Home > Primo Piano > Pizzolante: “Suicidi fisici e suicidi morali. La macchina mediatica-giudiziaria uccide le persone”

Pizzolante: “Suicidi fisici e suicidi morali. La macchina mediatica-giudiziaria uccide le persone”

scritto da: D.L. | segnala un abuso

Pizzolante: “Suicidi fisici e suicidi morali. La macchina mediatica-giudiziaria uccide le persone”


Pizzolante, la vicenda drammatica della dirigente del Ministero dell’Università e della Ricerca Giovanna Boda, che ha tentato il suicidio dopo un avviso di garanzia, lascia sgomenti. Ancora una volta in Italia un’ipotesi di reato equivale, o rischia di equivalere, a una condanna a morte. Che ne è della presunzione di innocenza fino alla condanna definitiva?

E’ la macchina mediatica-giudiziaria che uccide le persone. Tutto è iniziato con Tangentopoli e l’uso spettacolare e politico dell’azione giudiziaria, che la caratterizzò fin dal principio. Durante Tangentopoli le persone si suicidavano tutti i giorni. Una campana a morte quasi quotidiana che avrebbe dovuto insegnare qualcosa e, invece, la situazione è ulteriormente peggiorata. Luca Palamara l’ha chiamata la regola del tre, quella del corto circuito provocato dalla combinazione fra l’azione giudiziaria preventiva e la spettacolarizzazione strumentale dei mass media. Un cocktail micidiale che produce una giustizia tutta spostata dalla parte dell’accusa, galvanizzata e surrogata dallo scandalismo giornalistico. Un cocktail che distrugge la vita e la reputazione delle persone. Che distrugge le imprese. Una persona, che sia un dirigente della pubblica amministrazione, come è nel caso di Giovanna Boda, un imprenditore, un singolo cittadino o un singolo politico, quando la macchina giudiziaria si mette in moto, vede compromessi la sua reputazione, la sua vita, il suo lavoro. Ci sono casi estremi come questo, il tentativo di un suicidio fisico, ma ci sono tantissimi altri casi sconosciuti, che non emergono. Che vanno catalogati come suicidi morali. Di persone che muoiono dentro, che vedono la propria reputazione distrutta per sempre.

Quando ventinove anni fa ebbe inizio Tangentopoli, non c’erano le piazze virtuali… Internet, Facebook, Twitter… Oggi la gogna è più facile più spietata…

Di una persona sbattuta sui giornali dopo un avviso di garanzia rimane una traccia indelebile nella rete. Anche se poi risulterà innocente. E una persona, segnata da una traccia eterna nella rete, è privata del suo futuro. Chiunque oggi decide di assumere una persona o di avviare con lei un rapporto di collaborazione professionale, se va sulla rete e vede l’ombra di una traccia di questo tipo, si ritrae prima di cominciare. Quella persona non ha nessuna chance. E’ un mondo, tutto un mondo che tende ad uccidere la dignità delle persone e, in taluni casi, anche la loro esistenza fisica. Già per le perone colpevoli la gogna mediatica è sproporzionata. Figuriamoci per le persone innocenti che sono la stragrande maggioranza degli indagati. L’Italia è stata più volte condannata a livello europeo per l’abuso dell’uso preventivo della giustizia e per il rapporto, una vera e propria voragine, fra le iniziative giudiziarie avviate e quelle concluse con una sentenza di colpevolezza. E’ il grande dramma di questo Paese. Un dramma figlio della fragorosa rottura del fisiologico rapporto fra i tre poteri previsti dalla Costituzione: legislativo, esecutivo e giudiziario. Con il potere giudiziario, che con l’ausilio e la complicità del quarto potere mediatico, ha sopraffatto gli altri due e, soprattutto, ha travolto e stravolto lo Stato di diritto.

Che cosa prova di fronte all’ennesima tragedia. Di fronte a una donna stimata e incensurata che si lancia dalla finestra perché non sopporta il peso, il macigno, del sospetto?

Tanta rabbia. Io ho stampata nel mio cervello la lettera scritta da Sergio Moroni prima di suicidarsi. Moroni era un parlamentare. Era un uomo potente. In quella lettera fotografa perfettamente la sua situazione. Parole lucide e strazianti. “Quando la voce è flebile, non rimane che un gesto”. Parole da cui emerge l’impotenza delle persone, e quindi la loro voce flebile, di fronte alla prepotenza e alla strapotenza dell’aggressione mediatica-giudiziaria.

di Antonello Sette



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Disastro Germanwings, ennesima strage causata da psicofarmaci?  


Macchina per incisione laser


L’Avvocatura Nolana si mobilita in difesa dei diritti dei cittadini!!


MyDATEC: la smart house diventa ecosostenibile


In calo il numero di suicidi in Giappone


Sicurezza sul lavoro: polizia giudiziaria e processo penale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo: "Questo è il risultato delle faide interne"

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo:
Dichiarazione al quotidiano “Il Tempo” di Fabrizio Cicchitto, Presidente Riformismo e Libertà Caro direttore,arrivati a questo punto vale la pena di collocare in un quadro generale gli episodi incresciosi che si stanno succedendo uno dopo l’altro nell’ambi- to della magistratura. È inutile nascondersi dietro a un dito, dal 1992 ad oggi la magistratura ha sostanzialmente conquistato il potere nel nostro paese, con l’annichili- mento dei vecchi partiti e la riduzione ai minimi termini di que (continua)

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons
Presentazione in conferenza stampa Venerdì 7 maggio alle ore 16:30 Mood Italia Radio, la web radio nata da un gruppo di appassionati ed esperti della comunicazione, inizia in questi giorni la sua avventura. “Segui il tuo mood”: questo il claim ufficiale della Radio che prende il via ufficiale dopo due mesi di sperimentazione e aggiustamenti tecnici per entrare in sintonia con gli ascoltatori. Mood Italia Radio è già seguita da tanti appassionati grazie alla sua p (continua)

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita” - Intervista a Max Rendina

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita”  - Intervista a Max Rendina
Intervista a Max Rendina Max Rendina, lei ha raccontato la sua vita in un libro, pubblicato dalla Male Edizioni di Monica Macchioni. “La storia di un campione di periferia” è il sottotitolo. C’è tanta periferia nella sua esistenza e anche tanto dolore?La mia periferia viene dopo un abbandono. A tre anni i miei genitori m hanno rinchiuso in un collegio. Un luogo senza tempo e senza spazio. Ci sono rimasto fino a dodici ann (continua)

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”
Intervista con l'ex-deputato, oggi presidente di Polo Sud Amedeo Laboccetta, lei si è imbattuto personalmente nella malagiustizia dei Pubblici Ministeri, quella di cui parla Luca Palamara nel libro intervista di Alessandro Sallusti. Una malagiustizia che ti vorrebbe condannato sic et stantibus, a prescindere dall’esito di un eventuale processo…Io credo che tutti gli italiani siano vittime del Sistema descritto da Palamara. Perché tutti direttamente o ind (continua)

Caos Procure, Palamara: "Riformiamo la giustizia perché la legge sia uguale per tutti"

Caos Procure, Palamara:
"La favoletta della fuga di notizie che è colpa solo degli avvocati non regge più. Dobbiamo riformare la giustizia perché se la legge deve essere uguale per tutti deve avere lo stesso impatto sia il fascicolo che coinvolge la persona nota o la persona ricca che la persona non nota."  Lo dichiara Luca Palamara durante la presentazione del suo libro a Lagonegro. "E' il momento di fare una (continua)