Home > News > L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport

L’esperienza della bici per assaporare colori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita, fatta di partenze e arrivi, incontri e congedi, salite e discese. La bici è una metafora della vita, come per la bici c’è la ciclicità della salita e della discesa così nella vita c’è la crisi e soluzione senza darsi per sconfitti ma accettando e cambiando il corso degli eventi con fiducia e resilienza uscendone fuori sempre più rafforzati.


Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

L’esperienza della bici per assaporare colori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita, fatta di partenze e arrivi, incontri e congedi, salite e discese. La bici è una metafora della vita, come per la bici c’è la ciclicità della salita e della discesa così nella vita c’è la crisi e soluzione senza darsi per sconfitti ma accettando e cambiando il corso degli eventi con fiducia e resilienza uscendone fuori sempre più rafforzati.

Cosa c’è dietro alla salita? Lo sport rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per partire e ripartire. Un mondo dietro la bici: salite, fatica e impegno con passione e determinazione; pensieri e dubbi; sfide e sogni da realizzare; prove in allenamento e in gara; gioie e soddisfazione.

Nella vita prima o poi la trovi una bici che ti fa mettere in gioco; fa sperimentare benessere e/o performance; permette di far parte di una squadra che segue obiettivi condivisi; fa condividere allenamenti e gare, trasferte e viaggi.

In bici, a volte, le sensazioni e le emozioni sono ricche e intense. La bici è uno strumento della palestra dello sport; una modalità per sperimentarsi e mettersi alla prova; un’opportunità per portare a casa tanti insegnamenti, esperienze che fanno crescere e maturare.

L’atleta, attraverso l’esperienza con la bici, affronta la salita, gestisce e supera crisi e difficoltà, incrementa la fiducia in sé nello specifico sport praticato, un’autoefficacia che poi si estende in altri contesti di vita e incrementa anche l’autostima generale sperimentando benessere fisico, mentale e relazionale.

La vita è fatta di ciclicità: sconfitte e vittorie, infortuni e riprese, offese e complimenti, tristezza e felicità. E’ importante saper stare con quello che c'è con la consapevolezza che non è per sempre e tutto passa, tutto cambia, importante è trovare dentro di noi motivazioni, passioni, interessi, risorse.

La bici regala emozioni uniche che ripagano la fatica condivisa partecipando a manifestazioni ed eventi. La bici avvicina persone, culture e mondi; attraverso la bici si conoscono nuove persone, avvengono incontri e confronti. La bici abbatte muri e barriere anche generazionali, la bici rimette al mondo facendo faticare con i più giovani.

La salita, i tunnel, le crisi diventano amici dell'atleta; più è lunga e/ ripida la salita, più è lungo e buio il tunnel, più è grande la crisi e più si è riconoscenti quando tutto è finito per aver superato tutto. Tutto passa, tutto cambia; passa la salita, passa la crisi; rimane la consapevolezza che anche questa volta si è riusciti incrementando la forza interiore che aiuta non solo nello sport ma anche nella vita quotidiana lavorativa, familiare, relazionale.

Interessante il pensiero di Dominga: “Sì è vero tutto passa tutto cambia e chissà se proprio in questo periodo siamo riusciti a cambiare in meglio? Alcuni di noi hanno trovato altre strade e altri modi per stare bene. La bici ha aiutato parecchio, ci ha fatto riscoprire in qualche modo quel senso di libertà e quell’allegria di un bambino che per la prima volta è riuscito a restare in equilibrio senza alcun sostegno”.

 

Lo sport è un mondo dove si può scaricare tensione; si può sentire il proprio corpo; dove c’è un percorso, un inizio e una fine come è la vita; dove si trovano tanti compagni di viaggio lungo i percorsi e si fanno dei tratti con qualcuno così come succede nella vita; un mondo dove si sperimentano sensazioni ed emozioni quali ansie, tensioni, paure, stanchezza, incredulità, gioia, precarietà ma niente è stabile, niente è per sempre.

Bisogna diventare sempre più resiliente e la bici è un buon strumento della palestra dello sport. Nello sport bisogna fare sempre più rete e sapere su chi contare, fidarsi e affidarsi così come nella vita. A volte attraverso lo sport si può sperimentare una rinascita; dopo uno stop, un passo alla volta, con coraggio e attenzione, si può decidere di ripartire in modo diverso con le risorse residue.

La mente riesce a guidare il fisico; la mente con l’immaginazione va avanti per perlustrare, per comprendere e poi torna indietro per confrontarsi con il corpo e insieme si decide cosa fare e come fare. Sarebbe bene preservare il fisico con coccole, massaggi, attenzioni.

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

380-4337230 - 21163@tiscali.it

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net


bici | sport |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Bici e Accessori Hello Kitty!!!


