Home > Pubblica amministrazione > NASCE LA RETE RURALE SICILIANA CHE COINVOLGE TUTTI I GAL DELLA SICILIA.

NASCE LA RETE RURALE SICILIANA CHE COINVOLGE TUTTI I GAL DELLA SICILIA.

scritto da: LOsservatorio | segnala un abuso

NASCE LA RETE RURALE SICILIANA CHE COINVOLGE TUTTI I GAL DELLA SICILIA.

Eletto anche il Consiglio Direttivo che ha scelto quale presidente Santo Inguaggiato del GAL ISC MADONIE. Gli altri due componenti, Enzo Maccarrone del GAL ETNA e Michele Sabatino del GAL ROCCA DI CERERE GEOPARK, hanno assunto la vice-presidenza.


E’ nata l’associazione «Rete Rurale Siciliana», l’organismo che rappresenterà tutti i Gruppi di Azionale Locale (GAL) siciliani.  Un traguardo storico di aggregazione dall’avvio dell’iniziativa comunitaria “L.E.A.D.E.R.” ad oggi.

Obiettivo dell’Istituzione è quello di favorire lo sviluppo rurale e la partecipazione al partenariato istituzionale delle organizzazioni e delle amministrazioni direttamente o indirettamente coinvolte.

Eletto anche il Consiglio Direttivo che ha scelto quale presidente Santo Inguaggiatodel GAL ISC MADONIE. Gli altri due componenti, Enzo Maccarrone del GAL ETNA e Michele Sabatinodel GAL ROCCA DI CERERE GEOPARK, hanno assunto la vice-presidenza.

L’intento della «Rete Rurale Siciliana» è quello di:

- creare le opportune connessioni tra tutti i soggetti impegnati nella programmazione, gestione e attuazione della politica di sviluppo rurale a livello locale, regionale, nazionale e della UE (autorità di gestione, organismi pagatori, GAL, ecc.);

- attuare un partenariato economico e sociale nelle forme organizzate, comprese le organizzazioni professionali degli imprenditori ed i reali o potenziali beneficiari del sostegno pubblico;

- collegare la società civile e i consumatori, rappresentati dai vari organismi di promozione e tutela degli interessi collettivi e dei beni pubblici.

L’associazione «Rete Rurale Siciliana» è un Organismo di rappresentanza che rientra tra “I partner pertinenti” che gli Stati membri devono identificare per ciascun Programma.

Designerà tra i propri soci i soggetti che rappresenteranno i GAL della Sicilia presso tutti i Tavoli di concertazione, al coordinamento nazionale dei GAL, nella Rete rurale nazionale ed europea, nei Comitati di sorveglianza dei Fondi Strutturali assegnati alla Regione Siciliana e in altri enti e istituzioni regionali, nazionali e comunitari che promuovono lo sviluppo locale sostenibile.

Favorirà inoltre rapporti di collaborazione tra i GAL soci, università, enti di ricerca o aziende pubbliche e private, svolgendo altresì un ruolo di promozione sociale e di politiche di incentivazione dello sviluppo sostenibile, nonché delle politiche volte al consolidamento delle istituzioni democratiche di tipo partecipativo ed alla promozione e tutela dei diritti umani e civili.

Sarà da stimolo per la partecipazione dei portatori d’interesse diffusi all’attuazione dello sviluppo rurale, informerà il pubblico e i potenziali beneficiari sulle politiche di sviluppo rurale e sulle opportunità offerte, promuoverà, nelle zone rurali, l’innovazione del settore agricolo, della produzione agro-alimentare e della silvicoltura, dell’agricoltura sociale e della biodiversità autoctona siciliana, nonché del turismo sostenibile e della protezione dell’ambiente.

Tra le priorità strategiche della “Rete Rurale Siciliana” troviamo il miglioramento della qualità di attuazione dei programmi di sviluppo rurale della Regione Siciliana, quelli operativi regionali, interregionali, nazionali e comunitari.

Opererà di concerto con i Sistemi Istituzionali delle aree vaste di riferimento, a partire dagli enti locali, ai fini dell’attuazione del CLLD (Community Led Local Development). Tutto ciò nel tentativo di conciliare una visione di pianificazione dall’alto con una visione strategica dal basso e dare valore alla dimensione territoriale attenzionata dal Parlamento europeo.

