Home > Ambiente e salute > Cancro e Covid: il grido d’allarme dei pazienti e delle loro Associazioni Contro l’emergenza oncologica serve subito un nuovo Piano Nazionale

Cancro e Covid: il grido d’allarme dei pazienti e delle loro Associazioni Contro l’emergenza oncologica serve subito un nuovo Piano Nazionale

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

L’appello di FAVO al Governo: «Bisogna garantire la sicurezza ai malati oncologici, tra le persone più fragili, l’immediato ricorso alla vaccinazione e percorsi differenziati negli ospedali. Le associazioni dei malati chiedono il diritto ad un Piano di emergenza per abbattere le liste di attesa in chirurgia oncologica».


L’appello di FAVO al Governo: «Bisogna garantire la sicurezza ai malati oncologici,

tra le persone più fragili, l’immediato ricorso alla vaccinazione e percorsi

differenziati negli ospedali. Le associazioni dei malati chiedono il diritto ad un

Piano di emergenza per abbattere le liste di attesa in chirurgia oncologica».

 

«L’Italia resterà fanalino di coda se non si attiverà un piano che preveda il

potenziamento e il finanziamento delle infrastrutture, la formazione del personale

e la regolamentazione dell’accesso alle cure innovative».

 

16 Aprile 2021. «I pazienti oncologici non possono più aspettare, non esiste solo il Covid-19. Il

cancro è diventata una emergenza nell’emergenza. L’Italia deve reagire subito con un Piano

Oncologico Nazionale in linea con il Piano Europeo di lotta contro il cancro, per tutelare la vita

delle persone malate di cancro».

La pandemia di Covid-19 sta mettendo in serio pericolo la vita delle persone colpite da tumore

e ad appellarsi sono le 550 associazioni federate FAVO - Federazione Italiana delle

Associazioni di Volontariato in Oncologia, che chiedono risposte concrete.

Una nuova occasione è stato il webinar organizzato da Motore Sanità in collaborazione con

FAVO - Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, dal titolo

“CANCRO E COVID L’EMERGENZA NELL’EMERGENZA. L’ONCOLOGIA NELL’ERA

INTRA E POST PANDEMICA”, per riportare le Risoluzioni all’attenzione del

Governo e delle Regioni, affinché vengano con estrema urgenza ripristinati in ambito

oncologico i livelli di assistenza precedenti al diffondersi dell'epidemia, e si proceda, con

adeguati finanziamenti, anche attraverso il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR),

al necessario ammodernamento strutturale e di processo del Servizio Sanitario Nazionale,

anche nell'ottica di delineare un nuovo sistema di offerta, valorizzando il rapporto tra volumi

di attività delle strutture, esiti e sicurezza delle cure. Il punto 1 di entrambe le Risoluzioni

impegna il Governo ad adottare iniziative per provvedere con urgenza all’approvazione di

un nuovo Piano Oncologico nazionale, seguendo l’impostazione del Piano europeo di lotta

contro il cancro, approvato lo scorso febbraio, che insieme alla Mission on Cancer, segna

una nuova era oncologica in Europa, delineando con chiarezza obiettivi strategici, iniziative

faro e azioni di sostegno.

 

La pandemia di Covid-19 ha avuto forti ripercussioni negative sulla cura del cancro,

interrompendo azioni di prevenzione, trattamenti e follow up, ritardando diagnosi e

vaccinazioni e incidendo sull'accesso ai farmaci e provocando decessi. Dall'inizio della

pandemia le ferite sono profonde. I programmi di screening per i tumori al colon retto, alla

mammella e alla cervice sono stati temporaneamente sospesi in molte regioni italiane e in

particolare nella prima ondata, sia perché il personale sanitario è stato dirottato verso

l’assistenza ai malati Covid-19 sia perché la volontà di ridurre il rischio di contagio ha

prevalso sulla necessità di eseguire visite ed esami diagnostici.

 

«Nelle ondate successive, nonostante un parziale miglioramento, continuiamo a registrare

numeri preoccupanti - spiega la Dottoressa Antonella Levante, Vicepresidente IQVIA -.

Da indagini IQVIA su dati reali di prescrizione, aggiornati a Dicembre 2020, si registrano

ancora -17% nelle mammografie, -13% nelle TAC polmonari e -13% sulle colonscopie.

In aggiunta, dati stabili o addirittura in peggioramento nel periodo ottobre-dicembre 2020

rispetto alla prima ondata, su nuove diagnosi (-14%), interventi chirurgici (-24%) e minori

ricoveri (-37%), rispettivamente a -15% , -20% e 16% nel periodo febbraio-giugno 2020.

Infine, il dato che più preoccupa, è che alla quarta wave (febbraio 2021) gli oncologi italiani

dichiarano di visitare ancora in media il 30% di pazienti in meno rispetto al periodo

pre-pandemia».