Cosa c'è dietro una bici? Passione, incontri, salite e fatica


L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita


La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica


L’esperienza della bici per assaporare colori, odori e suoni


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre

Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre
Prossimi obiettivi a breve, medio, lungo termine? Sogni da realizzare e realizzati? “Nel breve: percorrere 1 km lanciato in 4:00/4:15. Nel medio: migliorare notevolmente le prestazioni che ho ottenuto nelle mie 2 gare. Nel lungo: vincere una gara. Sogni da realizzare: insidiare i record sui 5.000 e 10.000 di Salvatore Antibo. Sogni realizzati: per me il semplice fatto di aver corso in gara è già un sogno realizzato. Vorrei ringraziare tutti gli atleti che mi hanno aiutato a raggiungere questo sogno. Grazie amici ve ne sono riconoscente. Sandro M.". Un’intervista a Sandro è riportata nel mio libro “Sport benessere e performance. Aspetti psicologici che influiscono sul benessere e performance dell’atleta”, edito da Prospettiva Editrice. Sandro: Essendo io un ipovedente era impensabile correre per meMatteo SIMONE380.4337230 - 21163@tiscali.it Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Io sono un neo sportivo, ho iniziato a correre da 2 mesi, ma in 2 occasioni mi sono sentito un campione: 1 metro dopo il traguardo delle mie 2 uniche prime gare (Staffetta 12x30 e maratonina 10km). Non avevo mai p (continua)

Gran Fondo “Le Strade Rosa”: Loretta Giudici 2^ assoluta e 1^ di categoria

Gran Fondo “Le Strade Rosa”: Loretta Giudici 2^ assoluta e 1^ di categoria
Il 25 aprile 2021 si è svolta a Castelnuovo di Farfa (RI) la seconda edizione della Gran Fondo “Le Strade Rosa”, gara ciclistica femminile di 92 km, la cui vincitrice è stata Sara Mazzorana, Bike Therapy, che ha preceduto con 8″ di vantaggio Loretta Giudici, ASD Anagni Ciclismo. Al terzo posto si classificano Simona Pagni e la collega amica psicologa Manuela Ansaldo, entrambe dell’ASD Picar-Blokko Racing Team. Matteo SIMONE380-4337230 - 21163@tiscali.it Il 25 aprile 2021 si è svolta a Castelnuovo di Farfa (RI) la seconda edizione della Gran Fondo “Le Strade Rosa”, gara ciclistica femminile di 92 km, la cui vincitrice è stata Sara Mazzorana, Bike Therapy, che ha preceduto con 8″ di vantaggio Loretta Giudici, ASD Anagni Ciclismo. Al terzo posto si classificano Simona Pagni e la collega ami (continua)

Giacomozzi Paola: Le idee e i pensieri più belli mi vengono quando corro

Giacomozzi Paola: Le idee e i pensieri più belli mi vengono quando corro
Paola Giacomozzi dell’Asd Talenti Running Team Roma ha i seguenti personali: 1500 mt. 4:39.21 Roma 28 Giugno 2003 - 10000 mt. 34:09 Fiumicino 14 Dicembre 2003- Mezza maratona 1:17’17” Ferrara 15 Febbraio 2004 - Maratona 2:44’06” Piacenza 07 Marzo 2004. Di seguito approfondiamo al conoscenza di Paola attraverso risposte ad alcune mie domande. Fare sport mi fa star bene... sia fisicamente che mentalmenteMatteo SIMONEhttp://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo Paola Giacomozzi dell’Asd Talenti Running Team Roma ha i seguenti personali: 1500 mt. 4:39.21 Roma 28 Giugno 2003 - 10000 mt. 34:09 Fiumicino 14 Dicembre 2003- Mezza maratona 1:17’17” Ferrara 15 Febbraio 2004 - Maratona 2:44’06” Piacenza 07 Marzo 2004.Di seguito ap (continua)

Giorgio Calcaterra testimonial della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano

Giorgio Calcaterra testimonial della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano
Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, su un anello di circa 1600 metri quasi completamente asfaltato, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. http://www.seioreparconord.com/ Il vincitore è stato Marco Menegardi con 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Mauro Gagliardini 78.848 km. Tra le donne la vittoria è andata a Chiara Milanesi con 75.713 km precedendo Lorena Brusamento 74.647 km e Annalisa Campagna 69.783 km. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Giorgio attraverso risposte ad alcune mie domande. Ero concentrato, pensavo ad arrivare a 80 km e per fortuna li ho superatiMatteo SIMONEhttp://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, su un anello di circa 1600 metri quasi completamente asfaltato, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione c (continua)

Intervista doppia agli ultramaratoneti Giorgio Calcaterra e Marco Menegardi

Intervista doppia agli ultramaratoneti Giorgio Calcaterra e Marco Menegardi
Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. Il vincitore è stato Marco Menegardi con 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Mauro Gagliardini 78.848 km. Chiara Milanesi è stata la prima donna con 75.713 km precedendo Lorena Brusamento 74.647 km e Annalisa Campagna 69.783 km. Matteo SIMONEhttp://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. Il vincitore è stato Marco Menegardicon 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Ma (continua)