“La Rete Rurale Siciliana – afferma il presidente Santo Inguaggiato - costituisce un traguardo importante ai fini della rappresentanza nelle varie sedi, locali e nazionali, e del confronto con le istituzioni, in primo luogo con la Regione.  La Rete rafforzerà i GAL che, a buon diritto, intendono svolgere pienamente il ruolo di Agenzie di sviluppo dei territori essendo punto di incontro di un vasto partenariato, pubblico e privato: istituzioni locali, associazionismo democratico, categorie produttive ed enti di ricerca. La Rete - continua Inguaggiato - ha già avviato il confronto con l'Assessore all'Agricoltura per accelerare la spesa dei Piani di azione locale della programmazione 2014/2020 e per la semplificazione delle procedure nella fase di transizione, ‘21/22, e in vista della nuova programmazione, ‘23/27. Con riferimento al PSR e al CLLD (PO FESR) la Rete chiede di portare almeno al 20 per cento le risorse affidate ai GAL, un modo per soddisfare la domanda dei territori, mettere a valore la programmazione dal basso, frutto del coinvolgimento del partenariato, rafforzare il tessuto produttivo nei vari settori e la coesione, avendo sempre a riferimento lo sviluppo rurale. Infine – conclude Santo Inguaggiato - tra gli obiettivi, vi è quello di puntare all'emanazione di una legge regionale che possa definire il ruolo dei Gal come soggetto intermedio, così come previsto dalla legislazione europea.”

Oltre al Consiglio direttivo è stato costituito anche il Comitato tecnico, composto dai direttori responsabili di piano e dai responsabili amministrativi e finanziari di ciascuno dei GAL aderenti, del quale il Consiglio direttivo dovrà avvalersi per lo svolgimento delle attività dell’Associazione e per l’affiancamento tecnico nei tavoli di rappresentanza.

Nel Consiglio Direttivo sono rappresentati 21 (dei 23) GAL della Sicilia.

Santo Inguaggiato, presidente del GAL ISC MADONIE, in rappresentanza del raggruppamento dei Gal della Sicilia occidentale (GAL Elimos, GAL Golfo di Castellammare, GAL ISC Madonie, GAL Metropoli Est, GAL Sicani, GAL Terre Normanne, GAL Valle del Belice);

Vincenzo Maccarrone, presidente del GAL ETNA, in rappresentanza del raggruppamento dei Gal della Sicilia orientale (GAL Eloro, GAL Etna, GAL Etna Alcantara, GAL Etna Sud, GAL Natiblei, GAL Peloritani, GAL Terre di Aci)

Michele Sabatino, presidente del GAL ROCCA DI CERERE GEOPARK, in rappresentanza del raggruppamento dei Gal della Sicilia centrale (GAL Rocca di Cerere Geopark, GAL Sicilia Centro Meridionale, GAL Terre del Nisseno, GAL Tirrenico Mari Monti e Borghi, GAL Tirreno Eolie, GAL Valli del Golfo, GAL Terra Barocca).

gal madonie | rete rurale siciliana |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La «RETE RURALE SICILIANA» muove i primi passi. Primo incontro istituzionale con l’Assessore Gaetano Armao.


Il Gal L’Altra Romagna firma due importanti accordi di cooperazione regionale per lo sviluppo dell’Appennino Romagnolo


IL GAL L’ALTRA ROMAGNA ORGANIZZA IL TALK SHOW TV PING PONG “I NUOVI SINDACI LEADER” DEL 28 NOVEMBRE 2019


Matteo Del Fante: Sviluppo sostenibile, accordo tra Regione Sicilia e Terna


Il Gal L’Altra Romagna protagonista del talk show tv “Cammini”


Giuseppe Lasco Terna Sviluppo Sostenibile accordo con Regione Siciliana


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

VINICIO CAPOSSELA, BESTIALE COMEDÌA CONCERTO DANTESCO, 8 agosto 2021 Città di Piazza Armerina

VINICIO CAPOSSELA,  BESTIALE COMEDÌA CONCERTO DANTESCO, 8 agosto 2021 Città di Piazza Armerina
L’organizzazione è dell’ASC Production e di Georgia Lo Faro Eventi con il patrocinio del Comune di Piazza Armerina. I biglietti sono acquistabili anche online su www.mailticket.it/manifestazione/YD30/BESTIALE_COMEDIA_CONCERTO_DANTESCO Approderà anche in Sicilia il tour estivo di Vinicio Capossela con Bestiale Comedìa, un concerto per celebrare i 700 anni della morte di Dante Alighieri. L’appuntamento di Piazza Armerina è il secondo nell’Isola e si terrà l’8 agosto alle 21:30 nella Piazza Duomo.  L’organizzazione è dell’ASC Production e di Georgia Lo Faro Eventi con il patrocinio del Comune di Piazza Armerina. I (continua)

