Home > Lavoro e Formazione > Capitale Mobile: come trasformare un’idea in una Startup di successo

Capitale Mobile: come trasformare un’idea in una Startup di successo

scritto da: Alessia Mocci | segnala un abuso

Capitale Mobile: come trasformare un’idea in una Startup di successo

Trovare investitori, individuare locali ed immobili in posizioni strategiche, cercare consulenti e dipendenti specializzati (e non), aver accesso ad una banca dati di incontro tra domanda ed offerta di risorse umane e materiali: ecco alcuni temi primari da tenere presente per poter iniziare a comprendere come proseguire.


La cosa più importante per un imprenditore è di raccogliere un’idea su qualcosa che ama davvero, lavorarci, e trasformarla in un business solo quando è sicuro che funziona.– Mark Zuckerberg

Non serve presentare l’autore di questa affermazione essendo uno degli uomini più famosi al mondo per inventiva e per capacità di business. Certamente alla base di qualsiasi buona idea c’è la passione, l’amore verso una visione di innovazione che potrà realizzarsi solo per una adeguata sincronizzazione, cioè con un adeguato accordo temporale di fasi. 

E, per cercare questa concordanza, occorre non solo aver la vista acuta così da osservare la società attuale per comprendere l’esigenza dell’immediato od anche del prossimo futuro con il vantaggio di vedere ciò che tutti hanno visto ma che non si è ancora pensato, ma è necessario ed ugualmente determinante aver un gruppo di lavoro valido che sia motivato nel rendere possibile la realizzazione dell’idea originaria.

Trovare investitori, individuare locali ed immobili in posizioni strategiche, cercare consulenti e dipendenti specializzati (e non), aver accesso ad una banca dati di incontro tra domanda ed offertadi risorse umane e materiali: ecco alcuni temi primari da tenere presente per poter iniziare a comprendere come proseguire.

Senza investitori anche se l’idea è ottima si andrà a rilento per la creazione di una Startup rischiando che qualcun altro possa muoversi in anticipo con qualcosa di simile: bisogna sempre tenere a mente che viviamo in una società fatta di persone e di materiali, dunque è fondamentale basarsi sulle persone e sul capitale intellettuale e materiale che possono avere per contribuire alla realizzazione di un progetto di impresa.

Diventa opportuno rivolgersi ad una piattaforma che si occupa degli step sopra elencati (trovare investitori, individuare spazi, cercare consulenti, etc.) e provvista di utenti che condividono interessi e capacità. Fortunatamente nel vasto mondo del web queste piattaforme sono una realtà vincente che con impegno ed ambizione hanno velocizzato, con grande risparmio di tempo e denaro, la creazione di Startup di impresa. 

Capitale Mobile è uno di questi luoghi virtuali nel quale si ha la possibilità di avere a disposizione risorse multi-settoriali per incontrare le competenze di altri e poter, così, realizzare i propri progetti imprenditoriali.

A differenza di altri portali è facilissimo accedere a Capitale Mobile perché la registrazione è gratuita sia se si ha un progetto da proporre sia se si possiede una risorsa.

Se si ha un’idea ma si cercano competenza, un immobile, servizi, prodotti o semplicemente un investitore bisogna caricare il proprio progetto sulla sezione “Hai un Progetto?” che si trova direttamente in Homepage del sito.

Se, invece, si possiede un’azienda, un’immobile sfitto oppure in vendita, se si possiedono competenze per un qualsiasi progetto od anche se si ha un capitale di denaro che si vuole investire in progetti innovativi bisogna cliccare su “carica la risorsa” in “Hai una risorsa?”.

Un network di utilizzo immediato con connessioni pensate in modo semplice ed intuitivo anche grazie alle categorie e sottocategorie presenti sul sito: Investitori, Aziende, Immobili, Risorse umane, Vendita.

È anche possibile avviare una simulazione per la ricerca delle risorse per realizzare il proprio progetto così da fare un primo test delle funzionalità della piattaforma e capire se è conforme ai propri interessi.

“Perfeziona ogni dettaglio, e riduci il numero di dettagli da perfezionare.”– Jack Dorsey

Dorsey, noto per essere il creatore di Twitter, pone l’attenzione sui dettagli che non devono essere trascurati perché sono la chiave per conoscere il proprio progetto meglio di chiunque altro così da poterlo spiegare in modo ottimale anche alle altre persone per avviare quella fase che da ideale trasforma il piano di lavoro in reale.

“Un sogno sembra un sogno fino a quando non si comincia da qualche parte.” – Adriano Olivetti

Dalla concretizzazione di un brevetto innovativo ad una grande impresa multinazionale, da una startup appena nata all’apertura di una gelateria in un piccolo borgo d’Italia, da un’iniziativa artigianale fino alla richiesta di una singola risorsa per un servizio o prodotto, il software di Capitale Mobile è in grado di mettere in comunicazione domanda ed offerta così che possa iniziare quel sogno di cui racconta l’imprenditore italiano Adriano Olivetti.

Perché aspettare? Realizza il tuo progetto con l’aiuto di professionisti del settore grazie a Capitale Mobile Impresa di Imprese! E se non hai un progetto tuo da realizzare considera la possibilità di metterti in gioco guadagnando con le tue risorse (grazie al tuo immobile, ad una consulenza che potresti garantire, alla possibilità di investimento, etc.).

