Home > Scuola e Università > Netcoa Intervista Alfonso Conte, docente di storia contemporanea del Dipartimento di Scienze Politiche e della Comunicazione – DISPC dell’Università di Salerno.

Netcoa Intervista Alfonso Conte, docente di storia contemporanea del Dipartimento di Scienze Politiche e della Comunicazione – DISPC dell’Università di Salerno.

scritto da: Net company associated | segnala un abuso

Netcoa Intervista Alfonso Conte, docente di storia contemporanea del Dipartimento di Scienze Politiche e della Comunicazione – DISPC dell’Università di Salerno.

Dopo la sua partecipazione al format innovativo di Netcoa “La Tavola delle Imprese” dedicato al tema “Impresa e cultura al tempo del Covid: nuovi modelli ed opportunità.” e la convenzione con il Dipartimento DISPC, nonché la partecipazione al Laboratorio Cultura – Innovazione – Impresa, istituito dalla Netcoa per promuovere nuove idee e progettualità nel settore della cultura, in una ottica di open innovation, che valorizzi i patrimoni esistenti e le risorse dei territori, il Prof. Alfonso Conte ci ha concesso una breve intervista, evidenziando il ruolo che ricopre l’Università con i suoi giovani discenti per la creazione di nuove figure professionali rispondenti alla domanda che emerge dal confronto con l’imprenditoria e dalla valutazione dei nuovi scenari economici e scientifici. Netcoa, Associazione per la creazione e lo sviluppo di impresa, attenta al tema, si pone quale acceleratore con le sue azioni e progettualità che concretizza nei processi applicativi dello sviluppo locale, attualizzandoli e sostenendoli anche attraverso i programmi di Invitalia di cui è partner – S.I.S. – Sistema Invitalia Startup.


D:Prof. Conte, i giovani si trovano dinanzi ad un significativo cambiamento che varia esistenzialmente il paradigma impresa-lavoro e li posiziona in una diversa visione del proprio futuro. Ci rappresenti come Lei ritiene che le parti sociali possano aiutare le nuove leve per accompagnarli verso questa nuova realtà. Quali strumenti reputa necessari per supportare i discenti ed il ruolo che deve ricoprire l’ecosistema?

R:In relazione al nostro contesto meridionale, probabilmente le generazioni adulte dovrebbero provare a correggere una serie di errori commessi, che rischiano di lasciare come triste eredità ai più giovani. Innanzitutto, la scarsa propensione a collaborare, a costruire reti, costituisce ancora oggi il principale limite di un sistema debole, poco competitivo su scala globale perché scarsamente coeso. La consuetudine a considerare il successo in termini individualistici favorisce l’adozione di strategie conflittuali mentre interessi campanilistici e corporativi prevalgono abitualmente su quelli collettivi. Un’inversione di tendenza in tal senso dovrebbe essere imposta dalla valutazione degli esiti registrati, eppure segnali di trasformazione ancora non si percepiscono. L’alta percentuale di giovani laureati che decidono di abbandonare i nostri territori costituisce senza dubbio la testimonianza più allarmante della crisi che viviamo.

 

D:Professore, in questo periodo abbiamo potuto percepire l’importanza che la cultura ha sull’intera economia nazionale per effetto della ricaduta di filiera che ha sul tessuto produttivo territoriale. Il patrimonio culturale capillarmente diffuso, nelle diverse forme in Italia, si è mostrato quale fattore attrattivo per tutte le attività direttamente ed indirettamente collegate al turismo. Lei che è uno studioso di percorsi storici e recupero della storia dei luoghi, come immagina che la cultura debba partecipare alla ripresa del Paese? Quali valori, tradizioni è necessario rivalutare per creare nella cultura nuove opportunità più competitive ed innovative?

