Home > Altro > Crowdfunding per TvbEat, la startup made in Italy che salva i ristoranti di provincia e crea posti di lavoro

Crowdfunding per TvbEat, la startup made in Italy che salva i ristoranti di provincia e crea posti di lavoro

scritto da: Giorgio Bellucci | segnala un abuso

Crowdfunding per TvbEat, la startup made in Italy che salva i ristoranti di provincia e crea posti di lavoro

“In un periodo come questo, il delivery può fare la differenza per la sopravvivenza di un locale, soprattutto per quelli più decentrati e non serviti dai grandi player. Noi abbiamo deciso di andare proprio lì, dove gli altri non arrivano”. Damiano Vassalli, TvbEat


Nell'era dell'epidemia da Covid-19, caratterizzata dal continuo altalenarsi tra aperture e chiusure e dall’impossibilità di spostarsi, il desiderio di maggiori servizi a domicilio è esploso anche nelle numerose province italiane.

 

Questa è la necessità che Damiano Vassalli e Andrea Togni hanno percepito, grazie agli anni di esperienza come imprenditori, nella loro provincia. Volendo supportare i piccoli ristoratori di provincia a resistere alla crisi, i due hanno deciso di creare una piattaforma di consegna tutta locale, che non andasse a scontrarsi con le grandi realtà del delivery che hanno già conquistato le città metropolitane italiane e del mondo, bensì che servisse a fornire lo stesso servizio ma all’interno delle province, fino ad oggi sprovviste di qualsiasi possibilità in tal senso.

 

«Quando ci siamo resi conto che tanti ristoranti della nostra provincia erano chiusi per le restrizioni imposte dal Covid e, al contrario dei colleghi delle grandi città, non potevano neanche fare consegne a domicilio perché alle grandi aziende del delivery non conviene operare in queste zone, abbiamo capito che bisognava fare subito qualcosa». A raccontarlo è Damiano Vassalli, Ceo e co-founder di TvbEat, startup innovativa del delivery che ha come claim: Dove gli altri non arrivano.

 

Chi è TvbEat

TvbEat è nata nel 2020, in pieno lockdown, per aiutare i ristoranti di provincia a fare delivery. «Siamo partiti con pochi ristoranti di amici, puntando sulla conoscenza diretta del territorio e delle persone. In sei mesi, avevamo oltre 150 locali associati e consegnato più di 10mila pasti. Il grande attaccamento al territorio, l’individuazione di una necessità reale e la passione dei fondatori, sono stati determinanti per il successo di TvbEat». Continua Vassalli.

 

Nella provincia di Bergamo TvbEat ha rappresentato una vera boccata di ossigeno per tanti locali che senza il delivery avrebbero dovuto chiudere definitivamente le serrande durante l’anno più buio che il settore del food abbia mai attraversato. In questo periodo TvbEat (che prima si chiamava BGEat) ha creato una piattaforma per ordinare online e formato una flotta di riders, tutte persone del posto che avevano bisogno di lavorare, offrendo anche a loro un’opportunità concreta in un momento così terribile.

 

Un modello che funziona

Dal marzo del 2020 TvbEat ha raggiunto ben 60 comuni della bergamasca, permettendo a molti imprenditori di continuare la propria attività, nonostante il contesto ostile e, a oggi, sono 150 i ristoranti e le attività affiliate che hanno scelto il servizio. Si tratta di un range molto vasto che include diverse categorie; ristoranti gourmet, ristoranti classici, pizzerie, comfort food, gelaterie e pasticcerie ed enoteche.

 

TvbEat ha goduto di un grande slancio negli ultimi mesi: più di 12.000 consegne eseguite da luglio a febbraio 2021 sul territorio di Bergamo (40km2 in cui risiedono 58 mila famiglie) e più di 7.100 utenti iscritti. Non solo: la piattaforma ha fatturato, negli ulti 6 mesi, più di 100 mila euro, ha generato più di 400 mila euro di vendite per le attività affiliate e ha avviato i lavori per il servizio tramite franchising in 2 nuove province (Lodi e Cremona).

 

«Abbiamo riflettuto a lungo sul modello di business da adottare per far crescere la nostra azienda e ci siamo resi conto che non dovevamo tradire i principi con i quali siamo partiti. – Spiega Andrea Togni co-founder della startup. - Se TvbEat ha funzionato è soprattutto grazie alla profonda conoscenza del territorio e alla fiducia che i ristoratori hanno riposto in noi. Per questo la strada più indicata per crescere è replicare in altre province la nostra esperienza e farlo con il franchising. Abbiamo deciso di mettere il nostro modello e il nostro brand a disposizione di altre persone che proprio come noi conoscono e amano il proprio territorio, vogliono creare lavoro per se e per chi le circonda. Hanno aderito al progetto già due province: Lodi e Cremona, ma non abbiamo assolutamente intenzione di fermarci e per questo abbiamo deciso di lanciare una campagna di equity crowdfunding per arrivare a 10 sedi entro la fine del 2021».

