Home > Ambiente e salute > PROGETTO SAMIRA: “Garantire ai cittadini europei elevati standard di sicurezza nella lotta ai tumori, con la teragnostica è possibile selezionare i pazienti non risponder, definendo terapie successive e follow-up”

PROGETTO SAMIRA: “Garantire ai cittadini europei elevati standard di sicurezza nella lotta ai tumori, con la teragnostica è possibile selezionare i pazienti non risponder, definendo terapie successive e follow-up”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

7 aprile 2021 – A febbraio la Commissione Europea ha rinnovato le strategiche per la lotta al cancro, ribadendo l’impegno in prevenzione, trattamento e cura delle patologie tumorali e identificando nuove sfide e opportunità, come le scienze radiologiche e la medicina nucleare, pubblicando le nuove linee guida sul EU Action Plan for Medical Application of Radiology and Nuclear Technology.


7 aprile 2021 – A febbraio la Commissione Europea ha rinnovato le strategiche per la

lotta al cancro, ribadendo l’impegno in prevenzione, trattamento e cura delle patologie

tumorali e identificando nuove sfide e opportunità, come le scienze radiologiche e la

medicina nucleare, pubblicando le nuove linee guida sul EU Action Plan for Medical

Application of Radiology and Nuclear Technology. Il SAMIRA Action Plan (Strategic

Agenda for Medical Ionising Radiation Applications) garantirà ai cittadini europei i più

elevati standard di sicurezza nell’accesso alle tecnologie radiologiche e nucleari con

la teragnostica che permette, sin dalla fase diagnostica, di migliorare la stadiazione

della patologia, selezionare i pazienti non risponder, definire le terapie successive ed

il follow-up. I recenti progressi della ricerca hanno portato all’approvazione della prima

terapia radio recettoriale per la presa in carico dei pazienti affetti da tumori neuroendocrini.

Per fare il punto sul Progetto SAMIRA, Motore Sanità ha organizzato il Webinar

MEDICINA NUCLEARE E ONCOLOGIA: SIAMO PRONTI AD ACCOGLIERE LE OPPORTUNITÀ

EUROPEE?’, grazie al contributo incondizionato di Advanced Accelerator Applications

 

“La pandemia COVID-19 ha avuto gravi ripercussioni sulle cure oncologiche, poiché ha determinato

una diminuzione della prevenzione, ritardando le diagnosi e i trattamenti. Quando si parla di

oncologia dobbiamo avere bene a mente che ci riferiamo a una ampissima casistica che è in

progressivo aumento. I numeri ci esortano ad agire subito per supportare tutte le politiche, a livello

nazionale e internazionale, volte a migliorare e salvare le vite dei pazienti. In quest’ottica è stato per

me molto importante depositare una mozione alla Camera dei deputati che mira, tra gli altri impegni,

a sostenere le aree di intervento del ‘Piano europeo di lotta contro il cancro’, ad adottare un nuovo

Piano oncologico nazionale e ad avviare l’istituzione della Rete Nazionale dei registri tumori,

consentendo l’adozione di strumenti informatici adeguati al compito. Screening, test diagnostici

molecolari, ricerca, telemedicina, adozione di un approccio multidisciplinare sono tutti asset strategici

da integrare nel nostro sistema per rispondere in maniera sempre più appropriata al modello di salute

globale”, ha dichiarato Fabiola Bologna, Componente XII Commissione, Camera dei Deputati

 

“Il comitato speciale sulla strategia europea contro il cancro è una opportunità incredibile per rendere

l’Europa il faro nella lotta al cancro nel mondo e ridurre grandemente l’incidenza negativa del cancro,

sia economica che umana, sul nostro continente. Il documento della Commissione è stato

particolarmente dettagliato sulle azioni di prevenzione e di screening, ma non molto esauriente sulle

nuove tecnologie e terapie per la lotta al cancro e sulla questione della qualità di vita del paziente.

È fondamentale riconoscere un ruolo primario alle nuove terapie, per ridurre la mortalità e aumentare

la qualità della vita dei pazienti e dei loro familiari, utilizzando metodologie meno invasive e più focalizzate.

