Home > Ambiente e salute > L’innovazione in oncologia: e-Health, telemedicina, gestione informatizzata dei dati sono le aree sulle quali investire maggiormente

L’innovazione in oncologia: e-Health, telemedicina, gestione informatizzata dei dati sono le aree sulle quali investire maggiormente

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

23 Aprile 2021 - L'obiettivo del piano dell’Unione Europea per sconfiggere il cancro è affrontare l'intero percorso della malattia, attorno a 4 aree di azione chiave in cui l’Unione può aggiungere il massimo valore: prevenzione, diagnosi precoce, diagnosi e trattamento, qualità della vita dei malati di cancro e sopravvissuti. Nei prossimi anni si concentrerà sulla ricerca e sull'innovazione, sfruttando il potenziale che la digitalizzazione e le nuove tecnologie offrono e mobilitano strumenti finanziari a sostegno degli Stati membri.


23 Aprile 2021 - L'obiettivo del piano dell’Unione Europea per sconfiggere il cancro è affrontare

l'intero percorso della malattia, attorno a 4 aree di azione chiave in cui l’Unione può aggiungere il

massimo valore: prevenzione, diagnosi precoce, diagnosi e trattamento, qualità della vita dei malati

di cancro e sopravvissuti. Nei prossimi anni si concentrerà sulla ricerca e sull'innovazione, sfruttando

il potenziale che la digitalizzazione e le nuove tecnologie offrono e mobilitano strumenti finanziari a

sostegno degli Stati membri. Il nuovo programma insieme ad altri strumenti UE forniranno un sostegno

finanziario di 4 miliardi euro agli Stati membri, per rendere i loro sistemi sanitari più robusti e più capaci

di affrontare la malattia. In questa grande rivoluzione del “mondo cancro” fondamentale sarà sfruttare al

massimo il potenziale dei dati e della digitalizzazione e creare un Centro di conoscenza sul cancro

per facilitare il coordinamento delle attività scientifiche relative al cancro a livello dell'UE (entro 2021),

lanciare un'iniziativa europea per l'imaging del cancro per supportare lo sviluppo di nuovi strumenti

computerizzati per migliorare la medicina personalizzata e soluzioni innovative (2022); consentire ai

malati di cancro di accedere in modo sicuro e condividere cartelle cliniche elettroniche per la

prevenzione e il trattamento transfrontaliero attraverso lo Spazio europeo dei dati sulla salute

(2021-2025), espandere il sistema europeo di informazione sul cancro (2021-2022), lanciare i

partenariati di Orizzonte Europa per tradurre la conoscenza scientifica in innovazioni (2021).

Per fare il punto, Motore Sanità ha organizzato, in collaborazione con Periplo, un nuovo incontro

ONCOnnection LA RETE ONCOLOGICA STRUMENTO DI GOVERNO E DI PROGRAMMAZIONE

DELLE RISORSE NECESSARIE; un webinar incentrato sul mondo dell'oncologia e realizzato grazie

al contributo incondizionato di Pfizer, Amgen, Boston Scientific, Nestlé Health Science, Takeda,

Kite a Gilead Company, Janssen Pharmaceutical Companies of Johnson & Johnson Kyowa Kirin.

Un esempio dei grandi passi avanti fatti in oncologia sono le Car-T, la terapia personalizzata e, ultima

novità, riguarda il carcinoma della mammella: presto saranno attivati i centri dove utilizzare il genoma,

come ha spiegato Maria Grazia Laganà, Direttore Direzione generale della programmazione sanitaria -

Qualità, rischio clinico e programmazione ospedaliera Ministero della Salute.

Per quanto riguarda il carcinoma della mammella abbiamo lavorato sulla parte genomica che prevedeva

la legge di bilancio del 30 dicembre 2020quindi ben presto saranno attivati i centri dove utilizzare il

genoma e questa è una importante novità. Abbiamo fatto tutto quasi in un mese di tempo. Dobbiamo

puntare a un ammodernamento dell’organizzazione in oncologia perché la ricerca scientifica va avanti e

dobbiamo stare al passo e non possiamo restare indietro”.

