Home > Economia e Finanza > Betontest, il progetto ISMERS tra le “Storie di successo” del Mediocredito Centrale

Betontest, il progetto ISMERS tra le “Storie di successo” del Mediocredito Centrale

scritto da: Inpress | segnala un abuso

Betontest, il progetto ISMERS tra le “Storie di successo” del Mediocredito Centrale

Betontest, il progetto ISMERS è stato inserito tra le “Storie di successo” del Mediocredito Centrale


Ispica (RG) - È stato pubblicato ieri sul sito web del Mediocredito Centrale S.p.A. - l'istituto bancario di Invitalia – un lungo articolo dal titolo "Betontest, nuove metodologie di indagine per la sicurezza delle opere edili" (https://www.mcc.it/primopiano/storie-di-successo/betontest-nuove-metodologie-di-indagine-per-la-sicurezza-delle-opere-edili/). L'articolo è apparso nella sezione "Storie di successo" e in evidenza nella home page del sito. L'istituto bancario, infatti, ha valutato come eccellenti i risultati ottenuti dalla Betontest di Ispica con il progetto ISMERS (Idoneità statica manufatti edili nei centri storici ad alto rischio sismico). Il progetto, realizzato tra il 2018 e il 2021 in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria dell'Innovazione dell'Università del Salento e la XRD -Tools srl, impresa nata come spin-off dell'Università di Pisa, è stato supportato da Mediocredito Centrale a valere sul programma Horizon 2020 – Pon 2014/2020 del Ministro dello Sviluppo Economico.

Ai fini del progetto, è stato effettuato un monitoraggio dello stato di salute di scuole, uffici, immobili storici e di pregio, in otto comuni delle province di Ragusa e Siracusa individuati di concerto con le amministrazioni locali, al fine di rilevare eventuali criticità e individuare gli interventi di messa in sicurezza, tenuto conto del progressivo invecchiamento delle strutture e dell'elevato rischio sismico della zona.

Nel corso delle attività di ricerca è stata sviluppata una nuova metodologia d'indagine che fornisce una mole di dati a livello macro, micro e nanoscopico sui materiali da costruzione. Per interpretarli e renderli confrontabili è stato elaborato un sistema di correlazione, basato su principi di intelligenza artificiale a Rete Neurale.

«Prevenire è meglio che curare – si legge nel testo - Questo principio non vale solo per la salute delle persone, ma si può estendere anche a quella delle opere pubbliche e più in generale dei manufatti edilizi. Se, per esempio, consideriamo l'età media di infrastrutture come i ponti, oltre 50 anni, o la forte sismicità di molte aree del nostro Paese ci rendiamo conto quanto sono importanti strumenti di monitoraggio dello stato di salute delle opere edili e infrastrutturali per intervenire tempestivamente con l'adeguata manutenzione. Strumenti come quelli sviluppati dal programma di ricerca di Betontest SRL».

Metodologie e strumenti innovativi e di rilevante importanza, dunque, che consentono di analizzare lo stato di salute delle opere in calcestruzzo e in acciaio direttamente in loco, dunque tenendo conto anche delle tensioni di esercizio e di una serie di parametri che un campione analizzato in laboratorio, non può più restituire. Le sue applicazioni spaziano, pertanto, dai settori dell'edilizia e del rischio sismico al rilevamento di criticità nei viadotti stradali e autostradali e nei manufatti in cemento armato.

«Il successo del progetto ISMERS - spiega il prof. Giovanni Berti, consulente scientifico del progetto e fondatore della XRD -Tools srl - ha aperto un tunnel nella conoscenza dei materiali impiegati in edilizia e nella diagnostica degli stessi, quando sono in esercizio; le ricadute si evidenzieranno per alcuni anni. Tra gli elementi di successo citiamo: la trascrizione del linguaggio "diffrattometrico a raggi x" in linguaggio più vicino all'ingegneria strutturista. Questa trascrizione si è qui limitata alla resistenza meccanica a compressione, con un'affidabilità indicata al 62%. È necessario uno sforzo di convergenza tra scienza e ingegneria per osservare la migrazione di effetti dalla scala nano-microscopica a quella macroscopica. Con ISMERS, previa elaborazione, calibrazione, correlazione, confronto con riferimenti, è stato possibile osservare da dati in loco le variazioni dell'assetto reticolare direzionale in materiali simili ma sottoposti a carichi strutturali differenti con una sensibilità superiore ai dati tradizionali. Se sono stati osservati significa che potranno essere misurati e monitorati nel tempo. Prevenire è più economico che curare; ne segue che anche altri soggetti sono chiamati ad uno sforzo di convergenza per introdurre aspetti davvero innovativi a beneficio della società civile».

«I risultati del progetto ISMERS - spiega Francesco Micelli, docente di Tecnica delle costruzioni (Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione, Università del Salento) - permettono di ampliare il panorama tecnologico nel campo della diagnostica strutturale delle costruzioni storiche, civili, infrastrutturali. Il campo della diagnostica strutturale costituisce una delle sfide più interessanti nel mondo delle costruzioni, proprio perché esso richiede l’impegno di forze multidisciplinari, in un settore che tradizionalmente si basa su approcci di tipo quasi artigianale. L’impiego della diffrattometria per la conoscenza dei materiali, del loro stato di degrado in opera, e della loro condizione meccanica di servizio, costituisce una reale innovazione nei processi di conoscenza e monitoraggio delle strutture, mediante tecniche di tipo non distruttivo. L’implementazione di una rete neurale, capace di auto istruirsi attraverso i dati ottenuti dal rilevamento in situ costituisce un ulteriore passo in avanti nel processo di industrializzazione e digitalizzazione in campo edilizio. A questo punto, l’auspicio è quello di continuare con la ricerca in laboratorio, e nello stesso tempo iniziare a mettere in pratica, su importanti casi reali, le conoscenze maturate ad oggi. Il sistema sviluppato da Betontest con i partner del progetto ISMERS è dunque pronto ad operare.  Tanto maggiore sarà il numero di informazioni che si riusciranno ad acquisire, tanto più accurati saranno i processi di correlazione che la rete neurale saprà implementare. Dunque man mano che crescerà l’esperienza sul campo, la tecnica non potrà che divenire sempre più affidabile e versatile».