 

«FAVO, non a caso, ha definito il Covid-19 uno tsunami per i malati di cancro – spiega il

Professor Francesco De Lorenzo, Presidente FAVO – Federazione Italiana delle

Associazioni di Volontariato in Oncologia –. Il grido d’allarme lanciato da FAVO alla

Commissione Affari Sociali della Camera è stato pienamente recepito prima

dall’Onorevole Carnevali e successivamente dalla Senatrice Binetti, con due risoluzioni

approvate all’unanimità in 20 giorni e con il parere favorevole del Governo. Questo

webinar intende condividere con tutta la comunità oncologica il risultato eccezionale

che il Parlamento ha dimostrato di voler conseguire per rilanciare gli aspetti che più

preoccupano i malati di cancro, sollecitando il Governo ad attuare quanto previsto

dalle risoluzioni, attraverso un nuovo Piano Oncologico Nazionale che, in linea con

quello europeo, definisca una progettualità complessiva da inserire nel Recovery Plan».

«Il nuovo Piano – ha rimarcato De Lorenzo – dovrà prevedere una regia centrale, un

monitoraggio delle previsioni di attività, una chiara identificazione dei ruoli, il

potenziamento e il finanziamento delle infrastrutture, la formazione del personale e la

regolamentazione anche dell’accesso alle cure innovative. Il Piano, inoltre, deve

porre al centro della programmazione le Reti oncologiche regionali, tenendo conto del

documento sulle ‘Revisione delle Linee Guida organizzative e delle raccomandazioni

per la Rete Oncologica’. Solo così l’Oncologia italiana potrà accedere al

finanziamento europeo e quindi potrà assicurare a tutti i malati diagnosi più

tempestive e cure innovative che spettano loro per diritto».

 

«Il Covid ha creato una situazione di “allarme-tumori” che va affrontata con misure

urgenti  poiché il blocco di esami e visite oncologiche, la riduzione degli screening

da inizio pandemia, a cui è  seguita la paura dei pazienti ad accedere agli ospedali

in corrispondenza delle diverse ondate, hanno creato le premesse per una incidenza

maggiorare  di tumori nei prossimi anni – ha spiegato l’Onorevole Elena Carnevali

Componente XII Commissione (Affari Sociali), Camera dei Deputati -. A partire dagli

impegni contenuti nella risoluzione a mia prima firma, approvata all’unanimità nel

novembre scorso, è necessario  un cambio di passo, in tempi davvero rapidi, che ci

porti all’approvazione di un nuovo Piano Oncologico Nazionale in linea con le

direttive europee, per poter riprendere ad effettuare screening oncologici, favorire la

presa in carico dei pazienti, in maniera omogenea su tutto il territorio nazionale,

garantendo l’accesso agli esami diagnostici e alle terapie antitumorali».

 

«Il Senato ha appena approvato un Ordine del giorno unitario con cui si chiedeva

con insistenza al Governo di approvare al più presto il Nuovo Piano Nazionale per

l'Oncologia e il Governo, scusandosi,  si è impegnato a farlo entro il prossimo mese

di giugno – ha spiegato la Senatrice Paola Binetti, Componente 12ª Commissione

Igiene e Sanità, Senato della Repubblica -. E' una buona notizia per tutti i malati di

tumore,  per le loro famiglie, ma anche per tutte associazioni che li rappresentano,

a cominciare dalla FAVO.  I malati oncologici ai tempi della Pandemia sono stati

lasciati fin troppo soli con una grave compromissione della loro salute fisica, emotiva

e psicologica. L'OdG appena approvato segna una svolta decisa e coraggiosa, un

impegno reale a ripartire stando al loro fianco con tutti i mezzi che scienza e tecnica

ci offrono, ma anche con un calore umano che metta fine allo stato di solitudine, a

volte perfino di abbandono, di cui si sono sentiti vittime».

 

«In un momento drammatico quale la pandemia che ci troviamo a fronteggiare, la

Commissione Europea ha fornito una risposta importante per sostenere il burden

del cancro, finanziando la “Mission” sul cancro, il cui obiettivo è salvare tre milioni

di vite entro il 2030 – ha spiegato il Professor Walter Ricciardi, Presidente Mission

on Cancer -. Per raggiungere questo scopo sono state individuate cinque aree di

intervento: comprendere, prevenire ciò che si può prevenire, ottimizzare la diagnostica

e il trattamento, sostenere la qualità della vita, garantire un accesso equo. La “Mission”

rappresenta una importante opportunità per l’Italia, per consentire la creazione di una

sinergia tra le eccellenze del nostro Paese in ricerca e assistenza per giungere a

concrete collaborazioni tra le diverse competenze nell’ambito oncologico. Vengono

proposte 13 raccomandazioni, rivolte a interventi specifici, focalizzate sui bisogni della

popolazione e che necessitano di una grande cooperazione tra cittadini, ricercatori,

istituzioni e Paesi».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Tumori e Covid, l’appello delle associazioni dei pazienti al Governo. «Abbiamo un’emergenza oncologica. Affrontiamo il problema ma in una visione europea perché solo così salveremo l’oncologia italiana»


