Home > Esteri > USA: specialisti e accademici americani a convegno per sostenere gli sforzi del Marocco per risolvere il conflitto nel Sahara

USA: specialisti e accademici americani a convegno per sostenere gli sforzi del Marocco per risolvere il conflitto nel Sahara

scritto da: Mbaratto | segnala un abuso

I partecipanti a una conferenza, organizzata martedì dal centro americano "Republic-Underground", hanno chiesto il dispiegamento del Consolato americano a Dakhla al fine di facilitare i contatti tra gli operatori economici locali e le loro controparti americane, e per promuovere gli investimenti e l'aiuto americano allo sviluppo della regione, in conformità con l'Accordo di libero scambio tra Stati Uniti e Marocco.


I partecipanti a una conferenza, organizzata martedì dal centro americano "Republic-Underground", hanno chiesto il dispiegamento del Consolato americano a Dakhla al fine di facilitare i contatti tra gli operatori economici locali e le loro controparti americane, e per promuovere gli investimenti e l'aiuto americano allo sviluppo della regione, in conformità con l'Accordo di libero scambio tra Stati Uniti e Marocco.
 
 
Segnato dalla partecipazione in particolare di Michael Flanagan, ex membro del Congresso americano; Erik Jensen, ex capo del Minurso e rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite per il Sahara (1993-1998); Richard Weitz, Direttore del Center for Politico-Military Analysis presso l'Hudson Institute; Elisabeth Myers, avvocato e accademica, e Nancy Huff, presidente della ONG americana "Teach the Children International", questo incontro è stato un'opportunità per invitare l'attuale amministrazione americana a sostenere gli sforzi del Marocco per risolvere il conflitto del Sahara sulla base di un soluzione basata sul piano di autonomia, come unica soluzione a questa controversia regionale.
 
 
I relatori hanno anche chiesto che l'Algeria contribuisca efficacemente agli sforzi delle Nazioni Unite volti a raggiungere una soluzione politica alla controversia regionale sul Sahara marocchino e ad assumersi la propria responsabilità come una vera parte del conflitto. Nelle loro conclusioni, i relatori hanno ritenuto che gli Stati Uniti dovrebbero opporsi ad alcuni abusi del diritto internazionale e del principio di autodeterminazione volti a destabilizzare e frammentare gli stati sovrani.

I partecipanti hanno anche chiesto di porre rimedio al calvario umanitario nei campi di Tindouf, in territorio algerino, e di facilitare il ritorno alla madrepatria delle popolazioni sequestrate in questi campi. A tal proposito, hanno sottolineato la responsabilità del Polisario per le sue azioni destabilizzanti e provocatorie, pur sottolineando il ruolo e le responsabilità dell'Algeria come Paese ospitante del Polisario.


Inoltre, altri esperti americani di diritto e di relazioni internazionali hanno sottolineato, mercoledì, la rilevanza della proclamazione degli Stati Uniti sul Sahara marocchino, affermando che il sostegno all'autonomia sotto la sovranità marocchina è stata la politica seguita da molto tempo. Stati sotto diverse amministrazioni e questo, nell'ambito di una conferenza virtuale organizzata dall'Ordine degli avvocati della città di New York (NYCBAR) sull'argomento. diversi oratori in questa conferenza tra cui Elliott Abrams, ex diplomatico americano senior e vice consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca (2005-2009), e anche specialista del Medio Oriente presso il prestigioso American Think Tank "Council on Foreign Relations e Eugene Kontorovich, professore e direttore del Centro per il Medio Oriente e il diritto internazionale presso la George Mason University che ha affermato che l'attuale amministrazione americana dovrebbe mantenere e approvare la proclamazione adottata dal suo predecessore, dato che il Regno del Marocco costituisce "un fedele alleato strategico di lunga data" di gli Stati Uniti d'America.

I relatori hanno evidenziato il ruolo dell'Algeria nel perpetuare la disputa regionale sul Sahara marocchino, sottolineando che se non fosse stato per il palese appoggio algerino al Polisario, questo conflitto si sarebbe concluso da tempo nel quadro del piano di autonomia marocchino.
Se questa è la notizia cosi come le agenzie hanno riportato. Urge a questo punto una riflessione. I lavori di questo seminario mettono in luce la legalità della sovranità del Marocco sul suo Sahara, in particolare da parte di specialisti in diritto internazionale ed esperti esperti nella risoluzione dei conflitti.