 

“Lo scenario a cui andiamo incontro è quello di una innovazione in ambito di diagnostica e in ambito di

terapia molto diversa rispetto a quella del passatoè necessario avere dei modelli di calcolo del

fabbisogno che tengano conto di queste nuove caratteristiche dell’innovazione che poi andrà ad

impattare sul corso generale del percorso di gestione del paziente – è stato l’appello di Giuseppe

Turchetti, Professore Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese, Scuola Superiore Sant’Anna,

Pisa -. Il tema delle risorse è un tema da affrontare senza evitarlo altrimenti il rischio è che nel prossimo

futuro ci troveremo nella condizione assai negativa di dover razionare rispetto ad alcune innovazioni che

arriveranno. Dobbiamo assolutamente prepararci”.

 

L’e-Health, la telemedicina, la gestione informatizzata dei dati sono le aree sulle quali investire maggiormente.

C’è necessità di disporre di dati veri, reali, fruibili: non si può pensare di governare una rete se non abbiamo

a disposizione questo strumento – ha rimarcato ha spiegato Gianni Amunni, Associazione Periplo - Direttore

Generale ISPRO, Regione Toscana -, c’è bisogno di finanziamenti”.

 

Gli investimenti in queste tecnologie – ha aggiunto il professor Turchetti - possono veramente consentire un

miglior coordinamento fra i diversi snodi di una rete oncologica e una maggiore velocità di intervenire, e ricordo

che in ambito oncologico il fattore tempo è preziosissimo”.

motoresanità |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Oncologia ospedaliera e territoriale: “Un file rouge con una serie di setting assistenziali che permetteranno di riscrivere al meglio tutto il percorso di cura del paziente”


Recupero SMS Cancellati e Chat da Cellulare, Smartphone e Tablet a Roma


Tumori e Covid, l’appello delle associazioni dei pazienti al Governo. «Abbiamo un’emergenza oncologica. Affrontiamo il problema ma in una visione europea perché solo così salveremo l’oncologia italiana»


Telemedicine R-evolution: ‘Stop alla tecnologia per pochi eletti, necessario garantire assistenza a tutti i pazienti a livello nazionale’


TELEMEDICINA e CRONICITÀ: “Connubio imprescindibile di garanzia di centralità del paziente nella medicina territoriale”


L’appello: «Per una oncologia territoriale che risponda ai bisogni dei malati di cancro. Più di 3milioni e 600mila pazienti oggi non possono più aspettare»


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Invito stampa - Lazio/Campania: Il valore dell'aderenza per i sistemi sanitari regionali. Dal bisogno all'azione - 12 maggio 2021, ORE 14:30

mercoledì 12 maggio, dalle ore 14:30 alle 18, si terrà il webinar: ‘Lazio/Campania: Il valore dell'aderenza per i sistemi sanitari regionali. Dal bisogno all'azione’, organizzato da Motore Sanità. mercoledì 12 maggio, dalle ore 14:30 alle 18, si terrà il webinar: ‘Lazio/Campania: Il valore dell'aderenza per i sistemi sanitari regionali. Dal bisogno all'azione’, organizzato da Motore Sanità. L’OMS definisce come aderenza terapeutica il grado in cui il paziente segue le raccomandazioni del medico riguardanti dosi, tempi e frequenza dell’assunzione di una ter (continua)

Si può battere sul tempo l’infezione da Sars Cov 2 grazie agli antivirali e ad una nuova organizzazione del territorio

