Home > Arte e restauro > Federico Marchioro: visioni metafisiche tradotte in pittura

Federico Marchioro: visioni metafisiche tradotte in pittura

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Federico Marchioro: visioni metafisiche tradotte in pittura


 “Si tratta di una pittura di matrice informale, che volutamente trascende da standard imposti a monte e si profonde in manifestazioni non convenzionali di particolare pregio e rilevanza espressiva, che rientrano anche nel concetto esteso ed estendibile di visionarietà metafisica e sono inclini alla dimensione atemporale”. La Dott.ssa Elena Gollini spiega alcune delle principali dinamiche stilistiche, che qualificano la pittura di Federico Marchioro e la rendono ben riconoscibile nella sua genesi costitutiva primaria e fondamentale. E ancora le preme evidenziare: “Federico è appassionato nella pittura altrettanto quanto nella musica. Entrambe nella loro preziosità e pregevolezza vengono per certi versi idealizzate e sublimate nelle loro rivisitazioni. Questa sublimazione pittorica diventa trasversale e si rispecchia nella narrazione scenica improntata secondo una sequenzialità rappresentativa, che cancella e annulla la visione concepita in senso canonico e in senso lato e accoglie invece quella particolare proiezione di veduta prospettica tipica delle teorie metafisiche, dove tutto si canalizza dentro rievocazioni eteree ed eterne, perpetue nella loro sintesi sospesa in bilico tra reale e irreale, fantasia e realtà. Federico rifugge intenzionalmente da un'idea di arte vincolata dalla spazialità rigida e rigorosa e propende piuttosto verso una struttura e un palinsesto in costante divenire, che possa diventare simbolo di evoluzione e di trasformazione continua, di quel divenire sinonimo di mutamento e di cambiamento, ma anche di progresso e di miglioramento. La metafisica pittorica rinvenibile all'interno dell'orchestrazione consente a Federico di offrire più vie e più aperture mentali anche nelle chiavi di lettura interpretativa, di risultare meno statico e meno scontato riuscendo sempre a sorprendere e a sorprendersi a sua volta. Arte dunque concepita come fonte inesauribile di ricerca e di scoperta, per guardare, osservare e considerare il mondo e l'esistenza sotto più punti di vista differenti, che possono essere magicamente unificati e intrecciati attraverso l'atto e il gesto creativo e possono dipanarsi e articolarsi in una sperimentazione intrigante e accattivante. Il carisma artistico di Federico nell'arte così come nella musica non emerge soltanto attraverso il semplice esercizio tecnico e strumentale fine a se stesso, ma viene traslato e immesso dentro un affascinante codice comunicativo, che compone gradualmente e progressivamente un registro linguistico peculiare, esclusivo, distintivo, tutto suo proprio, soggettivante e soggettivato. Da qui nasce e deriva la padronanza e la capacità sviluppata da Federico di porsi oltre, al di là e al di fuori di una rievocazione consueta e di essere orientato a una forma di atipicità molto originale e fuori dal comune. Perché, per Federico essere artista significa in primis riuscire a essere diverso facendo davvero la differenza”.

federico marchioro | marchioro | artista | arte | opere | opera | vicenza | veneto | art | artwork | cantautore | musica | pittura | pittore | elena gollini | gollini |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Federico Marchioro: pubblicata online la sua mostra “Unconventional Art Mood”


Intervista di Alessia Mocci a Luc Vancheri: la pubblicazione italiana del saggio francese “Cinema e Pittura”


La camaleontica creatività di Federico Marchioro


Il 2° Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà presenta la nuova sezione industry dedicata ai progetti in progress: “Visioni Incontra”


Al via a dicembre 2015 la prima edizione Visioni dal Mondo - Immagini dalla Realtà


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Daniel Mannini: dipingere per descrivere il mondo

Daniel Mannini: dipingere per descrivere il mondo
 All'interno del panorama pittorico attuale le espressioni stilistiche sono molteplici e si manifestano con linguaggi e registri comunicativi differenziati e molto eterogenei, che palesano le differenze di pensiero e di valutazione, gli ideali e i valori cardine di riferimento, le prospettive che rimandano a contenuti passati, presenti, futuri e futuribili e offrono degli spunti di rifl (continua)

Davide Quaglietta: una pittura di intensa proiezione umana

Davide Quaglietta: una pittura di intensa proiezione umana
Cimentarsi nell'arte pittorica ai giorni nostri consente certamente delle prerogative e delle opportunità, che si snodano su più ambiti applicativi e diventano estendibili e orientabili con grande dinamismo di vedute e di prospettive. L'importante è comunque sempre tenere ben saldi come pilastri di fondamento prioritari, quegli ideali e quei principi, che delimitano i pensieri e i sentimenti, (continua)

Davide Quaglietta: una pittura allineata al “Cogito ergo sum” di Cartesio

Davide Quaglietta: una pittura allineata al “Cogito ergo sum” di Cartesio
 La celeberrima frase “cogito ergo sum” passata alla storia e sempre attuale proclamata dal grande maestro filosofo Cartesio è da sempre fonte di ispirazione e di riflessione anche a livello artistico e conferisce una valenza ancora più rilevante alla mimesi costitutiva genetica delle opere d'arte. Davide Quaglietta con la sua corposa e variegata produzione pittorica si pone in linea con (continua)

È online il catalogo degli artisti selezionati da Elena Gollini in onore a Dante Alighieri

È online il catalogo degli artisti selezionati da Elena Gollini in onore a Dante Alighieri
«Quest'anno ricorre un anniversario, che non va assolutamente scordato, quello dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, un maestro di eccelso talento, che ha ispirato e continua ad ispirare anche oggi pensieri e riflessioni di grande intensità. I suoi scritti, primo tra tutti la Divina Commedia possiedono delle chiavi di lettura simboliche, metaforiche, allusive, mistiche, allegoriche, (continua)

Daniel Mannini espone in mostra online il suo “Spazialismo cromatico”

Daniel Mannini espone in mostra online il suo “Spazialismo cromatico”
«“Spazialismo cromatico” ritengo, che non potevamo trovare titolo più azzeccato e più diretto per individuare la formula pittorica con cui si cimenta Daniel Mannini selezionato per entrare nel circuito delle mostre online, da me curate, assieme ad altri artisti contemporanei, parimenti talentuosi e intraprendenti». Esordisce così la Dott.ssa Elena Gollini nel commentare l'ingresso di Mann (continua)