R:In un tempo caratterizzato dall’importanza della comunicazione, attraggono maggiormente i territori che decidono di collegare le pur necessarie attività di marketing e story-telling all’identità risultante dalla loro storia, che decidono di raccontarsi attraverso testimonianze credibili. Cresce il desiderio di visitare luoghi per vivere esperienze, a condizione che le proposte siano autentiche e consentano l’accesso a nuove conoscenze attraverso la presenza sul posto, o che almeno la visita costituisca un valore aggiunto rispetto a conoscenze già acquisite. Assistere ad un concerto a Ravello dedicato alle opere di Wagner, sapendo che proprio lì il musicista tedesco si è ispirato per la loro composizione, oppure ascoltare una conferenza dedicata alla filosofia greca ad Ascea, sapendo che proprio lì visse Parmenide, possono costituire esempi di valorizzazione dei giacimenti culturali di cui è ricco anche il nostro Mezzogiorno, in grado di collegare iniziative e manifestazioni al genius loci. Inoltre, appare indispensabile programmare non solo eventi, ma modalità per consentire una fruizione continuata di servizi culturali, in grado quindi di assicurare maggiori opportunità di impiego e di autofinanziamento; penso a musei che non siano solo esposizioni, a biblioteche ed archivi che non si riducano a conservare. Infine, è probabilmente indispensabile anche abbandonare la concezione secondo cui esiste una cultura alta ed un’altra popolare, l’idea secondo cui a pochi vanno riservati prodotti di alta qualità ed agli altri la sagra della porchetta ed il complessino per i balli sudamericani; piuttosto andrebbe considerata l’esigenza di veicolare i diversi contenuti attraverso forme che rendano quei contenuti accessibili anche a chi si avvicina per la prima volta, soprattutto ai più giovani.

 

D:Ringraziandola per il suo prezioso intervento, un’ultima domanda. Il rapporto quotidiano che Lei ed i suoi colleghi avete con i giovani, sin dall’orientamento al percorso di studi, la pone come un attore privilegiato verso questa vivace platea. Quale ruolo Lei reputa che l’Università debba ricopre per sostenere le loro idee ed i progetti innovativi? Professore, come mentore, ci illustri come indica la strada e quali prospettive rappresenta ad un suo iscritto che pone la cultura come suo percorso di vita.

R:Quando penso alle università di oggi, mi piace pensare a quello che hanno rappresentato nel Medioevo molti monasteri e conventi di monaci: luoghi di contemplazione ed approfondimento spirituale, ma anche di formazione dei giovani, di trasmissione all’esterno dei saperi nel tentativo di verificare l’applicabilità di nuovi modelli teorici. A lungo quei monaci hanno costituito riferimenti preziosi per le comunità circostanti, capaci di incoraggiare trasformazioni e progressi, di condividere e provare a superare i disagi ed i problemi soprattutto dei ceti più deboli. Apparentemente staccati dal mondo, in realtà in esso profondamente immersi.   


Fonte notizia: https://www.netcoa.it/2021/03/17/intervista-ad-alfonso-conte-docente-delluniversita-di-salerno/


laboratorioa | cultura | innovazione | impresa | unisa | dispc | comunicazione | giovani | idee | startup |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Appuntamento di aprile con La Tavola delle Imprese.


L'intervista a Erno Rossi per i suoi 40 anni di professione...


Appuntamento di settembre con La Tavola delle Imprese.


Appuntamento di ottobre con La Tavola delle Imprese


Appuntamento di ottobre con La Tavola delle Imprese.


Appuntamento di marzo con La Tavola delle Imprese.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Appuntamento di novembre con La Tavola delle Imprese.

Appuntamento di novembre con La Tavola delle Imprese.
La sessione di “La Tavola delle Imprese” è stata dedicata all’imprenditoria femminile. Si è tenuto venerdì 26 novembre un nuovo appuntamento del format innovativo JMI, curato da Netcoa, “La Tavola delle Imprese”. I testimonial di questo tredicesimo evento hanno espresso la loro visione in merito al ruolo della donna e del fattore “D” quale futuro dell’impresa. Sono intervenute startup socie di Netcoa: Bianca Arrighini, CEO della startup Factanza Media di Milano; Elena Bellacicca, CEO della azienda innovativa milanese Find My Lost e Patrizia Magnotti, CEO della realtà scientifica lucana Il Micromondo. Il tema.I lavori si sono aperti con un benvenuto a tutte le partecipanti da parte del Vice Presidente dell’Associazione Netcoa che rappresenta le imprese e startup innovative, Raffaello Dinacci, che ha introdotto l’argomento di questa 13° Tavola:  “Fattore D e generazione Donna il futuro dell’impresa”. Tema questo fondante, tra l’altro,  dell’attività del L.I.C.I. - Laboratori (continua)

Appuntamento di ottobre con La Tavola delle Imprese.

