Home > Libri > “Giuseppe”, nel libro di Michele Comper una metafora ironica e spietata della società

“Giuseppe”, nel libro di Michele Comper una metafora ironica e spietata della società

scritto da: Inpress | segnala un abuso

“Giuseppe”, nel libro di Michele Comper una metafora ironica e spietata della società

"Giuseppe" è un romanzo distopico, nel quale l'autore rappresenta la nostra società in un futuro assai prossimo, ma prevedibile sulla base delle tendenze odierne.


Trento - Il tema del senso di colpa, nella letteratura contemporanea, è stato declinato secondo due schemi. L'uno, riconducibile a Dostoevskij: la colpa cerca il castigo. L'altro a Kafka: il castigo trova la colpa. Nel libro di Michele Comper, "Giuseppe" (la Rondine edizioni, pp. 192, € 14,90), invece, c'è la colpa senza più il castigo.

Michele Comper (Rovereto, TN, 1967), giornalista, già collaboratore de "l'Adige", lettore e rilettore di romanzi classici, dà alle stampe un geniale remake traslato d'un secolo, capovolto nella traiettoria e simmetrico nell'esito de "Il processo" di Franz Kafka.

"Giuseppe" è un romanzo distopico, nel quale l'autore rappresenta la nostra società in un futuro assai prossimo, ma prevedibile sulla base delle tendenze odierne. Il protagonista, Giuseppe, è schiacciato dal senso di colpa per aver ucciso un uomo accidentalmente. Ma nella società della post-verità e del relativismo etico, non c'è posto per il rimorso.

Vari personaggi, attratti dalla tragedia e incuranti del suo stato d'animo, lo rincorrono per offrirgli i loro servizi. C'è il testimone che può fornire una versione compiacente dei fatti, in cambio dell'esclusiva per le interviste su tivù e giornali, da cui spera di ottenere la necessaria visibilità per far decollare la sua (fino ad allora) modesta carriera artistica. C'è il giornalista a caccia di storie, che però devono essere "cucinate" a dovere perché siano appetitose e avvincenti per i suoi lettori. E poco importa se i fatti ne risultano stravolti. E c'è l'agente di spettacolo che vorrebbe fare di Giuseppe un fenomeno della rete con milioni di click e visualizzazioni. L'intera società è un grande circo mediatico. Persino i funerali della vittima si svolgono in diretta televisiva, con una scenografia studiata, la presentatrice sul palco e il regista dietro le quinte, per riprendere, tra uno spot pubblicitario e l'altro, lo spettacolo del dolore.

Giuseppe, sempre più ossessionato dalla colpa, vaga alla ricerca di una punizione per alleviare la sua sofferenza. Ma non la ottiene dalla giustizia terrena, affidata ormai a un software che giudica sulla base di un algoritmo e quantifica la pena in termini pecuniari. Né tanto meno dalla giustizia divina. I sacerdoti sono sostituiti da una comunità ecclesiale, i cui componenti fuggono dinanzi alla responsabilità di assolvere o condannare il responsabile di un peccato così grave. Il processo della nietzschiana morte di Dio è giunto alla dissoluzione dell'autorità e della giustizia.

Il protagonista, sempre più ossessionato dalla colpa, dopo aver trovato la forza di una visita sulla tomba della sua vittima, perderà la vita travolto da un'automobile. Il senso di colpa non si estinguerà con la sua morte ma si trasferirà al suo investitore. Come in un loop esistenziale dove la fine e l'inizio coincidono.

Se l'alter ego di Kafka, l'innocente Joseph K., è stato vittima di una giustizia onnipotente, quella dell'epoca dei regimi totalitari, il colpevole Giuseppe lo è di una giustizia impotente, quella dell'epoca dell'individuo. Una metafora ironica e spietata della nostra società.

