Home > Cultura > Il grido di allarme dell’ANGAMC: senza provvedimenti, il settore rischia il collasso

Il grido di allarme dell’ANGAMC: senza provvedimenti, il settore rischia il collasso

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Il grido di allarme dell’ANGAMC: senza provvedimenti, il settore rischia il collasso

Lettera inviata dall'ANGAMC al ministro Franceschini


L’Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea, unica voce a livello italiano a rappresentare la categoria dei galleristi, si rivolge nuovamente al ministro della Cultura, on. Dario Franceschini, per richiamare l’attenzione del governo sulla necessità di dare risposte concrete al sistema dell’arte italiano e in particolare al comparto delle gallerie, attraverso l’attuazione di azioni strategiche e la programmazione di interventi finalizzati ad una rapida ripresa degli investimenti nel settore.

Una richiesta accorata per un sistema dell’arte più competitivo, a un anno di distanza dalla precedente lettera, che il presidente Mauro Stefanini e il consiglio direttivo dell’ANGAMC hanno ritenuto doveroso e urgente rivolgere ancora una volta al ministro, per rispetto degli associati e di tutta la categoria, costituita da soggetti economici, ma anche da operatori culturali, che svolgono un ruolo fondamentale nella promozione e nel sostegno degli artisti e dei territori nei quali operano.

Le gallerie d’arte sono, infatti, imprese radicate sul territorio, anche in luoghi dove non sono presenti spazi espositivi pubblici dedicati all’arte, che realizzano ogni anno circa 5.000 mostre, dando lavoro ad un numero indicativo di 10.000 operatori (assistenti di galleria, artisti, curatori, restauratori, trasportatori specializzati etc.). Un comparto che genera un ampio volume d’affari, con importanti ricadute anche in altri ambiti economici, come quello alberghiero, ristorativo e fieristico.

I provvedimenti restrittivi, le chiusure degli spazi espositivi e la sospensione degli eventi fieristici hanno compromesso l’attività di moltissime gallerie d’arte, soprattutto del settore contemporaneo che, con la loro attività, sono tra i principali sostenitori dei giovani artisti.

«Quello dell’arte – sottolinea il presidente Mauro Stefanini – è un mercato globale e competitivo in cui l’Italia si è ritrovata spesso ai margini a causa di norme restrittive e anacronistiche già superate in altri paesi concorrenti. Un chiaro esempio ci viene offerto dalle gravi problematiche generate dalla mancata attuazione della riforma introdotta dalla legge 4 agosto 2017 n. 124 (c.d. “Legge Concorrenza”). In questo caso, a fronte di un lodevole tentativo di riforma del settore in senso liberale ed europeo, riscontriamo che gran parte delle indicazioni ivi contenute sono ancora largamente disattese. Ad oggi dilagano molteplici interpretazioni della legge che rendono impossibile operare con chiarezza ed efficacia e producono un considerevole aumento dei contenziosi amministrativi».

Difficoltà già ampiamente segnalate lo scorso marzo al ministro Franceschini da parte dei principali operatori del mercato dell’arte in Italia riuniti in un gruppo di lavoro apposito, denominato “Progetto Apollo”.

Con la nuova lettera inviata al ministro il 14 aprile scorso, l’ANGAMC sottolinea l’urgenza di riprendere un dialogo con le Istituzioni e la politica, ponendo sul tavolo del confronto temi vitali per le gallerie d’arte, come Art Bonus, IVA primo mercato, IVA importazioni, SIAE/diritto di seguito, già in passato sottoposti all’attenzione del Ministero della Cultura.

Per informazioni: T. +39 02 866737, info@angamc.com, www.angamc.com.

ANGAMC – Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea nasce nel 1964 presso l’Unione Commercio, Turismo e Servizi di Milano come Sindacato Nazionale Mercanti d’Arte Moderna; nel 2001 assume l’attuale denominazione. Obiettivo primario è promuovere e tutelare il settore del mercato dell’arte incentivandone le potenzialità grazie alla professionalità degli operatori, anche con interventi giuridici e amministrativi. L’ANGAMC, organizzata in sei delegazioni distribuite sull’intero territorio nazionale, ha lo scopo di rappresentare e difendere, in ogni sede, gli interessi morali, economici e culturali della categoria. In campo internazionale, l’ANGAMC aderisce a Feaga – Federation of European Art Galleries Association.