Correlazione Cancro TEV Daiichi Sankyo Italia presenta la ricerca MediPragma


ESMO2020: presentati i risultati di fase I di Patritumab Deruxtecan


Congresso ASH 2017: Edoxaban efficace nel trattamento TEV pazienti oncologici


Risultati preliminari positivi per l’anti-HER3 Patritumab Deruxtecan


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Legge sulla parità salariale: punto di partenza di Women for Oncology Italy per superare il Gender Gap

Rossana Berardi, Presidente di Women for Oncology Italy: “Un gap nel mondo del lavoro che pesa particolarmente nel nostro Paese. Per metterci alla pari, è necessario compiere passi da gigante”. Ecco i prossimi step per colmarlo, a partire dalla Survey appena lanciata per la quale tutti possono dare il proprio contributo. Rossana Berardi, Presidente di Women for Oncology Italy: “Un gap nel mondo del lavoro che pesa particolarmente nel nostro Paese. Per metterci alla pari, è necessario compiere passi da gigante”. Ecco i prossimi step per colmarlo, a partire dalla Survey appena lanciata per la quale tutti possono dare il proprio contributo.  21 gennaio 2022 - Il 3 dicembre 2021 è entrata in vigore (continua)

Invito stampa - HIV Romagna. Una pandemia silenziosa - 27 gennaio 2022, Ore 10:30

giovedì 27 gennaio, dalle ore 10:30 alle 13:00, si terrà il webinar ‘HIV Romagna. Una pandemia silenziosa’, organizzato da Motore Sanità. giovedì 27 gennaio, dalle ore 10:30 alle 13:00, si terrà il webinar ‘HIV Romagna. Una pandemia silenziosa’, organizzato da Motore Sanità. Il Piano Nazionale di interventi contro l’HIV e AIDS (PNAIDS) approvato con intesa nella Conferenza Stato-Regioni del 26 ottobre 2017, contempla l’attuazione di interventi di carattere pluriennale riguardanti la prevenzione, l’informazio (continua)

Un mondo del lavoro amico delle donne. È l’augurio di Women for Oncology Italy per il 2022

“Archiviamo il 2021 con la consapevolezza che c’è ancora tanto da fare, per colmare il gender gap. Auspichiamo un nuovo anno all’insegna non più della precarietà, ma dell’uguaglianza di occupazione e di retribuzione”. Il mondo del lavoro rimane un ambiente molto difficile per le donne e in questo anno e mezzo di pandemia l’aumento delle disuguaglianze di genere è cresciuto: dati alla mano il tasso di occupazione degli uomini è pari al 67,8% e quello delle donne è al 49,5%. È quanto evidenzia il Gender Policies Report, elaborato dalla Struttura Mercato del Lavoro dell’Inapp e presentato all’Auditorium dell’ (continua)

Tumori cutanei: bando alla vergogna e alla paura. Oggi guarire si può, grazie alla diagnosi precoce

“È importante conoscere la malattia, per poterla affrontare al meglio. Per questo occorre coinvolgere i pazienti e i loro familiari”. 21 dicembre 2021 – È uno dei tumori della pelle più comuni, secondo per diffusione solo al melanoma. È il carcinoma squamo cellulare (CSCC), che rappresenta da solo il 20-25% di tutti i tumori cutanei, caratterizzato da una crescita anomala e accelerata delle cellule squamose che, se individuata precocemente, nella maggior parte dei casi è curabile. Può localizzarsi ovunque sul corpo, m (continua)

Vaccino anti-HPV: in Piemonte la strategia vaccinale contro il tumore del collo dell’utero è esemplare e unica nel suo genere

L’offerta - che risponde all’obiettivo dell’OMS di eradicare la neoplasia entro il 2030 - è attiva e gratuita. “A Natale regaliamoci la prevenzione”. 21 dicembre 2021 - Il tumore della cervice uterina (o collo dell’utero) è la quarta neoplasia più frequente nelle donne dopo il cancro della mammella, del colon-retto e del polmone. Ogni anno nel mondo muoiono 300mila donne a causa di questo tumore, soprattutto nei Paesi meno sviluppati: è come se scomparisse all’improvviso poco più dell’intera popolazione di Firenze. In Italia si contan (continua)