Home > Ambiente e salute > 5° APPUNTAMENTO ACADEMY MOTORE SANITÀ TECH: “Sviluppare modelli sanitari innovativi e tecnologici a tutela del paziente, l’esperienza della ASL di Foggia

5° APPUNTAMENTO ACADEMY MOTORE SANITÀ TECH: “Sviluppare modelli sanitari innovativi e tecnologici a tutela del paziente, l’esperienza della ASL di Foggia

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

8 aprile 2021 - Innovazione, integrazione e resilienza nell'assistenza territoriale: l'esperienza della ASL di Foggia nella gestione organizzativa, nell'operatività della telemedicina e nel ruolo del medico di base nella presa in carico digitale. Questi i temi del quinto appuntamento dell’Academy di alta formazione di MOTORE SANITÀ TECH realizzato grazie al contributo di ENGINEERING, dal titolo ‘HOME CARE. Modelli socio-sanitari di resilienza territoriale, l’innovazione cambia il rapporto sanità-paziente: piattaforme tecnologiche, IA e Blockchain’.


8 aprile 2021 - Innovazione, integrazione e resilienza nell'assistenza territoriale:

l'esperienza della ASL di Foggia nella gestione organizzativa, nell'operatività della

telemedicina e nel ruolo del medico di base nella presa in carico digitale. Questi i

temi del quinto appuntamento dell’Academy di alta formazione di MOTORE SANITÀ

TECH realizzato grazie al contributo di ENGINEERING, dal titolo HOME CARE.

Modelli socio-sanitari di resilienza territoriale, l’innovazione cambia il rapporto

sanità-paziente: piattaforme tecnologiche, IA e Blockchain’.

 

“La sfida del Servizio Sanitario, oggi, è riuscire a porre i due elementi cardine della

rivoluzione sanitaria, la sanità digitale e l’umanizzazione delle cure, al servizio della

relazione paziente/operatore sanitario in modo da dare una risposta efficace ed

efficiente ai bisogni sanitari e sociosanitari delle comunità locali. Digitalizzazione e

umanizzazione si coniugano all’interno di un modello organizzativo basato sui principi

di ‘flessibilità’ e di ‘prossimità’. Un modello in grado di sfruttare a pieno le potenzialità

della tecnologia per assicurare l’assistenza alle persone anche a distanza, in una

relazione costante tra operatore sanitario e paziente. Il COVID ci ha dimostrato

quanto questo modello assistenziale sia efficace: in un momento di profonda crisi

sanitaria e sociale, mentre il virus impone il lockdown, la sanità digitale supera i

blocchi fisici e consente agli operatori sanitari di mantenere la relazione assistenziale

con le persone assistite, anche a domicilio”, ha spiegato Vito Piazzolla, Direttore

Generale ASL Foggia.

 

In questo particolare momento storico, il Sistema Salute tutto è proteso verso il

rafforzamento della medicina territoriale e di prossimità; di conseguenza, anche noi

dirigiamo i nostri investimenti verso la progettazione di soluzioni che siano in grado

di rendere diffusi gli interventi sanitari ed in grado di raggiungere la persona nella

comunità. Le nostre nuove soluzioni di telemedicina sono un contributo concreto

alla trasformazione digitale della medicina territoriale e di prossimità. Esse, infatti,

non si limitano ad essere lo strumento per mettere in contatto a distanza il paziente

e la pluralità di professionisti sanitari, ma in particolare, assicurano la piena

integrazione con i sistemi informativi della sanità, garantiscono la massima sicurezza

nel trattamento dei dati personali, puntano ad un’esperienza d’uso che “faccia sentire

vicini, pur se a distanza” – con l’impiego esteso di quelle tecnologie di frontiera che

sono in grado di conferire “umanità” al digitale. Questa nuova generazione di soluzioni

di telemedicina che portiamo al Sistema Salute è il nostro apporto alla trasformazione

digitale ed al rafforzamento della medicina territoriale e di prossimità”, ha dichiarato

Natalia Pianesi, Public Administration and Healthcare Consulting Director, Engineering.

 

Per approfondimenti sul tema della Telemedicina: Instant Paper Telehealth di Engineering

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Digitalizzazione e umanizzazione in home care, ecco i modelli italiani per far fronte alla pandemia delle malattie croniche


MOTORE SANITÀ TECH: “Parte l’Academy di alta formazione per sviluppare modelli organizzativi con tecnologie innovative a supporto della sanità italiana”


INVITO STAMPA - MOTORE SANITÀ TECH: “Parte l’Academy di alta formazione per sviluppare modelli organizzativi con tecnologie innovative a supporto della sanità italiana” - 4 Dicembre 2020


La buona inFormazione sulla Sanità Digitale è la migliore Medicina


La grande rivoluzione digitale in sanità


DOPO LA PANDEMIA I MASSIMI ESPERTI DELLA SANITÀ STILANO IL DECALOGO POST COVID19


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Cancro e Covid: come uscire dall’emergenza?