Riqualificazione energetica degli edifici pubblici, l’Unione Madonie invia il quarto lotto di progetti al Dipartimento dell’Energia

Riqualificazione energetica degli edifici pubblici, l’Unione Madonie invia il quarto lotto di progetti al Dipartimento dell’Energia
Gli edifici interessati sono: la riqualificazione energetica della Scuola “G. Casati” - Lotto 1 di Alimena (€. 260.997,74) e la riqualificazione energetica Palazzo Municipale di Aliminusa (€. 254.400,23) Prosegue l’attività dall’Unione Madonie in favore della riqualificazione energetica degli edifici pubblici. Anche il quarto lotto di progetti è stato inviato al Dipartimento regionale energia, responsabile dell’attuazione dell’Obiettivo Specifico 4.1 del PO FESR Sicilia 2014-2020, per l’emissione dei decreti di finanziamento. Due i progetti presentati dall’Unione delle Madonie che si aggi (continua)

Un Centro Studi e di spiritualità a Petralia Soprana, il sogno del Vescovo di Cefalù S.E.R. Mons. Giuseppe Marciante dopo l’impulso dell’amministrazione comunale guidata da Pietro Macaluso

Un Centro Studi e di spiritualità a Petralia Soprana, il sogno del Vescovo di Cefalù S.E.R. Mons. Giuseppe Marciante dopo l’impulso dell’amministrazione comunale guidata da Pietro Macaluso
l ripristino e la valorizzazione della chiesa e del complesso conventuale di S. Maria di Gesù (1611) con all’interno, secondo gli auspici del Vescovo, un percorso artistico e al contempo catechetico sui crocifissi sarebbe un valore aggiunto anche turistico per Petralia Soprana e le Madonie. Apprendiamo con piacere che il Vescovo di Cefalù, S.E.R. Mons. Giuseppe Marciante, ha pensato alla Chiesa e al Convento di S. Maria di Gesù di Petralia Soprana quale sede del Centro Studi e di spiritualità.Il sogno di S.E. Giuseppe Marciante è anche quello dell’amministrazione comunale di Petralia Soprana e sarebbe la giusta riconoscenza al paese che ha dato i natali a Frate Umile. Sapevamo de (continua)

Unione Madonie, presentato dagli alunni della Scuola di Castellana Sicula il report del progetto “Giovani Monitori Civici"

Unione Madonie, presentato dagli alunni della Scuola di Castellana Sicula il report del progetto “Giovani Monitori Civici
"Abbiamo voluto far sperimentare agli studenti – ha detto l’assessore dell’Unione Madonie Daniela Fiandaca – il monitoraggio civico della spesa pubblica nel nostro contesto facendo monitorare due appalti del comune di castellana Sicula. L'Unione Madonie è una piccola Europa che ha sperimentato con i ragazzi una lezione di educazione civica e di partecipazione attiva alla vita pubblica” Gli studenti della scuola di primo grado di Castellana Sicula hanno sperimentato la cittadinanza attiva e il monitoraggio civico.Questa mattina, nell’aula consiliare del Comune, alla presenza del presidente dell’Unione Madonie Pietro Macaluso che si è complimentato con gli alunni e i docenti per il loro impegno, gli studenti delle classi seconde A e B hanno presentato i report di monitoraggi (continua)

Unione Madonie, presentato progetto esecutivo di efficientamento per l’ISIS di Gangi e l’ITI di Petralia Soprana

Unione Madonie, presentato progetto esecutivo di efficientamento per l’ISIS di Gangi e l’ITI di Petralia Soprana
Presso l’ITI di Petralia Soprana saranno realizzati lavori per un importo complessivo di 371.400,00 euro, all’Istituto Salerno di Gangi il progetto prevede una spesa di 145.00,00 euro. L’Unione dei Comuni Madonie ha presentato al Dipartimento regionale Istruzione e Formazione due progetti esecutivi per l’efficientamento energetico dell’Istituto Tecnico Industriale di Petralia Soprana e l’Istituto Superiore “G. Salerno” di Gangi.Saranno anche realizzati interventi riguardante l’accessibilità, la manutenzione straordinaria e la sicurezza. Entrambi gli Istituti saranno interes (continua)