Home > Economia e Finanza > Covid-19 e aziende familiari, Maurizio Tamagnini: necessari soci di capitale e debito “buono”

Covid-19 e aziende familiari, Maurizio Tamagnini: necessari soci di capitale e debito “buono”

scritto da: Webpressmt | segnala un abuso


FSI, guidato dall'AD e DG Maurizio Tamagnini, ha promosso in partnership con l'Università Luigi Bocconi uno studio che esamina l'impatto della struttura patrimoniale e finanziaria sulla redditività delle imprese.

Maurizio tamagnini

L'analisi di Maurizio Tamagnini sul report FSI - Bocconi

"Le aziende familiari hanno bisogno di soci di capitale e anche di debito. Ma dev'essere un indebitamento graduale, per crescere, così da fare acquisizioni e diventare poli di aggregazione": così Maurizio Tamagnini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FSI, in merito alla necessità per le aziende familiari di aprire il proprio capitale e fare debito "buono". Tale scenario è stato evidenziato dai risultati di un recente studio condotto da Osservatorio AUB e promosso da FSI in partnership con l'Università Luigi Bocconi. Al centro dell'indagine 16.845 imprese con ricavi oltre i 20 milioni di euro nel periodo 2014-2018, considerato un basso debito di partenza. Lo studio ha mostrato che, anche su un orizzonte temporale differente, le aziende con un tasso di indebitamento più elevato hanno riscontrato livelli di crescita e redditività inferiori. "In un settore industriale come quello italiano, dove le aziende sono tutte familiari o quasi, è importante avere capitale per la crescita che sia concentrato non sui dividendi immediati, ma sul portare fieno in cascina", ha spiegato l'AD e DG Maurizio Tamagnini.

FSI, Maurizio Tamagnini: soci di capitale e debito "buono" per ripartire velocemente nel futuro

Le considerazioni di Maurizio Tamagnini proseguono fornendo un ulteriore spunto di riflessione: "Se comperi un'azienda per 100 milioni, ma le metti subito 60 milioni di debito, la freni. Se invece la lasci con della cassa, poi l'azienda stessa può usare quei 60 milioni per fare acquisizioni e crescere". Tale cultura, come sottolineato dall'AD e DG di FSI, è purtroppo ancora poco estesa ma, aggiunge, "si auspica che si diffonda in questo momento". Quale dunque lo scenario ipotizzato per il prossimo futuro, in particolare quando la pandemia sarà alle spalle? "Ci saranno due tipi di reazioni: chi parte velocemente e chi resta al palo", è l'indicazione di Maurizio Tamagnini, che sottolinea inoltre come le aziende più patrimonializzate saranno quelle ad avere maggiori possibilità per ripartire al meglio e rilanciarsi. Il modello citato dall'AD e DG è quello di due casi su cui il Fondo ha lavorato negli scorsi anni: Cedacri e Sia. Cresciute entrambe per acquisizioni e con un indebitamento incrementato in maniera graduale, oggi le due società sono oggetto d'interesse per la realizzazione di importanti poli nei settori della finanza e dei pagamenti.


Fonte notizia: https://www.topmanageronline.eu/2021/02/10/maurizio-tamagnini-attenti-debito-fa-bene-se-buono/


Maurizio Tamagnini |



 

Potrebbe anche interessarti

XII Osservatorio AUB: l’AD e DG di FSI Maurizio Tamagnini interviene alla presentazione


Maurizio Tamagnini: l’intervista al CEO di FSI per “Inside Finance”


Maurizio Tamagnini: FSI protagonista di “Inside Finance”, intervista al CEO


Maurizio Tamagnini: l’impegno di FSI per la valorizzazione di Missoni, il focus


M&A: il pensiero di Maurizio Tamagnini (FSI)


Maurizio Tamagnini: FSI investe nelle aziende italiane fintech, il focus


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Maurizio Tamagnini: l’intervista al CEO di FSI per “Inside Finance”

La crescita delle imprese italiane e il ruolo di FSI: la vision del CEO Maurizio Tamagnini nella puntata di "Inside Finance" di cui è protagonista.Maurizio Tamagnini: "Inside Finance", il podcast con l'intervista al CEO di FSIMaurizio Tamagnini guida FSI da quando è stata costituita, nel 2016, in seguito allo spin-off del team dell'ex Fondo Strategico Italiano. "È un Fondo privato, ma istituzional (continua)

Maurizio Tamagnini: FSI investe nelle aziende italiane fintech, il focus

Maurizio Tamagnini: "Investire nelle belle aziende italiane è un buon investimento. Investire nelle aziende italiane fintech, in particolare in quelle che hanno già una struttura e sono aperte al cambiamento, è un ottimo investimento".Maurizio Tamagnini (FSI): lavoriamo sempre con un approccio a tre fasiIn un'intervista a "MF Milano Finanza" dello scorso febbraio, il CEO Maurizio Tamagnini lo ha d (continua)

Maurizio Tamagnini: l’intervista di “Milano Finanza” all’AD di FSI

Con l'ingresso in Bcc Pay, FSI consolida il suo posizionamento nel fintech italiano: in un'intervista a "Milano Finanza" il punto dell'AD Maurizio Tamagnini.Cedacri, Lynx, Bcc Pay: l'evoluzione di FSI nelle parole di Maurizio TamagniniIn Italia il fintech è stato uno dei pochi settori in grado di reggere al contesto pandemico. Con la conseguente spinta alla digitalizzazione, le esigenze dei consum (continua)

Maurizio Tamagnini: Lynx, system integrator partecipato da FSI, rileva Double Consulting

Maurizio Tamagnini: Lynx, system integrator partecipato da FSI, rileva Double Consulting
Lynx è un system integrator specializzato nella progettazione e realizzazione di soluzioni tecnologiche a supporto di grandi realtà del settore utility, banche, assicurazioni e Pubblica Amministrazione. Da novembre 2021 è partecipato al 49,99% da FSI, realtà guidata da Maurizio Tamagnini. Lynx ha reso nota l'acquisizione del 90% di Double Consulting, società attiva nella consulenza di business e d (continua)

Maurizio Tamagnini: l’impegno di FSI per la valorizzazione di Missoni, il focus

Maurizio Tamagnini: la recente evoluzione di Missoni, storico marchio del Made in Italy, passa anche attraverso l'investimento di FSI che nel luglio 2018 ha deciso di puntare su un'eccellenza riconosciuta a livello globale.Maurizio Tamagnini: FSI e l'investimento in Missoni, storia di un'operazione vincenteLa storia di FSI, la realtà guidata da Maurizio Tamagnini, si intreccia con quella di Misson (continua)