 

Perché investire in TvbEat

I motivi per investire in questa campagna e diventare soci di TvbEat sono almeno sei:

  • TvbEat è un progetto made in Italy, che non ha alle spalle grandi multinazionali, ma è stato creato da giovani che si sono rimboccati le maniche e hanno letteralmente dato una mano a tanti ristoranti in difficoltà.
  • Risponde a una effettiva esigenza di mercato: anche in provincia le persone vogliono ordinare online.
  • Crea lavoro anche nelle zone più decentrate: per i ristoranti, per i rider, per chi decide di aprire una nuova filiale e mettersi in proprio.
  • Il business di TvbEat è altamente scalabile e lo dimostra l’attivazione di tre sedi in meno di un anno.
  • TvbEat è l’unica piattaforma di delivery ad operare in comuni al di sotto dei 50mila abitanti.
  • Lo scontrino medio degli ordini sulla piattaforma è di circa 40 euro, quindi decisamente più alto rispetto alla media dei grandi player del settore. In pochi mesi i locali associati al servizio di TvbEat hanno generato oltre 400mila euro di ordini.

 

Insomma, finalmente un progetto genuino, utile e scalabile per investire in economia reale e contribuire alla crescita di una startup che potrà dare grandi soddisfazioni agli investitori di questa prima raccolta. È possibile diventare soci di TvbEat con una quota minima di 400 euro, per aderire basta andare su: https://www.wearestarting.it/offering/tvbeat

 

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Investire in startup? I 10 consigli dei business angel di Seed Money per scovare quelle migliori


Venture Capital: Open Seed va in crowdfunding e supera i 100k nelle prime 24 ore


Overfunding lampo per la campagna di Seed Money


Equity crowdfunding? 10 consigli di Dynamo per non bruciarsi la campagna


Startup: 5 errori da evitare per una campagna di equity crowdfunding che funzioni


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

I turisti stranieri hanno voglia di Italia: 5 consigli di Welcomeasy per attirarli in struttura

I turisti stranieri hanno voglia di Italia:  5 consigli di Welcomeasy per attirarli in struttura
«La concorrenza è altissima, soprattutto da altri Paesi. Serve un’offerta turistica di alta qualità che si concentri sugli ospiti con maggiore capacità di spesa» Paolo Zennaro, Ceo di Welcomeasy Se il Governo permetterà alle regioni di ospitare, senza troppe restrizioni o quarantene, europei e americani, che già da febbraio stanno prenotando hotel e case vacanza nel nostro Paese, l’estate 2021 potrebbe rappresentare lo spartiacque tra crisi e inizio della ripresa per il settore turistico italiano. Si tratta di una buona notizia per l’intera economia nazionale. «Secondo l’analisi (continua)

Tutte le potenzialità dell'integrazione: Acronis rende accessibile la Cyber Protection per tutti i MSP, a costo zero

Tutte le potenzialità dell'integrazione: Acronis rende accessibile la Cyber Protection per tutti i MSP, a costo zero
Il nuovo modello di licensing consente agli MSP di erogare servizi di Cyber Protection su più endpoint, integrando funzionalità di backup, antimalware e gestione della protezione all'avanguardia, con costi ridotti o nulli ra le numerose iniziative per la settimana della Cyber Protection 2021 previste da Acronis, leader globale nella Cyber Protection, l'azienda ha presentato oggi la nuova versione a costo zero di Acronis Cyber Protect Cloud, la soluzione dedicata ai service provider che ha già ottenuto numerosi riconoscimenti. Avvalendosi di un nuovo e redditizio modello di licensing, i service p (continua)

Venture Capital: Open Seed va in crowdfunding e supera i 100k nelle prime 24 ore

Venture Capital: Open Seed va in crowdfunding e supera i 100k nelle prime 24 ore
Nel 2020 le startup italiane hanno raccolto 683 milioni di euro. L’equity crowdfunding ha addirittura segnato un +53% rispetto al 2019. Ora più che mai serve uno strumento che aiuti gli investitori a ridurre i rischi «Investire in startup non significa speculare, ma dare una mano all’economia reale sostenendo la crescita di giovani aziende che saranno protagoniste del nostro futuro. Oggi, grazie anche alla diffusione dell’equity crowdfunding, comprare quote di una startup e sentirsi parte di un progetto innovativo è alla portata di tutti. In realtà, per farlo in maniera proficua, limitando al minimo il rischio (continua)

Turismo 2021: affitti brevi la vera leva del settore.

Turismo 2021: affitti brevi la vera leva del settore.
«Sappiamo bene che di questi tempi qualunque previsione a lungo termine è rischiosa e azzardata, ma analizzando i dati della prima ondata pandemica, qualche riflessione sul futuro possiamo sicuramente farla». Spiega Paolo Zennaro, co-founder e Ceo di Welcomeasy, la startup innovativa dei check-in digitali. «Un elemento chiave che abbiamo notato dopo la prima ondata pandemica è stato sicuramente l’ (continua)

Equity crowdfunding? 10 consigli di Dynamo per non bruciarsi la campagna

«Avere un buon prodotto o servizio è solo metà del lavoro. Riuscire a comunicarlo nella maniera giusta è l’altra metà. Eppure, questa parte è spesso trascurata dalle startup che si approcciano all’equity crowdfunding». A spiegarlo è Salvatore Viola, esperto di comunicazione e co-founder di Dynamo, l’agenzia di marketing e digital PR che ad oggi ha contribuito a raccogliere oltre 6,5 mili (continua)