Home > Economia e Finanza > Diritto all’oblio e libertà di informazione: quale bilanciamento?

Diritto all’oblio e libertà di informazione: quale bilanciamento?

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Diritto all’oblio e libertà di informazione: quale bilanciamento?

Il confine incerto tra la libertà di informazione da un lato e il diritto all’oblio dall’altro, nell’accezione di diritto ad essere dimenticato (l’art. 17 del Regolamento riporta “right to be forgotten” tradotto in italiano in diritto all’oblio), viene – nuovamente – precisato dal Garante


di Federica De Stefani, avvocato e responsabile Aidr Regione Lombardia

 L’annoso problema del bilanciamento tra il diritto all’oblio e la libertà di informazione ritorna al centro di un provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali.

Il confine incerto tra la libertà di informazione da un lato e il diritto all’oblio dall’altro, nell’accezione di diritto ad essere dimenticato (l’art. 17 del Regolamento riporta “right to be forgotten” tradotto in italiano in diritto all’oblio), viene – nuovamente – precisato dal Garante che torna ad occuparsi del caso di un articolo pubblicato su un quotidiano nazionale online.

 Nello specifico, un cittadino chiedeva di ordinare all’editore della testata giornalistica online di cancellare i propri dati personali da un articolo pubblicato in estratto nell’archivio online. L’uomo, infatti, sosteneva che l’articolo gli recasse pregiudizio e non fosse più attuale, dal momento che riguardava una vicenda giudiziaria, occorsa nel 1998, in cui egli era stato imputato di appropriazione indebita aggravata. L’interessato si doleva inoltre che non fossero stati riportati i successivi sviluppi del caso, sfociati in una sentenza della Cassazione di prescrizione dell’imputazione. Lamentava infine che l’editore non avesse dato riscontro alla sua istanza per l’esercizio dei diritti.

 Il Garante, nell’esaminare la vicenda, sottolinea ancora una volta alcuni importanti principi.

In primo luogo, per quanto attiene al diritto di cronaca giornalistica, viene ribadita la liceità del trattamento dei dati personali di un soggetto menzionato all’interno di un articolo, poiché questo diritto risponde all’interesse del pubblico di conoscere le vicende riportate, anche in considerazione dell’attività professionale e della notorietà del soggetto menzionato (a tal riguardo si veda l’art. 6 delle Regole deontologiche).

Si aggiunga, inoltre, che il trattamento dei dati personali del soggetto a cui si riferisce l’articolo di cronaca risulta lecito anche nell’ipotesi in cui la notizia venga inserita in un archivio online.

In questo caso, infatti, sebbene la notizia sia risalente nel tempo, sussiste una legittima finalità di archiviazione storica che, pur se differente rispetto alla originaria finalità di cronaca giornalistica, a norma dell’art. 5, par. 1, lett. b) ed e), del Regolamento e dall’ art. 99 del Codice privacy, risulta compatibile con la stessa e consente, pertanto, di trattare i dati  oltre il periodo di tempo necessario per conseguire i diversi scopi per i quali i dati sono stati in precedenza raccolti o trattati.

 Nel caso sottoposto all’analisi del Garante, l’accesso all’archivio era, poi, consentito solamente agli utenti abbonati al servizio e la notizia era rintracciabile solo attraverso specifici parametri di ricerca, come titolo, autore dell’articolo o argomento trattato.

 Il Garante sottolinea, inoltre, l’idoneità della misura della deindicizzazione nei motori esterni al quotidiano online, ormai disposta da diverso tempo, a garantire il bilanciamento tra i diversi e opposti interessi delle parti, ossia il diritto all’oblio dell’interessato e il diritto all’informazione giornalistica.

 Resta un ulteriore aspetto da considerare, attinente al diritto, dell’interessato, di ottenere l’aggiornamento o l’integrazione della notizia di cronaca che lo riguarda.

Nel caso analizzato l’aggiornamento, in effetti, non era mai stato effettuato, ma dall’istruttoria svolta dall’Autorità è emerso che il mancato aggiornamento era attribuibile esclusivamente all’inerzia dell’interessato che non aveva mai fornito all’editore la documentazione necessaria per integrare la notizia aggiornandola con gli ultimi sviluppi, non potendo, per questo motivo, risultare inadempiente.

 La vicenda analizzata, infine, ha comportato a carico dell’editore l’irrogazione di una sanzione amministrativa per aver omesso di dare riscontro alle richieste dell’interessato volte a esercitare il diritto all’oblio con riferimento all’articolo che lo vedeva coinvolto.

Sebbene il procedimento abbia ritenuto infondate le richieste dell’interessato, il mancato riscontro da parte dell’editore alle richieste avanzate, ha integrato un illecito amministrativo a norma dell’art. 83 paragrafo 5 del Regolamento.


