Home > Libri > “Giuseppe”, nel libro di Michele Comper una metafora ironica e spietata della società

“Giuseppe”, nel libro di Michele Comper una metafora ironica e spietata della società

scritto da: Inpress | segnala un abuso

“Giuseppe”, nel libro di Michele Comper una metafora ironica e spietata della società

"Giuseppe" è un romanzo distopico, nel quale l'autore rappresenta la nostra società in un futuro assai prossimo, ma prevedibile sulla base delle tendenze odierne.


Trento - Il tema del senso di colpa, nella letteratura contemporanea, è stato declinato secondo due schemi. L'uno, riconducibile a Dostoevskij: la colpa cerca il castigo. L'altro a Kafka: il castigo trova la colpa. Nel libro di Michele Comper, "Giuseppe" (la Rondine edizioni, pp. 192, € 14,90), invece, c'è la colpa senza più il castigo.

Michele Comper (Rovereto, TN, 1967), giornalista, già collaboratore de "l'Adige", lettore e rilettore di romanzi classici, dà alle stampe un geniale remake traslato d'un secolo, capovolto nella traiettoria e simmetrico nell'esito de "Il processo" di Franz Kafka.

"Giuseppe" è un romanzo distopico, nel quale l'autore rappresenta la nostra società in un futuro assai prossimo, ma prevedibile sulla base delle tendenze odierne. Il protagonista, Giuseppe, è schiacciato dal senso di colpa per aver ucciso un uomo accidentalmente. Ma nella società della post-verità e del relativismo etico, non c'è posto per il rimorso.

Vari personaggi, attratti dalla tragedia e incuranti del suo stato d'animo, lo rincorrono per offrirgli i loro servizi. C'è il testimone che può fornire una versione compiacente dei fatti, in cambio dell'esclusiva per le interviste su tivù e giornali, da cui spera di ottenere la necessaria visibilità per far decollare la sua (fino ad allora) modesta carriera artistica. C'è il giornalista a caccia di storie, che però devono essere "cucinate" a dovere perché siano appetitose e avvincenti per i suoi lettori. E poco importa se i fatti ne risultano stravolti. E c'è l'agente di spettacolo che vorrebbe fare di Giuseppe un fenomeno della rete con milioni di click e visualizzazioni. L'intera società è un grande circo mediatico. Persino i funerali della vittima si svolgono in diretta televisiva, con una scenografia studiata, la presentatrice sul palco e il regista dietro le quinte, per riprendere, tra uno spot pubblicitario e l'altro, lo spettacolo del dolore.

Giuseppe, sempre più ossessionato dalla colpa, vaga alla ricerca di una punizione per alleviare la sua sofferenza. Ma non la ottiene dalla giustizia terrena, affidata ormai a un software che giudica sulla base di un algoritmo e quantifica la pena in termini pecuniari. Né tanto meno dalla giustizia divina. I sacerdoti sono sostituiti da una comunità ecclesiale, i cui componenti fuggono dinanzi alla responsabilità di assolvere o condannare il responsabile di un peccato così grave. Il processo della nietzschiana morte di Dio è giunto alla dissoluzione dell'autorità e della giustizia.

Il protagonista, sempre più ossessionato dalla colpa, dopo aver trovato la forza di una visita sulla tomba della sua vittima, perderà la vita travolto da un'automobile. Il senso di colpa non si estinguerà con la sua morte ma si trasferirà al suo investitore. Come in un loop esistenziale dove la fine e l'inizio coincidono.

Se l'alter ego di Kafka, l'innocente Joseph K., è stato vittima di una giustizia onnipotente, quella dell'epoca dei regimi totalitari, il colpevole Giuseppe lo è di una giustizia impotente, quella dell'epoca dell'individuo. Una metafora ironica e spietata della nostra società.

