Home > Altro > Tutte le potenzialità dell'integrazione: Acronis rende accessibile la Cyber Protection per tutti i MSP, a costo zero

Tutte le potenzialità dell'integrazione: Acronis rende accessibile la Cyber Protection per tutti i MSP, a costo zero

scritto da: Giorgio Bellucci | segnala un abuso

Tutte le potenzialità dell'integrazione: Acronis rende accessibile la Cyber Protection per tutti i MSP, a costo zero

Il nuovo modello di licensing consente agli MSP di erogare servizi di Cyber Protection su più endpoint, integrando funzionalità di backup, antimalware e gestione della protezione all'avanguardia, con costi ridotti o nulli


ra le numerose iniziative per la settimana della Cyber Protection 2021 previste da Acronis, leader globale nella Cyber Protection, l'azienda ha presentato oggi la nuova versione a costo zero di Acronis Cyber Protect Cloud, la soluzione dedicata ai service provider che ha già ottenuto numerosi riconoscimenti. Avvalendosi di un nuovo e redditizio modello di licensing, i service provider possono progettare e proporre un'offerta completa di servizi di Cyber Protection, con costi iniziali ridotti o nulli.

Acronis annuncia l'ampliamento dell'attuale versione di Acronis Cyber Backup Cloud con funzionalità di Cyber Protection all'avanguardia, tra cui quelle di backup, antimalware e gestione della protezione; la soluzione avrà anche un nuovo nome: Acronis Cyber Protect Cloud.

"L'uso di numerosi strumenti per far fronte alle diverse esigenze IT e contrastare le minacce informatiche rappresenta per i service provider un metodo complicato, inefficiente e costoso", ha dichiarato Serguei "SB" Beloussov, fondatore e CEO di Acronis. "Invece, unificando in un'unica soluzione protezione dati, Cyber Security e gestione della protezione, tutti i service provider potranno evitare le complessità e gli inconvenienti di gestione, incrementando al contempo la sicurezza. Il nuovo modello di licensing di Acronis Cyber Protect Cloud consente ai nostri partner di offrire ai propri clienti servizi di Cyber Protection di qualità superiore, con costi di investimento iniziale pressoché nulli." 

La nuova versione di Acronis Cyber Protect Cloud include un insieme di funzionalità fondamentali per la Cyber Protection, a costo zero o con tariffa a consumo, e permette agli MSP di realizzare un'offerta di servizi con costi di investimento ridotti o pari a zero, garantendo la copertura totale dei workload dei clienti con la Cyber Protection.

Per soddisfare le esigenze dei clienti e le richieste del mercato, agli MSP non resta che espandere la propria gamma di servizi  con pacchetti di protezione avanzata che ne completano le funzionalità e offrono agli MSP l'opportunità di espandere e personalizzare i propri servizi, così da offrire a ogni cliente e a ogni workload il livello ottimale di Cyber Protection.

Installato con un solo agente e gestito tramite una sola console di gestione centralizzata, Acronis Cyber Protect Cloud garantisce agli MSP capacità complete di protezione dei propri clienti, senza doversi districare tra molteplici soluzioni. Un unico pannello di controllo assicura la visibilità e il controllo necessari per erogare la Cyber Protection a 360 gradi, dalla creazione di backup locali e nel cloud all'arresto degli attacchi malware zero-day, tramite le difese antimalware e antivirus basate su IA e certificate VB100.

“Per mantenere elevati gli standard qualitativi dei servizi che offriamo sul mercato, lavoriamo continuamente sull’ottimizzazione e sull’efficienza dei processi necessari per erogarli. Il nuovo modello di licenza Acronis Cyber Protect Cloud, rientra nella nostra ottica di efficienza fondamentale per aumentare i livelli di produttività e ottimizzare i costi.” ha affermato Marco Pantano, Innovation Developer per il Gruppo ATON "La nostra ottima partnership con Acronis ci aiuta ad eliminare i servizi che ci rallentano e ci fornisce la tecnologia per proteggere i nostri clienti con un alto standard a un costo accessibile”

L'annuncio avviene in contemporanea alla presentazione dei risultati dell'annuale sondaggio condotto per la Settimana della Cyber Protection 2021, per il quale sono stati intervistati 4.400 utenti IT, privati e professionisti, di tutto il mondo. Una delle conclusioni principali evidenzia che disporre di più soluzioni non significa più protezione: l'80% delle aziende esegue fino a 10 soluzioni in simultanea per le esigenze di protezione dati e Cyber Security; malgrado ciò, lo scorso anno più della metà ha subito interruzioni impreviste causate da perdite di dati.

