Home > Ambiente e salute > Test rapido per il coronavirus: Thomas Zander, CEO di nal von minden, risponde alle domande più frequenti

Test rapido per il coronavirus: Thomas Zander, CEO di nal von minden, risponde alle domande più frequenti

scritto da: Pivari | segnala un abuso

Test rapido per il coronavirus: Thomas Zander, CEO di nal von minden, risponde alle domande più frequenti

A scuola o sul posto di lavoro, i test rapidi giocano un ruolo sempre più importante nella gestione della pandemia. Non c’è quindi da meravigliarsi che la gente abbia una lista di domande e preoccupazioni in aumento, come ad esempio se i tamponi sono pericolosi. Thomas Zander, il CEO di nal von minden GmbH della Germania, ha fornito risposte alle più importanti domande formulate di recente. Il test rapido per il coronavirus di nal von minden GmbH, il ‘NADAL COVID-19 Ag Test’ è approvato per essere utilizzato in tutta Europa.


Alcuni medici otorinolaringoiatra raccomandano di usare uno spray nasale prima di effettuare il test. Funziona?

Zander: L’uso dello spray nasale decongestionante è un mezzo per dilatare il naso in modo che un tampone nasofaringeo, o nasofaringeo superiore, possa essere eseguito più comodamente. Tuttavia, i recenti sviluppi dimostrano che ora c’è un’alternativa più agevole. Per la nuova generazione di test rapidi, è sufficiente un tampone preso dal passaggio nasale inferiore. Questo significa che l’uso di uno spray nasale decongestionante non è più utile o necessario. È meglio invece soffiarsi leggermente il naso prima per trasportare le secrezioni nasali al passaggio nasale inferiore. Gli spray nasali possono diluire il tampone e portare a risultati errati del test.

I tamponi sono sterilizzati con ossido di etilene, che è cancerogeno. Sono quindi pericolosi?

Zander: No, non sono pericolosi. La sterilizzazione con ossido di etilene (EO) è il metodo standard per rendere sterili i prodotti medici. Questo metodo è stato usato in tutto il mondo per decenni, e c’è tutta una serie di prodotti diversi che vengono sterilizzati in questo modo. Per esempio, il kit di primo soccorso nel retro della tua auto: Tutte le bende sterili confezionate sono state molto probabilmente sterilizzate con l’EO. Questo funziona nel seguente modo: Una volta confezionati, i prodotti sono esposti al gas EO incolore e inodore. L’OE penetra nella confezione e uccide tutti i potenziali germi al suo interno. In seguito, i gas EO vengono sostituiti dall’azoto. Questo viene fatto diverse volte fino a quando tutti i gas EO sono completamente rimossi dal prodotto. L’intero processo è strettamente monitorato da ispettori qualificati e il prodotto viene rilasciato solo quando tutto è in ordine. I nostri tamponi sono confezionati in modo tale che nessun germe possa penetrare (quindi rimangono sterili), ma l’EO estremamente volatile può evaporare. Ulteriori analisi hanno dimostrato che nessun OE è rilevabile nel momento in cui il tampone raggiunge l’utente finale.

Ma cosa succede se si usa il test rapido in modo sbagliato – l’ossido di etilene può causare danni?

Zander: No. L’ossido di etilene (EO) è cancerogeno solo in alte concentrazioni e se si è esposti al gas o ai suoi residui per un lungo periodo di tempo. Questo non è il caso quando si tratta di utilizzare i test rapidi per il coronavirus. I prodotti medici sono – come già detto – liberati dai residui di OE prima di essere utilizzati. Secondo la norma ISO 10993-7, il limite di OE è di 4 mg/giorno per un contatto a breve termine (fino a 24 ore). Naturalmente, i nostri tamponi una volta sterilizzati, sono controllati secondo la norma ISO 10993-7 “Biological evaluation of medical devices – Part 7: Ethylene oxide sterilisation residues”. Tali controlli hanno stabilito valori inferiori a 0,010 mg, il che significa che i residui sui tamponi sono ben al di sotto dei limiti prescritti. Inoltre, i tamponi non rimangono nel naso per 24 ore, ma solo pochi secondi. Anche se si lasciasse accidentalmente un tampone nel naso per qualche minuto, non farebbe alcun danno. Naturalmente, bisogna sempre seguire le istruzioni corrette: Per ottenere risultati corretti del test, il tampone deve solo essere ruotato mentre viene spostato avanti e indietro alcune volte lungo la narice interna.

