Home > Esteri > La solidarietà al centro delle relazioni tra Marocco e Libano

La solidarietà al centro delle relazioni tra Marocco e Libano

scritto da: Mbaratto | segnala un abuso

Sua Maestà il Re Mohammed VI, in qualità di Capo Supremo e Capo di Stato Maggiore Generale delle forze armate reali (FAR), ha gentilmente dato la sua alta approvazione fare una donazione personale sotto forma di aiuto alimentare a beneficio di Forze armate libanesi e fraterno popolo libanese.


Sua Maestà il Re Mohammed VI, in qualità di Capo Supremo e Capo di Stato Maggiore Generale delle forze armate reali (FAR), ha gentilmente dato la sua alta approvazione fare una donazione  personale sotto forma di aiuto alimentare a beneficio di Forze armate libanesi e fraterno popolo libanese.


La consegna di questi aiuti al Libano sarà assicurata da aerei militari Marocchini, si legge in una dichiarazione dello Stato maggiore delle FAR. Questa decisione reale arriva in risposta a una richiesta avanzata dal partito Libanese, e nel quadro della solidarietà con questo paese fratello, per consentirglielo affrontare le sfide economiche e le ripercussioni della pandemia Covid-19, conclude il comunicato stampa.

La notizia è estremante impomatante perchè si inserice in piano di collaborazione umanitaria con il Libano inziata dopo la tragedia del porto di Beriut . Il gesto non è solamente umanitario ma si inserisce in una attività sociale che lega il paese dei cedri al Marocco . Il Libano è una terra che necessita di aiuto e che fino ad oggi, nonostante le tante tensioni della regione ha assicurato una convivenza alle tre religioni monoteiste .

Anche noi Europei non dovremmo dimenticare il Libano e seguire l'esempio del Marocco sostenendo questa repubblica cosi duramente provata da anni di guerra e tensione. 


Marco Baratto
Incontri Culturali Franco Italiani



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

STORICA VISITA DELLE DELEGAZIONE ISRAELO - AMERICANA IN MAROCCO


SUA MAESTA MOHAMMED VI E LA DIFESA DELLA CULTURA EBRAICO MAROCCHINA


IL MODELLO DELLA CHIESA CATTOLICA IN MAROCCO: UNA PICCOLA COMUNITA' AL SERVIZIO DELLA CHIESA UNIVERSALE


La Costa d'Avorio al fianco del Regno del Marocco


L'unità dei partiti politici del Marocco in confronto con la Spagna per il caso del separatista Brahim Ghali


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L'Europa sia aperta a nuove collaborazioni con il Marocco

L'Europa sia aperta a nuove collaborazioni con il Marocco
Estendere la collaborazione nel campo sociale, medico, universitario e della transizione ecologica "Il Parlamento europeo sottolinea la natura strategica delle relazioni UE-Marocco e raccomanda un maggiore sostegno al Regno da Bruxelles Mercoledì il Parlamento europeo ha sottolineato la natura strategica delle relazioni tra il Marocco e l'Unione europea (UE) e ha raccomandato un maggiore sostegno al Regno. In una relazione sul discarico sull'esecuzione del bilancio generale dell'UE per l'eserci (continua)

La Spagna conosce purtroppo il peso del separatismo sia più solidale

La Spagna che ogni giorno deve lottare contro le forze centrifughe del separatismo sa bene cosa significa e le parti della Spagna che amano il loro Paese e la Monarchia non possono accettare forze separatiste Come già osservato più volte la società moderna, ed in generale anche gli operatori economici considerano tra le ricchezze di una Nazione non solo i beni che essa produce, le risorse del sottosuolo ma anche il rispetto dei diritti umani . E quella che il definisce “L’economia sociale di mercato” ovvero   un modello di sviluppo dell’economia che si propone di garantire sia la li (continua)

Il capo del Polisario ricoverato in Spagna

Dopo che le sue condizioni sono peggiorate, il capo del Polisario è stato trasportato a Tindouf, dove è stato visitato dal capo di stato maggiore dell’esercito algerino, il generale Saïd Chengriha. Secondo quanto si apprende, il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune avrebbe ottenuto assicurazioni dal premier spagnolo Pedro Sanchez che Brahim Ghali non sarebbe stato indagato dalla giustizia. Un team di medici algerini avrebbe così accompagnato il leader del polisario a Saragozza, a bordo di un aereo sanitario noleggiato dalla presidenza algerina." " Il capo e segretario generale del Fronte Polisario Brahim Ghali, 73 anni, è stato ricoverato d’urgenza in un ospedale di Logroño, non lontano da Saragozza, in Spagna, la sera del 21 aprile. Da quanto si apprende dai media locali, Ghali soffre di un tumore all’apparato digerente da diversi anni. Per motivi di discrezione e perché oggetto di numerose denunce presentate alla giustizia spagnola da e (continua)

USA: specialisti e accademici americani a convegno per sostenere gli sforzi del Marocco per risolvere il conflitto nel Sahara

I partecipanti a una conferenza, organizzata martedì dal centro americano "Republic-Underground", hanno chiesto il dispiegamento del Consolato americano a Dakhla al fine di facilitare i contatti tra gli operatori economici locali e le loro controparti americane, e per promuovere gli investimenti e l'aiuto americano allo sviluppo della regione, in conformità con l'Accordo di libero scambio tra Stati Uniti e Marocco. I partecipanti a una conferenza, organizzata martedì dal centro americano "Republic-Underground", hanno chiesto il dispiegamento del Consolato americano a Dakhla al fine di facilitare i contatti tra gli operatori economici locali e le loro controparti americane, e per promuovere gli investimenti e l'aiuto americano allo sviluppo della regione, in conformità con l'Accordo di libero scambio tra Stat (continua)

Il Marocco prima nazione ad esprime la propria vicinanza dopo il tentato colpo di stato di Giordiana

Il Marocco prima nazione ad esprime la propria vicinanza dopo il tentato colpo di stato di Giordiana
Il Regno del Marocco, tramite Sua Maestà è stata la prima Nazione a esprimere la sua amicizia e solidarietà a Sua Maestà Abdullah II Ibn Al Hussein, Sovrano del Regno Hascemita di Giordania a seguito dei provvedimenti che il Sovrano Giordano è stato costretto a prendere per la sicurezza dello Stato difronte al tentativo di sovvertire l'ordine . "Sua Maestà il Re Mohammed VI, ha avuto una conversazione telefonica domenica mattina presto con Sua Maestà il Re Abdullah II Ibn Al Hussein, Sovrano del Regno Hascemita di Giordania. Questa conversazione telefonica è stata l'occasione per rassicurare Sua Maestà il Re della situazione sulla base dei dati che il Sovrano giordano ha condiviso con Sua Maestà il Re. In questa occasione, il Sovrano ha (continua)