8 maggio 2021 - È ormai acclarato che l’opportunità terapeutica dell’utilizzo degli antivirali contro l’infezione da Sar-Cov2 è tanto più efficace quanto prima si utilizzano tali rimedi fin dalle prime fasi dell’insorgenza dell’infezione. Le esperienze sul territorio nazionale, dalla Liguria alla Toscana alla Emilia-Romagna, dimostrano che laddove sono stati messi in campo modelli organizzativi che hanno previsto un coordinamento tra ospedale e territorio, i risultati dell’impiego precoce degli antivirali sono stati importanti. Ed è proprio sull’organizzazione a livello territoriale che si deve scommettere per fare in modo che queste terapie possono aiutare il sistema sanitario a sconfiggere il Covid. Lo hanno evidenziato gli esperti che si sono confrontati al tavolo organizzato da Motore Sanità dal titolo ‘IMPATTO ORGANIZZATIVO DELLE TERAPIE PER LA CURA DELL’INFEZIONE VIRALE DA COVID’ 8 maggio 2021 - È ormai acclarato che l’opportunità terapeutica dell’utilizzo degli antivirali contro l’infezione da Sar-Cov2 è tanto più efficace quanto prima si utilizzano tali rimedi fin dalle prime fasi dell’insorgenza dell’infezione. Le esperienze sul territorio nazionale, dalla Liguria alla Toscana alla Emilia-Romagna, dimostrano che laddove sono stati messi in campo modelli orga (continua)

L’8 maggio si celebra la Giornata mondiale del tumore ovarico In Italia 50.000 donne convivono con questa neoplasia.

L’appello di Women for Oncology Italy alle donne e alle istituzioni sanitarie: «Rivolgetevi a centri qualificati e che il test genetico BRCA sia dato a tutte le pazienti». 7 maggio 2021 - Il tumore ovarico è la malattia tumorale femminile meno conosciuta, più sottostimata, che colpisce ogni anno più di 5mila donne. E’ un tumore aggressivo e silenzioso, spesso viene diagnosticato in fase avanzata, nell’80% dei casi, con poche possibilità di guarigione, perché per questo tumore non esiste prevenzione. E’ considerato il più letale tra i tumori ginecologici,&n (continua)

Farmaci antivirali e Covid-19: “Anticiparne l’uso garantirebbe inferiore progressione dell’infezione, maggior recupero, minori ospedalizzazioni e ricoveri in terapia intensiva”

7 maggio 2021 - È stato appurato che l’utilizzo degli antivirali sia più efficace se effettuato sin dalle prime fasi dell’insorgenza dell’infezione da COVID-19. Ad oggi la terapia antivirale viene somministrata solo in ospedale e in fasi più avanzate della malattia. Evidenze cliniche hanno dimostrato come un uso anticipato di questi farmaci porterebbe ad una riduzione della progressione dell’infezione, una velocità di recupero maggiore, un minor ricorso all’ospedalizzazione e quindi una riduzione dei ricoveri in terapia intensiva. Con l’obiettivo di approfondire la tematica insieme a clinici, decisori, economisti sanitari e società scientifiche, Motore Sanità ha organizzato il webinar ‘IMPATTO ORGANIZZATIVO DELLE TERAPIE PER LA CURA DELL’INFEZIONE VIRALE DA COVID’, realizzato grazie al contributo incondizionato di GILEAD. 7 maggio 2021 - È stato appurato che l’utilizzo degli antivirali sia più efficace se effettuato sin dalle prime fasi dell’insorgenza dell’infezione da COVID-19. Ad oggi la terapia antivirale viene somministrata solo in ospedale e in fasi più avanzate della malattia. Evidenze cliniche hanno dimostrato come un uso anticipato di questi farmaci porterebbe ad una riduzione della progressione dell’infez (continua)

Invito stampa - Impatto organizzativo delle terapie per la cura dell'infezione virale da Covid - 6 maggio 2021, ore 11

giovedì 6 maggio, dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar, dal titolo: ‘Impatto organizzativo delle terapie per la cura dell'infezione virale da Covid’, organizzato da Motore Sanità. giovedì 6 maggio, dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar, dal titolo: ‘Impatto organizzativo delle terapie per la cura dell'infezione virale da Covid’, organizzato da Motore Sanità. Il webinar prende spunto dalle sollecitazioni provocate dalle tematiche legate alla lotta contro il virus Covid, che vertono essenzialmente sull’impatto organizzativo del trattamento (continua)