Fonte notizia: https://www.aidr.it/diritto-alloblio-e-liberta-di-informazione-quale-bilanciamento/


diritto all oblio | libertà | aidr |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Reputation Manager: supporto e consulenza professionale al diritto all’oblio


GIOVENTU’ PER I DIRITTI UMANI – FAR CONOSCERE, SOSTENERE E TUTELARE IN TUTTO IL MONDO I DIRITTI UMANI


CHE COS'E' LA LIBERTA' DI RELIGIONE


Uniti per i diritti umani a sostengo della libertà di religione


PER IL NUOVO SINGOLO DEI NIGGARADIO Il cuore musicale di Catania nel videoclip 25 artisti etnei al fianco della band


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Decreto reclutamento: terzo pilastro del PNRR

Il Decreto reclutamento: terzo pilastro del PNRR
Le azioni suggerite nel Piano prevedono il ripensamento dei modelli per l’analisi dei fabbisogni e delle competenze, l’avvio di una nuova stagione concorsuale che punti ad una programmazione periodica delle selezioni pubbliche e ricorra a modelli selettivi, già in uso presso le istituzioni europee, che contemplino anche la valutazione delle soft skills, la creazione di un “Portale unico del reclutamento” che permetta anche il monitoraggio delle performance di individui e organizzazioni. di Enrica Cataldo, Socio AIDRSulle persone si gioca il successo del PNRR poiché il miglioramento dei percorsi di selezione e reclutamento è un passo obbligato per acquisire le migliori competenze ed è determinante ai fini della formazione, della crescita e della valorizzazione del capitale umano. Come è noto, infatti, nell’ambito della prima componente della prima missione del Piano, denomin (continua)

Trattamento transfrontaliero di dati personali: la competenza delle autorità di controllo

Trattamento transfrontaliero di dati personali: la competenza delle autorità di controllo
Con la Sentenza nella causa C-645/19 la Corte stabilisce che in presenza di determinate condizioni, un’autorità nazionale di controllo, pur non essendo l’autorità capofila per tale trattamento, può esercitare il proprio potere di intentare un’azione dinanzi a un giudice di uno Stato membro, in caso di presunta violazione del Regolamento. di Federica De Stefani, avvocato e responsabile Aidr Regione LombardiaQuale autorità di controllo risulta competente in caso di trattamento transfrontaliero di dati personali? Esiste una competenza esclusiva in capo all’autorità capofila? La risposta a tali quesiti viene data dalla CGUE che interviene su una questione che vede contrapposti il Garante belga e Facebook. Con la Sentenza nella cau (continua)

Vivere senza APP, è solo un problema… APParente?

Vivere senza APP, è solo un problema… APParente?
Dobbiamo ammettere che le app per smartphone hanno cambiato le nostre vite. Sono soprattutto le app di social networking e di gioco quelle più popolari tra gli utenti di smartphone in tutto il mondo. di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei Trasporti e della Logistica.Sarà capitato a tanti, suppongo, di non ricordare il PIN o la Password di accesso ad una delle APP utilizzate, magari proprio quando si ha particolarmente fretta di utilizzarla. Pensate alle APP che le banche mettono a disposizione per i servizi on line: basta non ricordare (continua)

Competenze digitali, il ruolo dell’università. Approfondimento a Digitale Italia

Competenze digitali, il ruolo dell’università. Approfondimento a Digitale Italia
L’università – ha sottolineato nel corso del suo intervento il prorettore Mario Vento – ha un ruolo essenziale nel processo di transizione digitale. Oltre a puntare sulla formazione di figure specialistiche, gli atenei hanno il compito di contribuire alla diffusione delle competenze digitali. Vento: a Salerno innovazione didattica trasversaleCome cambia l’offerta didattica per far fronte alla sempre maggiore richiesta di competenze digitali preveniente dal mondo del lavoro, in che modo il nostro Paese sta integrando i piani di studio? A Digitale nuovo approfondimento legato ai temi della digitalizzazione. Ospiti del format web promosso da Aidr, il professor Mario Vento, Prorettore (continua)

Telemedicina e sanità digitale. Gli Ospedali Riuniti Marche Nord, nella classifica mondiale

 Telemedicina e sanità digitale. Gli Ospedali Riuniti Marche Nord, nella classifica mondiale
Il riconoscimento internazionale - sottolinea il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord, Maria Capalbo è frutto di un lavoro sinergico tra sanitari e pazienti nell’ambito dei servizi erogati in telemedicina e di telemonitoraggio a distanza. L’AO Ospedali Riuniti Marche Nord - Presidio San Salvatore Centro nell’elenco delle eccellenze mondiali in ambito sanitario digitale. L’azienda ospedaliera marchigiana è stata inserita infatti nella classifica World's Best Smart Hospitals 2021, che premia i 250 principali ospedali nel campo delle tecnologie intelligenti. L’indagine condotta da Statista in collaborazione con Nesweek ha conside (continua)