Home > Primo Piano > Ultrafranciacorta 12h, intervista a Francesca Canepa e Lorena Brusamento

Ultrafranciacorta 12h, intervista a Francesca Canepa e Lorena Brusamento

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Ultrafranciacorta 12h, intervista a Francesca Canepa e Lorena Brusamento

Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Francesca Canepa (Atletica Sandro Calvesi) SF50 con km 136,59 vince il titolo femminile arrivando 3^ nella classifica generale e ottenendo anche il record italiano. Il podio femminile è completato da Lorena Brusamento (GS Gabbi) km 121,71 che era detentrice del precedente record di 134,368 km ottenuto proprio nel 2017 nella seconda edizione di Ultra Franciacorta e completa il podio Elisa Bellagamba km 114,09.


Matteo SIMONE21163@tiscali.it

http://www.psicologiadellosport.net

 

Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese.

Francesca Canepa (Atletica Sandro Calvesi) SF50 con km 136,59 vince il titolo femminile arrivando 3^ nella classifica generale e ottenendo anche il record italiano. Il podio femminile è completato da Lorena Brusamento (GS Gabbi) km 121,71 che era detentrice del precedente record di 134,368 km ottenuto proprio nel 2017 nella seconda edizione di Ultra Franciacorta e completa il podio Elisa Bellagamba km 114,09.

Il titolo italiano è andato a paolo Bravi che è riuscito a percorrere nelle 12 ore di gara km 141,62, precedendo Stefano Emma km 136,72 e Mattia Di Beo km 132,57.

Approfondiamo la conoscenza di Francesca e Lorena attraverso risposte ad alcune mie domande di alcuni anni fa.

Qual è stato il tuo percorso per diventare ultramaratoneta?

Francesca:Nel 2010 dopo una gran fondo con gli sci ho capito di non faticare su distanze da molti ritenute già ‘lunghe’, lì erano 45 km. Così qualche settimana dopo ho provato un trail di 26 km e la settimana seguente ho provato una maratona vera, chiusa in 3.29 senza essere stanca. 2011 distanze fino a 100 km sempre in natura e 2012 fino a 330km.”

Lorena: “Lo sport ha sempre fatto parte della mia vita, prima la pallavolo, poi la corsa ma non solo. Ho cercato di seguire il mio istinto e di fare sempre ciò che mi faceva provare un'emozione.”

Vuoi ringraziare qualcuno per il tuo benessere e la performance? 

Francesca:Ovviamente sì! Abbiamo Renato, mamma e papà, Matteo e Tobia. Per citare chi ha fornito un aiuto sostanziale. Secondo me, solo chi divide con me anche la vita normale, quella senza corsa, può essere realmente capace di ESSERCI quando la corsa dura 350 km. Servono persone che sappiano leggere nel mio cuore e che, soprattutto, tengano al mio risultato quanto ci tengo io. E poi ci sono anche tutti coloro che, seppur da lontano hanno voluto starmi vicino, tifare, e sperare nella mia vittoria.”

Lorena: “Il mio percorso verso l'ultramaratona è stato segnato da persone diverse in fasi diverse. Nell'ultimo anno sicuramente il mio compagno e la mia amica/assistente hanno avuto un ruolo importante.”

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel diventare ultramaratoneta?

Francesca: "Più che scoperte, direi che ho avuto conferme. Qualunque cosa abbia davanti l’aggettivo 'Ultra' amplifica il corredo di base, caratteriale o fisico che sia. Porta oltre, per definizione. Quindi ho avuto la conferma che se una cosa mi piace, se ci credo, nulla può impedirmi di portarla a termine. Se invece per qualsiasi motivo non provo più nessun piacere nel farla, semplicemente smetto di farla, qualunque sia la posta in gioco. Non mi arrendo se ne vale la pena, ma questo concetto si riferisce unicamente al mio sistema chiuso ‘mente-corpo’, non riesco a considerare obiettivi imposti o caldeggiati dall’esterno. L’aggettivo 'Ultra' amplifica anche la ribellione.”

Lorena: “Che sono forte, mi ferma solo qualcosa che può mettere a rischio serio la salute.

Che significa per te partecipare a una gara estrema?

Francesca: “Significa sapere con certezza a che ora parto ma non avere garanzie sul quando e sul se arrivo. Significa prepararmi ad affrontare eventuali imprevisti e significa sapere che sarà impegnativo mentalmente.”

Lorena: “La gara per me non è una gara ma un viaggio. E più il percorso è lungo più il viaggio mi piace. La gara mi consente di dedicarmi del tempo, tutto per me come se fossi in vacanza.”