Il nuovo modello di licensing Acronis è in vigore dal 31 marzo 2021, per garantire ai service provider di erogare i propri servizi di Cyber Protection in modo facile, efficiente, sicuro e redditizio. 



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Open Seed: 10 punti deboli delle startup che fanno fare marcia indietro agli investitori

Open Seed: 10 punti deboli delle startup  che fanno fare marcia indietro agli investitori
Informazioni poco chiare, numeri fantasiosi, mercato troppo piccolo, lentezza nella scalabilità: ecco perché tante idee vengono scartate Sui conti bancari italiani è presente una liquidità immobilizzata che ha superato i 1700 miliardi di euro. Eppure, dall’altra parte esiste un’economia reale composta da startup e pmi innovative che non riesce a trovare i fondi necessari per poter crescere ed evolversi». A raccontarlo è Lorenzo Ferrara, Presidente e co-founder di Open Seed, veicolo d’investimento nato nel 2016, con lo sco (continua)

I turisti stranieri hanno voglia di Italia: 5 consigli di Welcomeasy per attirarli in struttura

I turisti stranieri hanno voglia di Italia:  5 consigli di Welcomeasy per attirarli in struttura
«La concorrenza è altissima, soprattutto da altri Paesi. Serve un’offerta turistica di alta qualità che si concentri sugli ospiti con maggiore capacità di spesa» Paolo Zennaro, Ceo di Welcomeasy Se il Governo permetterà alle regioni di ospitare, senza troppe restrizioni o quarantene, europei e americani, che già da febbraio stanno prenotando hotel e case vacanza nel nostro Paese, l’estate 2021 potrebbe rappresentare lo spartiacque tra crisi e inizio della ripresa per il settore turistico italiano. Si tratta di una buona notizia per l’intera economia nazionale. «Secondo l’analisi (continua)

Crowdfunding per TvbEat, la startup made in Italy che salva i ristoranti di provincia e crea posti di lavoro

Crowdfunding per TvbEat, la startup made in Italy che salva i ristoranti di provincia e crea posti di lavoro
“In un periodo come questo, il delivery può fare la differenza per la sopravvivenza di un locale, soprattutto per quelli più decentrati e non serviti dai grandi player. Noi abbiamo deciso di andare proprio lì, dove gli altri non arrivano”. Damiano Vassalli, TvbEat Nell'era dell'epidemia da Covid-19, caratterizzata dal continuo altalenarsi tra aperture e chiusure e dall’impossibilità di spostarsi, il desiderio di maggiori servizi a domicilio è esploso anche nelle numerose province italiane. Questa è la necessità che Damiano Vassalli e Andrea Togni hanno percepito, grazie agli anni di esperienza come imprenditori, nella loro provincia. Volendo supportare (continua)

Venture Capital: Open Seed va in crowdfunding e supera i 100k nelle prime 24 ore

Venture Capital: Open Seed va in crowdfunding e supera i 100k nelle prime 24 ore
Nel 2020 le startup italiane hanno raccolto 683 milioni di euro. L’equity crowdfunding ha addirittura segnato un +53% rispetto al 2019. Ora più che mai serve uno strumento che aiuti gli investitori a ridurre i rischi «Investire in startup non significa speculare, ma dare una mano all’economia reale sostenendo la crescita di giovani aziende che saranno protagoniste del nostro futuro. Oggi, grazie anche alla diffusione dell’equity crowdfunding, comprare quote di una startup e sentirsi parte di un progetto innovativo è alla portata di tutti. In realtà, per farlo in maniera proficua, limitando al minimo il rischio (continua)

Turismo 2021: affitti brevi la vera leva del settore.

Turismo 2021: affitti brevi la vera leva del settore.
«Sappiamo bene che di questi tempi qualunque previsione a lungo termine è rischiosa e azzardata, ma analizzando i dati della prima ondata pandemica, qualche riflessione sul futuro possiamo sicuramente farla». Spiega Paolo Zennaro, co-founder e Ceo di Welcomeasy, la startup innovativa dei check-in digitali. «Un elemento chiave che abbiamo notato dopo la prima ondata pandemica è stato sicuramente l’ (continua)