Appuntamento di ottobre con La Tavola delle Imprese.
La sessione di “La Tavola delle Imprese” è stata dedicata alla cultura del recupero per la valorizzazione del rifiuto. Si è tenuto venerdì 29 ottobre un nuovo appuntamento del format innovativo JMI, curato da Netcoa, “La Tavola delle Imprese”. I testimonial di questo dodicesimo evento hanno espresso la loro visione in merito al rapporto tra la cultura del recupero e la valorizzazione del rifiuto, rappresentandola in base alle proprie esperienze ed attività. Sono intervenuti: Onofrio Pirrotta, CEO della startup innovativa Sylvalgae di Reggio Emilia; Serena Masini, responsabile area ricerca - ecologia industriale della realtà innovativa pugliese Ecoimpro; Andrea Quartieri, co fondatore dello spin off dell’Università di Modena – Reggio Emilia Packtin; Alberto Sanna, CEO della startup innovativa cagliaritana Repod. Il tema.I lavori si sono aperti con un benvenuto a tutti i partecipanti da parte del Vice Presidente dell’Associazione Netcoa che rappresenta le imprese e startup innovative, Raffaello Dinacci, che ha introdotto l’argomento di questa 12° Tavola: “La cultura del recupero per la valorizzazione del rifiuto”.  Taletematica affronta il sistema economico nel suo insieme, dalla produzione al co (continua)

Appuntamento di settembre con La Tavola delle Imprese.

Appuntamento di settembre con La Tavola delle Imprese.
La sessione di “La Tavola delle Imprese” è stata dedicata all’arte ed all’impact social: la cultura quale epicentro del sistema sociale. Si è tenuto giovedì 30 settembre un nuovo appuntamento del format innovativo JMI, curato da Netcoa, “La Tavola delle Imprese”. I testimonial di questo undicesimo evento hanno espresso la loro visione in merito al rapporto tra arte e social impact ed il ruolo che ricopre la cultura nel sistema sociale, rappresentandola in base alle proprie esperienze ed attività. Sono intervenuti: Renata De Lorenzo, Presidente della Società Napoletana di Storia Patria; Gino Fienga, CEO della startup innovativa di Pesaro Arturo; Renato Pace, titolare della Kemonia River di Palermo; Claudio Bellu e Camilla Bruno, fondatori della startup cagliaritana Visual Scout. Il tema.I lavori si sono aperti con un benvenuto a tutti i partecipanti da parte del Vice Presidente dell’Associazione Netcoa che rappresenta le imprese e startup innovative, Raffaello Dinacci, che ha introdotto il tema di questa 11° Tavola: “Arte e social impact: la cultura quale epicentro del sistema sociale”.Ha, quindi,rappresentato l’importanza che la cultura riveste affinchè si generi un (continua)

Appuntamento di aprile con La Tavola delle Imprese.

Appuntamento di aprile con La Tavola delle Imprese.
La sessione di “La Tavola delle Imprese” è stata dedicata alla digital transformation applicata all’automotive ed alla mobilità ecocompatibile. Si è tenuto giovedì 29 aprile un nuovo appuntamento del format innovativo JMI, curato da Netcoa, “La Tavola delle Imprese”.Questa sessione ha voluto evidenziare i nuovi scenari per la digital transformation applicata alla filiera dell’automotive e della mobilità ecocompatibile.I testimonial di questo ottavo evento hanno espresso la loro visione rappresentandola, sull’asse Nord - Sud, in base (continua)

Netcoa incontra il Museo Correale di Terranova.

Netcoa incontra il Museo Correale di Terranova.
Intervista a Gaetano Mauro, Presidente dello storico Museo Correale di Terranova. Dopo la sua partecipazione al format innovativo di Netcoa “La Tavola delle Imprese” dedicato al tema “Impresa e Cultura al tempo del Covid: nuovi modelli ed opportunità”, il Presidente del Museo Correale di Sorrento, Gaetano Mauro ci ha concesso una breve intervista, sottolineando il ruolo che deve avere la cultura, fattore non distante, bensì propulsivo di una nuova economia del territorio (continua)