Home > Libri > Sebastiano Martini presenta il romanzo “La notte dell’acqua alta”

Sebastiano Martini presenta il romanzo “La notte dell’acqua alta”

scritto da: DiffondiLibro | segnala un abuso

Sebastiano Martini presenta il romanzo “La notte dell’acqua alta”

Mentre l’acqua sale inesorabile e la città si fa deserta e sofferente, osserviamo la fragilità di un essere umano che si scontra con la forza distruttiva della natura; con i soli compagni dei ricordi e dei rimpianti, Max, l’ultimo dei sognatori, arranca verso il luogo in cui finalmente getterà le carte in tavola, in cui per una volta si assumerà tutti i rischi.


Sebastiano Martini

“La notte dell’acqua alta”


Casa Editrice: Edizioni Ensemble Collana: Officina Genere: Narrativa contemporanea Pagine: 82 Prezzo: 12,00 €

 

«Erano pochi i posti in cui poteva trovarsi veramente a suo agio e Venezia era uno di quelli. Una laguna, un punto di approdo e di partenza, una capitale ma anche un ghetto, uno spazio in cui il tempo aveva accettato di trascorrere con incedere più lento rispetto a tutto il resto del mondo, un luogo sospeso tra mare, terra e cielo».

 

“La notte dell’acqua alta” di Sebastiano Martini è un romanzo suggestivo ambientato in una sola, decisiva notte. È una storia attraversata da una sottile tensione che domina il racconto già dal prologo, e che continua a tenere il lettore sul chi va là, come se a ogni svolta di pagina ci potesse essere una rivelazione sconvolgente. Anche il protagonista è avvolto da un alone di mistero: Max si muove per una Venezia stravolta dall’alluvione che la colpì realmente nel novembre del 2019, guidato da un obiettivo apparentemente folle che non viene manifestato subito, se non quando la storia si concede un flashback rivelatore. L’autore gestisce sapientemente l’atmosfera surreale e apocalittica che si viene a creare intorno al protagonista, stuzzicando la curiosità del lettore, che non legge ma beve le pagine: il destino di Max diventa subito affar suo, e non se ne può liberare. Insieme alla tensione, anche un rarefatto sentimento d’angoscia impregna le scene; lo stesso protagonista è profondamente inquieto, ed è come sospeso tra due realtà, tra due scelte cruciali. Dopo aver scoperto il vero motivo per cui è arrivato a Venezia, la città che più ama al mondo, lo seguiamo mentre si perde tra le calli dominate dallo scirocco, memore dei luoghi visitati da Corto Maltese, nostalgico delle avventure giovanili nella Serenissima. Max affronta la pericolosa acqua alta, la peggiore dal 1966, per compiere la grande impresa: una sfida contro sé stesso e la sua paura di osare, un modo di sentirsi vivo quando è ormai giunto a un importante giro di boa. E anche quando viene messo in guardia dall’enigmatico personaggio di Sebastiano Mocenigo, uomo eccentrico e sibillino, lui sa che non può mancare all’appuntamento con la sorte perché, che sia nel bene o nel male, un nuovo inizio è necessario. Mentre l’acqua sale inesorabile e la città si fa deserta e sofferente, osserviamo la fragilità di un essere umano che si scontra con la forza distruttiva della natura; con i soli compagni dei ricordi e dei rimpianti, Max, l’ultimo dei sognatori, arranca verso il luogo in cui finalmente getterà le carte in tavola, in cui per una volta si assumerà tutti i rischi - «Trascinava a fatica le gambe nell’acqua, osservando la sua città, ferita e violata dall’impeto della natura. La marea cresceva senza soluzione di continuità, insensibile, distaccata e indifferente alle vite dei veneziani, alle sofferenze e ai sogni degli esseri umani».

 

SINOSSI DELL’OPERA

A Venezia, la sera del 12 novembre 2019, un forte vento dall’Adriatico causa un’alluvione che la Laguna non ricordava da decenni. L’avvocato Max Falconeri è lì, assediato dai debiti, con una storia d’amore a un bivio, e ventimila euro in contanti nella tasca del blazer. Passeggia inquieto tra le calli deserte sperando che quella notte sia aperto almeno il casinò, mentre l’acqua alta, salendo lungo i pantaloni di velluto, è già arrivata all’orlo dell’elegante cappotto di loden indossato per la notte di tutta una vita.

 

BIOGRAFIA DELL’AUTORE

Sebastiano Martini (Parma, 1978) è un avvocato civilista e scrittore. Esordisce nella narrativa con il suo romanzo “Covadonga” (Edizioni Leucotea, 2019). A quest’opera seguiranno la pubblicazione di racconti in alcune antologie e del suo secondo romanzo “La notte dell’acqua alta” (Edizioni Ensemble, 2020).