Personalmente, io mi impegno non solo a rendere queste nuove tecnologie usufruibili ai pazienti europei,

ma anche a portare fondi per la ricerca e a spingere per l’utilizzo dell’intelligenza artificiale per la gestione

scientifica e terapeutica dei dati Europei", ha spiegato l’Onorevole Pietro Fiocchi, Europarlamentare -

Commissione Speciale per la Lotta contro il cancro



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ESMO2020: presentati i risultati di fase I di Patritumab Deruxtecan


L’ADC U3-1402 di Daiichi Sankyo i dati aggiornati presentati a Barcellona


NSCLC: Daiichi Sankyo ha presentato i risultati del farmaco U3-1402


Daiichi Sankyo Astrazeneca: pazienti affetti da tumore HER2 positivo o mutato. I risultati presentati ad ASCO 2020


In Italia, i tumori neuroendocrini registrano 4/5 nuovi casi ogni 100.000 persone, ma i pazienti vengono diagnosticati in fase avanzata e ci convivono per molti anni Tumori neuroendocrini: “Teragnostica la nuova arma


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ONCOnnection “Le reti oncologiche sono fondamentali per la massima efficacia ed efficienza dei percorsi di cura”

22 aprile 2021 – Sono 270 mila le persone colpite dal cancro in Italia ogni anno, di questi, fortunatamente, una metà vince la battaglia e l’aspettativa di vita in generale si è allungata. Per affrontare però i problemi che esistono, è imprescindibile sia attivare reti oncologiche regionali per rendere omogeneo l’accesso alle cure ai pazienti su tutto il territorio nazionale sia accelerare l’uso della tecnologia, realizzando piattaforme digitali utilizzabili in tempo reale dagli specialisti. 22 aprile 2021 – Sono 270 mila le persone colpite dal cancro in Italia ogni anno, di questi,fortunatamente, una metà vince la battaglia e l’aspettativa di vita in generale si è allungata.Per affrontare però i problemi che esistono, è imprescindibile sia attivare reti oncologicheregionali per rendere omogeneo l’accesso alle cure ai pazienti su tutto il territorio nazionalesia accelerare l’uso (continua)

ONCOnnection La rete oncologica strumento di governo e di programmazione delle risorse necessarie - 22 Aprile 2021, ORE 10:30

il prossimo giovedì 22 Aprile dalle ore 10:30 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘ONCOnnection LA RETE ONCOLOGICA STRUMENTO DI GOVERNO E DI PROGRAMMAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE’, organizzato da Motore Sanità, in collaborazione con Periplo. il prossimo giovedì 22 Aprile dalle ore 10:30 alle13:30, si terrà il webinar: ‘ONCOnnection LA RETE ONCOLOGICA STRUMENTO DI GOVERNO E DI PROGRAMMAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE’, organizzato da Motore Sanità, in collaborazione con Periplo.In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50%dei malati r (continua)

Cancro e Covid: come uscire dall’emergenza?

Il dramma della pandemia: diminuzione di circa il 30% dell’attività di screening e degli interventi chirurgici per tumore, che varia dal 20% al 24% al 30%. Impatto significativo sul numero di nuove diagnosi e trattamenti, oltre che sulle richieste di visite specialistiche ed esami. Gli oncologi visitano 25-30 pazienti in meno la settimana. Il dramma della pandemia: diminuzione di circa il 30% dell’attività di screeninge degli interventi chirurgici per tumore, che varia dal 20% al 24% al 30%.Impatto significativo sul numero di nuove diagnosi e trattamenti, oltre chesulle richieste di visite specialistiche ed esami. Gli oncologi visitano 25-30pazienti in meno la settimana. 17 Aprile 2021 - Secondo una recente analisi delle attivi (continua)

Cancro e Covid: il grido d’allarme dei pazienti e delle loro Associazioni Contro l’emergenza oncologica serve subito un nuovo Piano Nazionale

L’appello di FAVO al Governo: «Bisogna garantire la sicurezza ai malati oncologici, tra le persone più fragili, l’immediato ricorso alla vaccinazione e percorsi differenziati negli ospedali. Le associazioni dei malati chiedono il diritto ad un Piano di emergenza per abbattere le liste di attesa in chirurgia oncologica». L’appello di FAVO al Governo: «Bisogna garantire la sicurezza ai malati oncologici,tra le persone più fragili, l’immediato ricorso alla vaccinazione e percorsidifferenziati negli ospedali. Le associazioni dei malati chiedono il diritto ad unPiano di emergenza per abbattere le liste di attesa in chirurgia oncologica». «L’Italia resterà fanalino di coda se non si attiverà un piano che preveda i (continua)

Ancora troppo bassi i livelli di aderenza terapeutica. Le conseguenze sono drammatiche: decessi e costi altissimi per il SSN

Cittadinanzattiva: «Serve più tempo da dedicare ai pazienti, formazione a personale sanitario, caregiver familiare e professionale e attuare il Piano della Cronicità su tutto il territorio». Cittadinanzattiva: «Serve più tempo da dedicare ai pazienti, formazione apersonale sanitario, caregiver familiare e professionale e attuare il Pianodella Cronicità su tutto il territorio». Il 50% dei pazienti in trattamento con antidepressivi sospende i farmacientro 3 mesi, oltre il 70% entro 6 mesi; solo il 13,4% dei pazienti è risultatoaderente ai trattamenti con i farmaci pe (continua)