Amedeo Lia”della Spezia ospita, dal 2 ottobre al 19 dicembre 2021, “Dante e Giotto. Dialogo e suggestione”, a cura di Andrea Marmori e Francesca Giorgi. L’esposizione, promossa dal Comune della Spezia, si inserisce nelle celebrazioni dantesche, ponendo a confronto la produzione letteraria di Dante, a fondamento dello sviluppo della lingua e della cultura italiane, e i testi figurati (continua)