Marco Baratto
studioso di relazioni internazionali




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

STORICA VISITA DELLE DELEGAZIONE ISRAELO - AMERICANA IN MAROCCO


L'Europa sia aperta a nuove collaborazioni con il Marocco


L’Uomo del Sahara: Un 2020 carico di avventura e novità per Fabrizio Rovella


SUA MAESTA MOHAMMED VI E LA DIFESA DELLA CULTURA EBRAICO MAROCCHINA


Accademia Leonina: Il Presidente Raponi Cristian aderisce alla risoluzione ONU sul Sahara


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Marocco agisce a tutela dei minori marocchini non accompagnati: Più fiducia da parte della UE

Il Marocco agisce a tutela dei minori marocchini non accompagnati: Più fiducia da parte della UE
Il Marocco si dimostra un paese dialogante, e su temi delicati come immigrazione illegale e situazione dei minori non accompagnati anche fondamentale. Il provvedimento citato nella nota è vero riguarda minori marocchini ma questo approccio pragmatico potrebbe essere utile anche nei confronti di altri minori stranieri " Sua Maestà il Re Mohammed VI," ha chiesto "ai Ministri responsabili dell'Interno e degli Affari Esteri al fine di che la questione dei minori marocchini non accompagnati, in una situazione irregolare in alcuni paesi europei o definitivamente risolto. Un comunicato stampa dei Ministeri dell'Interno e degli Affari Esteri, La cooperazione africana e i marocchini che vivono all'estero indicano che S (continua)

Pragmatismo nel campo dell'immigrazione: Stabilire buoni rapporti con il Nord Africa

Pragmatismo nel campo dell'immigrazione: Stabilire buoni rapporti con il Nord Africa
Le migrazioni non sono un "fenomeno" come spesso la politica italiana considera questo evento. Sono un fatto ormai strutturato . L'Europa non può permettersi il lusso di continuare con una politica improntata al modello della "Guerra Fredda" , ad un mondo che non esiste più . Deve , anche nel campo migratorio trovare la compensazione tra il diritto di emigrare e fare in modo che questo avvenga nel modo più ordinato e regolare possibile. Per questo non può che vedere nel Marocco un alleato sicuro . Non solo , per usare le parole di Papa Francesco per " accogliere, proteggere, promuovere e integrare" ma anche per ragioni geografiche. Le migrazioni non sono un "fenomeno" come spesso la politica italiana considera questo evento. Sono un fatto ormai strutturato . L'Europa non può permettersi il lusso di continuare con una politica improntata al modello della "Guerra Fredda" , ad un mondo che non esiste più . Deve , anche nel campo migratorio trovare la compensazione tra il diritto di emigrare e fare in modo che questo avvenga nel (continua)

L'italia riprenda il suo posto nel mediterraneo : una lezione di Bettino Craxi

L'italia riprenda il suo posto nel mediterraneo : una lezione di Bettino Craxi
Questo proprio perché l'opinione pubblica che è ben cosciente dello stato di necessità capisce perfettamente che le logiche politiche , di apparenza geopolitica sono ormai un retaggio del passato e se l'Africa e il mondo arabo che è stato la vittima della "guerra fredda" il luogo in cui le vecchie superpotenze hanno giocato fin dalla fine della Prima Guerra mondiale il loro gioco oggi, il mondo è cambiato e le apparenze a categorie mentali antiquate devono essere superate con pragmatismo per il bene del mondo arabo e della pace nel Mediterraneo "In Marocco il segretario socialista è stato accolto da Moulay Ahmed Alaoui, ministro di Stato e cugino del re, dall' ambasciatore italiano a Rabat, Antonello Pietromarchi e dall' ambasciatore del Marocco a Roma Yahia Ben Slimane. In una breve dichiarazione, ripresa dall' inviato dell' Ansa a Rabat, Craxi ha detto di compiere questa visita su invito di re Hassan II. Una visita decisa nel quadro de (continua)

L'Europa sia aperta a nuove collaborazioni con il Marocco

L'Europa sia aperta a nuove collaborazioni con il Marocco
Estendere la collaborazione nel campo sociale, medico, universitario e della transizione ecologica "Il Parlamento europeo sottolinea la natura strategica delle relazioni UE-Marocco e raccomanda un maggiore sostegno al Regno da Bruxelles Mercoledì il Parlamento europeo ha sottolineato la natura strategica delle relazioni tra il Marocco e l'Unione europea (UE) e ha raccomandato un maggiore sostegno al Regno. In una relazione sul discarico sull'esecuzione del bilancio generale dell'UE per l'eserci (continua)

La Spagna conosce purtroppo il peso del separatismo sia più solidale

La Spagna che ogni giorno deve lottare contro le forze centrifughe del separatismo sa bene cosa significa e le parti della Spagna che amano il loro Paese e la Monarchia non possono accettare forze separatiste Come già osservato più volte la società moderna, ed in generale anche gli operatori economici considerano tra le ricchezze di una Nazione non solo i beni che essa produce, le risorse del sottosuolo ma anche il rispetto dei diritti umani . E quella che il definisce “L’economia sociale di mercato” ovvero   un modello di sviluppo dell’economia che si propone di garantire sia la li (continua)