Una vaccinazione contro la SARS-CoV-2 causa risultati positivi nei test?

Zander: No. Tutti i vaccini approvati finora in Europa causano la produzione da parte del corpo di parti di una proteina di superficie, la cosiddetta “proteina spike” del virus SARS-CoV-2. Il corpo forma poi anticorpi protettivi, tra le altre cose. Tuttavia, i nostri test rapidi identificano la proteina V2 del nucleocapside, che si trova all’interno del virus, come marcatore di un’infezione da SARS-CoV-2. Nel contesto di una vaccinazione, non vengono prodotti componenti delle proteine del nucleocapside. Questo esclude risultati falsi positivi specifici del vaccino quando si utilizzano i nostri test rapidi.

A che punto del corso dell’infezione la rilevazione dell’antigene è positiva? 

Zander: La regola generale è che più alta è la carica virale, più alta è la probabilità di un rilievo positivo dell’antigene. Per quanto ne sappiamo, la carica virale è massima nei seguenti momenti: Alcuni giorni prima della comparsa dei sintomi (fase prodromica) fino a 4-5 giorni dopo. La carica virale diminuisce poi con il progredire della malattia. Questo significa che, soprattutto nelle fasi iniziali, i test rapidi sono efficaci nell’individuare coloro che potrebbero essere infetti. È particolarmente importante durante questa fase, perché la trasmissione dell’infezione ad altre persone può essere prevenuta in tempo.

Come si smaltisce il test una volta che è stato usato?

Zander: I rifiuti dei test rapidi per il coronavirus – come i tamponi usati, le provette riempite o le cassette di test usate – devono essere raccolti in un sacchetto non strappato, resistente all’umidità e a prova di perdite (come un piccolo sacchetto della spazzatura o un sacchetto per il congelatore). Potete poi smaltirli come normali rifiuti domestici. I componenti non sono più contaminanti. Qualsiasi materiale virale potenzialmente presente viene disattivato dalla soluzione tampone.

Informazioni sull’azienda

nal von minden GmbH. nal von minden GmbH, con sede a Moers (Germania) è una azienda specializzata nel campo della diagnostica medica da 38 anni. Il suo portfolio comprende test rapidi e test di laboratorio per diagnosi affidabili nei settori della tossicologia, batteriologia, cardiologia, ginecologia, malattie infettive e urologia. L’azienda ha circa 230 dipendenti in 9 sedi in Europa. www.nal-vonminden.com 

contatto stampa: 
Hellwig PR
Gabriele Hellwig
Garstedter Weg 268
D- 22455 Hamburg
Tel.: +49 40 38 66 24 80
E-Mail: info@hellwig-pr.de
www.hellwig-pr.de


Fonte notizia: https://www.nal-vonminden.com/it/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

“Siamo altrimenti di fronte a un blocco del prodotto”


Tampone molecolare SARS-CoV-2 Poliambulatori Lazio Korian


Covid-19 Le prestazioni dei Poliambulatori Lazio korian


Test SARS-COV-2 mediante tampone Poliambulatori Lazio Korian


Tampone rapido in sicurezza | Poliambulatori Lazio Korian


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Appello nal von minden per i test rapidi: I nuovi regolamenti UE dovrebbero essere rinviati