Il dramma della pandemia: diminuzione di circa il 30% dell’attività di screening e degli interventi chirurgici per tumore, che varia dal 20% al 24% al 30%. Impatto significativo sul numero di nuove diagnosi e trattamenti, oltre che sulle richieste di visite specialistiche ed esami. Gli oncologi visitano 25-30 pazienti in meno la settimana. Il dramma della pandemia: diminuzione di circa il 30% dell’attività di screeninge degli interventi chirurgici per tumore, che varia dal 20% al 24% al 30%.Impatto significativo sul numero di nuove diagnosi e trattamenti, oltre chesulle richieste di visite specialistiche ed esami. Gli oncologi visitano 25-30pazienti in meno la settimana. 17 Aprile 2021 - Secondo una recente analisi delle attivi (continua)

Cancro e Covid: il grido d’allarme dei pazienti e delle loro Associazioni Contro l’emergenza oncologica serve subito un nuovo Piano Nazionale

L’appello di FAVO al Governo: «Bisogna garantire la sicurezza ai malati oncologici, tra le persone più fragili, l’immediato ricorso alla vaccinazione e percorsi differenziati negli ospedali. Le associazioni dei malati chiedono il diritto ad un Piano di emergenza per abbattere le liste di attesa in chirurgia oncologica». L’appello di FAVO al Governo: «Bisogna garantire la sicurezza ai malati oncologici,tra le persone più fragili, l’immediato ricorso alla vaccinazione e percorsidifferenziati negli ospedali. Le associazioni dei malati chiedono il diritto ad unPiano di emergenza per abbattere le liste di attesa in chirurgia oncologica». «L’Italia resterà fanalino di coda se non si attiverà un piano che preveda i (continua)

Ancora troppo bassi i livelli di aderenza terapeutica. Le conseguenze sono drammatiche: decessi e costi altissimi per il SSN

Cittadinanzattiva: «Serve più tempo da dedicare ai pazienti, formazione a personale sanitario, caregiver familiare e professionale e attuare il Piano della Cronicità su tutto il territorio». Cittadinanzattiva: «Serve più tempo da dedicare ai pazienti, formazione apersonale sanitario, caregiver familiare e professionale e attuare il Pianodella Cronicità su tutto il territorio». Il 50% dei pazienti in trattamento con antidepressivi sospende i farmacientro 3 mesi, oltre il 70% entro 6 mesi; solo il 13,4% dei pazienti è risultatoaderente ai trattamenti con i farmaci pe (continua)

Scarsa o mancata aderenza terapeutica: “Quali conseguenze cliniche e economiche per il SSN? La situazione della Regione Toscana e Emilia-Romagna”

14 aprile 2021 - 7 milioni di persone in Italia sono colpite da malattie croniche, si stima però che solo la metà assuma i farmaci in modo corretto e fra gli anziani le percentuali superano il 70%. Le cause di mancata o scarsa aderenza ai trattamenti sono molteplici: complessità del trattamento, inconsapevolezza della malattia, follow-up inadeguato, timore di reazioni avverse, decadimento cognitivo e depressione. 14 aprile 2021 - 7 milioni di persone in Italia sono colpite da malattie croniche, sistima però che solo la metà assuma i farmaci in modo corretto e fra gli anziani lepercentuali superano il 70%. Le cause di mancata o scarsa aderenza ai trattamentisono molteplici: complessità del trattamento, inconsapevolezza della malattia,follow-up inadeguato, timore di reazioni avverse, decadimento cognitivo ed (continua)

Cancro e Covid L’emergenza nell'emergenza. L’oncologia nell'era intra e post pandemica - 16 Aprile 2021, ORE 11

il prossimo venerdì 16 Aprile dalle ore 11 alle 13, si terrà l'incontro: ‘CANCRO E COVID L’EMERGENZA NELL’EMERGENZA. L’ONCOLOGIA NELL’ERA INTRA E POST PANDEMICA’, organizzato da Motore Sanità, in collaborazione con FAVO - Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in oncologia. il prossimo venerdì 16 Aprile dalle ore 11 alle 13, si terrà l'incontro: ‘CANCRO E COVID L’EMERGENZA NELL’EMERGENZA. L’ONCOLOGIA NELL’ERA INTRA E POST PANDEMICA’, organizzato da Motore Sanità, incollaborazione con FAVO - Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in oncologia.L’emergenza oncologica è una realtà preoccupa (continua)