Info e contatti

Inpress ufficio stampa

329 3167786

info@inpressweb.com

Sito dell'editore:

http://www.edizionilarondine.it/prodotti.php?id=956


Fonte notizia: https://www.inpressufficiostampa.com/2021/05/giuseppe-nel-libro-di-michele-comper.html


Dostoevskij | Kafka | libri | Michele Comper |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Zoe Tami Kirsten: “Trycia”, avvincente metafora del mondo sulle ali della scrittura


Aurelia Rocchi e Michele Debenedictis vincono la 24 ore di Lavello


"Sulle orme del massone. Studio ragionato e comparato sulla Massoneria" il nuovo saggio di Thomas Moreau


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Intervista di Alessia Mocci a Silvano Trevisani: vi presentiamo “Alda Merini tarantina”


La società 5.0 apre le porte all’Umanesimo Digitale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Betontest, il progetto ISMERS tra le “Storie di successo” del Mediocredito Centrale

Betontest, il progetto ISMERS tra le “Storie di successo” del Mediocredito Centrale
Betontest, il progetto ISMERS è stato inserito tra le “Storie di successo” del Mediocredito Centrale Ispica (RG) - È stato pubblicato ieri sul sito web del Mediocredito Centrale S.p.A. - l'istituto bancario di Invitalia – un lungo articolo dal titolo "Betontest, nuove metodologie di indagine per la sicurezza delle opere edili" (https://www.mcc.it/primopiano/storie-di-successo/betontest-nuove-metodologie-di-indagine-per-la-sicurezza-delle-opere-edili/). L'articolo è apparso nella sezione "Storie d (continua)

"La ferita della carne e la Resurrezione", personale di Giovanni Viola alla Galleria Lo Magno arte contemporanea


L'artista, in occasione della Pasqua, propone una riflessione sul tema della Resurrezione attraverso la rilettura di due tra le più celebri opere di Caravaggio. Modica (RG) - Dal 2 aprile al 15 maggio la Galleria Lo Magno arte contemporanea ospiterà nei propri locali di via Risorgimento 91-93 la personale di Giovanni Viola dal titolo "La ferita della carne e la Resurrezione" (inaugurazione venerdì 2, ore 16; visite su prenotazione). La mostra è a cura di Giuseppe Lo Magno.L'artista, in occasione della Pasqua, propone una riflessione sul tema della Re (continua)

“La sfida”, romanzo autobiografico di Alessandra Acciaio, racconta i club privé di Roma e le perversioni di Las Vegas e Costa Rica

“La sfida”, romanzo autobiografico di Alessandra Acciaio, racconta i club privé di Roma e le perversioni di Las Vegas e Costa Rica
L’autrice squarcia il velo di riserbo che avvolge il mondo ovattato dei club privé, dei festini e delle ville lussuose nei dintorni di Roma ma anche locali notturni a Las Vegas e nella Costa Rica. È online dal 27 novembre “La sfida”, l’opera prima di Alessandra Acciaio, un coraggioso romanzo autobiografico in cui, attraverso il racconto della propria esperienza di accompagnatrice di uomini facoltosi, l’autrice squarcia il velo di riserbo che avvolge il mondo ovattato dei club privé, dei festini e delle ville lussuose nei dintorni di Roma, dove si incontrano coppie insospettabili per lo scam (continua)

Dall'Ungheria alla Sicilia arriva Nora Szalai con “5 minuti d’inglese” per imparare divertendosi

Dall'Ungheria alla Sicilia arriva Nora Szalai con “5 minuti d’inglese” per imparare divertendosi
Imparare l'inglese in modo divertente non è stato mai così facile Ragusa - L’inglese? Per impararlo bastano 5 minuti al giorno. È il motto con cui è diventata famosa Nora Szalai. Quarantatré anni, originaria di Budapest, Nora è l’insegnante d’inglese più seguita d’Ungheria, con 290 mila followers su Facebook, un sito da 240 mila visite al giorno, per due volte insignito del prestigioso Macmillan Dictionary – Love English Awards. E ancora una rivis (continua)

"Paura della pittura", personale di Giovanni Blanco da Lo Magno Arte Contemporanea


 Modica (RG) - Dal 14 dicembre all'11 gennaio Lo Magno Arte Contemporanea di via Risorgimento 91-93 ospiterà la personale di Giovanni Blanco "Paura della pittura" a cura di Gabriele Salvaterra (inaugurazione: sabato ore 19; visite: tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 17.00 alle 20.00). Giovanni Blanco (Ragusa, 1980) vive e lavora a (continua)