 

Contatti

https://www.facebook.com/sebastiano.martini  https://www.instagram.com/avvseba/?hl=it https://www.edizioniensemble.it/

Link di vendita online

https://www.edizioniensemble.it/prodotto/la-notte-dellacqua-alta/ https://www.amazon.it/notte-dellacqua-alta-Sebastiano-Martini/dp/8868816628

 

 

 

 

 

 

Ufficio Stampa Diffondi Libro

https://www.diffondilibro.it/ Mail: info@diffondilibro.it Cell. Lisa Di Giovanni 3497565981

 

La notte dell’acqua alta | Sebastiano Martini | romanzo | Edizioni Ensemble | scrittore | libri | Venezia | rischio | acqua alta | alluvione 2019 | tensione | mistero | scelte | casinò | debiti | rinascita | Diffondi Libro | Ufficio stampa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


“Agitato, non mescolato” – James Bond ed il Martini


Depuratori acqua di pozzo: le tipologie di strumenti


Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”


-Brusciano: Echi della tragedia del Confine Orientale d’Italia nel Giorno del Ricordo. (Scritto da Antonio Castaldo)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Federico Galantini e Nikolai Tisci presentano l’opera “Vivi davvero”

Federico Galantini e Nikolai Tisci presentano l’opera “Vivi davvero”
Gli autori, che non sembrano aver paura di dire ciò che pensano, aiutano il lettore a riflettere su interrogativi quasi esistenziali e lo guidano incoraggiandolo a sviluppare un proprio pensiero e a sostenerlo, soprattutto se diverso da quello che coloro scrivono. Federico Galantini e Nikolai Tisci “Vivi davvero?” Questo saggio nasce dalla collaborazione tra due amici: Federico - lo Scrittore e Nikolai - il Saggio, che hanno deciso di registrare le loro interessanti conversazioni sull’essere umano e sulla società moderna per poi trascriverle. Un’opera ricca di riflessioni derivanti dalle loro esperienze dirette, dai loro ragionamenti e dai loro s (continua)

Elena Pigozzi presenta il romanzo “L’ultima ricamatrice”

Elena Pigozzi presenta il romanzo “L’ultima ricamatrice”
“L’ultima ricamatrice” ci ricorda l’importanza di preservare le nostre storie e il bisogno dell’uomo di raccontarle per poi consegnarle ai posteri. Un grande omaggio all’arte della narrativa, dell’intessere trame come tessuti preziosi e affidare a chi viene dopo l’insegnamento più grande: la vita è più forte di ogni dolore. Elena Pigozzi “L’ultima ricamatrice” Elena Pigozzi ci fa vivere cento anni di storia in un battito di ciglia, a volte vento leggero e luminoso, altre cupo e foriero di sventura. Tante vite si intrecciano in queste righe, tanti amori, ma soprattutto l'amore per la vita stessa e per un'arte millenaria che sono la vera eredità dell'ultima ricamatrice. Casa Editrice: PiemmeGenere: Narrat (continua)

Stefano Antonini presenta “Segreto di madre. Parole nascoste di un amore infinito”

Stefano Antonini presenta “Segreto di madre. Parole nascoste di un amore infinito”
Un romanzo epistolare tratto da una storia vera, oggetto di laboratori nelle scuole di Bologna e dintorni, per educare all'affettività. Dopo aver perso la madre, un giovane docente di una scuola secondaria di Bologna decide di raccontare ai suoi studenti il segreto che la donna aveva conservato per anni: il suo primo, grande amore. Stefano Antonini “Segreto di madre. Parole nascoste di un amore infinito” Casa Editrice: Astro EdizioniCollana: Storie di vitaGenere: Narrativa contemporaneaPagine: 320Prezzo: 15,90 € «Chi narra si dona nella speranza di gettare un seme e, anche se ciò che riceve da ogni allievo non è mai quantificabile, quello che trattiene quando esce dalla sua classe ha, sempre e comunque, un va (continua)

Andrea Siniscalchi Montereale presenta “Scene di vita quotidiana - Toxic Ediction”

Andrea Siniscalchi Montereale presenta “Scene di vita quotidiana - Toxic Ediction”
In queste composizioni si può avvertire la rabbia, il delirio, il sarcasmo e il disincanto di un uomo che ha voluto mettere nero su bianco i suoi demoni per dominarli e per ritrovare il suo centro Andrea Siniscalchi Montereale “Scene di vita quotidiana - Toxic Ediction” Genere: Poesia contemporanea/Racconto poetico brevePagine: 224Codice ISBN: 9791220092548  «Dichiaro che gli avvenimenti e i personaggi descritti in questo libro non sono frutto della mia fantasia».  “Scene di vita quotidiana - Toxic Ediction” di Andrea Siniscalchi Montereale è un’originale racco (continua)

Luciano Natali presenta il romanzo “Io voglio vivere”

Luciano Natali presenta il romanzo “Io voglio vivere”
È un romanzo di crescita personale Io Voglio vivere di Luciano Natali. Un romanzo che ci accompagna dalla sua infanzia fino alla sua maturità, passando per la sua adolescenza e la sua giovinezza. Io voglio vivere di Luciano Natali Luciano Natali, cantautore pop e scrittore, torna in libreria con Io voglio vivere, un romanzo di crescita personale. Luca, dopo aver ricevuto in eredità dal nonno paterno la sua casa, darà una svolta alla sua giovane vita, scoprendo il vero significato dell'esistenza e più autentici valori. Genere: NarrativaCasa Editrice: Self Publishing (Piattafo (continua)