 

Info

Sito Capitale Mobile

https://www.capitalemobile.com/

 

Fonte

https://oubliettemagazine.com/2021/04/30/capitale-mobile-come-trasformare-unidea-in-una-startup-di-successo/


Fonte notizia: https://oubliettemagazine.com/2021/04/30/capitale-mobile-come-trasformare-unidea-in-una-startup-di-successo/


capitale mobile | lavoro | impresa |



 

Potrebbe anche interessarti

Investire in startup? I 10 consigli dei business angel di Seed Money per scovare quelle migliori


Startup: La Sicilia è tra le regioni più innovative in Italia


“Celebrate the Excellence” – Un premio per le imprese resilienti Claudio Di Salvo


Venture Capital: Open Seed va in crowdfunding e supera i 100k nelle prime 24 ore


Open Seed: 10 punti deboli delle startup che fanno fare marcia indietro agli investitori


Tutto pronto per il nuovo MCE 4X4, l'iniziativa che mette in contatto startup e aziende nel settore della mobilità


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Silloge poetica “Pensieri”: la poesia di Teresa Stringa come rifugio sicuro

Silloge poetica “Pensieri”: la poesia di Teresa Stringa come rifugio sicuro
Teresa Stringa, poetessa, è figlia d’arte. La madre, infatti, è stata un’amante dell’arte poetica; mentre il padre, Ugo Stringa, è stato un valente pittore. Entrambi hanno trasferito alla figlia l’idea del contenuto valoriale proprio dell’arte, a completezza dell’esistenza; non solo perché rifugio sicuro e motivo di sollievo di fronte alle difficoltà della vita, ma quale mezzo espressivo della propria interiorità. “Tra le gambe della folla/ tanto orrore…/ E nella corale impotenza/ diventa vago il senso/ di appartenenza…”Pensieri, volume della poetessa Teresa Stringa, pubblicato da Tomarchio editore nel 2021, è custode di un mondo poetico di alto livello emozionale. Un mondo dove l’autrice, grazie alle sue liriche lievi, seppur intense, si mette a nudo sviscerando tematiche che sfiorano l’uomo e la sua (continua)

Alessia Mocci intervista Emanuele Martinuzzi: ecco la raccolta L’idioma del sale

Alessia Mocci intervista Emanuele Martinuzzi: ecco la raccolta L’idioma del sale
Emanuele Martinuzzi si interroga sul bisogno di poesia percependolo come un’urgenza. “L’idioma del sale”, edito dalla casa editrice Nulla Die, è un amalgama di parole, coesione di piccole poesie tracciate su qualsiasi supporto, cartaceo o digitale, in momenti diversi della giornata. Frasi dell’immediato, sentite riecheggiare nella mente e trascritte senza alcuno scopo letterario che, invece, a distanza di anni, sono diventate pagine di una silloge poetica. “Ogni piccola poesia che si scrive, anche poche parole distrattamente lasciate su un foglio, sono un’alleanza e una ricerca col senso nascosto delle cose. La storia di ognuno di noi diventa tangibile ogni volta che viene scritta, niente è veramente vissuto senza che il segno della scrittura porti l’esistenza ad una doppia esistenza.” – Emanuele Martinuzzi La poesia è alleanza e ricerca, il po (continua)

Alessia Mocci intervista Sergio Messere: ecco la raccolta Fibre di possibilità

Alessia Mocci intervista Sergio Messere: ecco la raccolta Fibre di possibilità
“Fibre di possibilità”, edito da LFA Publisher nel 2021, è suddiviso in sette capitoli che principiano con una tela od uno schizzo dell’artista Pietro Tavani. L’autore, Sergio Messere, diplomato in elettronica industriale lavora dal 1991 come tecnico di settore in un centro di coordinamento e supervisione di reti Mediaset ed altre emittenti private. Appassionato lettore di romanzi classici, paranormale e fantascienza, pratica running e si diletta in cucina. “Considero la poesia non propriamente una forma d’arte, quanto una “proto-arte”, in quanto è un qualcosa di profondamente viscerale che si origina nell’Uomo prima della nascita della scrittura e del linguaggio stesso. Cosa è scattato nel primo Uomo che ha sentito l’esigenza di commemorare i propri cari?” – Sergio MessereDomandarsi sull’origine, sia del pianeta Terra che ci ospita sia della na (continua)

Alessia Mocci intervista Alessandro Cortese: ecco il romanzo La mafia nello zaino

Alessia Mocci intervista Alessandro Cortese: ecco il romanzo La mafia nello zaino
“Ricordo che ero davanti la tivvù e che d’un tratto si interruppero le trasmissioni su tutti i canali. Ricordo la cronaca. Le scene dei film di guerra che erano però verità e non finzione. Io di quel pomeriggio mi ricordo tutto e lo conservo gelosamente… perché quell’evento ha contribuito a farmi diventare la persona che sono e io amo moltissimo la persona che sono. Se avessi mai scritto un r (continua)

Alessia Mocci intervista Teresa Stringa: ecco la silloge poetica Pensieri

Alessia Mocci intervista Teresa Stringa: ecco la silloge poetica Pensieri
L’autrice, Teresa Stringa, è nata nel 1960 e fin da piccola, sia per dote innata sia per influsso degli amati genitori (il padre pittore e la madre amante della poesia e delle lettere), ha manifestato attitudini di estrema sensibilità nella scrittura in ogni sua forma. Apprezzare la bellezza divenne uno stile di vita che ha portato avanti nonostante gli studi tecnici. “Quel tempo furioso/ mi vide distratta./ Il futuro era solo un profumo,/ e fremeva la vita/ che il mio sguardo/ non poteva fermare./ Poi arrivò lei/ impetuosa avversaria,/ schiacciava il volere/ e ogni azione fermò./ Così, dall’anima nuda/ ogni cosa riappare:/ tutti i miei ieri ritornano veri:/ sono inerme e sorpresa/ dello sbadato vissuto./ […]” – dalla lirica “Risveglio”“Pensieri” è una rac (continua)