 

Le gare di ultramaratona permettono di essere con se stessi per tanto tempo, permette di conoscersi meglio nelle crisi, ti fa ripercorrere attimi e periodi della vita, un viaggio nel tempo partendo dal momento presente, permette di sperimentare sensazioni, impressioni ed emozioni, sentendo il proprio corpo, le sensazioni corporee, il respiro che ti porta vanti metro dopo metro, chilometro dopo chilometro, sempre avanti.

Hai sperimentato il limite nelle tue gare?

Francesca: “In realtà mai, in genere ascoltando bene i segnali non mi succede. Ho sperimentato il limite psicologico, quello che per noia, brutte sensazioni o mancanza di reale motivazione, mi ha fatto staccare il pettorale. Ma non è mai successo per un limite dato dall’esaurimento fisico.”

Lorena: Si, la sensazione di non avere più nulla e di avere raschiato il fondo del barile.”

 

Il limite fisico si può spostare sempre più in là perché dipende tutto dall’approccio mentale, è la mente che decide di poter fare qualcosa di sfidante, di difficile con l’opportuna preparazione e con sicurezza acquisita dall’incremento graduale dell’autoefficacia nel corso di competizioni precedenti riuscite con successo.

Cosa vuoi dire ai ragazzi e genitori per farli avvicinare allo sport?

Ai ragazzi non voglio dire nulla, perché credo che le parole non siano così utili. Suggerirei loro piuttosto, di leggere le biografie di atleti che raccontano la loro storia. Credo sia molto più potente apprendere grazie all'esempio. Leggere e poi costruirsi un pensiero proprio. Leggere e arrivare a chiedersi ‘perché non io’? Leggere e poi provare a scrivere la propria storia.

Lorena: “Lo sport è amicizia, aggregazione, condivisione, gruppo, insegnamento, conoscenza, qualsiasi sport e a qualsiasi livello.”

 

Qualsiasi sport, qualsiasi livello, e a qualsiasi età, lo sport apporta benefici, scoperte, conoscenze, è una formazione che non ha prezzo e non ha pari, una formazione alla vita, apprendere ed imparare dall’esperienza diretta per costruire carattere e formare personalità per vivere ogni momento con consapevolezza.

Hai ancora progetti? Sogni realizzati e nel cassetto?

Francesca: “I miei progetti in verità prendono forma in maniera del tutto casuale, in base alle situazioni in cui mi imbatto e alle opportunità che di volta in volta vedo dischiudersi. Non ho un piano preciso. Non ho gare iconiche che voglio fare per forza. Decido più o meno giorno per giorno. Quello che so per certo è che sarò un'atleta per sempre. Un sogno nel cassetto? Vincere la maratona di New York nella categoria Over 70.

Lorena: “Ogni sogno realizzato apre la strada ad altri sogni, basta seguire la scia. Indossare la maglia azzurra era un sogno, l'ho realizzato e questo mi dà la possibilità di sognare altro! La vita senza sogni, che vita è?”.

 

Lo sport per strada, all’aria aperta in autosufficienza è una grande scuola di vita; bisogna crederci, sognare, realizzare sogni, superare crisi e quant’altro, sviluppare consapevolezza, autoefficacia e resilienza. Francesca ha tanto da trasmettere e insegnare per la enorme esperienza acquisita anche attraverso lo sport.

Riporto interviste a Francesca Lorena nel mio libro “Lo sport delle donne” edito da Prospettiva Editrice.

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=425&controller=product

Francesca e Lorena sono citate nel mio libro Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida”, Edizioni Psiconline.

https://www.edizioni-psiconline.it/anteprime/maratoneti-e-ultrarunner-aspetti-psicologici-di-una-sfida.html

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

380-4337230 - 21163@tiscali.it

Autore di libri di psicologia e sport

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


runner | lunga distanza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L'intervista a Erno Rossi per i suoi 40 anni di professione...


Icona di bellezza e sensualità, Francesca Dellera si racconta in un’intervista


La bellissima Francesca Dellera racconta l’intenso corteggiamento da parte della star internazionale Prince


Eleganza aggraziata per gli aspiranti ballerini a Monte Carlo


Stella del cinema italiano, la sensuale attrice Francesca Dellera torna a raccontarsi in un’intervista


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Daniele Cappelletti, 3° nella classifica finale della Coppa Italia di Sky Snow