Angamc | Gallerie d arte | Dario Franceschini | Mauro Stefanini |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cerimonia di consegna del Premio ANGAMC 2019 alla memoria di Pasquale Ribuffo


Riduzione aliquota Iva nel commercio di opere d’arte


Premio ANGAMC 2020 alla carriera di Roberto Casamonti


Telecamera Hybrid LKM Security: L'allarme perfetto per la Casa Intelligente


Gallerie d'arte: Angamc scrive al ministro Franceschini


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Novità editorali: quinto volume di Luminous phenomena dedicato a Cloro

Novità editorali: quinto volume di Luminous phenomena dedicato a Cloro
"Luminous phenomena", la collana NFC Edizioni consacrata alla fotografia internazionale, si arricchisce di un nuovo volume dedicato a Cloro, nome d'arte di un fotografo ed art director romano, cofondatore del collettivo internazionale La Bestia Collective. Il libro è corredato dai testi di presentazione di Martha ter Horst e Lorenzo Castore, che ha costruito anche la sequenza delle immagini. “Luminous phenomena”, la collana NFC Edizioni consacrata alla fotografia internazionale, si arricchisce di un nuovo volume dedicato a Cloro, nome d’arte di un fotografo ed art director romano, cofondatore del collettivo internazionale La Bestia Collective. Il libro è corredato dai testi di presentazione di Martha ter Horst e Lorenzo Castore, che ha costruito anche la sequenza delle immagin (continua)

#DantePOP di Sandra Rigali

#DantePOP di Sandra Rigali
Al Vittoriale degli Italiani, la prima tappa del progetto itinerante curato da Alice Traforti Il Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera (BS) ospita, dal 20 giugno al 12 settembre 2021, la prima tappa del progetto itinerante #DantePOPdell’artista Sandra Rigali, teso a ripercorrere un ponte pop-letterario tra Lombardia e Toscana nel nome del Sommo Poeta. Curata da Alice Traforti, la mostra sarà inaugurata domenica 20 giugno, dalle ore 11.00, in occasione dell’evento per il centen (continua)

Rotonda dei fiori

Rotonda dei fiori
Giovedì 10 giugno, alle ore 17.30, sarà inaugurata la grande rotatoria realizzata da Dino Zoli Group all’ingresso della città con un’installazione dell’artista forlivese Massimo Sansavini. Saranno presenti le autorità cittadine. A seguire, si terrà l’opening della mostra “Prima-Vera. La natura fuori”, allestita presso la Fondazione Dino Zoli con il patrocinio del Comune di Forlì. Giovedì 10 giugno, alle ore 17.30, sarà inaugurata la grande rotatoria realizzata da Dino Zoli Group all’ingresso della città con un’installazione dell’artista forlivese Massimo Sansavini. Saranno presenti le autorità cittadine. A seguire, si terrà l’opening della mostra “Prima-Vera. La natura fuori”, allestita presso la Fondazione Dino Zoli con il patrocinio del Comune di Forlì. La roton (continua)

gARTen

gARTen
Galleria di scultura a cielo aperto nel parco di Villa Rovere a Correggio (RE) L’associazione di promozione sociale “idee di gomma” presenta la settima edizione di “gARTen”, rassegna culturale dedicata a scultura, cinema, narrativa e musica, che ha il suo fulcro nell’installazione di opere a carattere monumentale nel parco di Villa Rovere, in via San Martino 3 a Correggio (RE). Il giardino della dimora tardo-ottocentesca, trasformato per l’occasione in galleria a ciel (continua)

Chiara Calore / Giuseppe Gonella. Private Mythologies

Chiara Calore / Giuseppe Gonella. Private Mythologies
Mostra bi-personale di Chiara Calore e Giuseppe Gonella, a cura di Carlo Sala. Sabato 5 giugno alle ore 19.00 inaugura la stagione espositiva della Galleria Giovanni Bonelli a Pietrasanta con Private Mythologies, mostra bi-personale dei pittori Chiara Calore (Abano Terme, 1994) e Giuseppe Gonella (Motta di Livenza, 1984), curata da Carlo Sala nello spazio di Nazario Sauro 56, un esempio di recupero industriale subito fuori le mura, nella via che costeggia l’accesso al (continua)