Info e contatti

Inpress ufficio stampa

329 3167786

info@inpressweb.com

Sito dell'editore:

http://www.edizionilarondine.it/prodotti.php?id=956


Fonte notizia: https://www.inpressufficiostampa.com/2021/05/giuseppe-nel-libro-di-michele-comper.html


Dostoevskij | Kafka | libri | Michele Comper |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Zoe Tami Kirsten: “Trycia”, avvincente metafora del mondo sulle ali della scrittura


Aurelia Rocchi e Michele Debenedictis vincono la 24 ore di Lavello


"Sulle orme del massone. Studio ragionato e comparato sulla Massoneria" il nuovo saggio di Thomas Moreau


Intervista di Alessia Mocci a Silvano Trevisani: vi presentiamo “Alda Merini tarantina”


Le competenze dell’imprenditore Michele Monachino e i principali incarichi ricoperti


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

People symbols: il nuovo piano di riqualificazione pittorica di Tommaso Chiappa

People symbols: il nuovo piano di riqualificazione pittorica di Tommaso Chiappa
Un progetto di riconversione urbana all’Istituto Comprensivo Renato Guttuso di Palermo Palermo (PA) - Il dialogo con la città ma soprattutto con i più giovani al centro di “People symbols”, l’ultimo progetto artistico di Tommaso Chiappa. L’Istituto Comprensivo Renato Guttuso, in via Galletti 78 a Palermo, diventa protagonista urbano grazie a un laboratorio che ha coinvolto alcuni studenti delle classi III A, III B, III D in uno straordinario piano di riqualificazione pittorica, (continua)

Circe alla Biennale Light Art di Mantova: l’amore e la guerra nell’inedita performance di Marilena Vita

Circe alla Biennale Light Art di Mantova: l’amore e la guerra nell’inedita performance di Marilena Vita
“Circe. Amore e guerra”, il site-specific dell’artista siracusana, sarà presentato sabato 28 maggio alle ore 21.30 nella Casa di Andrea Mantegna a Mantova. Mantova (MN). La luce è un’idea sociale alla Biennale Light Art di Mantova 2022. Nella splendida Casa di Andrea Mantegna, dal 27 maggio al 28 agosto, ventisei artisti di spessore internazionale si ispirano alla “ricerca contemporanea sulla Luce, tra Arte e Design”. Un confine sottile, questo, che permette di concepire fonti luminose e chiaroscuri come esperienze emotive e relazionali tra lu (continua)

"Il volto della vita": splendori e miserie della “Milano da bere” nel nuovo giallo di Giorgio Gavina


L'autore descrive efficacemente la "Milano da bere", «quel mondo che lavora di giorno e conclude affari di notte» nei party, nelle ville, nei locali notturni. Un mondo dorato, in cui il perbenismo, l'efficientismo e il rampantismo celano un sottobosco di trame opache e loschi affari. Milano, 11 settembre 1986. Suonano alla porta. Diego, dipendente della ditta di famiglia e musicista in una band, apre. Un pugno in pieno volto. Un uomo con il passamontagna si avventa su di lui. Si risveglierà in un letto di ospedale con un occhio solo e una domanda: perché?Comincia così l'avvincente giallo dello scrittore vercellese Giorgio Gavina, che torna in libreria con Il volto della v (continua)

Da tecnico aeronautico a imprenditore dolciario, dalla Sicilia una storia di riscatto e rivincita

Da tecnico aeronautico a imprenditore dolciario, dalla Sicilia una storia di riscatto e rivincita
Da tecnico aeronautico a imprenditore dolciario, dalla Sicilia arriva una storia di riscatto e rivincita. È quella di Salvatore Maltese, fondatore di Bottega 27, che dopo la liquidazione di Air Italy, dove lavorava, è tornato nella natia Modica per aprire una azienda di e-commerce di specialità dolciarie ed enogastronomiche. La cronaca di questi anni ci ha abituati, purtroppo, alla sempre più frequente liquidazione di aziende italiane e al dramma dei licenziamenti per migliaia di lavoratori. Ma quella di Salvatore Maltese, 35 anni, da Modica (RG), ex manutentore di aerei e fondatore dell'e-commerce di specialità enogastronomiche Bottega 27, è una storia esemplare di rivincita e di riscatto, dopo la perdita del la (continua)

“Scandalo in Val Gardena”, in libreria il nuovo romanzo di Clambagio

“Scandalo in Val Gardena”, in libreria il nuovo romanzo di Clambagio
Il libro sarà presentato il 10 marzo alla Biblioteca Endidae a Egna (Bolzano) e il 24 marzo al Centro culturale Claudio Trevi di Bolzano. Bolzano - Cosa prevale nel carattere di una persona, l'influenza genetica o quella ambientale-educativa? E ancora: esiste il libero arbitrio oppure è il destino a decidere per noi? Questi e altri interrogativi solleva, sullo sfondo di una vicenda di ingiustizie e rivalsa, il nuovo intrigante romanzo di Clambagio, "Scandalo in Val Gardena. Nessuno resterà impunito", appena pubblicato (anche in eboo (continua)