Home > Ambiente e salute > Le badanti “cattive”

Le badanti “cattive”

scritto da: Adiuravicenza2022 | segnala un abuso

Le badanti “cattive”

Questo breve articolo vuole affrontare la questione delle “cattive” badanti o meglio dei comportamenti scorretti delle badanti. A nostro avviso sta emergendo fortemente, nel mondo delle badanti, un disagio dovuto ai problemi intrinseci del lavoro domestico.


Perche’ spesso i datori di lavoro domestico lamentano comportamenti fuori dalle righe delle badanti?

 

Questo breve articolo vuole affrontare la questione delle “cattive” badanti o meglio dei comportamenti scorretti delle badanti.

A nostro avviso sta emergendo fortemente, nel mondo delle badanti, un disagio dovuto ai problemi intrinseci del lavoro domestico.

Questo e’ facilitato dalla maggiore consapevolezza che esse hanno dei loro diritti

Il lavoro domestico non e’ scevro da fatica, stress, umiliazioni a volte.

La mancanza di una vita propria ma data “in prestito” alle famiglie dove la badante lavora

Genera difficolta’ ulteriori, come una sorta di rivendicazione di vita rubata.

Ecco il naturale epilogo di tutto questo nel fervore con cui spesso le badanti rivendicano i propri diritti dimenticandosi che anche i doveri hanno altrettanto importanza.

Ecco allora i comportamenti “fuori dalle righe”, l’emergere della “cattiveria” i comportamenti a volte decisamente scorretti, come abbandonare improvvisamente il posto di lavoro, contestare l’orario di lavoro concordato, lavorare con sufficienza e senza il minimo coinvolgimento emotivo etc…

La soluzione sembrerebbe ovvia, ad esempio migliorare la retribuzione, ridurre l’orario di lavoro o meglio la permanenza in casa dell’assistito.  Ma non e’ cosi’o non solo cosi’.

La soluzione a nostro avviso e’ questa :

1   fare rientrare l’assistenza socio-sanitaria domestica nei livelli essenziali di assistenza o lea che significa che, secondo lo spirito universalistico del servizio sanitario italiano, sancito dall’artico 32 della costituzione, essa sia fornita gratuitamente dallo stato.

Cosi’ recita l’art. 32 della costituzione : “la repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.”

Cio’ renderebbe piu’ facile adeguare la retribuzione delle badanti

2   istituire veramente la patente di qualita’ per i lavoratori domestici e le lavoratrici domestiche.  Grazie ad una norma tecnica, la uni 11766:2019, viene istituito un sistema di certificazione delle competenze delle  assistenti familiari.

Colf badanti e baby sitter potranno accedere , su base volontaria, ad un esame per ottenere la patente di qualita’, con l’obbligo, tra gli altri requisiti, di sottoscrivere un codice deontologico : nuove regole di comportamento

Cosa significa questo? Che le badanti saranno iscritte in un apposito registro presso il quale potranno rimanere fino a che non garantiscano il mantenimento dei requisiti richiesti.

Oltre alle competenze quindi anche un comportamento adeguato.


Fonte notizia: https://www.adiura-vicenza.it/badanti-cattive/


badanti | lavoro domestico | patente di qualità |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Patente di qualità per Assistenti familiari e corsi di formazione


Lavori che si riscoprono: badanti e babysitter


Cosa non devi fare con le badanti


Lavoretti part time per studenti: babysitter, badante, colf


Badanti e assistenza per anziani a Pordenone e Udine


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Aumentano gli uomini nel lavoro domestico

Aumentano gli uomini nel lavoro domestico
Aumentano gli uomini nel lavoro domestico In molte province del Sud superano il 20%, ed a Palermo un Colf su tre è maschio Uomini nel lavoro domestico?Il lavoro domestico è storicamente visto come un’attività prettamente femminile, tanto che nel linguaggio comune si tende a declinare al femminile “le Colf” e “le Badanti”. Tuttavia, come sottolineato nel III Rapporto DOMINA sul lavoro domestico, negli ultimi anni è aumentata la componente maschile, in particolare nelle province del Sud. A Palermo e Messina, per esempio (continua)

I limiti sul pagamento in contanti di Badanti e Colf

I limiti sul pagamento in contanti di Badanti e Colf
Dal 1 Gennaio 2022 cambiano le regole per il pagamento dello stipendio di Colf e Badanti con contratto regolare. E’ stato posto un limite per le retribuzioni in contanti: vediamo i dettagli. Già nel Luglio 2018 erano arrivate le prime disposizioni dell’articolo 1, comma 910, della legge 205/2017 che imponevano al datore di lavoro l’obbligo di pagare la retribuzione dei dipendenti con mezzi tracciabili, a prescindere dal tipo di rapporto di lavoro e dalla durata del contratto. L’eccezione rimaneva per i collaboratori domestici, che potevano essere pagati in contanti per un to (continua)

Impatto fiscale del lavoro domestico

Impatto fiscale del lavoro domestico
Il lavoro domestico concorre agli equilibri di finanza pubblica con un rilevante ammontare di imposte Il lavoro domestico concorre agli equilibri di finanza pubblica con un rilevante ammontare di imposte. Su 859.000 lavoratori domestici regolari nel 2018 si stima che i contributi assistenziali e previdenziali che le famiglie datori di lavoro domestico hanno versato nelle casse dello Stato nel medesimo anno siano pari a 976 milioni di euro. A questi si aggiungono altre imposte, ovvero l’im (continua)

Dichiarazione dei redditi per badanti, colf e lavoratori domestici

Dichiarazione dei redditi per badanti, colf e lavoratori domestici
È tempo di dichiarazione dei redditi anche per i lavoratori domestici. Presentare il modello 730/2021 consente a colf e badanti di recuperare il bonus Renzi, che arriva fino a 960 euro, ma non solo. Con il modello 730 è possibile recuperare non solo il bonus Renzi, ma anche le altre agevolazioni fiscali previste.È tempo di dichiarazione dei redditi anche per i lavoratori domestici.Presentare il modello 730/2021 consente a colf e badanti di recuperare il bonus Renzi, che arriva fino a 960 euro, ma non solo.E’ bene chiarire innanzitutto se e quando è (continua)

Green pass per Badanti, Colf e Babysitter

Green pass per Badanti, Colf e Babysitter
Con il nuovo decreto del Governo diventa obbligatorio dal 15 Ottobre l’esibizione del Green Pass sul posto di lavoro per tutti i collaboratori domestici, come anche per i lavoratori pubblici e privati. Il rischio per chi non rispetta la nuova norma è quello di una sanzione da 600 a 1500 euro. Con il nuovo decreto del Governo diventa obbligatorio dal 15 Ottobre l’esibizione del Green Pass sul posto di lavoro per tutti i collaboratori domestici, come anche per i lavoratori pubblici e privati.Il rischio per chi non rispetta la nuova norma è quello di una sanzione da 600 a 1500 euro.A chi spettano i controlli? Così come per il lavoro pubblico, anche per quello priv (continua)