Fonte notizia: https://www.inpressufficiostampa.com/2021/04/betontest-il-progetto-ismers-tra-le.html


Betontest | Corrado Monaca | Mediocredito centrale | progetto Ismers |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Ricercatori e massimi esperti di sostenibilità riuniti il 2 e 3 Dicembre a Roma


Il mondo salvato dai ragazzini 2021


LAURA B “La ragazza di nessuno” è il disco d’esordio della cantautrice bresciana dal timbro inconfondibile, dal nu soul all’elettro pop


Matteo Deraco presenta la raccolta “Racconti di storie irrilevanti”


Grande successo a Frosinone per la quinta edizione di "Storie di Donne"


MERITOCRAZIA ITALIA: "È IL MOMENTO DI CONCEDERE CREDITO CON GARANZIA DELLO STATO"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

People symbols: il nuovo piano di riqualificazione pittorica di Tommaso Chiappa

People symbols: il nuovo piano di riqualificazione pittorica di Tommaso Chiappa
Un progetto di riconversione urbana all’Istituto Comprensivo Renato Guttuso di Palermo Palermo (PA) - Il dialogo con la città ma soprattutto con i più giovani al centro di “People symbols”, l’ultimo progetto artistico di Tommaso Chiappa. L’Istituto Comprensivo Renato Guttuso, in via Galletti 78 a Palermo, diventa protagonista urbano grazie a un laboratorio che ha coinvolto alcuni studenti delle classi III A, III B, III D in uno straordinario piano di riqualificazione pittorica, (continua)

Circe alla Biennale Light Art di Mantova: l’amore e la guerra nell’inedita performance di Marilena Vita

Circe alla Biennale Light Art di Mantova: l’amore e la guerra nell’inedita performance di Marilena Vita
“Circe. Amore e guerra”, il site-specific dell’artista siracusana, sarà presentato sabato 28 maggio alle ore 21.30 nella Casa di Andrea Mantegna a Mantova. Mantova (MN). La luce è un’idea sociale alla Biennale Light Art di Mantova 2022. Nella splendida Casa di Andrea Mantegna, dal 27 maggio al 28 agosto, ventisei artisti di spessore internazionale si ispirano alla “ricerca contemporanea sulla Luce, tra Arte e Design”. Un confine sottile, questo, che permette di concepire fonti luminose e chiaroscuri come esperienze emotive e relazionali tra lu (continua)

"Il volto della vita": splendori e miserie della “Milano da bere” nel nuovo giallo di Giorgio Gavina


L'autore descrive efficacemente la "Milano da bere", «quel mondo che lavora di giorno e conclude affari di notte» nei party, nelle ville, nei locali notturni. Un mondo dorato, in cui il perbenismo, l'efficientismo e il rampantismo celano un sottobosco di trame opache e loschi affari. Milano, 11 settembre 1986. Suonano alla porta. Diego, dipendente della ditta di famiglia e musicista in una band, apre. Un pugno in pieno volto. Un uomo con il passamontagna si avventa su di lui. Si risveglierà in un letto di ospedale con un occhio solo e una domanda: perché?Comincia così l'avvincente giallo dello scrittore vercellese Giorgio Gavina, che torna in libreria con Il volto della v (continua)

Da tecnico aeronautico a imprenditore dolciario, dalla Sicilia una storia di riscatto e rivincita

Da tecnico aeronautico a imprenditore dolciario, dalla Sicilia una storia di riscatto e rivincita
Da tecnico aeronautico a imprenditore dolciario, dalla Sicilia arriva una storia di riscatto e rivincita. È quella di Salvatore Maltese, fondatore di Bottega 27, che dopo la liquidazione di Air Italy, dove lavorava, è tornato nella natia Modica per aprire una azienda di e-commerce di specialità dolciarie ed enogastronomiche. La cronaca di questi anni ci ha abituati, purtroppo, alla sempre più frequente liquidazione di aziende italiane e al dramma dei licenziamenti per migliaia di lavoratori. Ma quella di Salvatore Maltese, 35 anni, da Modica (RG), ex manutentore di aerei e fondatore dell'e-commerce di specialità enogastronomiche Bottega 27, è una storia esemplare di rivincita e di riscatto, dopo la perdita del la (continua)

“Scandalo in Val Gardena”, in libreria il nuovo romanzo di Clambagio

“Scandalo in Val Gardena”, in libreria il nuovo romanzo di Clambagio
Il libro sarà presentato il 10 marzo alla Biblioteca Endidae a Egna (Bolzano) e il 24 marzo al Centro culturale Claudio Trevi di Bolzano. Bolzano - Cosa prevale nel carattere di una persona, l'influenza genetica o quella ambientale-educativa? E ancora: esiste il libero arbitrio oppure è il destino a decidere per noi? Questi e altri interrogativi solleva, sullo sfondo di una vicenda di ingiustizie e rivalsa, il nuovo intrigante romanzo di Clambagio, "Scandalo in Val Gardena. Nessuno resterà impunito", appena pubblicato (anche in eboo (continua)