Appello nal von minden per i test rapidi: I nuovi regolamenti UE dovrebbero essere rinviati
La diagnosi di patologie come il coronavirus, gli attacchi di cuore o il diabete possono presto appartenere al passato? Un nuovo regolamento UE richiede ai produttori di test rapidi e materiali di laboratorio di presentare tutti i prodotti per una nuova approvazione. L’impegno per le aziende medtech è così grande che molte stanno già riducendo il loro portfolio, dice Roland Meißner, CEO di nal von minden GmbH a Moers, Germania. Pertanto, è obbligatorio agire ora – prima che molti diagnostici in vitro scompaiano dal mercato! Roland Meißner risponde alle domande più importanti sul regolamento UE sulla diagnostica in vitro (IVDR) qui di seguito. In cosa consistono esattamente i nuovi regolamenti dell’UE?Meißner: I nuovi regolamenti UE si applicano a prodotti come test rapidi, test PCR e test di laboratorio. La diagnostica in-vitro gioca un ruolo importante nelle diagnosi e viene usata quotidianamente negli studi medici e negli ospedali. I nuovi regolamenti UE per la diagnostica in-vitro (IVDR) mirano a migliorare la sicurezza dei prodotti (continua)

Per ripartire con le economie locali nasce “Cantico d’Umbria”: e-commerce delle eccellenze dei piccoli produttori umbri

Per ripartire con le economie locali nasce “Cantico d’Umbria”: e-commerce delle eccellenze dei piccoli produttori umbri
Mai come in un momento come questo l’unione fa la forza. Mai come in un momento come questo è importante fare gruppo e valorizzare le nostre specificità, i nostri territori, le nostre filiere locali, la nostra unicità.Da soli è sempre più  difficile, diventa essenziale unire il valore di tutti per creare strumenti comuni, passare dall’individualismo alla collaborazione e alla fiducia.In un mo (continua)

“Siamo altrimenti di fronte a un blocco del prodotto”

“Siamo altrimenti di fronte a un blocco del prodotto”
nal von minden, un’azienda di tecnologia medica tedesca, chiede una proroga per i nuovi regolamenti UE riguardanti la diagnostica in vitro. A causa del coronavirus, il calendario originale dell’UE non può essere rispettato. Allo stato attuale, tutte le aziende che vendono diagnostici in-vitro come i test rapidi devono registrare nuovamente i loro prodotti. Questo perché il nuovo e più severo regolamento UE per la diagnostica in vitro (IVDR) entrerà in vigore nel maggio 2022. “Nell’interesse di tutti i cittadini, riteniamo che rinviare la scadenza di un altro anno sia realistico”, dice il dottor Gerd Hagendorff, capo del dipartimento Gestione della qualità alla nal von minden GmbH. “Sarebbe ideale se i nuovi regolamenti per la diagnostica in vitro entrassero in vigore nel 2023, invece di maggio 2022”.In caso contrario, ci si può aspettare un blocco con certi prodotti, (continua)

I venti del clubbing da Roma all’Europa? Sirocco e Zefiro

I venti del clubbing da Roma all’Europa? Sirocco e Zefiro
Soffiano venti nuovi quando il sound del clubbing romano impatta l’Europa al tempo del covid e ne esce vincente anche senza floor. Dopo il primo posto in Top10 Chart per genere Techno e Progressive House e in Top10 generale in première Beatport Exclusive, la nuova release REK Records – terzo EP dei dj capitolini DiscJoker e Max Beat – arriva sulle maggiori piattaforme di musica online pe (continua)

Mario Hubler introduce "Il Cantiere della Sinistra", intervengono anche Matteo Renzi, Elly Schlein, Roberto Speranza, Nadia Urbinati, Nicola Zingaretti

Mario Hubler introduce
Lo scorso 5 dicembre si è svolto l’evento di presentazione del numero 6 della rivista Italiani Europei. Mario Hubler, segretario generale della Fondazione, ha introdotto e moderato il dibattito trasmesso in diretta streaming. In occasione della presentazione del numero 6/2020 della rivista edita dalla Fondazione, il segretario generale di Italiani Europei, Mario Hubler, ha moderato  l’evento digitale di sabato 5 dicembre, trasmesso in diretta streaming sul canale YouTube della Fondazione e sul sito del Corriere della Sera. Mario Hubler ha introdotto il dibattito intitolato “Il Cantiere della sinistra” ringraz (continua)