Home > Libri > È uscito il nuovo il libro di Pierluigi Larotonda: Il solito vizio, un thriller poliziesco fuori dal classico schema del commissario eroe

È uscito il nuovo il libro di Pierluigi Larotonda: Il solito vizio, un thriller poliziesco fuori dal classico schema del commissario eroe

scritto da: NotizieLibri | segnala un abuso

È uscito il nuovo il libro di Pierluigi Larotonda: Il solito vizio, un thriller poliziesco fuori dal classico schema del commissario eroe

Il solito vizio è un noir ambientato in una piovosa e grigia Torino degli anni settanta (febbraio del '75).


Un poliziesco, o meglio un thriller, in quanto in questo romanzo non c'è alcun commissario ligio al dovere bensì sbirri corrotti; in particolare l'agente della mobile G. Benevento che dal clan dei Catanesi ha sempre preso soldi ed ottenuto favori per chiudere gli occhi sulle bische clandestine. Una descrizione minuziosa della città e del contesto storico, rende questo noir avvincente sin dalle prime pagine, con un fallito quanto rocambolesco sequestro di persona. Sotto la Mole Antonelliana i catanesi ed i calabresi si dividono droga, gioco d'azzardo e prostituzione e terroristi (rossi e neri) mettono paura con bombe ed attentati. A chi potrebbe interessare la morte di Monia Taranto, impiegata ventiquattrenne stroncata da una dose di eroina? La trovano cadavere con ancora la siringa nell'avambraccio sinistro, laccio emostatico e cucchiaino. Palese è la causa del decesso della ragazza: overdose. Il padre, però, è convinto che la figlia sia stata uccisa nonostante l'evidenza dei fatti. Non resta al commissario Canino (...uno che ha preso a cazzotti boss e killer...) di acciuffare il pusher che ha venduto l'eroina a Monia Taranto; tanto per far star zitto e tranquillizzare il genitore della tossicodipendente, sbattendogli in faccia la cruda realtà che ha causato il decesso della giovane. Affida, così, questo "non caso" banale al peggior poliziotto di Torino; l'agente G. Benevento, appunto. Corrotto e nevrotico, Benevento del poliziotto eroico non ha nulla e se ne starebbe tranquillo al Comunale, la domenica delle partite, invece di inseguire delinquenti ed anarchici. Ma un aspetto lo assilla sin dai primi momenti: perché proprio lui? Man mano che procede nelle indagini, si accorge che la vittima più che con tossici era in relazione con estremisti di destra, cocainomani, borghesi benestanti, biscazzieri, criminali e soggetti borderline. Fino a dedurre che il commissario Canino non ha scelto lui in quanto poliziotto mediocre ma perché corrotto. Non ha facoltà di agire liberamente in questa storia perché è stato per anni pagato dalla mala. Scoprirà una realtà che non si aspettava della vita di Monia Taranto, fino a comprendere che la vicenda di questa semplice impiegata è da cercare in un fatto di cronaca e di storia italiana. In un vizio. Il solito vizio.

Il solito vizio di Pierluigi Larotonda è edito da Bertoni Editore.


Fonte notizia: https://www.bertonieditore.com/shop/it/libri/716-il-solito-vizio.html


libri | thriller | poliziesco | torino | bertoni editore | pierluigi larotonda | il solito vizio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

-Napoli, Il cineasta Nando De Maio, regista, sceneggiatore e direttore della fotografia di tutte le sue opere. (Scritto da Antonio Castaldo)


Alessandro Sola presenta il thriller “Il colore dell’inganno”


Intervista di Alessia Mocci a Beppe Quintini ed al suo Voci soffocate, Watson Edizioni


Lo scrittore Mauro Mogliani presenta il thriller psicologico Cerco te


- Brusciano Leadership comunale di Sindaci, Podestà e Commissari dal 1861 al 2020. (Scritto da Antonio Castaldo)


Novità in libreria: Fermo! Che la scimmia spara, di David Cintolesi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

"Vite ricordevoli", il nuovo libro di Guido Barlozzetti


In diretta Facebook l'autore presenta il suo nuovo libro PERUGIA - Venerdì 8 ottobre 2021 alle 17.30 avverrà in diretta Facebook sulla Pagina "Il Club dei Lettori Bertoni" la presentazione del nuovo libro di Guido Barlozzetti,  "Vite Ricordevoli". Interveranno, oltre all'autore stesso, l'editore Jean Luc Bertoni, Mariangela Taccone (Bertoni Editore), Andrea Di Consoli, scrittore, Cinzia Tani, scrittrice, Pino Strabioli, attore e cond (continua)

Principessa Saranghae, il nuovo libro di Diego Galdino

Principessa Saranghae, il nuovo libro di Diego Galdino
Corea e Italia si incontrano, in una storia a metà strada tra "Vacanze Romane" e "La casa sul lago del tempo" Yoo una Principessa Coreana del 1300. Giulio un ragazzo romano dei giorni nostri proprietario di uno straordinario negozio di palle di neve. Due anime destinate ad incontrarsi grazie ad una magia. La palla di neve incantata capovolge il tempo ed il destino. Così tra una carbonara preparata in un tempio buddista e una cerimonia del tè nel centro di Roma, una storia d'amore nasce a dispetto della di (continua)

“Sogna”, il nuovo libro ideato e illustrato da Laura Mozzo

“Sogna”, il nuovo libro ideato e illustrato da Laura Mozzo
Una città dove gli abitanti, con la creatività, possono raggiungere i loro sogni Il libro, un albo ideato e illustrato dall’autrice Laura Mozzo, racconta di una città, dove gli abitanti, intenti nelle loro professioni abituali, in realtà sognerebbero di svolgere altri straordinari o semplici lavori. Le pagine si susseguono accompagnate dagli occhi di una cagnolina, che solo alla fine del libro si scoprirà a chi appartiene. La storia è un invito a non lasciare nel cassetto i pr (continua)

"Mamma voglio morire" di Maria Cristina Giongo: appuntamento a Pesaro


Presentazione del romanzo di Maria Cristina Giongo, giornalista corrispondente dai Paesi Bassi, nella sala del Consiglio comunale di Pesaro Giovedi 12 agosto dalle ore 18 e 30 alle ore 19 e 30 si terrà a Pesaro, nella sala del Consiglio comunale, in Piazza del Popolo, la presentazione del libro Mamma voglio morire (Bertoni editore) di Maria Cristina Giongo, giornalista italiana che da 40 anni vive nei Paesi Bassi, dove svolge la sua professione di corrispondente per varie testate nazionali del suo Paese d’origine. Nell’appos (continua)

È uscito il nuovo libro per bambini di Elena Pagani, “Clorinda e il tempo sospeso”

È uscito il nuovo libro per bambini di Elena Pagani, “Clorinda e il tempo sospeso”
Molto più di un libro, è un progetto, la prova concreta del grande potere della scrittura e della fantasia Insieme disegnano una specie di buffa ranocchia, con delle orecchie. Poi la colorano con i colori dell’arcobaleno, perché sono bellissimi e anche perché la mamma dice che in questo periodo è un simbolo di speranza. Lui vuole metterle anche delle margherite che ha raccolto in giardino e la mamma gliele incolla sulla testa, così diventa ancora più carina. Manca solo il nome. La chiamano Clorinda, co (continua)