Daniele Cappelletti, 3° nella classifica finale della Coppa Italia di Sky Snow
A Sella Neva, si è conclusa la prima edizione della Coppa Italia FISKY - Skysnow e la classifica finale, ottenuta dalla somma dei due migliori risultati di tre gare vede al 1° posto Cristian Minoggio (200 punti) che ha preceduto Luca Del Pero (166 punti) e Daniele Cappelletti (160 punti). Per quanto riguarda le donne, femminile la vittoria è andata a Isabella Morlini (178 punti) che ha preceduto Raffaella Tempesta (176 punti) e Consuelo Vicari (152 punti). Salire sul podio mi piace ancora molto nonostante l'età che avanzaMatteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net A Sella Neva, si è conclusa la prima edizione della Coppa Italia FISKY -  Skysnow e la classifica finale, ottenuta dalla somma dei due migliori risultati di tre gare vede al 1° posto Cristian Minoggio (200 punti) che ha preceduto Luca Del Pero (166 punti) e Daniele Capp (continua)

Manuel Viezzi: Mi innamorai di questo tipo di gare e non mi sono più fermato

Manuel Viezzi: Mi innamorai di questo tipo di gare e non mi sono più fermato
Molti considerano anomalo correre tanti km, considerano anomalo correre in circuiti di circa un km per 6 ore consecutive, ma a volte l’anomali e il bizzarro attrae più di tutto, diventa una sfida, scoprire se si è in grado di fare cose difficili e sfidanti, gare lunghissime e difficilissime. Quello che si sperimenta attrare più di ogni cosa, ci si innamora. Matteo SIMONE Molti considerano anomalo correre tanti km, considerano anomalo correre in circuiti di circa un km per 6 ore consecutive, ma a volte l’anomali e il bizzarro attrae più di tutto, diventa una sfida, scoprire se si è in grado di fare cose difficili e sfidanti, gare lunghissime e difficilissime. Quello che si sperimenta attrare più di ogni cosa, ci si innamora.Di seguito l’es (continua)

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport
L’esperienza della bici per assaporare colori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita, fatta di partenze e arrivi, incontri e congedi, salite e discese. La bici è una metafora della vita, come per la bici c’è la ciclicità della salita e della discesa così nella vita c’è la crisi e soluzione senza darsi per sconfitti ma accettando e cambiando il corso degli eventi con fiducia e resilienza uscendone fuori sempre più rafforzati. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net L’esperienza della bici per assaporare colori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita, fatta di partenze e arrivi, incontri e congedi, salite e discese. La bici è una metafora della vita, come per la bici c’è la ciclicità della salita e della discesa così nella vita c’è la crisi e soluzion (continua)

Luigi Brugnoli: L’idea di correre nel deserto o fare la 100 km mi ispira molto

Luigi Brugnoli: L’idea di correre nel deserto o fare la 100 km mi ispira molto
Oltre i limiti non significa buttarsi a capofitto con il corpo oltre le proprie possibilità ma fare un’attenta analisi e valutazione, buttarsi sì ma non solo con il fisico ma anche con la testa sempre sul corpo che comanda le nostre azioni attentamente senza strafare troppo e con attenzione e cautela. Il cuore anche diventa importantissimo perché se non c’è passione non si fa niente di importante, non si può andare oltre senza una passione vera per quello che si sta facendo. Rispondendo ad alcune mie domande, di un paio di anni fa, Luigi racconta la sua esperienza di maratoneta intenzionato ad andare oltre. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Oltre i limiti non significa buttarsi a capofitto con il corpo oltre le proprie possibilità ma fare un’attenta analisi e valutazione, buttarsi sì ma non solo con il fisico ma anche con la testa sempre sul corpo che comanda le nostre azioni attentamente senza strafare troppo e con attenzione e cautela. Il cuore anche diventa importantissimo (continua)

Mattia Ceccarelli, Triathlon: Quando provi una cosa fallo fino in fondo

Mattia Ceccarelli, Triathlon: Quando provi una cosa fallo fino in fondo
Mattia Ceccarelli (Cesena Triathlon) è campione di triathlon medio 2019, titolo vinto a Lovere (BG) sabato 2 giugno in 3h52’23” precedendo Federico Gregorio Incardona (No Limits Friends) 04h02’48” e Bruno Pasqualini (Torino Triathlon) 04h02’50”. Di seguito approfondiamo al conoscenza di Mattia attraverso sue risposte ad alcune mie domande. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Mattia Ceccarelli (Cesena Triathlon) è campione di triathlon medio 2019, titolo vinto a Lovere (BG) sabato 2 giugno in 3h52’23” precedendo Federico Gregorio Incardona (No Limits Friends) 04h02’48” e Bruno Pasqualini (Torino Triathlon) 04h02’50”.Di seguito approfondiamo al conoscenza di Mattia attraverso sue risposte ad alcune mie domande.Q (continua)