Home > Altro > Se il primario è in ferie, non ha responsabilità

Se il primario è in ferie, non ha responsabilità

scritto da: Avv. Angelo Ascanio Benevento | segnala un abuso

Se il primario è in ferie, non ha responsabilità

Una sentenza della Cassazione boccia la responsabilità oggettiva del medico in caso di obiettiva impossibilità di verificare lo stato di salute di un paziente.


Il primario che si trova in ferie non può essere ritenuto responsabile della condotta altrui. 

È quanto si ricava dalla sentenza n. 6438 del 31 marzo 2015 emessa dalla terza Sezione della Cassazione. 

Insieme alla sua azienda ospedaliera, il medico primario era stato chiamato a risarcire i danni per le lesioni gravi (amputazione della gamba sinistra) patite da un paziente a seguito delle complicanze insorte dopo un intervento di riduzione e osteosintesi di frattura del femore.

In primo grado i giudici avevano escluso la responsabilità del camice bianco e della struttura poiché non avevano rilevato elementi di negligenza e/o imperizia. Secondo la sentenza, la complicanza per la phlegmasia cerulea dolens era da considerarsi una manifestazione venosa molto rara, con una probabilità di verificarsi dell’uno per cento.

Una decisione ribaltata dai giudici di secondo grado che, accogliendo l’appello presentato dagli eredi della paziente, avevano condannato il medico e la struttura a risarcire danni per oltre 350mila euro. 

La vicenda era, quindi, approdata in Cassazione. Qui, il Collegio giudicante ha ribadito che il primario doveva ritenersi senza colpe e di conseguenza andava estromesso dalla lite. Secondo la Corte, la colpa del sanitario che ha in carico la paziente non può estendersi al primario, per la ragione che egli è estraneo al fatto lesivo e non è parte sostanziale e neppure è imputabile per un omesso intervento che, se posto in essere, avrebbe modificato il decorso causale degli eventi. Conseguentemente è stato stabilito il principio che al dirigente del reparto non può essere attribuita, a titolo di responsabilità oggettiva, per il semplice fatto di essere primario, la responsabilità per la ritardata diagnosi. 

Nel caso in questione il primario, risultando assente dal servizio per ferie, era, infatti, nell’obiettiva impossibilità di verificare.

Con tale sentenza, la Cassazione ha sancito che – pur risultando vero che il primario in ragione della sua posizione apicale e gerarchica assolve anche funzioni di istruzioni e direttive, di definizione dei criteri diagnostici e terapeutici, svolgendo dunque compiti di indirizzo e verifica (art. 63 del d.P.R. 20 dicembre 1979, n. 761; art. 7 d.P.R. 27 marzo 1969, n. 128) – la responsabilità civile attiene comunque all’imputabilità soggettiva dell’inadempimento, che qui manca all’origine del primo contatto, del primo ricovero e del primo intervento.

Avv. Angelo Ascanio Benevento 

Elenco Speciale 

Primario | responsabilità | risarcimento | ospedale |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CASA PER FERIE: Cos'è, Vantaggi e ....


Niente vacanze per 8 milioni di italiani


Turismo: 22 milioni di italiani quest’anno faranno le ferie nel Bel paese


Il sondaggio estivo di G DATA: l’80% non rinuncia a internet in ferie


Vacanze: quasi 7 milioni rinunceranno per paura di essere contagiati


Polizze per la casa: nel 2018 la richiesta è aumentata del 13%


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Diagnosi mancante o tardiva: quando il medico è responsabile

Diagnosi mancante o tardiva: quando il medico è responsabile
Un male incurabile non lo assolve dall'obbligo di una valutazione appropriata. Il medico può rispondere dei danni conseguenti all’omessa o tardiva diagnosi anche nel caso in cui la patologia sia incurabile. È quanto si ricava dalla sentenza della Corte di Cassazione numero 16993, datata 20 agosto 2015.Il Collegio si è pronunciato sul caso di una signora, poi deceduta, che aveva patito dei danni in conseguenza di un’omessa diagnosi per un carcinoma all’utero.La Corte d’A (continua)

Niente protezione secondo rischio per la clinica disorganizzata

Niente protezione secondo rischio per la clinica disorganizzata
La Cassazione dalla parte delle assicurazioni: struttura sanitaria costretta a pagare se si verifica un rischio non coperto. La polizza ‘a secondo rischio’, stipulata dall’ospedale come indennizzo per la parte di danno non coperta dall’assicurazione dei medici che vi lavorano, non scatta per i danni direttamente imputabili alla struttura sanitaria.È quanto stabilisce la sentenza n. 8401 del 24 aprile 2015 della terza sezione civile della Cassazione. La Corte si è pronunciata sul caso di una paziente che, (continua)